Recensione: lezioni di paleografia

Libri e pubblicazioni: recensioni e segnalazioni.
Rispondi
alessio
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 93
Iscritto il: domenica 18 agosto 2013, 18:19
Il mio inchiostro preferito: Parker quink Black (una volta)
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Nizza monferrato
Sesso:

Recensione: lezioni di paleografia

Messaggio da alessio » venerdì 17 giugno 2016, 10:29

Ciao a tutti.
Per prima cosa scrivo in questa sezione la mia recensione perché ritengo che questo libro sia un valido aiuto a tutti i calligrafi che desiderano approfondire la storia della loro arte.
Titolo: lezioni di paleografia
Autore: Giulio Battelli
Editore: libreria editrice vaticana
Pagine: 256
Prezzo: 20€
ISBN: 978-88-209-2689-2

Citando la sinossi: "la paleografia è la scienza che studia le antiche scritture".
Questo libro è una raccolta di lezioni impartite alla scuola vaticana, volte ad analizzare molte opere antiche. La trattazione è limitata alle sole scritture latine, a partire da quelle del III-IV secolo d.C. le fonti aumentano e quindi anche l'analisi delle scritture.
In particolare nei primi capitoli si parla dei vari supporti scrittori e strumenti di scrittura, per poi passare alla trattazione delle singole scritture. In particolare tratta le scritture romana, onciale, semionciale, scritture varie del VI-VII secolo, precaroline, beneventana, visigotica, merovingica, scritture anglosassoni del XIII-IX secolo, irlandese, Carolina, gotica nei suoi vari stili, cancelleresca e umanistica rotonda e corsiva.
Nel testo sono presenti inoltre molti rimandi a manoscritti consultabili digitalmente.
Si tratta di un libro di piacevole lettura che sicuramente sarà trovato interessante da ogni appassionato del settore.
Ps: scusate la scarsa qualità delle immagini.
1466151866206-311880153.jpg
Allegati
14661519509081989753788.jpg

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8781
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Recensione: lezioni di paleografia

Messaggio da Irishtales » venerdì 17 giugno 2016, 11:15

Grazie per la segnalazione Alessio, è un testo di indubbio interesse per tutti gli appassionati!
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
Corvogiallo
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 296
Iscritto il: giovedì 9 luglio 2015, 16:09
La mia penna preferita: Waterman Carene
Il mio inchiostro preferito: Montblanc Noir
Misura preferita del pennino: Fine

Recensione: lezioni di paleografia

Messaggio da Corvogiallo » venerdì 17 giugno 2016, 21:53

Quanti ricordi dell'esame...aggiungo Bishoff, Paleografia Latina...due ottimi testi

Avatar utente
vivalapenna
Storico della Calligrafia
Storico della Calligrafia
Messaggi: 30
Iscritto il: martedì 19 agosto 2014, 12:27
La mia penna preferita: calligrafica punta fine
Il mio inchiostro preferito: waterman e i giapponesi
Misura preferita del pennino: Fine

Recensione: lezioni di paleografia

Messaggio da vivalapenna » sabato 25 giugno 2016, 13:06

Ottimo testo, anche quello del Bischoff, sono testi che hanno fatto scuola. Sono un po' datati, la prima edizione del Battelli è degli anni 40, e non è stata modificata sostanzialmente. Riporta anche notizie sulla miniatura che sono molto utili. Aggiungerei i famosissimi Lineamenti di storia della scrittura latina del grande paleografo Giorgio Cencetti, testo degli anni 50, ristampato a Bologna un po' di anni fa, e quindi credo ancora reperibile. E' uno dei pochi, forse l'unico, che tratta anche un po' delle scritture moderne.
Il testo attualmente in uso nella scuola vaticana è quello di Alessandro Pratesi, che però continua a proporre vecchie teorie sulla disciplina paleografica.
E' l'ultimo trattato di paleografia pubblicato in Italia negli ultimi anni.
Ne esistono ovviamente numerosi altri, ogni archivio di stato che fa scuola di paleografia normalmente pubblica anche degli eserciziari per poter far pratica.

alessio
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 93
Iscritto il: domenica 18 agosto 2013, 18:19
Il mio inchiostro preferito: Parker quink Black (una volta)
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Nizza monferrato
Sesso:

Recensione: lezioni di paleografia

Messaggio da alessio » martedì 28 giugno 2016, 12:35

Gli altri testi non li conosco, spero di riuscire a trovarli da qualche parte.

Rispondi