Pitman's college

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 650
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Pitman's college

Messaggio da Syrok » martedì 19 giugno 2018, 0:39

Salve a tutti vorrei provare a fare questa recensione di una penna che mi è arrivata oggi dall'Inghilterra.
Si tratta di una Pitman's college degli anni 30 (almeno così è segnalata sul sito di aste dove l'ho acquistata)
Piccola premessa: le foto che ho allegato sono prese dall'asta che mi sono aggiudicato in quanto molto migliori di quelle che potrei fare io solamente per dare miglior visione dei particolari e non per fare pubblicità a nessuno.

A prima vista è la classica penna stilografica credo adottata dagli studenti negli anni trenta del secolo scorso in Inghilterra e credo anche nel resto dell'impero inglese.
Pitmans-College-Fountain-Pen-1930s-VGC-FWO-_61.jpg
Pitmans-College-Fountain-Pen-1930s-VGC-FWO.jpg
Pitmans-College-Fountain-Pen-1930s-VGC-FWO-_58.jpg
Le misure sono:
lunghezza chiusa: 129,50 mm
lunghezza aperta senza cappuccio:118,60 mm
lunghezza aperta con cappuccio calzato: 162,00 mm
lunghezza fusto 103,50 mm
lunghezza cappuccio: 57,00 mm
lunghezza pennino: 16,00 mm
diametro cappuccio 12,60 mm
diametro fusto: 12,50 mm
colore: nero
materiali: cellulosa (credo)
Top cappuccio: ebanite vista la leggera colorazione marroncino che lo distingue dal corpo del cappuccio
Clip e levetta di carica in acciaio semplice (non so se si vede ma al fondo del cappuccio si nota una fenditura dove di solito si posizionerebbe la veretta che non c'è in questo caso ma non so se sia fatto apposta o meno in quanto anche l'altra penna che ho visto la Fono Black ha lo stesso segno e magari era un loro segno distintivo o forse più semplicemente sono andate perse tutte e due.
Come potete vedere niente di anomalo sembra esserci a prima vista estaticamente e anche il pennino in se sembra un normale pennino "Warrented 14 ct first quality"
Pitmans-College-Fountain-Pen-1930s-VGC-FWO-_59.jpg
La sorpresa almeno per me sta nell'alimentatore sotto al pennino che fino a ora non ho mai visto da nessun altra parte.
Pitmans-College-Fountain-Pen-1930s-VGC-FWO-_60.jpg
Come potete vedere anche voi è un alimentatore credo diviso in due dove al centro è ben visibile un solco che divide in due l'alimentatore e a questo punto chiedo aiuto a Simone e ad altri esperti di alimentatori e brevetti per sapere se è un brevetto specifico in quanto ho trovato un altra Pitman's questa volta denominata Fono Black che ha lo stesso tipo di alimentatore montato e magari appunto è un brevetto loro che avevano in dotazione per le loro penne.
Nell'inserzione il venditore dice "assomiglia a quello di una penna inglese Waterman. Per un certo numero di anni Altura ha prodotto penne per l'azienda Waterman e penso che questo sia un prodotto Altura." Possibile?

Per finire una prova scrittura.
Pitmans-College-Fountain-Pen-1930s-VGC-FWO-_57.jpg
Grazie a tutti per aver letto fino a qui e spero di poter scoprire cose nuove su questa penna appena arrivata dalla macchina del tempo :lol:
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Vludz
Converter
Converter
Messaggi: 7
Iscritto il: mercoledì 6 giugno 2018, 13:05
Sesso:

Pitman's college

Messaggio da Vludz » martedì 19 giugno 2018, 7:14

Bella, sobria e con le giuste qualità.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9751
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Pitman's college

Messaggio da maxpop 55 » martedì 19 giugno 2018, 8:53

La penna è un imitazione della Parker DuoFold come molte penne degli anni 30.
Comunque è molto bella, l'alimentatore l'ho trovato anch'io su un altra penna ma non ricordo quale.
L'alimentatore è da mettere in asse col pennino.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 650
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Pitman's college

Messaggio da Syrok » martedì 19 giugno 2018, 9:32

Ti ringrazio max per la risposta e per il suggerimento dato io per la fretta non avevo neanche notato il particolare che invece a te da buon riparatore non è sfuggito.
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 432
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Pitman's college

Messaggio da marilua » martedì 19 giugno 2018, 10:20

Bella penna :D ,
a me le penne così lineari, direi essenziali piacciono molto, mi danno sempre una buona sensazione nel tenerle in mano, linee pulite e colore nero sono un accostamento perfetto. :thumbup:,
carpe diem tempus fugit

Rispondi