La Pilot non vende più oltreoceano?

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da ASTROLUX » lunedì 23 settembre 2019, 23:04

L'anno scorso presi la Capless...giusto in tempo. :mrgreen:
PS
Adesso a quanto ammontano le spese di imoprtazione di una penna dal Giappone ?

Avatar utente
Cuneiforme
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 28
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2019, 1:43
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Cuneiforme » lunedì 23 settembre 2019, 23:26

ASTROLUX ha scritto:
lunedì 23 settembre 2019, 23:04
PS
Adesso a quanto ammontano le spese di imoprtazione di una penna dal Giappone ?
L'ultima volta circa una trentina di euro per una president.

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1634
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da HoodedNib » martedì 24 settembre 2019, 8:39

Allora appena in tempo, ho una Falcon in arrivo :mrgreen:
Anche se, ripeto, e' una cosa protezionistica che capisco poco... pure se fosse collegata ai casini internazionali dovuti a Trump (come ho sentito dire) non vedo cosa c'entri visto che stiamo parlando di vendite dal Giappone. Non ho seguito piu' la storia pero', si sa e' una cosa che riguarda il commercio internazionale o e' un qualche regolamento aziendale della Pilot? In qual caso e' una specie di zappa sui piedi
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3233
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Lamy 2000 F
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Phormula » martedì 24 settembre 2019, 9:52

Trump non c'entra.
È una mossa per tutelare i distributori nazionali, che evidentemente si sono lamentati e hanno minacciato di rinunciare al mandato.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da ASTROLUX » martedì 24 settembre 2019, 13:11

Phormula ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 9:52
Trump non c'entra.
È una mossa per tutelare i distributori nazionali, che evidentemente si sono lamentati e hanno minacciato di rinunciare al mandato.
E' la politica di distribuzione che fa acqua...le discrepanze di prezzo sono sostanziali, ovvio che si crei mercato parallelo.

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3233
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Lamy 2000 F
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Phormula » martedì 24 settembre 2019, 14:03

ASTROLUX ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 13:11
E' la politica di distribuzione che fa acqua...le discrepanze di prezzo sono sostanziali, ovvio che si crei mercato parallelo.
Succede, quando il distributore non è la casa madre stessa, ma una società terza (come credo sia in Italia).
In questo caso nel prezzo di vendita deve entrare il guadagno per l'azienda che produce la penna e quello per l'azienda che la importa, la distribuisce e assicura la garanzia.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da ASTROLUX » martedì 24 settembre 2019, 14:55

Phormula ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 14:03
ASTROLUX ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 13:11
E' la politica di distribuzione che fa acqua...le discrepanze di prezzo sono sostanziali, ovvio che si crei mercato parallelo.
Succede, quando il distributore non è la casa madre stessa, ma una società terza (come credo sia in Italia).
In questo caso nel prezzo di vendita deve entrare il guadagno per l'azienda che produce la penna e quello per l'azienda che la importa, la distribuisce e assicura la garanzia.
Se è così il problema è per tutta l'Europa, i prezzi nei paesi UE non sono diversi.

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3233
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Lamy 2000 F
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Phormula » martedì 24 settembre 2019, 16:10

E' probabile che in alcuni paesi europei ci sia una società terza, mentre in altri sia una filiale della casa (Pilot produce in Francia), ma che quest'ultima abbia deciso di mantenere prezzi allineati a quelli dei distributori terzi, peer evitare di danneggiare il loro mercato e creare concorrenza sleale tra chi compra online e chi compra nei negozi. In Unione Europea esiste la libera circolazione delle merci e quindi vietare vendite all'interno dell'Unione Europea (ad esempio vietando ad un negoziante italiano di approvigionarsi in Francia anzichè dal distributotre italiano) sarebbe illegale.

Nel caso del Giappone a comprare non erano solo i privati cittadini (che comprano una penna per volta) ma anche molti negozi e rivenditori online, che importando direttamente merce acquistata da grossisti giapponesi spuntavano prezzi migliori che non acquistando dai distributori nazionali.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1347
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Monet63 » martedì 24 settembre 2019, 16:11

ASTROLUX ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 14:55
Se è così il problema è per tutta l'Europa, i prezzi nei paesi UE non sono diversi.
Non so per le penne, ma per alcune merci i prezzi in Europa possono essere sensibilmente diversi nei vari stati, anche a parità di distributore.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Gargaros
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 323
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Gargaros » mercoledì 25 settembre 2019, 3:38

Monet63 ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 16:11
Non so per le penne, ma per alcune merci i prezzi in Europa possono essere sensibilmente diversi nei vari stati, anche a parità di distributore.
:wave:
Anche le penne. Guardate il sito tedesco della Schneider e poi guardate quello italiano. C'è da piangere (ancora di più per il fatto che non è possibile acquistare dal primo).

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3233
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Lamy 2000 F
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Phormula » mercoledì 25 settembre 2019, 7:16

Il mercato tedesco delle penne stilografiche scolastiche è estremamente competitivo, tant'è che Schneider ha semplificato la "Base" a metà degli anni 2000, eliminando la finestrella trasparente, ma mantenendo il costo sotto la soglia psicologica dei 10 Euro (sul mercato tedesco).
La stilografica è ancora obbligatoria in molte scuole primarie, mentre da noi impazzano le biro cancellabili, e non sono pochi gli studenti che continuano ad usarla anche alle superiori ed all'università. Questo crea un mercato significativo, senza il quale probabilmente avremmo detto addio alle stilografiche scolastiche da tempo.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Annibale
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2018, 16:07
La mia penna preferita: Omas Extra Lucens
Il mio inchiostro preferito: Organic Studio - Nitrogen
Misura preferita del pennino: Stub

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Annibale » mercoledì 25 settembre 2019, 11:58

Non ho letto tutto il thread ma mi è capitato che alcuni venditori giapponesi non vendessero penne fuori dal Giappone (vale anche per le penne riservate al pubblico giapponese). In questi casi si può utilizzare un "ponte", una sorta di casella postale giapponese. Ci sono dei siti che offrono il servizio. Io ho utilizzato il "coniglio bianco". Se servono dati ulteriori e posso postarli in questa sezione lo faccio volentieri altrimenti contattatemi pure in PM. Ciao

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1347
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Monet63 » mercoledì 25 settembre 2019, 15:58

Gargaros ha scritto:
mercoledì 25 settembre 2019, 3:38
Monet63 ha scritto:
martedì 24 settembre 2019, 16:11
Non so per le penne, ma per alcune merci i prezzi in Europa possono essere sensibilmente diversi nei vari stati, anche a parità di distributore.
:wave:
Anche le penne. Guardate il sito tedesco della Schneider e poi guardate quello italiano. C'è da piangere (ancora di più per il fatto che non è possibile acquistare dal primo).
Esatto, intendevo proprio quello. Per dire: c'è un distributore tedesco di materiali per belle arti, con vari portali nazionali (inglese, tedesco, francese, italiano, etc), che rende impossibile acquistare - ad esempio - sul suo sito francese (riservato ai soli francesi), dove ci sono determinati materiali di fabbricazione olandese a prezzo inferiore anche del 40%, rispetto a quello italiano. Ovviamente nessun problema quando, trovandomi a Parigi, sono andato direttamente in uno dei suoi negozi.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da ASTROLUX » mercoledì 25 settembre 2019, 16:52

Annibale ha scritto:
mercoledì 25 settembre 2019, 11:58
Non ho letto tutto il thread ma mi è capitato che alcuni venditori giapponesi non vendessero penne fuori dal Giappone (vale anche per le penne riservate al pubblico giapponese). In questi casi si può utilizzare un "ponte", una sorta di casella postale giapponese. Ci sono dei siti che offrono il servizio. Io ho utilizzato il "coniglio bianco". Se servono dati ulteriori e posso postarli in questa sezione lo faccio volentieri altrimenti contattatemi pure in PM. Ciao
Interessante. A quali penne ti riferisci ?

Annibale
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 147
Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2018, 16:07
La mia penna preferita: Omas Extra Lucens
Il mio inchiostro preferito: Organic Studio - Nitrogen
Misura preferita del pennino: Stub

La Pilot non vende più oltreoceano?

Messaggio da Annibale » mercoledì 25 settembre 2019, 17:04

ASTROLUX ha scritto:
mercoledì 25 settembre 2019, 16:52
Annibale ha scritto:
mercoledì 25 settembre 2019, 11:58
Non ho letto tutto il thread ma mi è capitato che alcuni venditori giapponesi non vendessero penne fuori dal Giappone (vale anche per le penne riservate al pubblico giapponese). In questi casi si può utilizzare un "ponte", una sorta di casella postale giapponese. Ci sono dei siti che offrono il servizio. Io ho utilizzato il "coniglio bianco". Se servono dati ulteriori e posso postarli in questa sezione lo faccio volentieri altrimenti contattatemi pure in PM. Ciao
Interessante. A quali penne ti riferisci ?
Ad esempio, ci sono siti giapponesi, tipo Wancher e Pensachi, che hanno edizioni speciali delle Sailor riservate al solo mercato giapponese e non vendibili in altri paesi. In questi casi uso il sito indicato sopra. Non so se posso postare l'url preciso nella sezione, altrimenti, se vuoi, lo mando via PM.

Provati più volte e molto affidabili.

Credo che lo stesso lo si possa fare per tutte le penne che i vari rivenditori non vogliono o non possono spedire direttamente dal Giappone.

Rispondi