IoPenna di Visconti

Nuovi modelli in arrivo o appena presentati.
Avatar utente
Giardino Italiano
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 236
Iscritto il: martedì 17 novembre 2009, 19:06
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Giardino Italiano » venerdì 17 maggio 2019, 10:46

Bons ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 21:22
Ma si, i miei sono preistorici.
:D :D :D vedi, io c'ero invece, non erano i miei genitori a guardare i nuovi oggetti Alessi, ero io.
E mi ricordo che, anche se funzionali e di uso comune, alcune cose sembravano davvero strane, come il portafrutta bucato con gli omini stilizzati, per esempio. Cose che adesso sembrano la normalità assoluta.
Susanna
----------
Giardino Italiano, il meglio del Made in Italy

www.giardino.it - www.pens.it

Avatar utente
Giardino Italiano
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 236
Iscritto il: martedì 17 novembre 2009, 19:06
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Giardino Italiano » venerdì 17 maggio 2019, 10:48

Phormula ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 10:29
Oggi Visconti prova a prendere un'altra strada. Chiaramente non è una penna pensata per essere portata nel taschino ma un oggetto da scrivania.
Provano a fare qualcosa di diverso. Potrebbe funzionare come no, però è innegabile che sia un modo per uscire dal mucchio. E non dimentichiamo che oggetti come questi non è che devono per forza vendere di per sè. Spesso sono come i vestiti dei grandi nomi della moda, vanno bene nelle sfilate, magari qualche vip li indossa, ka servono a trainare le vendite di abbigliamento normale. Nella vetrina di un negozio, una penna del genere si nota molto più di una penna classica.
Esattamente quello che intendevo.
Susanna
----------
Giardino Italiano, il meglio del Made in Italy

www.giardino.it - www.pens.it

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

IoPenna di Visconti

Messaggio da Bons » venerdì 17 maggio 2019, 11:41

Giardino Italiano ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 10:48
Phormula ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 10:29
Oggi Visconti prova a prendere un'altra strada. Chiaramente non è una penna pensata per essere portata nel taschino ma un oggetto da scrivania.
Provano a fare qualcosa di diverso. Potrebbe funzionare come no, però è innegabile che sia un modo per uscire dal mucchio. E non dimentichiamo che oggetti come questi non è che devono per forza vendere di per sè. Spesso sono come i vestiti dei grandi nomi della moda, vanno bene nelle sfilate, magari qualche vip li indossa, ka servono a trainare le vendite di abbigliamento normale. Nella vetrina di un negozio, una penna del genere si nota molto più di una penna classica.
Esattamente quello che intendevo.
A questo punto direi che il buon Phormula si è meritato un bono sconto per accaparrarsi quest'oggetto da scrivania e uscire dal mucchio. ;)
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 294
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

IoPenna di Visconti

Messaggio da Bons » venerdì 17 maggio 2019, 11:43

Giardino Italiano ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 10:46
Bons ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 21:22
Ma si, i miei sono preistorici.
:D :D :D vedi, io c'ero invece, non erano i miei genitori a guardare i nuovi oggetti Alessi, ero io.
E mi ricordo che, anche se funzionali e di uso comune, alcune cose sembravano davvero strane, come il portafrutta bucato con gli omini stilizzati, per esempio. Cose che adesso sembrano la normalità assoluta.
:lol:
E io che invece sono protostorico ero lì ammirato a lasciare impronte del mio naso sulle vetrine. ;)
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
Giardino Italiano
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 236
Iscritto il: martedì 17 novembre 2009, 19:06
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Giardino Italiano » venerdì 17 maggio 2019, 11:46

:D :D :D
Beh, la possibilità di uno sconto c'è sempre stata, :D
Alla fine dell'articolo del blog: http://blog.giardino.it/2019/04/iopenna ... -visconti/ c'è un form per lasciare il proprio nome ed essere informati quando si saprà qualcosa di più, in cambio di un coupon sconto.
Anche per chi lascia le impronte sulle vetrine!
Susanna
----------
Giardino Italiano, il meglio del Made in Italy

www.giardino.it - www.pens.it

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1252
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

IoPenna di Visconti

Messaggio da Monet63 » venerdì 17 maggio 2019, 11:54

Phormula ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 10:29
Monet63 ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 20:23
Sono due penne che comunque hanno una funzionalità ineccepibile. La IoPenna come me la porto in giro? Annodata? E a che servirebbe quel tumore, a parte l'aspetto estetico?
:wave:
A metà anni '60 Lamy ha preso la strada del Bauhaus, cioè la forma segue la funzione e lo sfruttamento dell'essenza dei materiali.
In pratica la stessa strada degli elettrodomestici Braun, anzi, credo che i designer siano stati gli stessi.
Oltre al cambiamento nel design e nei materiali, l'oggetto veniva associato al designer nella comunicazione, come Brionvega che non solo ti vendeva un televisore di design, ma ti diceva chi lo aveva disegnato.

Oggi Visconti prova a prendere un'altra strada. Chiaramente non è una penna pensata per essere portata nel taschino ma un oggetto da scrivania.
Provano a fare qualcosa di diverso. Potrebbe funzionare come no, però è innegabile che sia un modo per uscire dal mucchio. E non dimentichiamo che oggetti come questi non è che devono per forza vendere di per sè. Spesso sono come i vestiti dei grandi nomi della moda, vanno bene nelle sfilate, magari qualche vip li indossa, ka servono a trainare le vendite di abbigliamento normale. Nella vetrina di un negozio, una penna del genere si nota molto più di una penna classica.
Ho capito. Ti ringrazio moltissimo per la spiegazione, mi mancavano proprio dei pezzi.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1401
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

IoPenna di Visconti

Messaggio da francoiacc » venerdì 17 maggio 2019, 12:48

Non la trovo una cattiva strategia quella di Visconti, e non bisogna guardare solo alla IoPenna, in quanto a detta loro è solo la prima di una serie di penne che intendono realizzare con altri designer. Quel che pittosto mi preoccupa è la qualità dello strumento di scrittura di per se, molte delle ultime produzioni Visconti sono una grossa delusione come strumento di scrittura, io una Mirage l'ho rimandata inidetro e mi sono fatto restituire i soldi perchè non scriveva e basta. Soprattutto se consideriamo che i potenziali acquirenti potrebbero non essere appassionati smanettoni come la maggior parte di noi, un nuovo utente di stilografica alla prima difficoltà diventerebbe il primo ambasciatore di una campagnia anti Visconti (e stilografiche). Non mi piace fasciarmi la testa prima di rompermela, ma se non vogliamo vedere un'altro bel marchio sparire dal mercato, in loro vece mi preoccuperei in modo particolare di come scrive la penna oltre che del design. :wave:
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3184
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Phormula » venerdì 17 maggio 2019, 12:49

Monet63 ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 11:54
Ho capito. Ti ringrazio moltissimo per la spiegazione, mi mancavano proprio dei pezzi.
:wave:
Grazie! ;)

Io mi ricordo quando da ragazzo davo una mano ad un fotografo che seguiva le sfilate di moda.
Lui scattava le foto alle modelle (che devono essere ritratte in istanti specifici, altrimenti la foto non vende). Per chi pensa che sia banale, basta sbagliare il momento dello scatto rispetto alla posizione dei piedi o l'espressione del viso, e la foto è da buttare. Allora si lavorava a pellicola, non è come oggi che puoi sparare una raffica di 20 immagini e prendere quella buona. Invece io avevo un teleobiettivo e il mio compito era fotografare da vicino gli accessori: scarpe, bracciali, collane... il tutto nei pochi secondi di sfilata.

Mi sono visto passare davanti abbigliamento ed accostamenti che se allora uscivi per strada con addosso quella roba, rischiavi di finire arrestato per offesa al comune senso del pudore. Poi un designer mi diede la lezione. Le collezioni di moda devono stupire, come i prototipi da salone. E' l'unico modo per finire sui giornali e mantere alto l'interesse del marchio. Se ogni anno nelle sfilate riproponi lo stesso abbigliamento classico, cambiando solo un po' il taglio e i colori, non ti fila nessuno. Non è importante che vendano, ma servono a vendere i pantaloni, i mocassini o il maglione standard, che sotto sotto sono lo stesso modello da 5 anni e cambiano solo i colori.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
rolex hunter
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1656
Iscritto il: martedì 1 dicembre 2009, 10:54
La mia penna preferita: Waterman 554 LEC
Il mio inchiostro preferito: Diamine Sherwood green
Misura preferita del pennino: Flessibile
Arte Italiana FP.IT M: 077
Fp.it ℵ: 114
Fp.it 霊気: 034
Località: domiciliato a Reggio Calabria, residente a Torino
Sesso:

IoPenna di Visconti

Messaggio da rolex hunter » venerdì 17 maggio 2019, 13:34

Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:39
Non ricordo la Ivanhoe in questione, ma ricordo benissimo la Zoss List. Parliamo di vent'anni fa, immagino. :D
Anche 25/30; il sistema operativo per il computer era "windows 3.1"....
Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:39
Dal tuo nick mi viene da pensare che tu sia anche su O&P, o mi sbaglio?
gira brutta gente lì...
Preferisco fora un tantino più "rilassati"
Giorgio

la penna perfetta non esiste, quindi per essere felici bisogna avere tante penne (cit.)

Avatar utente
Giardino Italiano
Operatore del Settore
Operatore del Settore
Messaggi: 236
Iscritto il: martedì 17 novembre 2009, 19:06
Località: Milano

IoPenna di Visconti

Messaggio da Giardino Italiano » venerdì 17 maggio 2019, 13:39

rolex hunter ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 13:34
Giardino Italiano ha scritto:
giovedì 16 maggio 2019, 18:39
Non ricordo la Ivanhoe in questione, ma ricordo benissimo la Zoss List. Parliamo di vent'anni fa, immagino. :D
Anche 25/30; il sistema operativo per il computer era "windows 3.1"....
25/30 no di sicuro.
Il sito di Giardino Italiano ha visto la luce (online) nell'aprile del 1996, e poco dopo ha venduto la prima penna (una Visconti, peraltro).
Perciò non poteva essere prima di 23 anni fa massimo massimo.
Lo sai che credo che quella sia stata la prima penna al mondo, venduta via internet? (Non c'erano altri siti di penne, a quell'epoca)

Ma stiamo andando OT :)
Susanna
----------
Giardino Italiano, il meglio del Made in Italy

www.giardino.it - www.pens.it

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11470
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

IoPenna di Visconti

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 17 maggio 2019, 14:07

Giardino Italiano ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 13:39
rolex hunter ha scritto:
venerdì 17 maggio 2019, 13:34

Anche 25/30; il sistema operativo per il computer era "windows 3.1"....
25/30 no di sicuro.
Il sito di Giardino Italiano ha visto la luce (online) nell'aprile del 1996, e poco dopo ha venduto la prima penna (una Visconti, peraltro).
Perciò non poteva essere prima di 23 anni fa massimo massimo.
Lo sai che credo che quella sia stata la prima penna al mondo, venduta via internet? (Non c'erano altri siti di penne, a quell'epoca)

Ma stiamo andando OT :)
Non credo stiamo andando OT, è sempre un piacere conoscere la storia di negozi importanti come "Giardino Italiano" :thumbup:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi