Jinhao 992

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Invernomuto
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 84
Iscritto il: giovedì 11 aprile 2019, 12:58

Jinhao 992

Messaggio da Invernomuto » domenica 30 giugno 2019, 22:35

StePen ha scritto:
domenica 30 giugno 2019, 2:05
Sulla Wing Sung 698 I feedback da chi le ha (provate) sono di ben altro livello rispetto a jinhao.
Così come per la Moonman.

E infatti si parla di modelli che costano dai 18 euro in su.
Non volevo essere intransigente verso il produttori cinesi: in Cina, come già scritto, fanno di tutto, dal prodotto qualitativamente eccellente (e costoso) a quello che costa poco e vale altrettanto. A differenza di altre culture, asiatiche, dove al di sotto di un certo costo non vanno per mantenere una qualità minima, in Cina se gli dai 100 euro ti fanno una penna da 100 euro, se gli dai 1 euro ti tirano comunque fuori una penna da 1 euro.
Non mi riferivo ad un modello specifico: basta andare in rete e vedere come la Wing Sung faccia prodotti tipo il modello 3008 clone della TWSBI Eco, che trovi a 17 euro in pacchi da 5. Ovviamente la qualità ne risente.
Sulla Wing Sung 698 non mi pronuncio perché non la possiedo: sicuramente sarà una penna di altro livello rispetto a quelle da 3-4 euro, sul QC ne dubito visto che il problema affligge pure prodotti di massa europei.
Ultima considerazione sui prodotti che ti importi dalla Cina: spesso si possono selezionare prodotti molto validi sotto tutti i profili e che costano meno rispetto ai corrispettivi distribuiti in EU: tralasciando il discorso tasse e dogana se compri direttamente in Cina, il problema è che il vantaggio economico sfuma nel momento in cui hai bisogno di ricambi o di assistenza. Hai pagato poco proprio perché quel produttore non ha i costi di distribuzione per vendere nella EU o negli USA!
Finché parliamo di 10-15 euro nessun problema, butti e ricompri (anche se alla 2-3a volta...), se si sale di prezzo non so quanto il gioco valga la candela.

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1279
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da Pettirosso » domenica 30 giugno 2019, 22:39

Un link diretto qui non lo posso inserire, in quanto commerciale.
Però se ne parla, ad esempio, qui:
viewtopic.php?t=17220
O qui:
viewtopic.php?t=10167
Così vedi anche un paio di loro produzioni già recensite (l'ultima che ho acquistato io è stata l'Himalaya, in versione arancio).
Se vuoi ti posso mandare un MP, ma il nome si ricava facilmente.

Invernomuto
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 84
Iscritto il: giovedì 11 aprile 2019, 12:58

Jinhao 992

Messaggio da Invernomuto » lunedì 1 luglio 2019, 11:03

Pettirosso ha scritto:
domenica 30 giugno 2019, 22:39
Un link diretto qui non lo posso inserire, in quanto commerciale.
Però se ne parla, ad esempio, qui:
viewtopic.php?t=17220
O qui:
viewtopic.php?t=10167
Così vedi anche un paio di loro produzioni già recensite (l'ultima che ho acquistato io è stata l'Himalaya, in versione arancio).
Se vuoi ti posso mandare un MP, ma il nome si ricava facilmente.
Grazie, ho capito il produttore! Penne interessanti in relazione al prezzo, mi leggo bene le discussioni che hai linkato.

Avatar utente
StePen
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: martedì 11 giugno 2019, 9:08
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da StePen » lunedì 1 luglio 2019, 11:28

Invernomuto ha scritto:
domenica 30 giugno 2019, 22:35
Non volevo essere intransigente verso il produttori cinesi: in Cina, come già scritto, fanno di tutto, dal prodotto qualitativamente eccellente (e costoso) a quello che costa poco e vale altrettanto. A differenza di altre culture, asiatiche, dove al di sotto di un certo costo non vanno per mantenere una qualità minima, in Cina se gli dai 100 euro ti fanno una penna da 100 euro, se gli dai 1 euro ti tirano comunque fuori una penna da 1 euro.
Non mi riferivo ad un modello specifico: basta andare in rete e vedere come la Wing Sung faccia prodotti tipo il modello 3008 clone della TWSBI Eco, che trovi a 17 euro in pacchi da 5. Ovviamente la qualità ne risente.
Sulla Wing Sung 698 non mi pronuncio perché non la possiedo: sicuramente sarà una penna di altro livello rispetto a quelle da 3-4 euro, sul QC ne dubito visto che il problema affligge pure prodotti di massa europei.
Ultima considerazione sui prodotti che ti importi dalla Cina: spesso si possono selezionare prodotti molto validi sotto tutti i profili e che costano meno rispetto ai corrispettivi distribuiti in EU: tralasciando il discorso tasse e dogana se compri direttamente in Cina, il problema è che il vantaggio economico sfuma nel momento in cui hai bisogno di ricambi o di assistenza. Hai pagato poco proprio perché quel produttore non ha i costi di distribuzione per vendere nella EU o negli USA!
La differenza tra i modelli da pochi euro e quelli che costano il triplo, pur restando al di sotto, dell 20 euro, è in buona sostanza dovuto anche al QC.
Visto che materiali e design sono spesso simili se non identici.
Invernomuto ha scritto:
domenica 30 giugno 2019, 22:35
Finché parliamo di 10-15 euro nessun problema, butti e ricompri (anche se alla 2-3a volta...), se si sale di prezzo non so quanto il gioco valga la candela.
Personalmente ho sinora discusso solo di modelli di fascia super economica, a prezzo non superiore alle 20 euro.
Se dovessi/volessi andare su modelli maggiormente costosi ovvio che le considerazioni da fare sarebbero anche altre.
Anche se l'eventuale possibilità di acquistare a 30 euro un modello che per caratteristiche e qualità di scrittura vale il doppio... sarebbe per me abbastanza allettante.
:)

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1279
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da Pettirosso » lunedì 1 luglio 2019, 13:07

Invernomuto ha scritto:
domenica 30 giugno 2019, 22:35
A differenza di altre culture, asiatiche, dove al di sotto di un certo costo non vanno per mantenere una qualità minima, in Cina se gli dai 100 euro ti fanno una penna da 100 euro, se gli dai 1 euro ti tirano comunque fuori una penna da 1 euro.
Questo, secondo me (prescindendo asetticamente da ogni valutazione su condizioni di lavoro, lavoro minorile, evasione fiscale, ecc.) riassume veramente tutto.
E' nello stesso tempo il loro punto di forza ed il loro limite; ma, più che altro, il limite è dell'acquirente, che dovrebbe tenere costantemente presente che nel commercio nulla viene regalato: neppure (ed a maggior ragione) in Cina.
Poi, la penna mal funzionante capita anche su prodotti europei da centinaia di € (e qui debbo veramente dire: "purtroppo"), ma esiste un servizio post vendita di assistenza, una garanzia che si può far valere; fuori UE no, o, quanto meno, non è economicamente conveniente praticarla.
Certo è che, se acquisto una penna cinese da 30/40 €, mi aspetto già un buon livello di qualità; e solitamente è così.

Little
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: giovedì 7 marzo 2019, 21:34

Jinhao 992

Messaggio da Little » lunedì 1 luglio 2019, 20:07

StePen ha scritto:
lunedì 1 luglio 2019, 11:28
Anche se l'eventuale possibilità di acquistare a 30 euro un modello che per caratteristiche e qualità di scrittura vale il doppio... sarebbe per me abbastanza allettante.
:)
Non ho mai comprato penne cinesi ma penso che di stilografiche valide intorno ai 30€ ce ne siano parecchie distribuite anche da noi, senza il bisogno di aspettare un mese di spedizione e con la certezza di non avere assistenza in caso di problemi.

Ognuno è libero di comprare quello che vuole ovviamente ma, per quanto mi riguarda, preferisco di gran lunga prendere una twisbi eco, una platinum plaisir, una kaweco sport [etc ...l'elenco è lungo] invece che prendere una cinese da 30 euro.

Avatar utente
StePen
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: martedì 11 giugno 2019, 9:08
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da StePen » lunedì 1 luglio 2019, 21:34

Little ha scritto:
lunedì 1 luglio 2019, 20:07
StePen ha scritto:
lunedì 1 luglio 2019, 11:28
Anche se l'eventuale possibilità di acquistare a 30 euro un modello che per caratteristiche e qualità di scrittura vale il doppio... sarebbe per me abbastanza allettante.
:)
Non ho mai comprato penne cinesi ma penso che di stilografiche valide intorno ai 30€ ce ne siano parecchie distribuite anche da noi, senza il bisogno di aspettare un mese di spedizione e con la certezza di non avere assistenza in caso di problemi.

Ognuno è libero di comprare quello che vuole ovviamente ma, per quanto mi riguarda, preferisco di gran lunga prendere una twisbi eco, una platinum plaisir, una kaweco sport [etc ...l'elenco è lungo] invece che prendere una cinese da 30 euro.
Le generalizzazioni, ovvero parlare di "cinesi" come se tutte fosse uguali, lascia il tempo che trova.

Che poi giustamente ciascuno è libero di fare ciò che vuole in base a gusti ed esigenze personali... è una cosa fin troppo ovvia.

Invernomuto
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 84
Iscritto il: giovedì 11 aprile 2019, 12:58

Jinhao 992

Messaggio da Invernomuto » lunedì 1 luglio 2019, 22:14

StePen ha scritto:
lunedì 1 luglio 2019, 11:28
La differenza tra i modelli da pochi euro e quelli che costano il triplo, pur restando al di sotto, dell 20 euro, è in buona sostanza dovuto anche al QC.
Visto che materiali e design sono spesso simili se non identici.
Non sono simili, le WingSung 3008 hanno limiti nella tenuta nel tempo, perché sono fatte al risparmio. Piccoli particolari, ma che fanno costo, tipo utilizzare materiali che arrugginiscono a contatto con l'umidità dell'inchiostro o usare una sola guarnizione anziché due, oppure ancora usare cromature di bassa qualità che saltano dopo pochi mesi di utilizzo, ecc, ecc. Leggi la recensione qui di quella penna. Nessuno regala nulla, o, per dirla alla Milton Friedman, "non esistono i pasti gratis".
Se inizi ad usare materiali migliori, i costi, inevitabilmente, si alzano. Sicuramente è migliore pure il QC e il risparmio c'è sempre rispetto ad un prodotto venduto in europa ma la cosa è controbilanciata dal fatto che il produttore non ha una rete di distribuzione nella EU: non hai ricambi né assistenza post vendita, se il pezzo smette di funzionare dopo 6 mesi non c'è Paypal che tenga, sono affari tuoi.
Ribadisco, bisogna saper comprare in Cina facendo molta attenzione alle "sole" e soprattutto aver chiaro che si risparmia ma ci si sta accollando un rischio. Spesso va bene. Se si è sfigati, auguri.

Avatar utente
StePen
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: martedì 11 giugno 2019, 9:08
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da StePen » lunedì 1 luglio 2019, 23:43

Ci mancherebbe pure che per una penna da meno di 20 euro uno pretenda di avere garanzia e/o servizio post vendita.

Ovvio che se acquisti direttamente dalla Cina rinunci a assistenza e garanzia.

Little
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: giovedì 7 marzo 2019, 21:34

Jinhao 992

Messaggio da Little » martedì 2 luglio 2019, 20:08

StePen ha scritto:
lunedì 1 luglio 2019, 21:34
Le generalizzazioni, ovvero parlare di "cinesi" come se tutte fosse uguali, lascia il tempo che trova.
Rispetto a ciò che ho scritto e che volevo esprimere tutte le cinese sono uguali. Anche etichettare tutte le "generalizzazioni" come improprie è una generalizzazione che lascia il tempo che trova :roll:

Dal mio messaggio infatti si capisce perfettamente che non mi sono espresso sulla qualità delle penne (che, come ho scritto anche prima, non ho mai avuto quindi non posso dire quali siano buone o cattive o migliori di altre).
La mia opinione è dovuta dal fatto che le penne cinesi solitamente e generalmente non vengono distribuite qui da noi e quindi ci sono varie incognite da considerare
1. Tempi di spedizione spesso biblici
2. Dogana (se vai sopra i 22€ che io sappia c'è da pagare la dogana)
3. Assistenza post vendita assente

Quindi si...ho generalizzato perché ciò è valido sulla totalità delle stilografiche cinesi (e se c'è un marchio cinese che distribuisce qui da noi non lo conosco...felicissimo che me lo segnalaste qualora esista.)
StePen ha scritto:
lunedì 1 luglio 2019, 23:43
Ci mancherebbe pure che per una penna da meno di 20 euro uno pretenda di avere garanzia e/o servizio post vendita.
Quello che ho voluto esprimere quindi è che questa tua affermazione non rispecchia la totalità di ciò che si trova sul mercato in quanto è possibile reperire penne su quella fascia di prezzo e con un servizio post vendita raggiungibile.
Ciò può essere visto o può non essere visto come un valore aggiunto ma è innegabile che ci siano alternative che offrano questo tipo di servizio.

Detto ciò non voglio convincere nessuno di nulla, volevo solo esprimere la mia opinione. Fate quindi pure finta che non abbia scritto niente anche perché ritengo che il mio primo messaggio fosse già abbastanza chiaro senza il bisogno di ulteriori spiegazioni
:wave:

Avatar utente
StePen
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: martedì 11 giugno 2019, 9:08
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da StePen » martedì 2 luglio 2019, 21:39

Little ha scritto:
martedì 2 luglio 2019, 20:08
Rispetto a ciò che ho scritto e che volevo esprimere tutte le cinese sono uguali. Anche etichettare tutte le "generalizzazioni" come improprie è una generalizzazione che lascia il tempo che trova :roll:
Le generalizzazioni sono imrpoprie perchè ad esempio vi sono anche produttori cinesi che offrono garanzia di 12/24 mesi, con possibilità di riparazione in laboratori europei.
E il discorso è assai meno generalizzabile di quanto si possa pensare.
Per cui...
Little ha scritto:
martedì 2 luglio 2019, 20:08
Dal mio messaggio infatti si capisce perfettamente che non mi sono espresso sulla qualità delle penne (che, come ho scritto anche prima, non ho mai avuto quindi non posso dire quali siano buone o cattive o migliori di altre).
La mia opinione è dovuta dal fatto che le penne cinesi solitamente e generalmente non vengono distribuite qui da noi e quindi ci sono varie incognite da considerare
1. Tempi di spedizione spesso biblici
2. Dogana (se vai sopra i 22€ che io sappia c'è da pagare la dogana)
3. Assistenza post vendita assente
Sono aspetti ovvi di chi acquista CONSAPEVOLMENTE un prodotto di importazione dall'oriente.
Con qualche precisazione:
1) la spedizione non sempre è biblica, se si opta per il tipo di spedizione corretta (vedasi ad esempio prodotti di telefonia acquistati su GB)
2) niente dogana se si sceglie la spedizione idonea (ad esempio italy express)
3) scontato come i saldi a gennaio

La pensiamo talmente divesamente che evito di dilungarmi oltre anche perchè stiamo andando sostanzialmente OT...

E nel convincere per forza chicchessia non ho proprio nessun interesse.
:)

Little
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 30
Iscritto il: giovedì 7 marzo 2019, 21:34

Jinhao 992

Messaggio da Little » martedì 2 luglio 2019, 22:23

StePen ha scritto:
martedì 2 luglio 2019, 21:39
Le generalizzazioni sono imrpoprie perchè ad esempio vi sono anche produttori cinesi che offrono garanzia di 12/24 mesi, con possibilità di riparazione in laboratori europei.
Ma stai parlando di produttori di stilografiche cinesi o di produttori cinesi?
Io stesso ho comprato da produttori cinesi senza passare per la dogana perché la merce era in un magazzino europeo e ho avuto la merce a casa in 3 giorni. Non era niente che avesse nulla nemmeno lontanamente a che vedere con le stilografiche

Ripeto...sarei contentissimo di sapere quale marchio di stilografiche cinesi venga distribuito nel nostro territorio con possibilità di riparazione in garanzia presso laboratori europei.

Non è questione di pensiero diverso...se tutti la pensassero allo stesso modo nessuno penserebbe molto. È questione che stai cercando di screditare quello che ho scritto con frasi vaghe facendo finta che ciò che succede in settori come la telefonia, come i droni o altro si ritrovi anche nel settore delle stilografiche. Fortuna che sono io quello che generalizza....


PS. non mi pare di averti mai mancato di rispetto quindi "chicchessia" risparmiatelo, grazie

Avatar utente
StePen
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 160
Iscritto il: martedì 11 giugno 2019, 9:08
Sesso:

Jinhao 992

Messaggio da StePen » mercoledì 3 luglio 2019, 10:29

Little ha scritto:
martedì 2 luglio 2019, 22:23
StePen ha scritto:
martedì 2 luglio 2019, 21:39
Le generalizzazioni sono imrpoprie perchè ad esempio vi sono anche produttori cinesi che offrono garanzia di 12/24 mesi, con possibilità di riparazione in laboratori europei.
Ma stai parlando di produttori di stilografiche cinesi o di produttori cinesi?
Io stesso ho comprato da produttori cinesi senza passare per la dogana perché la merce era in un magazzino europeo e ho avuto la merce a casa in 3 giorni. Non era niente che avesse nulla nemmeno lontanamente a che vedere con le stilografiche

Ripeto...sarei contentissimo di sapere quale marchio di stilografiche cinesi venga distribuito nel nostro territorio con possibilità di riparazione in garanzia presso laboratori europei.

Non è questione di pensiero diverso...se tutti la pensassero allo stesso modo nessuno penserebbe molto. È questione che stai cercando di screditare quello che ho scritto con frasi vaghe facendo finta che ciò che succede in settori come la telefonia, come i droni o altro si ritrovi anche nel settore delle stilografiche. Fortuna che sono io quello che generalizza....


PS. non mi pare di averti mai mancato di rispetto quindi "chicchessia" risparmiatelo, grazie
Mancare di rispetto ?!?
Mi sembra tu la stia prendendo appena appena un pò troppo sul personale.
Treccani ha scritto: chicchessìa (o chi che sia) pron. indef.
1. Qualunque persona, qualsivoglia persona
2. Nessuno (sempre in frasi negative)
Detto questo mi astengo da ulteriori considerazioni, visto che la discussione ormai è del tutto OT e vedo soltanto tentativi di sterile polemica.

Buon proseguimento.

Rispondi