Pennini questi sconosciuti

Le origini della scrittura moderna: dalla piuma d'oca al pennino.
Rispondi
daniomass
Converter
Converter
Messaggi: 15
Iscritto il: mercoledì 2 agosto 2017, 10:56
Misura preferita del pennino: Italico
Sesso:
Contatta:

Pennini questi sconosciuti

Messaggio da daniomass » venerdì 4 agosto 2017, 11:40

Salve a tutti,
a breve acquisterò dei pennini, premetto che non ne ho mai avuti.
Ho deciso di prendere 2 cannucce ed un set di punte per l'italico della mitchell.
Documentandomi un po in rete ho letto che vanno bruciate :?:
Quanto è poi la vita del pennino, mantenendo una manutenzione puntuale?

Sapreste consigliarmi qualche dritta?
Condividete le vostre esperienze, il corriere arriverà presto :P :P

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 619
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei-Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Pennini questi sconosciuti

Messaggio da Silemar » sabato 5 agosto 2017, 10:06

Ciao Daniele,
di discussioni sui pennini ne troverai tante qui sul sito, basta fare una ricerca in tema. ;) Intanto te ne indico una io:

https://forum.fountainpen.it/viewtopic. ... 6&start=30

In generale, i pennini Mitchell vanno bruciati per diversi secondi sulla fiamma (attento a non deformare la cannuccia!) e poi fatti "sfrigolare" nell'acqua, infine puliti e asciugati per bene. Possono dare false partenze e richiedere una "danza" (avanti e indietro) per iniziare a scrivere. Alcuni li amano, altri li odiano... gusti personali. La mia limitata esperienza mi ha portato a preferire i Bandzug.

A tal proposito ti riporto un mio vecchio commento. Buona calligrafia! :wave:

Ciao a tutti, vi descrivo le mie prime esperienze con i pennini da intinzione. Spero che le difficoltà che ho incontrato io non riguardino altri principianti; se mai doveste incontrarle però, la parola d'ordine è: “insistere”! :D

Brause Bandzug: non è stato subito amore, anzi. Non riuscivo a farli funzionare, forse perché non li avevo bruciati abbastanza. Nel frattempo, pensando fosse colpa della posizione dei serbatoi, continuavo a staccare e riattaccare questi ultimi collezionando qualche ferita alle mani. Alla fine li ho nuovamente bruciati e sono partiti. Ma la mia mano, abituata alle penne calligrafiche, non riesce facilmente ad accomodarsi al loro taglio obliquo e per scrivere devo tenere la cannuccia quasi verticale.

Speedball. La punta di questi pennini è tagliata obliqua come i Bandzug e quindi, come quelli, fatico a tenerli aderenti al foglio. Il risultato è quindi un tratto tremolante, reso ancor più evidente dalle grandi dimensioni scelte (C1/C2/C3). Li ho trovati poi troppo lunghi e flessibili per me che ho la mano un po' pesante. Questi pennini hanno il serbatoio già montato sopra che sta lì bello fisso, cosa che ho trovato scomoda al momento della pulizia. Li ho utilizzati senza bruciatura iniziale (pulendoli solo con un po' d'alcool) e sono partiti subito.

Mitchell Rhound Hand: non li ho acquistati subito perché avevo letto che grattavano (soprattutto quelli più grandi) e che avevano il serbatoio mobile posto sotto e ne ero intimorita. Però volevo provare un pennino dalla punta dritta e così mi sono decisa. Sicuramente l'impugnatura risulta per me più agevole (rispetto a quella quasi verticale dei Bandzug) ma li ho trovati meno scorrevoli e artefici di troppe false partenze. Inoltre ho impiegato diverso tempo per riuscire a far funzionare i serbatoi. Li ho bruciati per circa 12 secondi (senza serbatoio) prima dell'uso.

Mitchell rame: questi pennini dal bel colore rossiccio sono più larghi degli altri e sono riuscita ad usarli solo su una cannuccia Mitchell dalla sezione triangolare. Pur apprezzando la scorrevolezza di questi pennini non sono riuscita a farli funzionare con il serbatoio (quello dei Mitchell Rhound Hand adattato allargando le alette). Di fatto li ho per ora abbandonati.

Attualmente penso di preferire i Bandzug nonostante le mie difficoltà.
Laura

daniomass
Converter
Converter
Messaggi: 15
Iscritto il: mercoledì 2 agosto 2017, 10:56
Misura preferita del pennino: Italico
Sesso:
Contatta:

Pennini questi sconosciuti

Messaggio da daniomass » domenica 13 agosto 2017, 10:02

Capisco, oggi mi è arrivato il kit di calligrafia della Mitchell, rispettivamente
Italic n. 1R, 2R, 3R, 4R, 5R
  • 2 serbatoi
  • Post Office Nib
(che ho avuto il tempo di provare al volo e la trovo bellissima)
  • Scroll Nib n. 10, 30, 50
  • Elbow Copperplate Nib
  • Witch pen n.2
Quindi comincio a bruciacchiare tutte le punte.
La mia domanda è devo bruciare anche la witch pen?

Grazie :)

Rispondi