A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » domenica 27 maggio 2018, 16:03

SDC16556.JPG
Nel Regno Unito il secondo dopoguerra fu un periodo insieme esaltante e difficile. All’euforia ed al sollievo della vittoria contro Hitler e contro l’impero giapponese si aggiunsero ben presto la preoccupazione per il contrasto, via via crescente, con l’Unione Sovietica di Stalin e le fatiche imposte dalla ricostruzione. Cessato il periodo “adrenalinico” del conflitto, dove la priorità era quella della vittoria e tutto il resto veniva accantonato per il dopo, le ferite materiali e morali causate dalla guerra tornavano a farsi sentire in modo acuto. Si piangevano i morti, si cercava di dare ai feriti un’esistenza dignitosa, si ricomponevano i nuclei familiari con fatica ed impegno. E sbarcare il lunario non era così semplice.
La vittoria era costata molto all’Impero Britannico che, dopo aver raggiunto la sua maggior estensione nel 1926 (coprendo un quarto delle terre emerse), non si sarebbe più ripreso completamente dall’immane sforzo di due guerre mondiali vinte nell’arco di solo 40 anni, quasi neppure lo spazio di due generazioni.
The-royal-family-and-Winston-Churchill-on-the-balcony-of-Buckingham-Palace-1945-dc7e68f.jpg
La Famiglia Reale e Winston Churchill salutano la folla dal balcone di Buckingham Palace nel giorno della vittoria
E’ in questo periodo, così pesante ma pieno di speranza e d’orgoglio, che Summit, uno dei marchi britannici di penne stilografiche più conosciuti al tempo, introduce sul mercato la S. 85 “Cub” (Cucciolo), rivolta agli studenti.
Ve la presento oggi, insieme alla matita meccanica P. 85 con la quale componeva il set che potete ammirare nella fotografia d’apertura.
Seedley School 1948.jpg
Una tipica scolaresca inglese nel secondo dopoguerra
Entrambi gli strumenti di scrittura si presentano con una veste estetica nuova e giovane, con finiture placcate in nickel, una clip di nuovo disegno, dedicato a questo modello, e con una finitura superficiale a righe elegante e moderna.
La matita è dotata di gomma interna e di un vano in grado d’ospitare almeno 7 mine.
SDC16473.JPG
La stilografica è equipaggiata con un pennino d’oro a 14 carati ed alimentazione a levetta: un sistema semplice, pratico, affidabile, robusto e di facile manutenzione.
SDC16545.JPG
Piacevole ed originale la concavità dei tasselli di fissaggio delle clip, alla sommità della matita e del cappuccio della stilografica.
Il set veniva offerto al prezzo di 19 Scellini e 7 Pence, mentre le sola stilografica veniva venduta a 12 Scellini e 10 Pence.

Ecco le caratteristiche principali della stilografica:
- lunghezza chiusa: 126 mm
- lunghezza aperta: 120 mm
- lunghezza aperta con cappuccio calzato: 155 mm
- lunghezza del cappuccio: 53 mm
- lunghezza della sezione: 15 mm
- peso complessivo: 13 gr
- peso del cappuccio: 4 gr
- diametro massimo del corpo: 12 mm
- diametro massimo del cappuccio: 12,5 mm
- diametro medio della sezione: 8,5 mm
- materiale del corpo e del cappuccio: celluloide
- materiale della sezione: ebanite
- materiale dell’alimentatore: ebanite
- materiale del pennino: oro 14 carati
SDC16535.JPG
Secondo l'impostazione introdotta nel 1948 con la S.160, alla base del corpo, subito prima della filettatura destinata ad accogliere il cappuccio, è impressa la scritta che identifica il modello, su due livelli: "Summit S. 85 – Made in England”.
L’alimentatore, di classica architettura Summit, è dotato di due selle laterali e di alette e garantisce un flusso d’inchiostro generoso, senza intoppi. Il pennino è marcato “0” alla base ma non è particolarmente piccolo, misurando 5,3 x 21,5 mm.
SDC16474.JPG
Alcuni pennini riportavano la scritta “Cub 14 Ct Gold”.
La penna si impugna molto bene, grazie anche alla svasatura confortevole della sezione, e, come si conviene anche in una penna per gli scolari, scrive senza difetti di sorta, con un ottimo flusso.
Era disponibile in tre colori: nero, grigio e verde oliva.
SDC16712.JPG
Nel complesso, si tratta di una penna gradevole, robusta e pratica, senza dubbio adatta alla clientela alla quale si rivolgeva ed in grado d’assicurare molti anni di scrittura piacevole.
Molte di queste penne accompagnarono gli sforzi, i sogni e la crescita dei bambini e dei ragazzi inglesi in un periodo senza dubbio meno comodo del nostro, ma credo più a misura d'uomo e di famiglia, che trova la sua sintesi più commovente e brillante in un film del 1946 ancora oggi in grado di appassionare e commuovere: "La vita è meravigliosa", con James Stewart (di ritorno dalle sue missioni belliche nell'aviazione americana nel pacifico) e la splendida Donna Reed.
wonderful-life-film-1200x600-c-default.jpg
Ultima modifica di A Casirati il domenica 27 maggio 2018, 19:09, modificato 9 volte in totale.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Cex71
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 400
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 19:06
La mia penna preferita: wahl eversharp doric
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 071
Fp.it Vera: 071
Località: Thiene (VI)
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Cex71 » domenica 27 maggio 2018, 16:29

Come sempre bella recensione, complimenti anche per la indiscussa conoscenza della marca
:clap:
Fa una certa impressione, almeno a me, vedere come all’epoca ci fosse una attenzione particolare anche al design (oltre che alla qualità) per le penne scolastiche che poi spesso, invece, sono diventate piuttosto spartane.
Cesare

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » domenica 27 maggio 2018, 16:36

Cex71 ha scritto:
domenica 27 maggio 2018, 16:29
...
Fa una certa impressione, almeno a me, vedere come all’epoca ci fosse una attenzione particolare anche al design (oltre che alla qualità) per le penne scolastiche che poi spesso, invece, sono diventate piuttosto spartane.
Hai ragione, grazie per il commento. E' un'osservazione che, se vuoi, potremmo estendere a molte altre cose ed a tanti altri aspetti che caratterizzano la vita di oggi. Purtroppo. Ma abbiamo sempre la possibilità di godere di quanto il passato ci offre!
Ultima modifica di A Casirati il domenica 27 maggio 2018, 16:54, modificato 1 volta in totale.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Cex71
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 400
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 19:06
La mia penna preferita: wahl eversharp doric
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 071
Fp.it Vera: 071
Località: Thiene (VI)
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Cex71 » domenica 27 maggio 2018, 16:40

Concordo pienamente, per fortuna il passato ci lascia qualcosa
Cesare

Sbam
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: domenica 4 marzo 2018, 20:42
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Sbam » domenica 27 maggio 2018, 18:16

Bella penna. Sicuramente negli anni passati c'era una cura maggiore del prodotto che era al centro delle attenzioni delle aziende. Ora al primo posto viene il margine ed il profitto.

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » domenica 27 maggio 2018, 18:51

Hai ragione. Segno inequivocabile della realtà moderna, sempre più arida.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Mightyspank
Levetta
Levetta
Messaggi: 731
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Mightyspank » domenica 27 maggio 2018, 19:25

Penna interessante e bella recensione, complimenti.
Però non sarei così pessimista sul futuro, per lo meno quello stilografico.
Vedo mio figlio che può spaziare fra ottime marche, con penne diverse, sistemi di caricamento svariati e una infinità di colori, senza spendere cifre importanti.
Mi riferisco a scolastiche Lamy, Sheaffer, TWSBI, Pilot, Pelikan, Platinum e così via...
Se vuole c'è pure il mercato vintage, molto più accessibile e diffuso di un tempo.
Perciò vedrei il bicchiere mezzo pieno :thumbup:

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » domenica 27 maggio 2018, 19:49

Concordo, ma pensavo ad un concetto più generale... :wave:
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 555
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Syrok » lunedì 28 maggio 2018, 3:39

Che dire che altri non hanno già detto? Niente se non grazie per questa meraviglia sia di presentazione che di prodotto di sua Maestà.
Io quando vedo le tue recensioni mi perdo ad ammirare le foto e non solo delle penne.

E' vero, forse un tempo c'era più sguardo verso la qualità del prodotto sapendo che un prodotto fatto bene sarebbe durato anni e probabilmente se lo sarebbero passati di mano da fratello maggiore a fratello minore come era in uso in quegli anni postbellici per evidenti ragioni di risparmio.

Oggi c'è meno quest'ottica e le fabbriche puntano sulla quantità rispetto alla qualità contando che dopo poco tempo tanto se ne compra un altro, almeno a livello di elettronica e macchinari vari, e forse questo è anche un po figlio degli anni del boom economico venuto negli anni 60 dove chiunque poteva permettersi un'auto tipo la 500 o il frigo e la lavatrice per non parlare poi della televisione che ha incrementato successivamente il consumismo grazie ai vari caroselli (che all'epoca erano dei piccoli capolavori di teatro).
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » lunedì 28 maggio 2018, 7:05

Grazie per le parole gentili, Alessandro. Per il resto, concordo pienamente con quanto dici. È una realtà sotto gli occhi di tutti.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10115
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da piccardi » martedì 29 maggio 2018, 0:06

Ciao Alberto,

un'altra bella recensione per una penna, non possiamo che ringraziarti per avercela mostrata e come per le precedenti è andata ad arricchire quella che grazie a te è diventata una delle sezioni più corpose del wiki relative ai produttori inglesi.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » martedì 29 maggio 2018, 6:22

Grazie a te, Simone.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Stormwolfie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 231
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Namiki VP
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Stormwolfie » martedì 29 maggio 2018, 18:39

Complimenti per la recensione Alberto, ho molto apprezzato i riferimenti storici che si identificano nella penna che ci hai mostrato.
Sono anche d'accordo che c'è una riqualificazione del meracto vintage in questi ultimi tempi...oltre le penne mi appassionano le biciclette d'epoca, ed anche in quel settore ogni pezzo che incontri sulla strada racconta la sua storia. La bellezza di questo forum è lasciare una testimonianza agli altri e perpetuare i racconti attraverso questi meravigliosi strumenti.
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1108
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da A Casirati » martedì 29 maggio 2018, 20:44

Grazie per il bel commento, Stefano. Condivido pienamente.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Rosso Corsa
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 233
Iscritto il: lunedì 7 maggio 2012, 0:00
La mia penna preferita: Tutte purchè dotate di pennino
Misura preferita del pennino: Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 041
Arte Italiana FP.IT M: 078
Fp.it ℵ: 119
Località: Milano
Sesso:

A scuola negli anni quaranta: Summit S. 85

Messaggio da Rosso Corsa » giovedì 31 maggio 2018, 13:03

Grazie Alberto per questa ennesima, affascinante recensione!

Ciao :wave:
Mauro

Rispondi