Penco 53

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1213
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Penco 53

Messaggio da francoiacc » domenica 9 giugno 2019, 23:27

Come si è già detto sulle pagine del Wiki, la Penco è il marchio principale creato dall’azienda Fratelli Rossi Vicenza (F.R.V.).
In un’Italia post-bellica fortemente influenzata da prodotti d’oltreoceano, anche il settore stilografico ne era fortemente affetto. I successi di Parker e Sheaffer erano evidenti ed hanno determinato le scelte stilistiche di molti dei nostri produttori. La famosa 88 di Nizzoli con il suo pennino carenato di provenienza Parker 51 è uno degli esempi più noti, benché dalle linee sostanzialmente diverse e con scelte tecniche che, a parer mio, la pongono ad un livello nettamente superiore, ma non mancano altri esempi, come le Williamson ispirate alle Vacumatic e alle Whal Eversharp Doric. Leggendo in giro comunque si capisce che erano comunque penne di buona fattura ed ottimi materiali.
La F.R.V. decise di cavalcare l’onda del successo della Sheaffer Pen Co, creando il marchio Penco, che richiamava il nome del colosso americano, e realizzando dei di modelli che si ispiravano ai suoi modelli più di successo.
La Penco 53 fu il modello di punta dell’azienda, lanciata sul mercato nel ’52, e si ispirava fortemente ai modelli Sheaffer con pennino conico Triumph. La penna ebbe una buona campagna pubblicitaria in cui si evidenziavano caratteristiche tecniche all’avanguardia, in particolar modo sul sistema di caricamento che riprendeva alcune caratteristiche della Vacumatic. Benché fortemente ispirata, nella versione base e con cappuccio cromato, rispettivamente alla Touchdown Valiant e Sentinel Deluxe, era tuttavia stilisticamente all’avanguardia con un fusto più gande, secondo quelle che saranno le tendenze future. La 53 era una penna di ottima fattura realizzata con materiali di buona qualità, la versione base con cappuccio nero e pennino in oro 14K costava l’equivalente di 120€, in linea con il prezzo di una Sheaffer Valiant di 12,5$ dell’epoca rapportabili a circa 130€ odierni.
Il sistema di caricamento non riscosse un grosso successo, in quanto richiedeva l’apertura del fusto in un’epoca i cui sempre più sistemi si operavano dall’esterno, in particolar modo proprio le Sheaffer a cui si ispirava. Per questo motivo nel ’53 venne introdotto un sistema di carica molto simile al Touchdown, talmente simile da attirare le attenzioni dei legali di Sheaffer. Il pennino conico molto simile al pennino Targa, le linee di chiara ispirazione Sheaffer, il nome che ricordava il Pen Co. di Sheaffer ed ora anche il sistema di carica Touchdown erano un’ottima serie di buoni motivi per intentare una azione legale. I fratelli Rossi cercarono di correre ai ripari cambiando nel ’54 il sistema di ricarica per l’ultima versione della 53, implementando un classico sistema di ricarica a pistone, anche questo di ottima fattura, tuttavia fu tardi, il colosso Americano non desistette dalla sua azione legale. La Penco non potendo sostenere una causa del genere smise la produzione della 53 nel 1956. La 53 fu il canto del cigno della Penco che chiuse i battenti nel 1957.
[Rif. Wiki di fountainpen.it, Pentrace, Pen Hero]

Tutto questo interesse è nato da un imprudente acquisto fatto al mercatino domenicale; non la conoscevo era buttata in un mucchio di altre penne su una bancarella ed ha attirato la mia attenzione. L’ho presa non sapendo che compravo e se funzionasse, ho visto solo che il fondello girava! L’ho provata al bar con un bicchiere d’acqua, sono stato contento di vedere che caricava correttamente.
Ecco i dati della penna
• Lunghezza chiusa: 143mm
• Lunghezza aperta: 121mm
• Lunghezza con cappuccio calzato: 149mm
• Diametro massimo fusto: 12mm
• Diametro centro sezione: 10.5mm
• Peso 22gr
Il mio esemplare è l’ultima serie a pistone ed ha il cappuccio cromato con la banda dorata in basso. La penna è comodissima, con il cappuccio che si rimuove con mezzo giro, si calza comodamente, ben bilanciata sia con che senza cappuccio. Il pennino è duro, ma scorrevole con un bel tratto fino e flusso generoso. Appena tornato a casa le ho dato una lavata, una bella lucidata per togliergli la patina del tempo, che le si era accumulata addosso, ed è tornata subito in carreggiata, a riprove della buona qualità con cui venivano realizzate le 53. Purtroppo ha perso un po' di cromatura sul cappuccio, ma credo che visto i 63 anni di età minimo che ha ci può stare. Non sono un intenditore di vintage, ma sono rimasto molto colpito dalla 53 che mi sta facendo compagnia da diversi giorni caricata con un bel KWZ IG Blue #6. Eccola :wave:
20190602_190726 (2).jpg
20190602_190805 (2).jpg
20190602_190828 (2).jpg
20190602_190853 (2).jpg
20190602_193202 (2).jpg
20190602_193241 (2).jpg
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 810
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Stub
Località: Milano
Sesso:

Penco 53

Messaggio da Mightyspank » domenica 9 giugno 2019, 23:52

Penna interessante ed esteticamente molto gradevole.
Stupisce sempre vedere la varietà della produzione italiana dell'epoca d'oro.
Complimenti

Avatar utente
jebstuart
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 392
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Montblanc Celluloid 14x
Il mio inchiostro preferito: Sailor NanoPigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Penco 53

Messaggio da jebstuart » lunedì 10 giugno 2019, 1:16

Giá detto venerdí. La trovo molto bella.

PS: Mi prenoto come nuovo consorte in caso di futuro divorzio :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Mauro

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11377
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Penco 53

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 10 giugno 2019, 9:04

La Penco 53 è una grande penna, è una copia della Sheaffer'S, fatta molto bene e sotto molti punti di vista la preferisco.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Stefano71
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 27 novembre 2018, 11:51

Penco 53

Messaggio da Stefano71 » martedì 11 giugno 2019, 23:30

Gran bella penna. Mi sa che mi tocca date un'occhiata e vedere se le trovo in rete.
Complimenti dunque x l'ottimo acquisto.
Ste

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1213
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Penco 53

Messaggio da francoiacc » martedì 11 giugno 2019, 23:36

jebstuart ha scritto:
lunedì 10 giugno 2019, 1:16
Giá detto venerdí. La trovo molto bella.

PS: Mi prenoto come nuovo consorte in caso di futuro divorzio :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Mauro sono lusingato per la tua offerta, quasi quasi mi compro qualche altra Montegrappa :think:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1213
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Penco 53

Messaggio da francoiacc » martedì 11 giugno 2019, 23:38

Stefano71 ha scritto:
martedì 11 giugno 2019, 23:30
Gran bella penna. Mi sa che mi tocca date un'occhiata e vedere se le trovo in rete.
Complimenti dunque x l'ottimo acquisto.
Ste
Se non hai fretta e bazzichi tra mercatini la potresti trovare a prezzi molto interessanti, io l'ho presa a 35€.
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1213
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Penco 53

Messaggio da francoiacc » martedì 11 giugno 2019, 23:39

maxpop 55 ha scritto:
lunedì 10 giugno 2019, 9:04
La Penco 53 è una grande penna, è una copia della Sheaffer'S, fatta molto bene e sotto molti punti di vista la preferisco.
Anche io Massimo :thumbup:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1213
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Penco 53

Messaggio da francoiacc » martedì 11 giugno 2019, 23:44

Mightyspank ha scritto:
domenica 9 giugno 2019, 23:52
Penna interessante ed esteticamente molto gradevole.
Stupisce sempre vedere la varietà della produzione italiana dell'epoca d'oro.
Complimenti
Per me che sono relativamente nuovo in questo mondo delle stilografiche trovo impressionante la bellezza di alcune produzioni dell'epoca, e nonostante scopiazzavamo in giro, erano comunque prodotti di buona qualità. :wave:
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Stefano71
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 27 novembre 2018, 11:51

Penco 53

Messaggio da Stefano71 » mercoledì 12 giugno 2019, 11:03

francoiacc ha scritto:
martedì 11 giugno 2019, 23:38
Se non hai fretta e bazzichi tra mercatini la potresti trovare a prezzi molto interessanti, io l'ho presa a 35€.
Eh, leggendo qui sul forum ho notato che i mercatini possono essere fonti di grandi aoddisfazione a prezzi modici, ma non vivo più in Italia quindi mi sono preclusi.
In futuro conto comunque di informarmi qui in Germania se ci sono, e se sono ugualmwnte utili.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11377
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Penco 53

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 12 giugno 2019, 11:53

Stefano71 ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 11:03

Eh, leggendo qui sul forum ho notato che i mercatini possono essere fonti di grandi aoddisfazione a prezzi modici, ma non vivo più in Italia quindi mi sono preclusi.
In futuro conto comunque di informarmi qui in Germania se ci sono, e se sono ugualmwnte utili.
Informati, credo che ci siano come in altre parti d' Europa.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Stefano71
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 27 novembre 2018, 11:51

Penco 53

Messaggio da Stefano71 » mercoledì 12 giugno 2019, 13:23

Non mancherò, anche perché la caccia nel mercatino mi sembra comunque piu stimolante del corrispettivo online, per non parlare della differenza tra l'esame a occhio nudo e in foto.

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1636
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

Penco 53

Messaggio da rolex hunter » mercoledì 12 giugno 2019, 14:04

Stefano71 ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 11:03

Eh, leggendo qui sul forum ho notato che i mercatini possono essere fonti di grandi soddisfazione a prezzi modici, ma non vivo più in Italia quindi mi sono preclusi.
In futuro conto comunque di informarmi qui in Germania se ci sono, e se sono ugualmente utili.
Ci sono, eccome; vuol dire che tenderai a trovare Montblanc (ROUGE E NOIR e poi SIMPLO FILLER), Soennecken, Pelikan, Lamy, Kaweco, ARTUS, STAEDTLER (MARS), ASTORIA, A.W. FABER (CASTELL), MONTEROSA (linea economica/scolastica della MONTBLANC), Osmia......


L'unica cosa, ho trovato che spesso (quasi sempre) i proprietari dei banchetti semplicemente non intendono il concetto di "contrattazione"; ma magari sono io che non ispiro...... 8-) :lol:
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Stefano71
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 49
Iscritto il: martedì 27 novembre 2018, 11:51

Penco 53

Messaggio da Stefano71 » mercoledì 12 giugno 2019, 16:59

:D quanto scrivi sull'arte della contrattazione assente in Germania, non mi stupisce per nulla... cmq se hai qualche suggerimento da darmi sul dove trovarli, son tutto orecchi :)

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1240
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Penco 53

Messaggio da ASTROLUX » mercoledì 12 giugno 2019, 20:44

rolex hunter ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 14:04
Stefano71 ha scritto:
mercoledì 12 giugno 2019, 11:03

Eh, leggendo qui sul forum ho notato che i mercatini possono essere fonti di grandi soddisfazione a prezzi modici, ma non vivo più in Italia quindi mi sono preclusi.
In futuro conto comunque di informarmi qui in Germania se ci sono, e se sono ugualmente utili.
Ci sono, eccome; vuol dire che tenderai a trovare Montblanc (ROUGE E NOIR e poi SIMPLO FILLER), Soennecken, Pelikan, Lamy, Kaweco, ARTUS, STAEDTLER (MARS), ASTORIA, A.W. FABER (CASTELL), MONTEROSA (linea economica/scolastica della MONTBLANC), Osmia......


L'unica cosa, ho trovato che spesso (quasi sempre) i proprietari dei banchetti semplicemente non intendono il concetto di "contrattazione"; ma magari sono io che non ispiro...... 8-) :lol:
Immagino il tentativo di trattativa "maghrebina", con un teutonico venditore... :lol:

Rispondi