Presentazione

Sei appena arrivato? Presentati e facci conoscere le tue preferenze in fatto di... penne!!
Rispondi
Giorgio45
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 12:39
La mia penna preferita: Aurora Marco Polo, poi Dupont
Il mio inchiostro preferito: Azzurro Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Giorgio45 » mercoledì 18 aprile 2018, 9:29

Buongiorno a tutti, bentrovati.
Sono un pensionato, ex dirigente. Ho imparato a scrivere quando nei banchi di scuola c'era il calamaio e si usavano penne con fusto in legno (bachelite per i più abbienti) e pennino. Il pennino durava fino alla successiva caduta a terra. Ho DISimparato a scrivere usando il computer per decenni (ero informatico) e facendo al massimo una sigla sui documenti a mò di firma. Mi sono reso conto di non saper più scrivere a mano....(Alzheimer galoppante?) e ho deciso di ricominciare. Ho recuperato dal fondo dei cassetti il mio piccolo 'patrimonio' di penne, tutte oggetto di regali, le ho 'riportate in vita' ripulendole e dotandole di refill o inchiostri originali. Infine, mi sono procurato una specie di espositore e vi ho sistemato le mie penne preferite. Per ora posso citare, tra le altre, biro Parker, Cross, Papermate, Aurora Marco Polo, Omas, Sheaffer, Maserati oltre a mine Parker, Cross, Omas. Tra le stilografiche, che sto apprezzando a dismisura, possiedo una Montblanc Meisterstuck, una Dupont Fidelio, una Waterman, una Omas e la mia preferita per vari motivi, un'Aurora Marco Polo.
E' proprio quest'ultima che mi ha sollecitato a chiedere un consiglio in rete, con conseguente iscrizione a questo forum. Per quanto conservata con cura, ripulita, dotata di refill originale, continua a perdere inchiostro nel punto in cui il pennino s'innesta nella penna. Qualche consiglio? Di nuovo buongiorno a tutti e grazie in anticipo.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9663
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Presentazione

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 18 aprile 2018, 9:36

Benvenuto!!!!!!!!!!! :wave:
Per il problema alla tua Marco Polo scrivi in "Tecnica e riparazioni ", sarà più visibile.
Possibilmente aggiungi qualche foto.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 557
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

Presentazione

Messaggio da lucre » mercoledì 18 aprile 2018, 10:41

Ciao,
da quello che ho capito dovremmo essere più o meno coetanei ( i calamai sul banco me li ricordo ). Benvenuto nel Forum
çuigi

Giorgio45
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 12:39
La mia penna preferita: Aurora Marco Polo, poi Dupont
Il mio inchiostro preferito: Azzurro Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Giorgio45 » mercoledì 18 aprile 2018, 12:36

Grazie del graditissimo benvenuto. Vedo che abbiamo fatto percorsi simili, essendo ex dirigenti in pensione. Io mi sto riavvicinando alla scrittura manuale, dopo essermi accorto di non saper più scrivere decentemente. E la vecchia, buona, impareggiabile stilografica, è quel che ci vuole.
Buona giornata

https://forum.fountainpen.it/download/f ... w&id=45680
Allegati
penna vecchio stile.jpg
Penna sovietica non troppo vecchia, direi anni 70'

Avatar utente
Miata
Levetta
Levetta
Messaggi: 718
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 14:03
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Violet
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sicilia
Sesso:
Contatta:

Presentazione

Messaggio da Miata » mercoledì 18 aprile 2018, 17:46

Benvenuto tra noi, Giorgio
Florinda


"Non abbiate nelle vostre case nulla che non sapete essere utile o che non ritenete essere bello" William Morris

Avatar utente
Placo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 761
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Pelikan Classic M205 blu
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Placo » mercoledì 18 aprile 2018, 21:24

Benvenuto, Giorgio! :wave:
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Immagine

Avatar utente
Rodelinda
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 248
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Presentazione

Messaggio da Rodelinda » mercoledì 18 aprile 2018, 23:22

Giorgio45 ha scritto:
mercoledì 18 aprile 2018, 9:29
Buongiorno a tutti, bentrovati.
Sono un pensionato, ex dirigente. Ho imparato a scrivere quando nei banchi di scuola c'era il calamaio e si usavano penne con fusto in legno (bachelite per i più abbienti) e pennino. Il pennino durava fino alla successiva caduta a terra. Ho DISimparato a scrivere usando il computer per decenni (ero informatico) e facendo al massimo una sigla sui documenti a mò di firma. Mi sono reso conto di non saper più scrivere a mano....(Alzheimer galoppante?) e ho deciso di ricominciare. Ho recuperato dal fondo dei cassetti il mio piccolo 'patrimonio' di penne, tutte oggetto di regali, le ho 'riportate in vita' ripulendole e dotandole di refill o inchiostri originali. Infine, mi sono procurato una specie di espositore e vi ho sistemato le mie penne preferite. Per ora posso citare, tra le altre, biro Parker, Cross, Papermate, Aurora Marco Polo, Omas, Sheaffer, Maserati oltre a mine Parker, Cross, Omas. Tra le stilografiche, che sto apprezzando a dismisura, possiedo una Montblanc Meisterstuck, una Dupont Fidelio, una Waterman, una Omas e la mia preferita per vari motivi, un'Aurora Marco Polo.
E' proprio quest'ultima che mi ha sollecitato a chiedere un consiglio in rete, con conseguente iscrizione a questo forum. Per quanto conservata con cura, ripulita, dotata di refill originale, continua a perdere inchiostro nel punto in cui il pennino s'innesta nella penna. Qualche consiglio? Di nuovo buongiorno a tutti e grazie in anticipo.
Ciao, Giorgio!
Che dire: condivido la tua passione per le stilografiche Aurora che riprendono la linea della mia predilettissima, l'Aurora Hastil.
Mi par di capire di avere MOLTI anni meno di te, ma ho avuto la s-fortuna di avere, in prima elementare, come maestra supplente una signora anziana la quale non si era mai abituata al passaggio dal calamaio alle biro, ragion per cui per i primi nove mesi di scuola dell'obbligo fummo costretti tutti, dopo la fase della matita, a usare la stilografica. Le abitudini acquisite nei primi mesi di alfabetizzazione sono dure a morire, per cui non mi sono mai abituata del tutto alle biro che furono introdotte per motivi di sicurezza dalla mia insegnante di ruolo una volta rientrata dalla malattia.
C'è da dire che noi bambini usavamo le stilo per ogni sorta di attività, non tutte connesse con la scrittura, tra cui punzecchiare il didietro del compagno seduto davanti, per cui può darsi che la preoccupazione della maestra non fosse del tutto infondata...
Posta la tua richiesta di assistenza nella sezione tecnica, sapranno aiutarti egregiamente!

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10192
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Presentazione

Messaggio da piccardi » giovedì 19 aprile 2018, 1:19

Ciao Giorgio,

un caloroso benvenuto anche da parte mia, e per la tua domanda, segui il consiglio di Massimo, troverai più risposte, e le troverà poi più facilmente anche chi dovesse avere lo stesso problema.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Giorgio45
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 12:39
La mia penna preferita: Aurora Marco Polo, poi Dupont
Il mio inchiostro preferito: Azzurro Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Giorgio45 » giovedì 19 aprile 2018, 9:07

Grazie a tutti per l'accoglienza. Condividere una passione ci rende più amichevoli e disponibili verso il prossimo. Fosse così anche in politica....
Saluti.

Avatar utente
orsobruno
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 33
Iscritto il: domenica 2 ottobre 2016, 10:30
La mia penna preferita: Aurora 88Big,PelikanM800,MB149
Il mio inchiostro preferito: gamma del nero, viola, marrone
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Presentazione

Messaggio da orsobruno » giovedì 19 aprile 2018, 12:00

benvenuto, compagno di penna a intinzione! :D

Giorgio45
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 12:39
La mia penna preferita: Aurora Marco Polo, poi Dupont
Il mio inchiostro preferito: Azzurro Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Giorgio45 » giovedì 19 aprile 2018, 13:14

Grazie, Orsobruno.
In realtà ho pubblicato la foto di questa penna, marca Raketa, regalatami tanti anni fa da un amico russo, come oggetto curioso.
Io, che alle elementari usavo penne identiche, primi anni '50, me la guardo con nostalgia.
Ho provato a farla usare, con boccetta d'inchiostro Dupont a mò di calamaio, alla mia nipotina, 10 anni, quarta elementare. Risultato: inorridita....

Grazie ancora per l'accoglienza e buona giornata.

Avatar utente
Rodelinda
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 248
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

Presentazione

Messaggio da Rodelinda » giovedì 19 aprile 2018, 14:19

Giorgio45 ha scritto:
giovedì 19 aprile 2018, 13:14
Ho provato a farla usare, con boccetta d'inchiostro Dupont a mò di calamaio, alla mia nipotina, 10 anni, quarta elementare. Risultato: inorridita....
Durante gli anni dell'università, per alzare qualche soldino, ho dato ripetizioni di ogni sorta di materia anche ai bambini delle elementari.
Devo dire che non la vedo bene per le stilo. Sono abituati a tenere le biro in verticale, e questo fa sviluppare una totale inattitudine all'uso della stilografica.
Tuttavia ho riscontrato che in almeno un paio di casi la grafia dei bambini migliorava nettamente con l'uso della stilografica, per cui io spero sempre in un ritorno.

Giorgio45
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 12:39
La mia penna preferita: Aurora Marco Polo, poi Dupont
Il mio inchiostro preferito: Azzurro Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Giorgio45 » giovedì 19 aprile 2018, 20:25

Rodelinda, trovo particolarmente appropriata la considerazione sul modo di usare la biro, confrontata a penna e pennino. Non ci avevo pensato; sicuramente è così e giustifica le difficoltà della mia nipotina, che non manifesta problemi con biro e matite.
Al contrario, il mio ritorno all'inchiostro, quello vero, mi vede perfettamente a mio agio.
Saluti.

Avatar utente
ricart
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 199
Iscritto il: venerdì 18 agosto 2017, 14:05
La mia penna preferita: PELIKAN 120
Il mio inchiostro preferito: ADESSO J.HERBIN BLEU-NUIT
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it Vera: 054
Località: PROVINCIA DI UDINE
Sesso:

Presentazione

Messaggio da ricart » giovedì 19 aprile 2018, 22:04

A Giorgio45, ho qualche anno in meno ma mi ricordo benissimo il periodo delle elementari (1958) quando usavo le cannucce con il pennino e la maestra metteva la polvere di una bustina in una bottiglia d'acqua per fare l'inchiostro,non era mai uguale a quello precedente. E le macchie sul quaderno e le dita tutte nere e gli odori dell'inchiostro, del gesso e il calore della stufa a legna in laterizio di colore rosso che la bidella accendeva al mattino e per qualche ora c'era tutto un fumo nell'aula. Ogni tanto scrivo con queste penne e utilizzo gli avanzi degli inchiostri che scarico dalle stilografiche e che raccolgo in una vecchia boccetta.Quelli si che erano pennini flessibili.
Mandi da Ricart.
Allegati
IMG_0040.JPG

Giorgio45
Converter
Converter
Messaggi: 20
Iscritto il: lunedì 16 aprile 2018, 12:39
La mia penna preferita: Aurora Marco Polo, poi Dupont
Il mio inchiostro preferito: Azzurro Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Presentazione

Messaggio da Giorgio45 » venerdì 20 aprile 2018, 9:32

ricart ha scritto:
giovedì 19 aprile 2018, 22:04
A Giorgio45, ho qualche anno in meno ma mi ricordo benissimo il periodo delle elementari (1958) quando usavo le cannucce con il pennino e la maestra metteva la polvere di una bustina in una bottiglia d'acqua per fare l'inchiostro,non era mai uguale a quello precedente. E le macchie sul quaderno e le dita tutte nere e gli odori dell'inchiostro, del gesso e il calore della stufa a legna in laterizio di colore rosso che la bidella accendeva al mattino e per qualche ora c'era tutto un fumo nell'aula. Ogni tanto scrivo con queste penne e utilizzo gli avanzi degli inchiostri che scarico dalle stilografiche e che raccolgo in una vecchia boccetta.Quelli si che erano pennini flessibili.
Mandi da Ricart.
Sinceri complimenti. Sto riassemblando gli stessi ricordi (le macchie, gli odori, il gessetto...). E, chiedo scusa se mi ripeto, il ritorno all'inchiostro mi offre sensazioni gradevolissime. Fatta eccezione per le dita nere....gli inchiostri moderni sono più tenaci di quelli d'allora (1950-1955). Complimenti anche per la varietà di pennini, notevole!
Saluti

Rispondi