Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1103
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da A Casirati » sabato 12 maggio 2018, 16:29

SDC16671.JPG
1933:
29 gennaio: il presidente della Repubblica di Weimar Paul von Hindenburg nomina Adolf Hitler cancelliere tedesco.
4 marzo: Franklin Delano Roosevelt diventa il 32º presidente degli USA.
29 giugno: Primo Carnera conquista il titolo di campione mondiale di pugilato nella categoria pesi massimi.
12 agosto: Sir Winston Churchill fa il suo primo discorso pubblico sui pericoli del riarmo tedesco
churchill_photo.jpg
churchill_photo.jpg (22.35 KiB) Visto 346 volte
15 ottobre: il motore per aerei Rolls-Royce Merlin viene lanciato per la prima volta. Sarà uno dei fattori importanti del successo alleato nella seconda guerra mondiale.
26 dicembre: a Tokyo viene fondata la Nissan.
Sir Norman Angell vince il Nobel per la pace.
Agatha Christie pubblica il romanzo “Se morisse mio marito”, con protagonista l’investigatore privato Hercule Poirot .
Hercule Poirot.jpg
Negli USA E.H. Armstrong brevetta il sistema di trasmissione radio a modulazione di frequenza.
René Lacoste lancia il noto marchio di magliette polo Lacoste con il suo amico Fred Perry.

Fu in questo periodo che venne introdotta sul mercato la stilografica Summit Autovac, che vi presento oggi.
Era dotata d’un sistema di caricamento nuovo ed abbastanza semplice (dunque di più conveniente manutenzione), che garantiva una capacità d’inchiostro maggiore di quella delle stilografiche a levetta od a pulsante di fondo.
SDC16664.JPG
In buona sostanza, il sacchetto, ancorato in modo convenzionale alla parte posteriore della sezione, attraversava tutto il corpo della penna; la parte posteriore del corpo era svitabile, per ottenere l’accesso al fondo del sacchetto. All’interno di quest’ultimo, inserito a pressione in un foro praticato nella parte posteriore dell’alimentatore, era installato un tubo d’ebanite. L’alimentatore era dotato di un condotto di comunicazione con il tubo, cosicché la compressione del sacchetto causava la depressione necessaria per il caricamento dell’inchiostro.
SDC16649.JPG
La parte inferiore dell’alimentatore di questa penna riporta la scritta “patpend” (brevetto in corso), il che suggerisce che la produzione sia avvenuta fra il 28 Ottobre 1933, data d’inoltro della richiesta di brevetto, ed il 16 Agosto 1934, data d’accettazione del brevetto, al quale fu assegnato il numero 414.929.

E’ molto probabile che l’inventore di questo sistema di caricamento, Eric Ernest Samuel Wade, figlio Ernest M Wade (uno degli 8 fondatori di Lang Co Ltd) e direttore generale di Summit Pens Ltd dopo la seconda guerra mondiale, non abbia voluto cedere i diritti sul brevetto, tanto che sul corpo della stilografica è riportata la scritta “made under licence” (prodotta su licenza).
Ecco lo schema tecnico del sistema di caricamento tratto dal brevetto:
Autovac-patent pic.jpg
Sempre negli anni Trenta, Lang produsse una stilografica dotata d’un sistema di caricamento simile, che non entrò mai nel catalogo Summit ma che spesso viene confusa con l’Autovac. Molte di queste penne furono fabbricate per la Ty.Phoo Tea e potete trovarne una recensione qui: https://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?f=28&t=13670
L’immagine che segue mette in evidenza le differenze costruttive fra i due modelli:
SDC16663.JPG
L’Autovac formò la base per la produzione, da parte di Lang, di altre stilografiche per conto di altri marchi, esterni al gruppo di Liverpool. Ne sono un esempio la National Security “Double tank” e la Regent “Vacuum”.

La Summit “Autovac” fu prodotta in due versioni: la V76 e la V106, al prezzo, rispettivamente, di 7 scellini e 6 pence e di 10 scellini e 6 pence. La versione più costosa era rifinita con particolari dorati. Per la carica della penna era consigliato di comprimere per cinque volte la parte posteriore del sacchetto. Entrambi i modelli erano garantiti per un quarto di secolo.
Curiosamente, al contrario di quanto normalmente accadde per i prodotti Summit, la sigla del modello non è riportata sulla penna:
SDC16666.JPG
Molto probabilmente, il pennino della stilografica che vedete (un bel Phillips Oxford in oro a 14 carati) non è quello originale, ma è certo (ne è stato individuato almeno un esemplare) che Lang decise di dotare questo modello, o almeno la sua versione più costosa, di un pennino personalizzato, che riportava la scritta, su tre livelli, “Summit - 14ct (inserito in una losanga orizzontale) - Autovac”.
SDC16668.JPG
Ecco le caratteristiche principali della penna:
Lunghezza chiusa: 126 mm
Lunghezza aperta: 119 mm
Lunghezza del cappuccio: 55 mm
Lunghezza della sezione: 20 mm
Diametro del fusto: 12,2 mm
Diametro del cappuccio: 13,5 mm
Diametro medio della sezione: 8,5 mm
Peso (scarica): 15 gr
Peso del cappuccio: 6 gr
Materiali: parte centrale del fusto e cappuccio: celluloide; sezione, parte posteriore del fusto, testa del cappuccio ed alimentatore: ebanite; pennino: oro 14 carati.

La stilografica scrive molto bene, con un tratto abbastanza sottile, senza incertezze né false partenze. D’altronde, l’alimentatore garantisce un flusso generoso e costante, tipico delle Summit fra le due guerre.
SDC16711.JPG
Nel complesso, si tratta di una penna che si fa apprezzare non solo per le qualità di scrittura ma anche per la sua originalità tecnica: un plus molto piacevole.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 554
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da Syrok » domenica 13 maggio 2018, 2:38

Beh che dire le tue recensioni tecniche o comparative che siano sono sempre un bel tuffo nella storia non solo delle stilografiche ma di tutto il mondo che girava attorno a loro.
Complimenti anche per il bel pezzo io ho una cadett 100 e mi trovo benissimo anche se non è perfetta.
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da Musicus » domenica 13 maggio 2018, 7:48

Grazie per il contributo, Alberto? :thumbup:
È per caso proprio la stessa penna (nera con pennino Philips) che era stata già recensita sul sito inglese "bibbia" storiografica del marchio Summit?
http://summit.wesonline.org.uk/section4.html

:wave:

Giorgio

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1103
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da A Casirati » domenica 13 maggio 2018, 8:22

Grazie, Alessandro, per le parole gentili. La S.100 fu uno dei modelli più longevi nel catalogo Summit e senza dubbio uno dei più apprezzati.

Sì, Giorgio, è proprio quella. Le Autovac non sono così comuni e qualche contatto fra collezionisti è sempre interessante... ;)
Ultima modifica di A Casirati il domenica 13 maggio 2018, 11:09, modificato 1 volta in totale.
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 554
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da Syrok » domenica 13 maggio 2018, 9:24

A Casirati ha scritto:
domenica 13 maggio 2018, 8:20
Grazie, Alessandro, per le parole gentili. La S.100 fu uno dei modelli più longevi nel catalogo Summit e senza dubbio uno dei più apprezzati.
Infatti lo sto apprezzando anche io molto mi piacerebbe averne altre ma mi sfuggono tutte alle aste vorrà dire che mi accontenterò
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1103
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da A Casirati » domenica 13 maggio 2018, 11:00

Vedrai che con pazienza avrai successo. Ma se desideri acquistarne una privatamente forse posso segnalarti un contatto serio. In caso scrivimi un messaggio privato. Buona Domenica!
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 554
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da Syrok » domenica 13 maggio 2018, 12:02

A Casirati ha scritto:
domenica 13 maggio 2018, 11:00
Vedrai che con pazienza avrai successo. Ma se desideri acquistarne una privatamente forse posso segnalarti un contatto serio. In caso scrivimi un messaggio privato. Buona Domenica!
Ti ringrazio Alberto sarà fatto
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10112
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da piccardi » lunedì 14 maggio 2018, 0:48

Come sempre una gran bella recensione ed una gran bella penna. Per chi volesse approfondire il funzionamento del caricamento, il brevetto integrale è qui:

https://www.fountainpen.it/File:Patent-GB-414929.pdf

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9588
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 14 maggio 2018, 8:09

Ciao Alberto, complimenti, un'altra chicca della Summit. :thumbup:
Ormai sei il nostro fornitore ufficiale di foto e storia della Summit. :clap:
Ultima modifica di maxpop 55 il lunedì 14 maggio 2018, 12:49, modificato 1 volta in totale.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Paolo889
Converter
Converter
Messaggi: 2
Iscritto il: giovedì 22 marzo 2018, 15:19

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da Paolo889 » lunedì 14 maggio 2018, 12:46

Inserire le penne nel loro contesto storico dona una valore aggiunto a queste recensioni, davvero interessante!
Inutile dire che trovo la penna bella ed estremamente elegante.

Paolo

A Casirati
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1103
Iscritto il: giovedì 23 agosto 2012, 16:39
La mia penna preferita: Summit S. 175 mk1 1935
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 005
Sesso:

Tecnica anni Trenta: la Summit V76 Autovac

Messaggio da A Casirati » lunedì 14 maggio 2018, 14:19

Max e Paolo: grazie per le parole gentili!
Alberto Casirati
"Just my two pence, of course"

Rispondi