Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Cosa si può fare con la stilografica? Scrivere e... disegnare e ... dipingere!
Rispondi
Avatar utente
Lafountain
Artista
Artista
Messaggi: 467
Iscritto il: domenica 14 aprile 2013, 10:00
La mia penna preferita: Lamy Safari
Il mio inchiostro preferito: Lamy nero (QUELLO DI PRIMA!!!)
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Conegliano (TV)

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Lafountain » martedì 14 maggio 2013, 21:29

Ciao a tutti
Riporto di seguito un paio di test che ho fatto sugli inchiostri neri che avevo in casa, eseguiti utilizzando i decoloranti che normalmente impiego nei miei lavori.

Gli inchiostri sono:

- Pébéo Colorex nero 23
- Parker Quink nero
- Sheaffer Skrip nero
- Pelikan 4001 nero
- Montblanc nero
- Lamy nero
- Delta nero

I decoloranti che ho usato sono:

- Ipoclorito di sodio (Candeggina del marchio più noto, tipo classico, diluita per ciascuna parte in due di acqua demineralizzata).
- Perossido di idrogeno (Acqua ossigenata al 3% stabilizzata a 10 volumi, di normale uso farmaceutico).

Gli inchiostri sono naturali nella prima riga e progressivamente diluiti nelle altre quattro sottostanti utilizzando anche in questo caso acqua demineralizzata.
I decoloranti sono stati applicati sui campioni di inchiostro con un'unica passata di pennello.

La prima immagine di ogni test mostra la risposta degli inchiostri pochi istanti dopo l'applicazione del decolorante.
La seconda documenta il risultato finale.

TEST CON IPOCLORITO DI SODIO
TEST IPOCLORITO DI SODIO 01.jpg
TEST IPOCLORITO DI SODIO 01.jpg (126.3 KiB) Visto 2946 volte
TEST IPOCLORITO DI SODIO 02.jpg
TEST IPOCLORITO DI SODIO 02.jpg (169.81 KiB) Visto 2946 volte
TEST CON PEROSSIDO DI IDROGENO
TEST PEROSSIDO DI IDROGENO 01.jpg
TEST PEROSSIDO DI IDROGENO 01.jpg (133.89 KiB) Visto 2946 volte
TEST PEROSSIDO DI IDROGENO 02.jpg
TEST PEROSSIDO DI IDROGENO 02.jpg (167.84 KiB) Visto 2946 volte
Questo è il test come ho potuto farlo io (ma chissà cosa riuscirebbe a fare Ottorino!) con tutti i limiti di una cosa fatta in casa, cui si aggiunge purtroppo un'assai scadente qualità delle fotografie.

Spero comunque di essere riuscito a dare una risposta a qualche diffusa curiosità sull'argomento, dato che ormai le domande su quali fossero i decoloranti che uso cominciavano ad accavallarsi. Spero anche che dal test risultino chiaramente i motivi per i quali utilizzo e consiglio, per disegnare e dipingere, il Lamy nero: è quello che oltre a mantenere una gradevole colorazione quando viene diluito, risponde al meglio sia all'ipoclorito diluito (che per i disegni a inchiostro può essere ciò che per quelli a matita è la gomma), che al perossido.
Ma non basta, la sua sensibilità anche ad altri agenti, sarà oggetto, presto spero, di altri test.

Nel frattempo, se volete cominciare a disegnare e dipingere con l'inchiostro...

...ce l'avete il Lamy nero???

Allego, in data successiva, i risultati finali del test fotografati in condizioni di luce, anche se non ottime, almeno notevolmente migliori.
Allegati
TEST_01.jpg
TEST_01.jpg (906.11 KiB) Visto 2913 volte
TEST_02.jpg
TEST_02.jpg (954.27 KiB) Visto 2913 volte
Si dovrebbe parlare solo quando si è certi di migliorare il silenzio. (Mio padre)
Marco

Avatar utente
airlato
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 291
Iscritto il: mercoledì 13 marzo 2013, 21:10
La mia penna preferita: pilot falcon sf
Il mio inchiostro preferito: j. herbin perle noir
Misura preferita del pennino: Fine
Arte Italiana FP.IT M: 010
Fp.it ℵ: 014
Fp.it 霊気: 058
Località: Montegiorgio (FM)
Sesso:

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da airlato » martedì 14 maggio 2013, 22:03

Ci avevo preso con la candeggina :)
Ma spiegami più ne metto e più il colore schiarisce e ha colorazioni diverse?
Comunque provo subito...ah, un'altra cosa prima dipingi e poi decolori o prepari l'inchiostro prima?
Andrea

Avatar utente
Lafountain
Artista
Artista
Messaggi: 467
Iscritto il: domenica 14 aprile 2013, 10:00
La mia penna preferita: Lamy Safari
Il mio inchiostro preferito: Lamy nero (QUELLO DI PRIMA!!!)
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Conegliano (TV)

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Lafountain » martedì 14 maggio 2013, 22:29

airlato ha scritto:Ci avevo preso con la candeggina :)
Ma spiegami più ne metto e più il colore schiarisce e ha colorazioni diverse?
Comunque provo subito...ah, un'altra cosa prima dipingi e poi decolori o prepari l'inchiostro prima?
Eh sì, Andrea, con la candeggina avevi proprio indovinato!

Per la prima domanda, con la diluizione consigliata l'inchiostro sparisce. Riducendo la capacità decolorante (ovvero all'aumentare della diluizione) l'inchiostro comincerà a non sparire più, e prenderà invece diverse sfumature di colore a seconda di quanto hai diluito il decolorante stesso.
Per la seconda domanda, prima si dipinge e poi si decolora.
La diluizione dell'ipoclorito può essere aumentata tuffando il pennello intriso della diluizione che ho consigliato (una parte di candeggina in 2 di acqua) in un bicchiere d'acqua CHE DEVE ESSERE TENUTO A PARTE per non inquinare ogni cosa. E attenzione anche ai pennelli e alla loro acqua di lavaggio! Idem col perossido. Personalmente, quando adopero i decoloranti tengo davanti a me quattro bicchieri di acqua, due a destra (acqua di diluizione inchiostri e acqua di lavaggio dei pennelli da inchiostro) e due a sinistra ( uno per l'acqua di diluizione dell'ipoclorito e lavaggio dei relativi pennelli, e l'altro, per il perossido, con le stesse funzioni) tenuti ben separati per evitare il rischio di confondermi. Facendo esercizio imparerai a sfruttare al meglio le potenzialità dei decoloranti e ad evitare gli errori nei quali potresti cadere.
La superficie decolorata, poi, può essere anche "lavata" con un pennello e acqua pulita (e magari poi tamponata con un Kleenex) sia per schiarire ulteriormente la zona su cui si è lavorato, sia per togliere ogni residuo di decolorante dalla superficie trattata, specialmente nell'eventualità che tu poi volessi dipingerci o disegnarci sopra. Ma se invece tu dovessi dipingere dei rametti di vischio che stanno DIETRO ad un vaso di vetro che hai decolorato, allora...
Più di tutto vale "farsi le ossa", ma il risultato ripaga della fatica: l'uso dei decoloranti offre straordinarie possibilità nella pittura a inchiostro.
Si dovrebbe parlare solo quando si è certi di migliorare il silenzio. (Mio padre)
Marco

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8825
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Irishtales » mercoledì 15 maggio 2013, 8:32

Marco, sei geniale! Non vedo l'ora di "mettere alla prova" anche altri inchiostri; mi piacciono molto i viraggi del Lamy nero (un inchiostro che adoro anche per scrivere, non mi ha mai delusa su nessuna stilo!) ma anche la componente verde del Pébéo è bellissima.
Non ci crederai, ma ho un quaderno Moleskine dedicato a prendere appunti. In ogni tuo intervento ci sono informazioni da schedare e studiare. E sperimentare, naturalmente!
Non ho altre parole che...grazie!!!! :P
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
Lafountain
Artista
Artista
Messaggi: 467
Iscritto il: domenica 14 aprile 2013, 10:00
La mia penna preferita: Lamy Safari
Il mio inchiostro preferito: Lamy nero (QUELLO DI PRIMA!!!)
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Conegliano (TV)

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Lafountain » mercoledì 15 maggio 2013, 10:07

Irishtales ha scritto: Non ho altre parole che...grazie!!!! :P
Grazie a ME???
Carissima Daniela, ti ricordo (e proprio oggi è un mese esatto dalla mia presentazione come nuovo iscritto) che il merito di tutto questo è tuo.

Baci&Abbracci
Si dovrebbe parlare solo quando si è certi di migliorare il silenzio. (Mio padre)
Marco

Avatar utente
Lafountain
Artista
Artista
Messaggi: 467
Iscritto il: domenica 14 aprile 2013, 10:00
La mia penna preferita: Lamy Safari
Il mio inchiostro preferito: Lamy nero (QUELLO DI PRIMA!!!)
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Conegliano (TV)

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Lafountain » mercoledì 15 maggio 2013, 10:24

Irishtales ha scritto:anche la componente verde del Pébéo è bellissima.
E' vero che il Nero 23 Pébéo (come tutti i cinquantanove altri colori) è assai gradevole nelle sue sfumature e risponde bene ai decoloranti (soprattutto all'ipoclorito), ma mi devo scusare: la foto non è di grande qualità, anzi. Per vedere un po' meglio i risultati finali (quelli intermedi ormai non è più possibile averli se non rifacendo i test, ma non hanno nessuna funzione pratica, solo documentativa), attendi una mezzora quando allegherò al test delle foto fatte in condizioni di luce decisamente migliori di quelle che avevo a disposizione ieri.

A presto
Si dovrebbe parlare solo quando si è certi di migliorare il silenzio. (Mio padre)
Marco

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8825
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Irishtales » mercoledì 15 maggio 2013, 11:50

Sorprendente! C'è un universo complesso e una tecnica raffinatissima ed elaborata dietro ogni risultato ottenuto. Ed è tanto più formidabile quanto si assume la consapevolezza che dietro un processo creativo c'è in ogni caso una padronanza "scientifica" dei mezzi; questo connubio rende il risultato ancor più affascinante.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
SBAIUBERN
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 39
Iscritto il: martedì 23 aprile 2013, 16:06
La mia penna preferita: Pelikan 400 NN
Il mio inchiostro preferito: Sheaffer Skrip Rosso
Misura preferita del pennino: Obliquo
Località: Milano/Mantova

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da SBAIUBERN » mercoledì 15 maggio 2013, 12:57

Sono decisamente d'accordo con te, il lamy è effettivamente quello che risponde al meglio a questi due reagenti dopo l'asciugatura! Con l'ipoclorito di sodio il montblanc, il pelikan e il delta liberano immediatamente delle belle colorazioni che però non si mantengono del tutto dopo nel risultato finale.....secondo te sarebbe possibile applicarci un fissante in modo tale da conservare immediatamente le sfumature di colori liberate?

Con il perossido direi che il Lamy vince a mani basse...anche se il pebeo può essere comunque interessante!

Hai mai provato a fare dei mix di neri e osservare il risultato?

Grazie per la prova riportata!!! Estremamente interessante, nonchè "inscimmiante" (cioè che ti attacca la voglia!)!

Saluti Andrea
Nell'involucro del simbolo la nostra intuizione è inscritta.

Andrea

Avatar utente
Lafountain
Artista
Artista
Messaggi: 467
Iscritto il: domenica 14 aprile 2013, 10:00
La mia penna preferita: Lamy Safari
Il mio inchiostro preferito: Lamy nero (QUELLO DI PRIMA!!!)
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Conegliano (TV)

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Lafountain » mercoledì 15 maggio 2013, 13:38

Irishtales ha scritto:dietro un processo creativo c'è in ogni caso una padronanza "scientifica" dei mezzi; questo connubio rende il risultato ancor più affascinante.
L'hai detto perfettamente, Daniela. Se non conosci a fondo i tuoi strumenti, le loro possibilità e i loro limiti, se non ti sforzi di aumentare le loro potenzialità, come puoi pensare che in quello che scegli di fare siano sufficienti il tuo io e il tuo "gesto creativo"? Il nostro desiderio di conoscere e la nostra ricerca, nel campo in cui desideriamo operare, sono le cose che ci consentono di crescere. Ma sono sicuro che tutto questo ti è familiare, e la smetto qui perché altrimenti finirei per ripetere quanto tu hai detto assai meglio di me.
E poi io sono ai primi passi: sono pochissimi mesi che ho scelto gli inchiostri per riprendere a dipingere dopo un'infinità di anni che non lo facevo, e mi vien da piangere quando guardo l'incredibile quantità di acquerelli che ho comperato (del tutto inutilmente, ora lo so!), sempre solo qualche mese fa, quando ero convinto che mi sarei dedicato ad essi. Cioè appena prima di essere "fulminato sulla via di Damasco" dai nostri amici inchiostri.
E per fortuna che almeno i pennelli sono gli stessi!
Si dovrebbe parlare solo quando si è certi di migliorare il silenzio. (Mio padre)
Marco

Avatar utente
Lafountain
Artista
Artista
Messaggi: 467
Iscritto il: domenica 14 aprile 2013, 10:00
La mia penna preferita: Lamy Safari
Il mio inchiostro preferito: Lamy nero (QUELLO DI PRIMA!!!)
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Conegliano (TV)

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da Lafountain » mercoledì 15 maggio 2013, 14:47

SBAIUBERN ha scritto:Sono decisamente d'accordo con te, il lamy è effettivamente quello che risponde al meglio a questi due reagenti dopo l'asciugatura! Con l'ipoclorito di sodio il montblanc, il pelikan e il delta liberano immediatamente delle belle colorazioni che però non si mantengono del tutto dopo nel risultato finale.....secondo te sarebbe possibile applicarci un fissante in modo tale da conservare immediatamente le sfumature di colori liberate?
Con il perossido direi che il Lamy vince a mani basse...anche se il pebeo può essere comunque interessante!
Hai mai provato a fare dei mix di neri e osservare il risultato?
Grazie per la prova riportata!!! Estremamente interessante, nonchè "inscimmiante" (cioè che ti attacca la voglia!)!
Saluti Andrea
Sono lieto che tu sia rimasto tanto "inscimmiato" da queste cose da aver ripetuto il test. Ora hai la prova che il mio consiglio di utilizzare il Lamy è fondato. E questa è già una cosa importante.
Le colorazioni che avvengono durante la reazione non ho mai provato a fermarle, e la mia ignoranza della chimica è troppo abissale perché io possa dire alcunché sull'argomento. So però che se tu dai più mani dello stesso inchiostro prima di passare il decolorante quelle colorazioni permangono più estese. Prova! E sperimenta!
Il Colorex Pébéo è un ottimo prodotto, ed è quello che consiglierò quando ci addentreremo nel campo degli inchiostri colorati. Ha una gamma di sessanta (sessanta!) tinte che rispondono bene ai decoloranti (benché debba aggiungere che le prove che ho fatto io sono limitate e parziali perché ne ho "solo" poco più di una ventina, alcune delle quali ancora mai utilizzate né, comprensibilmente spero, ho un qualche interesse a fare test sull'intera gamma).
Per quanto riguarda i mix, Andrea, devo dire che per il momento sono ancora troppo impegnato a conoscere limiti e potenzialità del Lamy (né posso parlare di peculiarità perché gli altri inchiostri li conosco ancor meno, e ti assicuro che i test fatti sono appena la punta dell'iceberg) per sentire la necessità di entrare in una girandola sconfinata di miscele più o meno casuali prima ancora di poter dire di conoscere a fondo l'inchiostro che uso.
Con viva cordialità
Si dovrebbe parlare solo quando si è certi di migliorare il silenzio. (Mio padre)
Marco

Avatar utente
SBAIUBERN
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 39
Iscritto il: martedì 23 aprile 2013, 16:06
La mia penna preferita: Pelikan 400 NN
Il mio inchiostro preferito: Sheaffer Skrip Rosso
Misura preferita del pennino: Obliquo
Località: Milano/Mantova

Qualche inchiostro e due decoloranti (TEST)

Messaggio da SBAIUBERN » mercoledì 15 maggio 2013, 15:49

A dire il vero non ho ancora replicato l'esperimento, le mie considrazioni erano basate sulle tavole da te fotografate! In effetti rileggendo il mio post si cade facilmente in un simile fraintendimento (mi scuso, ma l'ho scritto molto velocemente in uffico in un momento di pausa...di straforo se vogliamo!)!

Comunque posso assicurarti che la replica non tarderà ad arrivare!!!! :) Anche perchè non vedo l'ora di sperimentare!!!!
Ora mi devo solo procurare un bel po' di inchiostro nero di marche diverse....in sicurezza intanto faccio una scorta di lamy!!!

Salutissimi!

Andrea (scritto di straforo ;) )
Nell'involucro del simbolo la nostra intuizione è inscritta.

Andrea

Rispondi