WING SUNG 590

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 314
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

WING SUNG 590

Messaggio da Polemarco » giovedì 25 maggio 2017, 20:39

La penna è stata acquista al prezzo complessivo di € 3,21 (compresa la spedizione) tramite il “noto” sito in data 05.04.2017 ed è arrivata il 22.05,.2017.
La penna è gigantesca ma relativamente leggera.
Misure:
1) Lunghezza totale 15,8
2) Lunghezza aperta 14,4
3) Lunghezza con cappuccio inastato 17,4
4) Peso 25 grammi (circa)

Sistema di caricamento: gigantesco aerometric con il suo bravo sfiatatoio; si carica agevolmente e completamente;

Il materiale di cui è composta è plastica, probabilmente (così nel sito “anglofono”) si tratta di acetato butirrato di cellulosa (per gli amici cab) che ha la caratteristica di pesare poco ed è stato utilizzato per le montature degli occhiali.

Il pennino ha un tratto particolarmente largo, non ha false partenze o interruzioni di flusso, riparte se messo a riposo, non gratta ma non scivola neanche come il burro. Ritengo possibile che necessiti di un rodaggio.

Allego una prova di scrittura, su carta dozzinale, con un inchiostro autoprodotto (11 parti Rosso Pelikan, 1 parte Blu Aurora) per ottenere un matrimonio “vintage” tra penna e scritto.

Conclusioni
Ho letto di questa penna che trovarne una che funzioni perfettamente avvenga con un rapporto di 1 su 2.
Io, per adesso, non mi posso lamentare.
Di aspetto piacevolmente retrò. Ricorda una Parker Duofold.

Difficile, per la grandezza, da portare con sé in difetto di un porta penne da collocare in borsa.

P.S. sulla “lettera di vettura” il valore indicato è circa la metà di quello dell’acquisto; ho notato pure che la penna proviene da un indirizzo che è il medesimo di quello da cui è partita una Jinhao 159 (anche questa con valore indicato inferiore).

Non credo che osino indicare un valore inferiore e la medesima provenienza mi lascia pensare ad un unico grossista che le ha spedite.

Se penso che ci ha guadagnato il venditore ed il grossista mi stupisco a pensare quanto costi la penna al produttore.

Ma ho appena letto che, nel 2004, il costo giornaliero di un lavoratore cinese in una Zona franca di esportazione era di $ 1,5 (ripeto: un dollaro e mezzo al giorno).
image.jpeg
image_1.jpeg
image_2.jpeg
image (2).jpeg
Saluti

Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 314
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

WING SUNG 590

Messaggio da Polemarco » lunedì 26 giugno 2017, 18:18

Ci scrivo quasi tutti giorni da un mese.
Poche righe, giusto per testare la penna.
Non presenta alcun problema.
Polemarco

aleck
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: lunedì 28 agosto 2017, 16:37
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

WING SUNG 590

Messaggio da aleck » giovedì 31 agosto 2017, 12:16

E' una penna che mi interessa, un po' per la leggerezza, un po' per la grande sobrietà rispetto ad altre cinesone. Ha lo stesso fascino che ha su di me una Pilot 78G (di cui mi preoccupa più che altro il tratto "giapponese" avendo una predilezione per il M europeo, ma di cui ho letto solo un gran bene), ma costa 1/4 e c'è un 50% di possibilità di beccarne una non funzionante stando a quanto dici. Prima o poi ne prenderò una, anche solo per curiosità: la tua prova di scrittura pare niente male.

Mi chiedevo, Wing Sung è un marchio "spin-off" di Hero?

Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 314
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

WING SUNG 590

Messaggio da Polemarco » giovedì 31 agosto 2017, 17:18

"Spin Off" nel mondo economico è una unità produttiva di una struttura aziendale che diventa autonoma.
In termini tecnici è qualcosa che "inaspettatamente" diviene importante e autonoma (vedi, nei film o telefilm, una serie di telefilm o un film che prende le mosse da una aspetto marginale, immagina una serie televisiva incentrata su un personaggio secondario della serie "madre").
La Wing Sung è stata comprata dalla Hero.
Se ti piace la 78 G opterei per la Wing Sung (in questo caso Wings) 3001 A che costa un quindicesimo di quella penna ed è un suo clone (non garantisco i risultati, ma per circa 1 € - compresa la spedizione - vale la pena rischiare).
Cercala sul noto sito di vendite su internet.
Io ne ho acquistata una rossa, in un asta, al prezzo di di US $ (dollari) 1.03 (spese di spedizione comprese).
Leggo che il cappuccio sarebbe debole all'incontro con il corpo (fusto della penna). Da avvitare con riguardo.
Leggi anche la recensione presente sul forum della Wing Sung 698 che ha il pennino della 78 G: potrebbero essere tre penne che dialogano tra loro quanto ai ricambi.
Saluti.
Polemarco
Ultima modifica di Polemarco il giovedì 31 agosto 2017, 17:34, modificato 1 volta in totale.

aleck
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: lunedì 28 agosto 2017, 16:37
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

WING SUNG 590

Messaggio da aleck » giovedì 31 agosto 2017, 17:31

Ti ringrazio.

solstizio71
Converter
Converter
Messaggi: 19
Iscritto il: venerdì 22 giugno 2018, 17:34
La mia penna preferita: Marlen Aliante
Il mio inchiostro preferito: Diamine Oxblood
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Nocera Inferiore
Sesso:

WING SUNG 590

Messaggio da solstizio71 » martedì 14 agosto 2018, 18:01

Ho acquistato questa penna poco meno di due anni fa. È una oversize, forse un po' troppo oversize da essere quasi ingombrante. Appena arrivata non mi è piaciuta. Sono stato più volte tentato di cestinarla nonostante funzionasse perfettamente. Non l'ho fatto, non me la sono sentita. Ora è in compagnia di altre penne in un mug predisposto per gli esemplari che hanno riscosso poco successo.

Rispondi