Una penna in più: Summit S. 80

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1246
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Una penna in più: Summit S. 80

Messaggio da A Casirati » domenica 28 ottobre 2018, 17:17

SDC17172.JPG
1953: è l’anno dell’incoronazione della Regina Elisabetta II di Regno Unito ed Irlanda. La cerimonia, in perfetto stile tradizionale, suscita interesse in tutto il mondo.
maxresdefault.jpg
Ma è anche l’anno nel quale a Winston Churchill viene assegnato il Premio Nobel per la letteratura. Agatha Christie pubblica il romanzo “Dopo le esequie”, con protagonista il celebre investigatore Hercule Poirot e Ian Fleming propone il primo romanzo dedicato a James Bond, “Casino Royale”.
5596392-M.jpg
5596392-M.jpg (10.53 KiB) Visto 713 volte
Il razionamento dei dolci nel Regno Unito, imposto durante il secondo conflitto mondiale, finalmente finisce e la ripresa economica si consolida, donando quelle migliori prospettive per il futuro che tutti attendevano; specialmente coloro che ancora piangevano i familiari caduti in guerra e che a loro dedicavano quel futuro migliore, perché ancora caratterizzato dalla libertà, per il quale avevano combattuto e si erano sacrificati.
SDC17101.JPG
E’ la vigilia di una decisione drastica in casa Summit: quella di chiudere con un’avventura imprenditoriale di successo, cominciata in un seminterrato di Liverpool nel 1898. La penna a sfera usa e getta comincia ad affermarsi ed in casa Lang – Summit non si desidera affrontare il nuovo mercato con sistematicità. Ma si crede ancora nel marchio, tanto da proporre un modello nuovo: la S. 80, una piccola stilografica da tasca in celluloide, con pennino d’oro a 14 carati ed alimentazione a leva laterale. Un prodotto curioso, ma non unico nel suo genere in quel periodo.
SDC17104.JPG
Offerta nei cinque colori classici per Summit nel secondo dopoguerra (blu notte, nero, verde, marrone e grigio), la S. 80 non è concepita come penna di secondo piano, ma semplicemente come stilografica comoda e pratica, ideale per il taschino del gilet, che allora era ancora molto in voga. L’usuale ottima qualità e le finiture dorate la rendono adatta anche al professionista o al funzionario di banca ed il prezzo invita all’acquisto per affiancarla alla stilografica da scrivania. La struttura è del tutto simile a quella di una penna di primo piano: cappuccio con chiusura a vite, veretta di larghezza media, materiali che comunicano comunque solidità e cura nella realizzazione.
SDC17103.JPG
Esteticamente ben riuscita, richiama in parte la S.160, il modello medio introdotto nel 1949. In questa fotografia potete confrontarla con le coeve S. 200 e S. 90:
SDC17097.JPG
Ecco le caratteristiche tecniche:
- Lunghezza chiusa: 114 mm
- Lunghezza aperta: 104 mm
- Lunghezza aperta con cappuccio calzato: 135 mm
- Lunghezza del cappuccio: 57 mm
- Lunghezza della sezione: 13 mm
- Dimensioni del pennino (smontato): 5 x 12,4 mm
- Diametro massimo del fusto: 9,8 mm
- Diametro medio della sezione: 7,4 mm
- Diametro massimo del cappuccio: 10,8 mm
- Peso (scarica): 12 gr
- Materiale: celluloide, con pennino d’oro a 14 carati; leva d’alimentazione e fermaglio in lega metallica dorata, alimentatore in ebanite.

L’uso di questa penna necessita di un po’ di allenamento, richiesto dalle piccole dimensioni, ma con un po’ di pratica, che mi manca ancora, se ne apprezzano senz'altro le ottime caratteristiche (che si intuiscono da subito, per la verità), inclusa la morbidezza del pennino, peraltro immediatamente evidente:
SDC17174.JPG
La trovo una penna molto simpatica, senza dubbio pratica ed in un certo senso rappresentante di un’epoca che anche così ci comunica la speranza in un futuro finalmente un po’ più sereno.

Nota: la fotografia che mostra la vera tonalità di blu, molto scura, è quella d'apertura. Nelle altre lo sfondo ha giocato un brutto scherzo alla macchina fotografica...
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10839
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Una penna in più: Summit S. 80

Messaggio da piccardi » lunedì 29 ottobre 2018, 21:28

Ciao Alberto,

ormai credo di aver finito complimenti e ringraziamenti, non so più che altro dire. Un altro tassello nella storia della marca. Grazie ai tuoi contributi credo che forum e wiki siano fra i riferimenti più completi al riguardo...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 713
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Una penna in più: Summit S. 80

Messaggio da Syrok » martedì 30 ottobre 2018, 2:05

Grazie Alberto per l'ennesima recensione piena di bellezza e passione.
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1246
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Una penna in più: Summit S. 80

Messaggio da A Casirati » martedì 30 ottobre 2018, 6:31

Grazie ad entrambi. In effetti, grazie alla sua bella impostazione ed alla gestione professionale da parte degli amministratori, forum e wiki sono un riferimento davvero importante a qualunque livello nel mondo della stilografica. Un patrimonio prezioso per tutti gli appassionati.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1246
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk 1
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Una penna in più: Summit S. 80

Messaggio da A Casirati » venerdì 12 aprile 2019, 16:25

A corredo della recensione vi offro alcune fotografie relative ad un set stilografica / matita della serie S. 80.
Il colore questa volta è il grigio, molto in voga fra la fine degli anni Quaranta e gli anni Cinquanta.
La morfologia costruttiva della stilografica è leggermente diversa: la sezione non veniva avvitata nel corpo, come nel caso della S. 80 blu che abbiamo già visto, ma avvitata in un anello metallico filettato all'interno e poi inserita nel corpo, analogamente a quanto accadeva per l'ammiraglia S. 85.
La mina per la matita ha un diametro di 1,1 mm.
SDC17499.JPG
Allegati
SDC17489.JPG
SDC17493.JPG
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Rispondi