Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Rispondi
Avatar utente
fantabaffo
Converter
Converter
Messaggi: 11
Iscritto il: sabato 10 agosto 2019, 22:39
La mia penna preferita: Lamy (per ora)
Il mio inchiostro preferito: ancora non lo so
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da fantabaffo » lunedì 12 agosto 2019, 17:52

Ciao a tutti,
faccio il mio ingresso nel forum con una discussione senz'altro poco originale.
Da assoluto neofita, la mia attuale penna è un Lamy Al Star con pennino EF: strumento che mi sta iniziando al mondo della stilografica, che scrive bene, molto scorrevole e che offre una sensazione appagante durante l'uso. Sto tuttavia pensando ad un futuro acquisto un po' più prestigioso, ed il fatto che cifre tutto sommato abbordabili permettano di impossessarsi di interessanti penne del passato mi fa propendere per un acquisto di questo tipo, piuttosto che puntare ad una penna nuova (la Lamy 2000, ad esempio, mi piace molto, ma il fatto di poterla acquistare nuova me la fa scivolare in secondo piano).
Ho già letto qualche post usando la ricerca sul forum (molto interessante questo ed ora mi chiedevo se qualcuno ha qualche dritta più mirata. Ecco le caratteristiche che vado cercando, ammesso che sia possibile trovarle tutte insieme ed in una fascia di prezzo comunque ridotta:

- penna del secondo dopoguerra (preferibilmente anni '50, o anche successiva se ne vale la pena)
- strumento adatto ad un utilizzo giornaliero o quasi: dunque, modelli che non abbiano difettosità intrinseche che ne rendano prevedibilmente scomodo od impraticabile un uso quotidiano
- possibilità di trovarla con un pennino rigido ed abbastanza sottile
- chiusura preferibilmente a vite
- clip preferibilmente ben realizzata e con snodo a molla, o simile
- amo molto le forme "moderne" (la Parker 51 ad esempio ha una forma che mi piace) ed i pennini parzialmente carenati, ma ancor di più apprezzerei un'impugnatura almeno un po' anatomica, adatta anche a chi (come me) ha pochissima esperienza con le penne stilografiche
- materiale preferibilmente non soggetto ad inesorabile degrado
- una cosa che mi piacerebbe molto: trovare una penna funzionale, ma con una qualche particolarità specifica del modello
- prezzo tra i 50 ed i 100€.

Ovviamente, accetto critiche: naturalmente non cerco la gallina dalle uova d'oro, ma soprattutto una base per capire come orientarmi in un mondo davvero vastissimo... Grazie a tutti!

Avatar utente
jebstuart
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 462
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Montblanc Celluloid 14x
Il mio inchiostro preferito: Sailor NanoPigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da jebstuart » lunedì 12 agosto 2019, 18:17

Aurora 88P, Parker 51. Entrambe con pennino carenato. Sulla Aurora trovi facilmente un EF, sulla Parker no. Entrambe si chiudono tuttavia a pressione.
Pelikan 120. Si trovano con EF non sottilissimi e si chiudono a vite. Non sono carenate, però.

Queste per tenersi su penne reperibili nella fascia di prezzo indicata, affidabili, praticemante eterne e così diffuse da trovarsi in vendita in numerosi esemplari sempre.
Ultima modifica di jebstuart il lunedì 12 agosto 2019, 18:18, modificato 1 volta in totale.
Mauro

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11409
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 12 agosto 2019, 18:17

Pelikan 120 o se la trovi ad un buon prezzo la 140 con pennino EF.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
domenico98
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 212
Iscritto il: mercoledì 12 marzo 2014, 19:47
La mia penna preferita: Omas Extra Senior
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 brillant black
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Milano
Sesso:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da domenico98 » lunedì 12 agosto 2019, 18:43

Forse è un po' troppo recente, ma molto comoda e molto pratica, oltre a scrivere divinamente, è la Parker 75. Il pennino è solitamente rigido e può essere girato su sé stesso per trovare la posizione ottimale di scrittura (caratteristica che contraddistingue questo modello, insieme alla precedente VP e alla successiva Première), essendo l'impugnatura sagomata per essere più ergonomica. A cartuccia, pennino in oro 14k, in metallo laccato o in argento, se ne trovano anche intorno ai 100 euro. Io ho la versione laccata, il pennino fine è assolutamente impeccabile e molto piacevole da usare. Ha però il cappuccio a scatto.

Lorenzo Domenico
"Il primo dovere di un gentiluomo è quello di sognare"
(O. Wilde)

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10880
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da piccardi » lunedì 12 agosto 2019, 22:43

Meno nota delle altre, ma molto valida: Lamy 27. Ma se cerchi delle penne a pennino più o meno carenato, le trovi praticamente tutte a incastro, la rivoluzione stilistica della 51 infatti consisteva anche in questo, ed ovviamente tutti gli altri produttori seguirono.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
fantabaffo
Converter
Converter
Messaggi: 11
Iscritto il: sabato 10 agosto 2019, 22:39
La mia penna preferita: Lamy (per ora)
Il mio inchiostro preferito: ancora non lo so
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da fantabaffo » lunedì 12 agosto 2019, 22:57

piccardi ha scritto:
lunedì 12 agosto 2019, 22:43
Ma se cerchi delle penne a pennino più o meno carenato, le trovi praticamente tutte a incastro, la rivoluzione stilistica della 51 infatti consisteva anche in questo, ed ovviamente tutti gli altri produttori seguirono.

Simone
Grazie per tutte le risposte: sto cercando di accumulare informazioni sui modelli che mi avete suggerito.
In merito a questa osservazione, posso senz'altro dare la precedenza alla chiusura a vite rispetto al pennino carenato... :)

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1279
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da Pettirosso » martedì 13 agosto 2019, 11:07

Ed allora (chiusura a vite) ti conviene stare in casa Pelikan: 120 o 140. Le dimensioni sono identiche, la 140 ha il pennino in oro ed una splendida celluloide trasparente.
Ci sarebbe anche la 400, ma hai lo stesso problema della Lamy 2000: è ancora attualmente in produzione.
Attenzione solo ai pennini: F o ancora meglio EF, le Pelikan hanno un tratto piuttosto largo.
Se invece dovessi rivalutare l'opzione carenato, Aurora 88 o 98, e non sbagli certamente! Grandi penne ad un piccolo prezzo.
N.B.: Stiamo parlando di penne a pistone; fra quelle suggeriteti solo la Parker 51 ha il sistema aerometrico e la 75 a cartuccia/converter.

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7766
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da Ottorino » martedì 13 agosto 2019, 14:22

Aggiungo per amor di completezza sheaffer touchdown e snorkel. Tappo a vite, pennino conico fermaglio a molla
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
rbocchuzz
Levetta
Levetta
Messaggi: 514
Iscritto il: venerdì 14 settembre 2012, 14:50
La mia penna preferita: La prossima che comprerò
Il mio inchiostro preferito: Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it ℵ: 134
Fp.it 霊気: 029
Località: Avellino
Sesso:

Consiglio stilografica d'epoca, utilizzabile giornalmente, intorno ai 100€

Messaggio da rbocchuzz » martedì 13 agosto 2019, 16:40

in considerazione della caratteristica "materiale non soggetto a degrado", mi viene da pensare a penne in metallo, le mie preferite sono Sheaffer Targa e Aurora 98 riserva magica, le Targa si trovano con varie finiture.
Altre vintage metalliche non mi sovvengono al momento.
In bocca al lupo
Rinaldo
Rinaldo

In Spagna, un sigaro dato e ricevuto stabilisce rapporti di ospitalità come in Oriente la condivisione del pane e del sale.
(P. Mérimée; "Carmen")

Rispondi