recensione "Mastering Copperplate"

Libri e pubblicazioni: recensioni e segnalazioni.
Rispondi
Avatar utente
klapaucius
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1433
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2011, 14:23
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Tsuki-yo
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 097
Arte Italiana FP.IT M: 048
Località: Londra
Sesso:

recensione "Mastering Copperplate"

Messaggio da klapaucius » martedì 12 giugno 2012, 20:09

Un altro libro che ho comprato qualche settimana fa è Mastering Copperplate Calligraphy: a step-by-step manual di Eleanor Winters.

Immagine

A mio avviso è ottimo. Dopo una breve parte introduttiva sullo stile (o gli stili) Copperplate, la sua origine storica e la sua fioritura, la maggior parte del libro è dedicato all'addestramento da seguire per apprendere questo tipo di scrittura. Una carrellata sugli strumenti necessari per iniziare, con approfondita discussione sui pennini da scegliere, una serie di indicazioni su come prepararsi alla sessione di scrittura, che oltre ad essere di estrema praticità ha il merito di trasmettere quasi lo stato d'animo, l'idea della concentrazione, la dedizione totale che la pratica richiede, come ogni hobby "di pazienza".

Le lezioni sono dettagliate: si parte con le famigerate stanghette, le "u" di tutti i tipi, le "o", i loop ecc. E solo dopo un certo esercizio sui tratti di base si parte con l'alfabeto. E anche qui ogni lettera è spiegata in grande dettaglio, prima minuscola e poi maiuscola, con tanto di illustrazioni degli errori comuni da evitare.

E quindi si passa alle variazioni, agli abbellimenti, alla progettazione di pagine e di scritte efficaci per poster, biglietti, buste da corrispondenza ecc...

Per quanto non sia il tipo di scrittura che preferisco, un po' troppo rigido (per lo meno all'inizio, quando si deve prendere la mano) e lento da riprodurre, il libro - tra l'altro di formato grande - si fa apprezzare moltissimo. Se fosse stato rilegato ad anelli sarebbe stato il massimo, ma si riesce a mantenere aperto comunque.

Decisamente consigliato per chi vuole imparare questo stile tipicamente anglosassone.
Giuseppe

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7245
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Re: recensione "Mastering Copperplate"

Messaggio da Ottorino » martedì 12 giugno 2012, 21:00

Ho messo un link sul wiki su questo argomento
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7245
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Re: recensione "Mastering Copperplate"

Messaggio da Ottorino » giovedì 11 ottobre 2012, 9:00

Dopo un po' l'ho preso anche io. E ieri sera l'ho letto un po'.

Quello che mi ha sorpreso è il dettaglio degli errori che si possono fare, illustrati con le figure.
Ho altri diversi libri e opuscoli di calligrafia sia in italiano che in inglese e questo è il primo in cui trovo questi dettagli.
Non so se questi dettagli ci siano stati inseriti perche' questo stile è veramente rigido e impostato oppure per una scelta dell'autrice.
Comunque è veramente ben fatto. Curioso il consiglio di farsi fare gli occhiali "da vicino" e non "da lettura".

PS
Grazie a Giuseppe.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Rispondi