Requisiti specifici per la mia prima penna

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Irene
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 27
Iscritto il: mercoledì 24 aprile 2019, 18:27

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Irene » venerdì 26 aprile 2019, 13:03

Buongiorno a tutti. Da ben 6 mesi sto valutando l’acquisto di una mia prima stilografica; da circa un mese sto utilizzando due penne che mi sono state prestate come test, di cui vi scrivo pregi e difetti che ho riscontrato:

Parker 45 con pennino M carenato in oro, inchiostro Parker Quink Blu:
PRO:
- leggera
- sottile
- non ha scalini nell’impugnatura

CONTRO:
- il pennino gratta la carta e scrive soltanto con un’inclinazione specifica, che io ovviamente non trovo mai...

Pilot Metropolitan, pennino M in acciaio, inchiostro Pelikan 4001 Royal Blue:
PRO:
- super scorrevole e scrive con qualsiasi inclinazione
- leggera
CONTRO:
- ha uno scalino proprio dove stringo la mano, talmente pronunciato che a volte mi scappa di mano la penna mentre scrivo.

Inoltre, entrambe le penne mi sembrano molto sbilanciate con il cappuccio calzato, mentre a me piacerebbe tenerlo calzato mentre scrivo.

La mia penna ideale dovrebbe essere quindi sottile, leggera, bilanciata anche con cappuccio calzato e senza scalini nell’impugnatura. Dopo alcune ricerche, ho individuato le seguenti:
- Lamy Logo
- Lamy CP1
- Lamy ST
- Lamy Pur
- Faber Castell Neo Slim
- Parker Vector

Delle Lamy citate non si parla molto sul web, a differenza degli altri modelli della casa più “famosi”. Qualcuno ha esperienza su questi modelli, o anche altri che non ho scritto ma che rispettano i miei requisiti, per consigliarmi?
Dovrei poi, chiaramente, provarle in negozio.

Grazie.

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1565
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da HoodedNib » venerdì 26 aprile 2019, 13:17

Ho in casa Lamy ST e la CP1 e' solo una variante (poche differenze non sostanziali). Sono penne molto buone secondo me, sottili, leggere, scrivono in modo scorrevole (anche troppo ma io sono abituato alle Giapponesi ormai) e letteralmente non oppongono nessuna resistenza allo scrivere, tralaltro il pennino e' intercambiabile abbastanza facilmente (si cava con un unghia o con un pezzetto di scotch) e lo puoi sostituire facilmente, sono facili da pulire, prezzo contenuto.

Secondo me, visto cosa descrivi sono penne che potrebbero fare al caso tuo. Un suggerimento, prendila col converter cosi' puoi cambiare il colore dell'inchiostro facilmente
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 824
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Stub
Località: Milano
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Mightyspank » venerdì 26 aprile 2019, 13:22

Valuta le Pelikan, sono perfette da usare con il cappuccio calzato. Una bella M200 per iniziare è una ottima penna.
Le Lamy citate sono tutte valide alternative, nel senso che il gruppo scrittura è sempre lo stesso, quindi diventa una tua scelta estetica.
I pennini Lamy in oro sono più morbidi e piacevoli di quelli in acciaio.
Altrimenti, se ti piace, prova l'Aurora Ipsilon.
Si trovano facilmente anche usate a modico prezzo.

Avatar utente
shinken
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 890
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Midnight, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso:
Contatta:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da shinken » venerdì 26 aprile 2019, 14:17

Per un uso quotidiano potresti valutare anche la serie Custom della Pilot 74 economica ( circa 80-100 euro) 742 media (intorno alle 150) 743 (sopra i 170) tutte + iva dogana e trasporto
Offrono una larga scelta di pennini, sono leggerissime, possono montare un converter a pulsante enorme, sono dei muli.
I pennini Pilot sono eccezionali vanno da un EF veramente fine al BB con due semiflex l' SF( che ho io) e l' FA
fkk-3000r-b.jpg
fkk-3000r-b.jpg (29.75 KiB) Visto 704 volte
https://www.pilot.co.jp/products/pen/fo ... /custom74/
https://www.pilot.co.jp/products/pen/fo ... custom742/
https://www.pilot.co.jp/products/pen/fo ... custom743/
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1502
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: avatar by Ooti
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da zoniale » venerdì 26 aprile 2019, 14:49

I difetti che tu attribuisci al pennino della Parker dovrebbero essere eliminabili con una buona registrazione del pennino. Potresti ritrovarti quindi con la tua penna ideale, senza comprarne di nuove.
Ma dovresti trovare qualcuno che ti aiuta o dovresti armarti di pazienza e, studiato il wiki, darti da fare da sola.
Michele

Lamy
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 442
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Waterman Serenity Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Lamy » venerdì 26 aprile 2019, 15:19

Per quanto riguarda le Lamy io farei due cose:
1) Lascerei perdere (opzione migliore);
2) Proverei direttamente in negozio il pennino: i pennini Lamy o scrivono bene con un tratto ben più largo di quanto dichiarato oppure scrivono male con un tratto fedele a quanto scritto su di essi.

Molto meglio le Pelikan M200/M205 o le Aurora Ipsilon come detto da Mightyspank. Le Parker moderne di fascia bassa (<100€) fanno abbastanza pena, non c'è da sorprendersi se scrivono male.
Tra le economiche le migliori sono le Faber Castell e la Pilot 78G+ (stesso pennino della Metropolitan).
Aurora 88P, Ero 201,Lamy Safari Petrol, Parker IM, Pelikan M205 Classic Black, Pilot 78G+.

davide451
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 74
Iscritto il: sabato 25 novembre 2017, 18:24
La mia penna preferita: Parker 75
Il mio inchiostro preferito: Parker blu
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Reggio Emilia
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da davide451 » venerdì 26 aprile 2019, 15:42

Ciao Irene, visto che ti piace la 45 comprati quella. Io ne ho più di una e trovo sia una penna eccezionale. La compri per pochi euro e ci scrivi bene e con soddisfazione. Non guardare se quella che stai usando gratta, è senz'altro un problema di quella particolare penna. Ciao e sappici dire. Davide

Avatar utente
Pettirosso
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1290
Iscritto il: martedì 6 novembre 2012, 21:54
La mia penna preferita: Aurora, per tradizione
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Traves (TO)
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Pettirosso » venerdì 26 aprile 2019, 17:08

Ciao, direi che tutti ti hanno suggerito delle ottime penne.
La 45 è stata veramente una gran penna, nella fascia economica: se ti trovi bene tieni questa, il problema al pennino, come già ti è stato detto, è quasi certamente da attribuirsi ad un non perfetto allineamento dei rebbi, facilmente sistemabile.
Una validissima alternativa, nella stessa fascia di mercato, è l'Aurora Ipsilon che già ti hanno suggerito (Base con pennino in acciaio o De Luxe con pennino in oro): guarda se ti piace la sua forma a sigaro. Sui pennini vai tranquilla, secondo me, come scorrevolezza, sono fra i migliori in assoluto. Lascia perdere la produzione attuale, che ha costi proibitivi, cerca un buon vintage.
Ho notato che le penne che hai elencato sono tutte "slim": se ti piacciono così sottili vai direttamente alla progenitrice: Aurora Hastil, pennino in oro, varie rifiniture disponibili. Anche qui lascia perdere la produzione attuale, cerca nel vintage.
Ovviamente il limite del vintage è che non lo puoi provare prima in negozio...
Nota però che, anche se tu provi una penna in un negozio, poi o prendi proprio QUELLA, o rischi che lo stesso modello, con lo stesso pennino, ti deluda...
Due penne non sono mai perfettamente identiche: molto simili, ma non identiche.
Un'ultima cosa: il tratto del pennino. Non hai specificato nulla: ti va bene l'M della 45? Non è un po' largo per il tuo utilizzo universitario?

Irene
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 27
Iscritto il: mercoledì 24 aprile 2019, 18:27

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Irene » venerdì 26 aprile 2019, 19:25

Ringrazio tutti per il tempo che mi avete dedicato.
La Parker che ho non la posso “aggiustare” perché non è mia, è in prestito, dovrei provarne una nuova in negozio. Le Aurora sono costose e non vorrei una penna usata ma nuova.
Preciso che ho quasi finito l’università, non mi aspettano più lunghe sessioni di appunti dunque; sto già lavorando e la penna mi servirebbe per prendere appunti rapidi in ufficio ed eventualmente anche a bordo delle navi (non vorrei una penna troppo costosa anche perché so benissimo che potrei perderla). Come larghezza del pennino preferirei un po’ meno spesso della Pilot Metropolitan.

Lamy
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 442
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Waterman Serenity Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Lamy » venerdì 26 aprile 2019, 19:30

Direi Pilot 78G+ allora. Se la perdi ne compri un'altra senza battere ciglio.
Aurora 88P, Ero 201,Lamy Safari Petrol, Parker IM, Pelikan M205 Classic Black, Pilot 78G+.

hobbit
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 329
Iscritto il: mercoledì 2 marzo 2016, 23:16

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da hobbit » venerdì 26 aprile 2019, 20:22

Ciao da quello che scrivi: scrittura fine, impugnatura senza scalini, scorrevole, non costosa a causa dell'elevato rischio di perdita, bilanciata con il cappuccio per me la migliore è Kaweco Sport. La mia ha un ottimo e scorrevole pennino EF.

Un'alternativa è la Platinum Preppy. Il grande difetto di questa penna di pochi euro è che ha cartucce proprietarie, ma è facilmente risolubile con l'adattatore che si trova a 1,50€.

Altre alternative ugualmente valide sono la Pilot Kakuno, che ha un'ottima impugnatura e un tratto molto fine e la Kaweco Perkeo.

Con le Lamy ho avuto un'esperienza contrastante, trovo ottima la costruzione, tedesca, ma i pennini sono una scommessa. Devi provarli a negozio, perché ogni pennino scrive diversamente. Come corpi sono tutti ottimi, comodissimi e ben costruiti, a partire dalla ABC (impugnatura stupendamente comoda ma ha il cappuccio che non si infila durante la scrittura), la Nexx e la Safari, ...., però ripeto devi provare più pennini e scegliere quello migliore.

Queste sono tutte penne "scolastiche" da pochi euro, che sono affidabilissime, scrivono benissimo come penne ben più costose a cui invidiano solo un aspetto più prezioso.

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1420
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Arco Brown
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da francoiacc » venerdì 26 aprile 2019, 22:41

Ho avuto la Lamy Logo, non male! Penna scorrevole non la trovavo comoda perché un po sottile.
Tra le Faber Castell ho una ambition, penna che scrive benissimo, scorrevole e con un flusso molto ben regolato, peraltro trovo che ha un bel design, adatta però a chi non predilige impugnature basse dato lo scalino sulla sezione.
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 11499
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 26 aprile 2019, 22:52

Irene ha scritto:
venerdì 26 aprile 2019, 13:03
Buongiorno a tutti. Da ben 6 mesi sto valutando l’acquisto di una mia prima stilografica; da circa un mese sto utilizzando due penne che mi sono state prestate come test, di cui vi scrivo pregi e difetti che ho riscontrato:

Parker 45 con pennino M carenato in oro, inchiostro Parker Quink Blu:
PRO:
- leggera
- sottile
- non ha scalini nell’impugnatura

CONTRO:
- il pennino gratta la carta e scrive soltanto con un’inclinazione specifica, che io ovviamente non trovo mai...

Grazie.
Sicuramente il pennino ha qualcosa che non va, probabilmente i rebbi disallineati.
Se sono a posto ha bisogno di una passata sulla carta Micro-Mesh,
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Irene
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 27
Iscritto il: mercoledì 24 aprile 2019, 18:27

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Irene » sabato 27 aprile 2019, 1:29

Inaspettato aggiornamento: stasera a casa di un amico ho avuto modo di provare con mia somma sorpresa una Aurora Hastil e una Pelikan M150, entrambe con pennino M. La Aurora era esattamente come la vorrei io, sottilissima ed essenziale, scriveva davvero in modo eccezionale, ma per il momento mi è inaccessibile. La Pelikan era super scorrevole ma l’ho trovata un po’ corta e tozza rispetto a come mi piacerebbe; tra l’altro, pensando di svitarla per guardare la cartuccia, mi è esplosa in mano dato che il sistema di caricamento è differente ma io non lo sapevo.

Irene
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 27
Iscritto il: mercoledì 24 aprile 2019, 18:27

Requisiti specifici per la mia prima penna

Messaggio da Irene » sabato 27 aprile 2019, 1:30

francoiacc ha scritto:
venerdì 26 aprile 2019, 22:41
Tra le Faber Castell ho una ambition, penna che scrive benissimo, scorrevole e con un flusso molto ben regolato, peraltro trovo che ha un bel design, adatta però a chi non predilige impugnature basse dato lo scalino sulla sezione.
Avevo guardato la Ambition, mi sembrava interessante, ma io mantengo la penna molto in basso vicino al pennino e per me non va bene questo modello.

Rispondi