La carica delle cinesi.

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Avatar utente
Daniele
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 2215
Iscritto il: giovedì 18 agosto 2011, 9:47
La mia penna preferita: Quelle del Forum!
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 000
Arte Italiana FP.IT M: 000
Fp.it ℵ: 000
Fp.it 霊気: 000
Fp.it Vera: 000
Località: Roma
Sesso:

La carica delle cinesi.

Messaggio da Daniele » giovedì 24 maggio 2012, 19:07

Durante una pausa di lavoro mi sono ritrovato in uno degli ormai diffusissimi bazar cinesi.
Girovagando mi sono imbattuto in una vetrina dove esponevano penne rigorosamente cinesi.
Ammetto che non è la prima volta che ho a che fare con penne cinesi e tra l'altro tra le mie preferite vi è una HERO 100, che non è altro che una imitazione della PARKER 51. Anzi più che una imitazione è una vera e propria riedizione visto che la Hero produceva in Cina per conto di Parker.
Ebbene, non ho resistito. Due penne 9 euro e via.
Prima scontata considerazione: 4,50 euro a penna. Neanche i materiali grezzi per farla costerebbero così poco. Tant'è la prima cosa che ho fatto è smontarle pezzo pezzo per analizzarle.
Intanto ecco le protagoniste:
JINHAO 500
Jinhao-500.jpg
Jinhao-500.jpg (126.96 KiB) Visto 5852 volte
Jinhao-500-aperta.jpg
Jinhao-500-aperta.jpg (141.52 KiB) Visto 5852 volte
BAOER 302
Baoer-302.jpg
Baoer-302.jpg (105.77 KiB) Visto 5852 volte
Baoer-302-aperta.jpg
Baoer-302-aperta.jpg (153.05 KiB) Visto 5852 volte
All'apparenza la Jinhao sembra in resina, ma è solo una laccatura su fusto in metallo.
Idem per la Baoer: lacca nera su fusto in metallo.
Ad occhio e croce la qualità della laccatura durerà una settimana. Forse sono anche ottimista.

Ed eccole dissezionate.
Baoer-302-Dissezionata.jpg
Baoer-302-Dissezionata.jpg (247.41 KiB) Visto 5852 volte
Jinhao-500-dissezionata.jpg
Jinhao-500-dissezionata.jpg (247.54 KiB) Visto 5852 volte
Sono entrambe a cartuccia/converter. Il converter è incluso nelle penne e devo dire che non ha nulla da invidiare agli attuali Parker e Waterman.
Per il resto i pennini e gli alimentatori sono uguali tranne la diversa incisione degli alimentatori, che sulla JINHAO è più curata.
Alimentatori che sono in una plastica che vorrebbe imitare l'ebonite.
Sull'alimentatore della BAOER vi erano abbondanti residui di lavorazione.
Ecco pennini e alimentatori ripuliti.
Alimentatore-Baoer-302.jpg
Alimentatore-Baoer-302.jpg (169.05 KiB) Visto 5852 volte
Alimentatore-Jinhao-500.jpg
Alimentatore-Jinhao-500.jpg (147.9 KiB) Visto 5852 volte
Pennino-Baoer-302.jpg
Pennino-Baoer-302.jpg (74.21 KiB) Visto 5852 volte
Pennino-Jinhao-500.jpg
Pennino-Jinhao-500.jpg (150.21 KiB) Visto 5852 volte
In fin dei conti non c'è molto da dire, sono delle normalissime cartuccia/converter che valgono quello che costano.
I materiali sono abbastanza scadenti e la laccatura viene via solo a guardarla.
A dire il vero però non avrebbero molto da invidiare alla Parker IM Profile che ho messo a confronto, che comunque costa un bel pò di più.
Daniele

Memento Audere Semper
(Gabriele D'Annunzio)

Avatar utente
Daniele
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 2215
Iscritto il: giovedì 18 agosto 2011, 9:47
La mia penna preferita: Quelle del Forum!
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 000
Arte Italiana FP.IT M: 000
Fp.it ℵ: 000
Fp.it 霊気: 000
Fp.it Vera: 000
Località: Roma
Sesso:

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Daniele » giovedì 24 maggio 2012, 19:11

Infine ecco la prova di scrittura:
Prova-di-scrittura.jpg
Prova-di-scrittura.jpg (285.13 KiB) Visto 5849 volte
Qui non c'è nulla da eccepire.
Flusso abbondante, niente salti e nessuna sensazione di grattamento.
Insomma non perdono un colpo. Vuoi vedere che questi adesso vengono a fare davvero sul serio?
Vabbè... personalmente le considero ottime penne da regalare ai nostri figli o ai nostri nipotini per avviarli all'uso della stilografica.
Costano ancora meno della Lamy Safari e devo dire che scrivono anche allo stesso livello!
Daniele

Memento Audere Semper
(Gabriele D'Annunzio)

nicolino
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 322
Iscritto il: mercoledì 24 novembre 2010, 15:36

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da nicolino » giovedì 24 maggio 2012, 19:15

Beh, non sono per niente brutte... i materiali saranno non di qualità però per quello che costano possono essere ottime penne da uso quotidiano senza avere la paura di rovinarle o di perderle...
Stefano

cassullo

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da cassullo » giovedì 24 maggio 2012, 21:31

nicolino ha scritto:Beh, non sono per niente brutte... i materiali saranno non di qualità però per quello che costano possono essere ottime penne da uso quotidiano senza avere la paura di rovinarle o di perderle...
Concordo ! :)

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da vikingo60 » giovedì 24 maggio 2012, 22:47

Sicuramente se uno,come il sottoscritto,deve affrontare quotidianamente vandali e quant'altro,qualora se ne rompa qualcuna non è un gran danno.L'importante è che scrivano bene.Mi viene solo una curiosità:quale sarà la durata del pennino?
Alessandro

ghostrider
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 196
Iscritto il: venerdì 29 aprile 2011, 16:04
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Andria

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da ghostrider » venerdì 25 maggio 2012, 20:36

Io uso una Baoer "Starwalker" (perfetta imitazione della blasonata MB) da diversi mesi e finora non ha mostrato segni di cedimento. Appena arrivata emanava una puzza assurda, che fortunatamente col tempo svaniva. L'unico difetto che aveva era il flusso irregolare, dovuto a una sbavatura nel canale dell'alimentatore; una veloce pulizia con un cutter e la penna ha iniziato a scrivere perfettamente.

Domenico

Avatar utente
Pupa
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 857
Iscritto il: martedì 31 agosto 2010, 5:17
La mia penna preferita: quella che non ho :)
Il mio inchiostro preferito: Sailor Jentle
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Sardegna
Contatta:

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Pupa » sabato 26 maggio 2012, 7:26

Beh, io ho profonda disistima per tutto il commercio cinese,
privo di qualsiasi originalità, che imita scarsamente (nel senso qualitativo) qualsiasi cosa sia
stata inventata e prodotta da altri.
(avrei anche molte rimostranze etiche e storiche, ma lasciamo perdere..)

Delle penne cinesi non ho molta esperienza, cioè, delle marche propriamente cinesi,
come Jinhao e Baoer,
tranne una, la Picasso...,
di cui inizialmente ero soddisfatta, poi anche dopo il normale rodaggio i problemi di scrittura
restavano, e allora ho iniziato a non esserne più entusiasta... ;)

ho faticato parecchio per farla scrivere in maniera accettabile,
senza salti, e ora sono abbastanza soddisfatta, visto il costo irrisorio.
Il pennino però è francese,
il fusto è in metallo laccato, ma la laccatura e tutto l'insieme sono robuste e discrete,
l'unico vero problema è il peso di queste penne in metallo, discretamente pesanti per una scrittura
continua di più pagine....

Avatar utente
Pupa
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 857
Iscritto il: martedì 31 agosto 2010, 5:17
La mia penna preferita: quella che non ho :)
Il mio inchiostro preferito: Sailor Jentle
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Sardegna
Contatta:

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Pupa » sabato 26 maggio 2012, 7:33


Avatar utente
Celluloide
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 357
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 0:40
Località: Verona

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Celluloide » martedì 29 maggio 2012, 16:24

ghostrider ha scritto:Io uso una Baoer "Starwalker" (perfetta imitazione della blasonata MB) da diversi mesi e finora non ha mostrato segni di cedimento. Appena arrivata emanava una puzza assurda, che fortunatamente col tempo svaniva. L'unico difetto che aveva era il flusso irregolare, dovuto a una sbavatura nel canale dell'alimentatore; una veloce pulizia con un cutter e la penna ha iniziato a scrivere perfettamente.

Domenico
Ciao a tutti,
prendo lo spunto dal commento di Domenico. A me respirare la puzza non piace, ma mi piace ancora meno buttare i soldi, anche se pochi.
Ne ho comperate soltanto due di cinesi, ed il venditore di Piazza Erbe a Verona, indicando il negozio dove mi servo, e non sapendo che sono un appassionato e cliente proprio di quel negozio, mi diceva sogghignando: "Tu pensa che là una stiloglafica costa anche milletlecento eulo! Gualda questa sclive uguale tu pagale solo quattlo eulo!". Ora vedete dove sono finiti i miei otto euro.
La Jin Hao che ha un semiglobo in resina alla sommità del cappuccio vorrebbe imitare vagamente una Starwalker (che non è proprio la mia penna preferita), ma è pietosa! Non so se è quella che ha anche Domenico, ve la faccio vedere.
Dante
Allegati
IMG_1384.JPG
Jin Hao Starwalker?
IMG_1384.JPG (435.32 KiB) Visto 5648 volte

Avatar utente
Celluloide
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 357
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 0:40
Località: Verona

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Celluloide » martedì 29 maggio 2012, 16:27

Veramente pesanti, in un ferraccio scadente, ma ancora più scadente è la laccatura. Quanto alla scrittura, non c'è da stare allegri: pennini in acciaio che più grezzi non si può, rigidi e grossolani, hanno un tratto irregolare e tendono a far seccare l'inchiostro molto rapidamente.
Dante
Allegati
IMG_1383.JPG
IMG_1383.JPG (449.08 KiB) Visto 5646 volte

Avatar utente
Celluloide
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 357
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 0:40
Località: Verona

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Celluloide » martedì 29 maggio 2012, 16:29

La cosa peggiore, come dicevo, è la laccatura. Fragile e imprecisa, una vera presa in giro. La doratura poi non dura nemmeno pochi giorni.
Guardate qui, la laccatura come si fa imprecisa nel punto di congiunzione
Allegati
IMG_1381.JPG
IMG_1381.JPG (339.82 KiB) Visto 5643 volte

Avatar utente
Celluloide
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 357
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 0:40
Località: Verona

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Celluloide » martedì 29 maggio 2012, 16:30

Ma soprattutto la doratura è impressionante! dopo tre volte che ho messo e tolto il cappuccio ha cominciato a scolorirsi
Allegati
IMG_1380.JPG
IMG_1380.JPG (387.75 KiB) Visto 5641 volte

Avatar utente
Celluloide
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 357
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 0:40
Località: Verona

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Celluloide » martedì 29 maggio 2012, 16:34

Allora io credo che i prodotti cinesi potrebbero essere splendidi, ma ci propongono solo porcherie a prezzi irrisori. Quanto grande e antica è la tradizione cinese della scrittura? Perchè oggi riescono solo a proporci schifezze? Io sarei disposto anche a pagare un prezzo onesto per una penna onesta, ma un prezzo ridicolo per una fregatura non mi interessa! Soprattutto non mi interessa spendere 4 euro per una stilografica che vuole sembrare una Pelikan, ma si scolora a guardarla.
Dante
Allegati
IMG_1378.JPG
IMG_1378.JPG (443.81 KiB) Visto 5638 volte

Avatar utente
vikingo60
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 4750
Iscritto il: mercoledì 5 maggio 2010, 16:50
La mia penna preferita: Pelikan M 200
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 060
Arte Italiana FP.IT M: 060
Fp.it ℵ: 113
Fp.it Vera: 060
Località: Isernia
Sesso:

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da vikingo60 » martedì 29 maggio 2012, 17:43

Celluloide ha scritto:Ma soprattutto la doratura è impressionante! dopo tre volte che ho messo e tolto il cappuccio ha cominciato a scolorirsi
Riguardo la doratura delle penne cinesi,almeno costano poco;le Parker,invece,e soprattutto ciò vale per il modello Sonnet,costano parecchio e la doratura non regge più di un mese.Chissà se anche la Parker si fa produrre pezzi in Cina,come purtroppo fa ormai la Sheaffer.
Alessandro

Avatar utente
Celluloide
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 357
Iscritto il: martedì 9 agosto 2011, 0:40
Località: Verona

Re: La carica delle cinesi.

Messaggio da Celluloide » martedì 29 maggio 2012, 18:16

vikingo60 ha scritto:
Celluloide ha scritto:Ma soprattutto la doratura è impressionante! dopo tre volte che ho messo e tolto il cappuccio ha cominciato a scolorirsi
Riguardo la doratura delle penne cinesi,almeno costano poco;le Parker,invece,e soprattutto ciò vale per il modello Sonnet,costano parecchio e la doratura non regge più di un mese.Chissà se anche la Parker si fa produrre pezzi in Cina,come purtroppo fa ormai la Sheaffer.
Io però la Sonnet Cisélé ce l'ho da un paio d'anni e la uso davvero senza complimenti, ma la doratura è ancora come nuova. Piuttosto trovo sgradevole il fatto che l'argento massiccio sia stato trattato con un rivestimento innaturale, che non lascia respirare e ossidare il materiale. Non sembra quasi argento.
Dante

Rispondi