IoPenna di Visconti

Nuovi modelli in arrivo o appena presentati.
Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1085
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

IoPenna di Visconti

Messaggio da Monet63 » giovedì 16 maggio 2019, 14:44

Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 11:50
La mia personalissima opinione è che la IoPenna dovrà essere indirizzata a un pubblico diverso da quello che storicamente apprezza Visconti e il fascino delle stilografiche. Sarà un oggetto di design, più che una stilografica, e per questo motivo apprezzata e acquistata da alcuni. Come sempre, non si può piacere a tutti.
E pensare che io ho sempre credutoto che, se a uno serve una penna, e gli piacciono le stilografiche, la prima cosa che fa è comprare una penna stilografica, che sembri una stilografica. Chi non apprezza, o apprezza marginalmente il fascino delle stilografiche, perché dovrebbe comprare una stilografica? Nel senso: se voglio solo un oggetto griffato di design, perché dovrebbe anche scrivere?
In quanto alla Homo Sapiens è invece, eccome, straordinaria, ed è probabilmente tra le poche, pochissime Visconti che comprerei (non sono un fan del marchio). Mio nipote, che non distingue una Omas da una Jinhao, quando è venuto con me in un grosso negozio del centro Italia, era rimasto affascinato istintivamente da pochissimi modelli: uno era la Homo Sapiens, l'altra una Montegrappa oggettivamente molto bella, l'altra ancora una Capless di Pilot.
Per dire...
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Normie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 249
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 13:23
La mia penna preferita: Nakaya Piccolo
Misura preferita del pennino: Extra Fine

IoPenna di Visconti

Messaggio da Normie » giovedì 16 maggio 2019, 15:39

Monet63 ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 14:44
Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 11:50
La mia personalissima opinione è che la IoPenna dovrà essere indirizzata a un pubblico diverso da quello che storicamente apprezza Visconti e il fascino delle stilografiche. Sarà un oggetto di design, più che una stilografica, e per questo motivo apprezzata e acquistata da alcuni. Come sempre, non si può piacere a tutti.
E pensare che io ho sempre credutoto che, se a uno serve una penna, e gli piacciono le stilografiche, la prima cosa che fa è comprare una penna stilografica, che sembri una stilografica. Chi non apprezza, o apprezza marginalmente il fascino delle stilografiche, perché dovrebbe comprare una stilografica? Nel senso: se voglio solo un oggetto griffato di design, perché dovrebbe anche scrivere?
In quanto alla Homo Sapiens è invece, eccome, straordinaria, ed è probabilmente tra le poche, pochissime Visconti che comprerei (non sono un fan del marchio). Mio nipote, che non distingue una Omas da una Jinhao, quando è venuto con me in un grosso negozio del centro Italia, era rimasto affascinato istintivamente da pochissimi modelli: uno era la Homo Sapiens, l'altra una Montegrappa oggettivamente molto bella, l'altra ancora una Capless di Pilot.
Per dire...
:wave:
Bons ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 14:15
Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 12:34
chiedi a chi non si intende di penne, non vedrà differenza tra una Homo Sapiens e una Aurora 88 o una Montblanc.
Chi non s'intende di penne continuerà a regalare Montblanc per la laurea e ad usare la penna a sfera gadget della macelleria o dell'elettrauto. :|
Chi invece un minimo ne sa vedrà uno stiloforo (sai che novità) con cappuccio (anche questo mai visto prima, ah, no, l'accoppiata stiloforo-cappuccio è un'ardita innovazione). Però il corpo è in gomma (evvai!) così, finalmente si potrà avere una penna lunga una spanna in cui non sarà possibile utilizzare un converter, be', questa non l'avevo mai vista. Veramente. :clap:
a me la penna non piace.

Ma spezzo una lancia a favore di Susanna, quello che ha detto non sono fregnacce: qualcuno Alessi la conosce? Se Visconti sta percorrendo la stessa strada di Alessi come indicato da Susanna stupidi non sono.

Mi ripeto qui si ragiona sempre da raffinati coinnasseur della stilografica, ci scordiamo che siamo una minoranza.

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 289
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

IoPenna di Visconti

Messaggio da Bons » giovedì 16 maggio 2019, 16:16

Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
a me la penna non piace.
Bravo!
Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
Ma spezzo una lancia a favore di Susanna, quello che ha detto non sono fregnacce
Non mi sembra che nessuno di noi si sia mai permesso di affermare o suggerire qualcosa del genere. Stiamo solo scambiando pareri, legittimi e personali.
Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
qualcuno Alessi la conosce? Se Visconti sta percorrendo la stessa strada di Alessi come indicato da Susanna stupidi non sono.
Se, appunto.
Alessi preduce oggetti di design con materiali eccellenti, e che funzionano.
Lo spremiagrumi, per esempio, è un oggetto unico, disegnato trent'anni fa da Philippe Stark e che non è invecchiato (lo spremiagrumi, chiaro) per niente, anzi, è ancora futuristico e... funziona!
Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
Mi ripeto qui si ragiona sempre da raffinati coinnasseur della stilografica, ci scordiamo che siamo una minoranza.
E tu pensi che la maggioranza "sferica" faccia giorni di fila, si azzuffi, per portarsi a casa la IoPenna? Manco fosse il primo giorno di vendita dell'ultimo iPhone... Anzi, potrebbero ribattezzarla iPenna: hai visto mai che qualcuno fraintenda?
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1612
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

IoPenna di Visconti

Messaggio da rolex hunter » giovedì 16 maggio 2019, 16:22

Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
a me la penna non piace.

Ma spezzo una lancia a favore di Susanna, quello che ha detto non sono fregnacce: qualcuno Alessi la conosce? Se Visconti sta percorrendo la stessa strada di Alessi come indicato da Susanna stupidi non sono.

Mi ripeto qui si ragiona sempre da raffinati coinnasseur della stilografica, ci scordiamo che siamo una minoranza.
Neanche a me piace questa penna, ma sono completamente d'accordo con Normie, e ne approfitto per ringraziare Giardino Italiano e specificatamente la Sig.ra Susanna per il suo lavoro;

la Sig.ra Susanna probabilmente (no, certamente) non ricorda che io e lei ci incontrammo/scontrammo/conoscemmo su "ZossList" (modem a 1200 BAUD) a proposito di una Caran d'Ache "Ivanhoe" :wave:
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 289
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

IoPenna di Visconti

Messaggio da Bons » giovedì 16 maggio 2019, 16:37

Comunque, auguro a Visconti di aver intravisto una strada che a me è celata ma, si sa, i grandi innovatori sono sempre in anticipo sui tempi e sui contemporanei.

Come ho già scritto qualche giorno fa, Stefania sta svolgendo il proprio lavoro con cortesia e attenzione e per questo l'ho ringraziata e la ringrazio nuovamente.
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Normie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 249
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 13:23
La mia penna preferita: Nakaya Piccolo
Misura preferita del pennino: Extra Fine

IoPenna di Visconti

Messaggio da Normie » giovedì 16 maggio 2019, 16:43

Bons ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 16:16
Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
a me la penna non piace.
Bravo!
Grazie! :lol: :lol:

esatto , proprio a quello pensavo, lo spremiagumi a forma di astronave aliena che io non comprei mai, purtroppo non sono un connaisseur degli spremiagrumi.


beh la maggioranza sferica compra anche le fantomatiche LE a forma di navetta spaziale eh, non mi sorprenderei di nulla.

Normie
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 249
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 13:23
La mia penna preferita: Nakaya Piccolo
Misura preferita del pennino: Extra Fine

IoPenna di Visconti

Messaggio da Normie » giovedì 16 maggio 2019, 16:45

Bons ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 16:16
Non mi sembra che nessuno di noi si sia mai permesso di affermare o suggerire qualcosa del genere. Stiamo solo scambiando pareri, legittimi e personali.
Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 15:39
qualcuno Alessi la conosce? Se Visconti sta percorrendo la stessa strada di Alessi come indicato da Susanna stupidi non sono.
si è inteso quello che si è inteso, putroppo la comunicazione in mancanza di audio-video può, a volte, essere difficoltosa e portare a fraintendimenti.

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 289
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

IoPenna di Visconti

Messaggio da Bons » giovedì 16 maggio 2019, 16:52

Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 16:43
esatto , proprio a quello pensavo, lo spremiagumi a forma di astronave aliena che io non comprei mai, purtroppo non sono un connaisseur degli spremiagrumi.
Ssss... Te lo dico in un orecchio ma che resti tra noi: nemmeno io lo comprerei mai. ;)
Normie ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 16:45
si è inteso quello che si è inteso, putroppo la comunicazione in mancanza di audio-video può, a volte, essere difficoltosa e portare a fraintendimenti.
Come diceva un mio amico "io sono responsabile di quello che scrivo e non di quello che tu leggi". L'importante è chiarirsi. :wave:
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1085
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

IoPenna di Visconti

Messaggio da Monet63 » giovedì 16 maggio 2019, 18:11

Bons ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 16:16
Alessi preduce oggetti di design con materiali eccellenti, e che funzionano.
Lo spremiagrumi, per esempio, è un oggetto unico, disegnato trent'anni fa da Philippe Stark e che non è invecchiato (lo spremiagrumi, chiaro) per niente, anzi, è ancora futuristico e... funziona!
Esattamente.
Parliamo di oggetti di uso comune e diffuso: uno spremiagrumi, una moka, un'insalatiera, un orologio da muro, etc. Ho preso varie cose in passato, e tutte avevano un funzionamento impeccabile: le prendevo per quello e perché mi piacevano. L'orologio da muro, ad esempio, sembrava un orologio da muro, bello, molto minimal, nell'allora mia casa ci stava alla grande. La moka sembrava una caffettiera, bellissima, il caffé era ad alti livelli e a mio avviso il prezzo era pure ottimo.
Quanti comprano una qualsiasi caffettiera per farci il caffé?
Quanti comprano una stilografica per scriverci?
Quanti comprano una stilografica come la IoPenna con l'idea di comprare un oggetto di design?
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Giardino Italiano
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 233
Iscritto il: martedì 17 novembre 2009, 19:06
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Giardino Italiano » giovedì 16 maggio 2019, 18:39

rolex hunter ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 16:22
la Sig.ra Susanna probabilmente (no, certamente) non ricorda che io e lei ci incontrammo/scontrammo/conoscemmo su "ZossList" (modem a 1200 BAUD) a proposito di una Caran d'Ache "Ivanhoe" :wave:
Non ricordo la Ivanhoe in questione, ma ricordo benissimo la Zoss List. Parliamo di vent'anni fa, immagino. :D
Dal tuo nick mi viene da pensare che tu sia anche su O&P, o mi sbaglio?
Susanna
----------
Giardino Italiano, il meglio del Made in Italy

www.giardino.it - www.pens.it

Avatar utente
Giardino Italiano
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 233
Iscritto il: martedì 17 novembre 2009, 19:06
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Giardino Italiano » giovedì 16 maggio 2019, 18:42

E comunque, visto che parliamo di preistoria, ADESSO Alessi è apprezzato. Quarant'anni fa veniva guardato con sospetto, cose troppo moderne che costavano un'esagerazione e inutilmente artefatte rispetto alla funzione principale.
Non era mica per tutti, Alessi.
Susanna
----------
Giardino Italiano, il meglio del Made in Italy

www.giardino.it - www.pens.it

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3125
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Phormula » giovedì 16 maggio 2019, 18:54

Nel 1966 la Lamy 2000 in Makrolon... ma anche la Safari quindici anni dopo. Oggi ci sembrano normali, ma allora erano design di rottura.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1085
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

IoPenna di Visconti

Messaggio da Monet63 » giovedì 16 maggio 2019, 20:23

Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:42
E comunque, visto che parliamo di preistoria, ADESSO Alessi è apprezzato. Quarant'anni fa veniva guardato con sospetto, cose troppo moderne che costavano un'esagerazione e inutilmente artefatte rispetto alla funzione principale.
Non era mica per tutti, Alessi.
Beh, insomma... parliamone.
La moka ha sempre avuto una forma di moka, e la funzione principale di fare il caffé veniva assolta alla grande: niente artifizi, funzione principale ovvia.
L'orologio segnava l'ora; c'era (c'è) poco da inventarsi, se non una forma creativa, che non complica nulla, sulla quale le lancette si muovono e segnano l'ora.
Per l'insalatiera lascio perdere: un recipiente dove mettere l'insalata. Bello.

Non conosco ovviamente l'intero catalogo, ma per quella che è la mia (piccola) esperienza con quegli oggetti, non avevano artifizi strani, e la funzione era sostanziale. Personalmente l'ho sempre apprezzata, e infatti ho speso denaro per avere ciò che mi piaceva.
E infine: non bisogna dimenticare mai che si tratta di oggetti di uso estremamente comune, a volte banale, presenti in tutte le case. La possibilità di venderli è elevata. Fare un giochino di design di quel genere su una stilografica, ovvero su una nicchia... non lo so, una nicchia nella nicchia...
Phormula ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:54
Nel 1966 la Lamy 2000 in Makrolon... ma anche la Safari quindici anni dopo. Oggi ci sembrano normali, ma allora erano design di rottura.
Sono due penne che comunque hanno una funzionalità ineccepibile. La IoPenna come me la porto in giro? Annodata? E a che servirebbe quel tumore, a parte l'aspetto estetico?
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 289
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

IoPenna di Visconti

Messaggio da Bons » giovedì 16 maggio 2019, 21:22

Monet63 ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:11
La moka sembrava una caffettiera, bellissima, il caffé era ad alti livelli e a mio avviso il prezzo era pure ottimo.
I miei comprarono la caffettiera Alessi che ero ancora ragazzino, una quarantina di anni fa.
Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:42
E comunque, visto che parliamo di preistoria, ADESSO Alessi è apprezzato. Quarant'anni fa veniva guardato con sospetto, cose troppo moderne che costavano un'esagerazione e inutilmente artefatte rispetto alla funzione principale.
Non era mica per tutti, Alessi.
Ma si, i miei sono preistorici.

E ce l'hanno ancora, funzionante e bellissima.

Tanto per fare nomi, fu disegnata da Richard Sapper, uno dei più grandi designer di tutti i tempi, un rivoluzionario che non dimenticava la funzione degli oggetti che ideava. Tra i tanti, la lampada Tizio per Artemide, e, con Marco Zanuso la radio "cubo" per Brionvega e La Aurora Hastil, già, proprio lei, una stilografica rivoluzionaria che sembrava proprio una penna.

E sapete che vi dico? Mi è venuta la voglia di bello e funzionale, di design insomma, e quasi quasi mi regalo lo spremiagrumi di cui sopra, alla faccia del prezzo e anche se ci spremerò si e no quattro arance e due limoni all'anno.
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3125
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Phormula » venerdì 17 maggio 2019, 10:29

Monet63 ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 20:23
Sono due penne che comunque hanno una funzionalità ineccepibile. La IoPenna come me la porto in giro? Annodata? E a che servirebbe quel tumore, a parte l'aspetto estetico?
:wave:
A metà anni '60 Lamy ha preso la strada del Bauhaus, cioè la forma segue la funzione e lo sfruttamento dell'essenza dei materiali.
In pratica la stessa strada degli elettrodomestici Braun, anzi, credo che i designer siano stati gli stessi.
Oltre al cambiamento nel design e nei materiali, l'oggetto veniva associato al designer nella comunicazione, come Brionvega che non solo ti vendeva un televisore di design, ma ti diceva chi lo aveva disegnato.

Oggi Visconti prova a prendere un'altra strada. Chiaramente non è una penna pensata per essere portata nel taschino ma un oggetto da scrivania.
Provano a fare qualcosa di diverso. Potrebbe funzionare come no, però è innegabile che sia un modo per uscire dal mucchio. E non dimentichiamo che oggetti come questi non è che devono per forza vendere di per sè. Spesso sono come i vestiti dei grandi nomi della moda, vanno bene nelle sfilate, magari qualche vip li indossa, ka servono a trainare le vendite di abbigliamento normale. Nella vetrina di un negozio, una penna del genere si nota molto più di una penna classica.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Rispondi