Un Broad che costi poco

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1565
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Un Broad che costi poco

Messaggio da HoodedNib » venerdì 5 aprile 2019, 19:51

Iridium ha scritto:
venerdì 5 aprile 2019, 19:28
Corvogiallo ha scritto:
venerdì 5 aprile 2019, 8:46
Infatti da lì la premessa. Ma tra la namisu (la mia era costata intorno ai 18 ma era la svendita dei prototipi) e una qualunque penna in plastica ai passano più di dieci quindici euro :) lo sforzo economico vale la pena
assolutamente d’accordo. anche se ho preso la più economica in alluminio la trovo veramente ben fatta e scrive benissimo. Per la cronaca mi è costato di più il pennino aggiuntivo in titanio che la penna stessa :mrgreen:
saluti
A questo punto mi chiedo, il pennino che usano e' un bock or un JoWo? E la Faber Castell usa un bock o un JoWo?
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Lamy
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 442
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Waterman Serenity Blue
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Un Broad che costi poco

Messaggio da Lamy » venerdì 5 aprile 2019, 19:53

Tutte le Faber Castell, dalla Basic in poi, montano lo stesso gruppo scrittura Bock.
Aurora 88P, Ero 201,Lamy Safari Petrol, Parker IM, Pelikan M205 Classic Black, Pilot 78G+.

Avatar utente
Corvogiallo
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 475
Iscritto il: giovedì 9 luglio 2015, 16:09
La mia penna preferita: Waterman Carene
Il mio inchiostro preferito: Montblanc Noir
Misura preferita del pennino: Fine

Un Broad che costi poco

Messaggio da Corvogiallo » venerdì 5 aprile 2019, 20:08

Namisu monta bock

Iridium
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 164
Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 5:52
La mia penna preferita: Leonardo Momento Zero Black EF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Twilight
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Palermo

Un Broad che costi poco

Messaggio da Iridium » venerdì 5 aprile 2019, 22:17

Corvogiallo ha scritto:
venerdì 5 aprile 2019, 20:08
Namisu monta bock
e anche il pennino acquistabile separatamente in titanio è bock (tra l’altro è anche semi flessibile)
Fabio

Il silenzio è d’oro (William Shakespeare)

Avatar utente
Mightyspank
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 824
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Stub
Località: Milano
Sesso:

Un Broad che costi poco

Messaggio da Mightyspank » venerdì 5 aprile 2019, 22:29

Ti consiglio anch'io un broad Faber Castell.
Trovi la grip nuova a meno di 15 euro, comunque sotto i 20 e hai una penna affidabile con un ottimo gruppo scrittura.

Rispondi