Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Mightyspank » domenica 27 maggio 2018, 23:21

Siamo negli anni '50. La Germania sta faticosamente uscendo dagli anni di guerra, fra divisioni e nuove speranze.
Il primo governo federale viene formato il 20 settembre 1949, da Konrad Adenauer (1876-1969) della CDU.
adenauer_and_mccloy.jpg
Konrad Adenauer sigla un trattato (con una stilografica da identificare)
Sono gli anni di Alberto Ascari che trionfa su una Ferrari 500 (un numero che ricorre) al Gran Premio del Nürburgring.
Alberto-Ascari-Nurburgring-1952.jpg
Alberto Ascari al Nürburgring 1952
La crescita economica della Repubblica Federale nel 1950 si aggira intorno a uno stupefacente 8%.
La borghesia avanza e manifesta nuova esigenze di modernità, come dimostrano l'abbigliamento, le auto e le case.
Die-50er-Jahre-Deutschland-zwischen-1950-und-1960_389390_5.jpg
Deutschland zwischen
Germany 1950 Mi volkswagen minibus front 038.jpg
Wolkswagen minibus 1950
mid_century_modern_walnut_desk_by_behr_moebelwerke_germany_1950_web_2.976x638.jpg
Mobili in noce di metà '900
Nel 1950 nasce la Pelikan per antonomasia: il modello 400, ancora oggi ripreso nelle varie declinazioni dalla umile 150 alla maestosa M1000.
Come riporta la stessa Pelikan sul suo sito: “Nel 1950 fu lanciata la stilografica Pelikan 400. Il fusto verde/nero divenne il simbolo delle stilografiche Pelikan e lo è tuttora.
Lo stesso fu per il fermaglio a forma di becco di pellicano, progettato durante la guerra. Inoltre furono disegnate alcune varianti con fusti in colore marrone-tartaruga o a righe verde/nero. I modelli della serie 500 avevano un cappuccio in oro doublé e impugnatura abbinata.”
1950-sidebar-M400.jpg
La nuova Pelikan 400
1950-sidebar-M400.jpg (25 KiB) Visto 668 volte
Perciò la serie 500, di cui fra poco andremo a parlare è una versione lussuosa della 400.
Ultima modifica di Mightyspank il domenica 27 maggio 2018, 23:32, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Mightyspank » domenica 27 maggio 2018, 23:25

E ora qualche dettaglio sulla nostra penna.

La scritta impressa sul cappuccio “DOUBLÉ L” significa “Rivestimento in oro su ottone del cappuccio e del fondello che aziona il pistone”.
Le misure sono le seguenti:

Massa 17,1 g
Lunghezza 126 mm
Fusto 102 mm
Cappuccio 55 mm
Diametro 12 mm
Capacità 2,0 ml

Ne esistevano sei versioni, una più bella dell'altra: a strisce marrone tartaruga, a strisce nere, tartaruga chiara, a strisce verde mare, a strisce grigie, nera-oro.
catalogo febbraio 1953.jpg
Estratto del catalogo 1953 con i prezzi
Quella che vado a presentarvi è la versione a strisce nere, dal prezzo all'epoca di 38 DM, contro i 25 della serie normale.
Il pennino è in oro 585/1000 a 14 carati, ancora privo del logo Pelikan, nella misura media, come riportato sul fusto (in realtà si comporta come un medio fine).
L'alimentatore è del vecchio tipo, in ebanite, con quattro alette parallele al pennino stesso.
È una penna, classica, elegante, resa interessante dalle strisce che lasciano intravedere il contenuto del fusto, ben bilanciata e, soprattutto che scrive benissimo.
L'ho trovata su un mercatino, portata a casa, sciacquato il pennino sotto l'acqua corrente e, caricata con inchiostro 4001 Blue Royal ha ricominciato a scrivere senza alcuna incertezza dopo oltre 13 lustri dalla sua fabbricazione!
Allegati
500_01.jpg
500_02.jpg
500_03.jpg
500_04.jpg

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Mightyspank » domenica 27 maggio 2018, 23:31

becco.jpg
Il famoso fermaglio a becco di pellicano
Fondello.jpg
pellicano.jpg
Pennino.jpg
Particolare del pennino in oro 14 carati, vecchio modello
Nella prova scrittura la penna si dimostra piacevolissima da usare, precisa e rapida a scorrere sul foglio, con in più un tocco di flessibilità che non guasta mai.
Prova scrittura.jpg
A qualcuno può non piacere, o comunque trovarla "noiosa", visto che è da quasi settant'anni sul mercato sotto svariate forme, ma è innegabile che Pelikan abbia realizzato con la 400 un'icona della scrittura del Novecento.
Sono contento di averla scovata del tutto casualmente, in una umile bancarella, dentro una scatolina Pelikan degli anni '70.
Chissà quante storie avrebbe da raccontare...
Per un po' starà con me e oggi condivide con voi queste immagini.

Un saluto a tutti, Pelikanisti e non :wave:
Allegati
Confronto 500.jpg
Un confronto con alcune rivali dell'epoca: Parker 51, Aurora 88, Omas 361.

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2218
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da alfredop » domenica 27 maggio 2018, 23:54

Bellissima, fortunatamente non devo invidiarti perché ne una anch'io.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 650
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Syrok » lunedì 28 maggio 2018, 1:58

Io invece ti invidio perché anche io ho delle Pelikan 200 e 150 più piccole ma che scrivono benissimo.
Una curiosità visto che sul fusto reca la scritta M e il pennino dici che è più un MF non è che per caso sia stato cambiato o subito dopo l'acquisto perché magari il proprietario non si trovava bene con il tratto o magari successivamente a seguito di una rottura dello stesso?
Il fatto che fosse in una scatola anni '70 potrebbe dare ragione alla mia tesi.
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Mightyspank » lunedì 28 maggio 2018, 8:19

Guarda, penso che sia la penna che ha trovato me.
Quando l'ho vista ho pensato a una Pelikan più recente È, vista la cifra bassa, non sono neanche stato a pensarci. Vedrai che qualche bella Pelikan vintage prima o poi ti troverà :)
Quanto al Pennino, visto che già dal 1952 furono introdotti quelli con il logo rotondo, propendo per il fatto che all'epoca le gradazioni erano un pelo più fini e corrispondenti a quello che ci aspetteremmo da un F o da un M. Oggi sono più "sbrodolosi".
Comunque l'apporto di inchiostro è perfetto e la scrittura un piacere, accresciuto dalla discreta flessibilità.
Ciao, buona giornata

LucaC
Levetta
Levetta
Messaggi: 665
Iscritto il: venerdì 6 febbraio 2015, 10:38
La mia penna preferita: Montblanc 149 Masterpiece
Il mio inchiostro preferito: Private Reserve Electric Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 114
Località: Bergamo
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da LucaC » lunedì 28 maggio 2018, 9:22

Un ritrovamento davvero fortunato! È una delle Pelikan che preferisco per la sua indiscussa eleganza, complimenti!

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9751
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 28 maggio 2018, 9:38

alfredop ha scritto:
domenica 27 maggio 2018, 23:54
Bellissima, fortunatamente non devo invidiarti perché ne una anch'io.

Alfredo
Io lo invidio perchè non è tra le mie Pelikan. :cry: :cry:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 432
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da marilua » lunedì 28 maggio 2018, 10:44

Bella bella la versione nera, sana invidia :lol:
Il mondo Pelikan è infinito davvero
carpe diem tempus fugit

Avatar utente
Placo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 783
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Pelikan Classic M205 blu
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Placo » lunedì 28 maggio 2018, 11:47

Ahimè non posso sperare in ritrovamenti simili! :lol:
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Mightyspank » lunedì 28 maggio 2018, 13:34

marilua ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 10:44
Bella bella la versione nera, sana invidia :lol:
Il mondo Pelikan è infinito davvero
:) purtroppo le foto non rendono il sottile gioco delle strisce che rende molto più intrigante e movimentata la penna. Certo la verde mare mi piacerebbe... :roll: chissà prima o poi
Placo ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 11:47
Ahimè non posso sperare in ritrovamenti simili! :lol:
Io non la cercavo, poi l'occasione si è presentata.
Sono le penne che ci trovano! :lol:

Avatar utente
Placo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 783
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Pelikan Classic M205 blu
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Placo » lunedì 28 maggio 2018, 13:56

Mightyspank ha scritto:
lunedì 28 maggio 2018, 13:34

Io non la cercavo, poi l'occasione si è presentata.
Sono le penne che ci trovano! :lol:
Posso dire che neanche mi cercano? :lol:
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Avatar utente
Rosso Corsa
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 272
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2012, 0:00
La mia penna preferita: Tutte purchè dotate di pennino
Misura preferita del pennino: Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 041
Arte Italiana FP.IT M: 078
Fp.it ℵ: 119
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Rosso Corsa » lunedì 28 maggio 2018, 17:11

...Io lo invidio perchè so quanto l’ha pagata. Babbo Natale avrebbe sicuramente chiesto di più.....

Mi consola il fatto che la BELLISSIMA Pelikan sia finita in ottime mani, e che il nuovo proprietario l’abbia descritta in modo EGREGIO.

Tra l’altro, ho apprezzato la foto di “Ciccio” Ascari, che con la sua Rossa spesso dava la paga a tutti, compresi i tedeschi con tutti i loro miracoli economici.
Qui vado OT, ma fatemi dire che sia in ambito stilografico che in quello delle corse automobilistiche la competizione con i “cari” cugini teutonici é sempre accesa anche se non sempre ad armi pari. Ma cavoli, sulle piste li abbiamo battuti in passato, e nonostante tutto LI BATTEREMO ANCORA. FORZA FERRARI!!!! :thumbup:

Ciao :wave:
Mauro

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 759
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Mightyspank » lunedì 28 maggio 2018, 17:43

Mauro ti ho fatto vedere la mia Hastil Ferrari in lacca rossa, retaggio degli anni di scuola?
Credo ti piacerebbe ;)
Grazie del gradito apprezzamento, un saluto!

Cex71
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 406
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 19:06
La mia penna preferita: wahl eversharp doric
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 071
Fp.it Vera: 071
Località: Thiene (VI)
Sesso:

Pelikan 500 strisce nere. Un viaggio nella Germania del 1950

Messaggio da Cex71 » lunedì 28 maggio 2018, 19:22

Complimenti, bellissima!
Io ne ho alcune, ma nessuna in versione lusso come questa (ovvero tutte 400 senza il cappuccio dorato e non 500), che spero di possedere un giorno, e sono penne di indubbia eleganza, si distinguono anche dopo molti anni. Non credo sia un caso che la Pelikan abbia mantenuto quasi inalterata la forma nei vari decenni.
I pennini di quelle "vintage" sono indubbiamente con un tratto più sottile di quelli attuali, veri innaffiatoi.
Complimenti ancora
Cesare

Rispondi