Bic Turn & Up

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
MrkLch
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2018, 18:03

Bic Turn & Up

Messaggio da MrkLch » martedì 13 febbraio 2018, 21:09

Stilografica Bic - Turn & Up

09.jpg
Stilografica Bic Turn & Up

Misure:

11 cm con cappuccio
9,9 cm senza cappuccio e pennino ritratto
11,8 cm senza cappuccio e pennino in vista
12,8 cm con cappuccio montato sul fondello e pennino in vista
2,3 cm lunghezza del fondello
1,2 cm larghezza del fusto nel segmento di massima estensione

02.jpg
fusto rosso metallizzato ma sono disponibili anche altri colori

03.jpg
particolare del cappuccio: la clip coi tre forellini e la scritta Paris sul fronte


05.jpg
particolare del cappuccio: la scritta France sul retro

Peso:

peso piuma sia con cartuccia sia senza, materiali plastici e misure lillipuziane rendono la penna leggerissima

01.jpg
sta interamente nel palmo della mano

Produzione:

dalla fine degli anni zero a tutt'oggi. Comunque non proprio semplice da reperire.

Materiali:

Ad eccezione del pennino che dovrebbe essere di Iridio (una sua lega? boh?) è interamente in plastica.

Recensione:

Si tratta di una stilografica da taschino, piccolissima ed estremamente "divertente". E' dotata di un meccanismo inserito nel fusto della penna che consente al pennino di scomparire letteralmente nel corpo della penna stessa. Un pennino retrattile, a scomparsa che rappresenta quasi un unicum nel genere. Quindi tutto sommato ha come caratteristica e peculiarità la grande portabilità e un costo davvero economico. Al tempo credo di aver speso poco più di 10 euro.

06.jpg
la penna con il pennino nel fusto

Il pennino retrattile fuoriesce dal fusto facendo rotare il fondello in senso antiorario. Viceversa vi rientra. Grazie a questa caratteristica la lunghezza della penna gode di 1 cm di riduzione rispetto alla concorrenza.

07.jpg
la penna col pennino a scomparsa

Il look mi piace molto. Il cappuccio ha una clip con tre fori accanto ai quali compare la scritta Paris sul fronte e France sul retro. Anche il pennino ha 10 piccoli fori di areazione in pendant con quelli del cappuccio e alla base del pennino compare la sritta Bic. Lo stile mi ricorda un po' l'immaginario steampunk o della fantascinza... design futuristico con linee abbastanza dolci.

Il tratto è quello di un medio abbastanza fino, anche perché il flusso non è proprio abbondante (flusso costante ma soffre false partenze in caso di inutilizzo). Si carica con una sola cartuccia tipo standard internazionale.

10.jpg
il tratto medio

Consigliata a chi ha bisogno di una stilografica da taschino. Si dimentica in tasca. E' una buona stilografica da appunti.
:wave:

Francè
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 296
Iscritto il: sabato 16 febbraio 2013, 15:07
Misura preferita del pennino: Fine
Arte Italiana FP.IT M: 035
Fp.it ℵ: 015
Località: Provincia di Pisa

Bic Turn & Up

Messaggio da Francè » martedì 13 febbraio 2018, 22:10

Io le ricordo come Stypen.

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 203
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da ricart » martedì 13 febbraio 2018, 22:35

Salve a tutti, è una Stypen uscita una ventina di anni fa circa, non mi ricordo di particolari problemi nell'uso.

Mandi da Ricart
Allegati
DSCN1719.JPG
DSCN1720.JPG
DSCN1721.JPG
DSCN1722.JPG
DSCN1723.JPG
DSCN1726.JPG

MrkLch
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2018, 18:03

Bic Turn & Up

Messaggio da MrkLch » martedì 13 febbraio 2018, 22:44

ricart ha scritto:
martedì 13 febbraio 2018, 22:35
Salve a tutti, è una Stypen uscita una ventina di anni fa circa, non mi ricordo di particolari problemi nell'uso.

Mandi da Ricart
Ma è identica!!!

Qualcuno sa spiegare come mai? Stypen e Bic hanno linee di prodotti comuni?

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 754
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da Mightyspank » martedì 13 febbraio 2018, 23:01

Stypen è controllata da Bic dal 2004.
La penna con il marchio Stypen è in produzione almeno dagli anni '90.
L'ho avuta e devo dire che la qualità costruttiva era veramente bassa. La plastica divenne appiccicosa e inutilizzabile.
L'esperienza di scrittura non entusiasmante.
So che Bic ha chiuso lo stabilimento di Stypen a Joigny nel 2008, continuando a produrre le penne del marchio nella sua fabbrica vicino a Parigi.
Evidentemente la casa madre ha preferito vendere le piccole rientranti con il suo nome.

MrkLch
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2018, 18:03

Bic Turn & Up

Messaggio da MrkLch » martedì 13 febbraio 2018, 23:14

Mightyspank ha scritto:
martedì 13 febbraio 2018, 23:01
Stypen è controllata da Bic dal 2004.
La penna con il marchio Stypen è in produzione almeno dagli anni '90.
L'ho avuta e devo dire che la qualità costruttiva era veramente bassa. La plastica divenne appiccicosa e inutilizzabile.
L'esperienza di scrittura non entusiasmante.
So che Bic ha chiuso lo stabilimento di Stypen a Joigny nel 2008, continuando a produrre le penne del marchio nella sua fabbrica vicino a Parigi.
Evidentemente la casa madre ha preferito vendere le piccole rientranti con il suo nome.
Grazie per il chiarimento. Concordo su tutta la linea (qualità costruttiva ecc...) anche se la uso con grande simpatia.
Ma poi questa storia del pennino in Iridio qualcuno l'aveva mai sentita prima?

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 744
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Quelle in celluloide
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da Siberia » martedì 13 febbraio 2018, 23:27

L'iridio è il comunissimo materiale che si usa per la punta: due semisfere che allineate formano una sfera in iridio, appunto
Luca (renitente alla sfera, sempre)

MrkLch
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2018, 18:03

Bic Turn & Up

Messaggio da MrkLch » martedì 13 febbraio 2018, 23:50

Siberia ha scritto:
martedì 13 febbraio 2018, 23:27
L'iridio è il comunissimo materiale che si usa per la punta: due semisfere che allineate formano una sfera in iridio, appunto
Pensavo fosse una particolarità mentre è diffusissimo. Grazie per l'informazione.

Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 233
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da Lamy » martedì 13 febbraio 2018, 23:55

Forse è il palladio ad essere un elemento raro nei pennini.

MrkLch
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2018, 18:03

Bic Turn & Up

Messaggio da MrkLch » mercoledì 14 febbraio 2018, 0:08

Lamy ha scritto:
martedì 13 febbraio 2018, 23:55
Forse è il palladio ad essere un elemento raro nei pennini.
Se non ho capito male oro, platino, palladio e quant'altro sono metalli preziosi con cui si producono i pennini. La parte terminale del pennino, quella piccola sfera in cui culminano i rebbi, è invece comunemente di iridio che ha caratteristiche di durevolezza/resistenza particolari.

claudio54
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 129
Iscritto il: venerdì 28 aprile 2017, 12:50
La mia penna preferita: Waterman per ragioni affettive
Il mio inchiostro preferito: da definire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da claudio54 » mercoledì 14 febbraio 2018, 1:55

MrkLch ha scritto:
mercoledì 14 febbraio 2018, 0:08
Lamy ha scritto:
martedì 13 febbraio 2018, 23:55
Forse è il palladio ad essere un elemento raro nei pennini.
Se non ho capito male oro, platino, palladio e quant'altro sono metalli preziosi con cui si producono i pennini. La parte terminale del pennino, quella piccola sfera in cui culminano i rebbi, è invece comunemente di iridio che ha caratteristiche di durevolezza/resistenza particolari.
guardate che l'iridio costa praticamente come l'oro, non per niente ci fanno solo la pallina della punta di un pennino, se fosse meno caro e meno raro ci farebbero tutto il pennino

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1415
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da MaPe » mercoledì 14 febbraio 2018, 3:34

Avevo preso quella Bic circa un 13-14 anni fa in un ipermercato, mi ricordo che la pagai 5€ insieme a due pacchetti di cartucce Peikan 4001 Royal Blue. Ricordo anche che mi durò pochi mesi prima che il sistema retrattile del pennino decise di smettere di funzionare. Forse da qualche parte ce l'ho ancorasempre se non è finita, a suo tempo, nel pattume.
Massimo

MrkLch
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 21 gennaio 2018, 18:03

Bic Turn & Up

Messaggio da MrkLch » mercoledì 14 febbraio 2018, 7:03

Anch'io ho questa sensazione che il meccanismo possa guastarsi facilmente... finora però ha resistito. Però mi piacerebbe capire questa cosa sull'iridio: è metallo raro o comune (la penna è costata davvero poco ma sulla confezione la presenza di iridio nel pennino era molto valorizzata).

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 754
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Bic Turn & Up

Messaggio da Mightyspank » mercoledì 14 febbraio 2018, 9:03

MrkLch ha scritto:
mercoledì 14 febbraio 2018, 7:03
Però mi piacerebbe capire questa cosa sull'iridio: è metallo raro o comune (la penna è costata davvero poco ma sulla confezione la presenza di iridio nel pennino era molto valorizzata).
Per fare un poco di chiarezza: l'iridio non viene usato per le punte dei pennini dagli anni trenta-quaranta. E anche allora veniva usato con relativa parsimonia o addirittura era assente in molti casi.
I due elementi più facili da trovare nelle leghe dei primissimi decenni del novecento erano rutenio e osmio, poi rodio ma anche tungsteno, tantalio, rame, nickel, alluminio, argento, oro, platino e perfino cobalto! Iridio qualche volta e sempre in percentuale minoritaria.
Molti produttori semplicemente ispessiscono l'acciaio della punta. Di sicuro oggi dell'iridio rimane solo il nome che evidentemente suona bene ed è entrato del tutto impropriamente nell'uso comune.
È come se bevessimo vino fatto di carote e lo chiamassimo così perché cento anni fa c'era, forse, ma non sempre un po' di uva nella composizione del liquido.
Trovate articoli molto interessanti in rete che trattano dell'argomento e descrivono analisi spettrometriche dei pennini.

Avatar utente
Miata
Levetta
Levetta
Messaggi: 718
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 14:03
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Violet
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sicilia
Sesso:
Contatta:

Bic Turn & Up

Messaggio da Miata » mercoledì 14 febbraio 2018, 9:45

Ma è meravigliosa!
Mi ricorda i treni degli anni '30 e di conseguenza la piuttura futurista nonché le atmosfere del film The Rocketeer.
Penso di volerne una... :lol:
Allegati
1941SRPacific.jpg
Locomotiva 1941
220px-Rocketeermovieposter.jpg
Poster film "the Rocketeer"
220px-Rocketeermovieposter.jpg (25.31 KiB) Visto 457 volte
incuneandosi_nell_abitato.jpg
Tullio Crali - Incuneandosi nell'abitato
Florinda


"Non abbiate nelle vostre case nulla che non sapete essere utile o che non ritenete essere bello" William Morris

Rispondi