Penna da rappresentanza

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Avatar utente
Giotto
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 289
Iscritto il: mercoledì 3 maggio 2017, 20:07
La mia penna preferita: Prima dovrei provarle... TUTTE
Il mio inchiostro preferito: I neri, i verdi, i marroni ...
Fp.it Vera: 103
Località: Varese
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Giotto » martedì 26 giugno 2018, 0:41

tricke ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 23:23
...dalle recensioni lette online ho desunto che la duofold avesse cartucce proprietarie. Ti risulta?
Sì, le penne Parker dovrebbero utilizzare cartucce con un innesto proprietario (Cartuccia)

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2159
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da alfredop » martedì 26 giugno 2018, 0:50

ASTROLUX ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 23:40
tricke ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 23:23
Finalmente rientriamo in tema!

Grazie Astrolux, dalle recensioni lette online ho desunto che la duofold avesse cartucce proprietarie. Ti risulta?
Inizialmente mi sono appassionato alle Parker, la mia prima stilo "seria" è stata la Sonnet, le cartucce mi sembravano standard..lunghe ma standard.
Guarda in amazzonia.
Per pura curiosità, perchè preferisci la carica a cartuccia in alternativa a quella a conveter o a pistone ?
Per cartuccia standard generalmente si intende la cartuccia che ha l'imboccatura compatibile con l'innesto dell'alimentatore usato da marche quali Pelikan, Waterman, Visconti, etc.
Parker usa sue cartucce proprietarie che sono però compatibili anche con le Aurora (vale anche il viceversa, per cui le cartucce Aurora sono compatibili con le penne Parker). Vista la diffusione che hanno Parker ed Aurora non mi farei tanti problemi, le loro cartucce si trovano ovunque.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2175
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Maruska » martedì 26 giugno 2018, 1:24

Sono noiosa forse e ancor più monotona, ma la Montablanc la trovo superata per quanto riguarda "la penna da sfoggiare" io ce l'ho e la tengo a casa e le poche volte che l'ho usata in giro mi sono sentita in imbarazzo, non saprei neppure dire il perché, forse perché la considero un po' snob, non so... Una stilografica a cartuccia potrebbe anche essere la più bella e costosa del mondo, ma già rappresenterebbe poco stile e tanto meno poco stilografia, per me il top dell'eleganza e dello "sfoggio" è questa:
STRESEMANN.jpg
STRESEMANN II.png
Pelikan Souveran Stresemann M805 elegante, seria, ma non seriosa "faccinacoicuoricini"
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 581
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Syrok » martedì 26 giugno 2018, 1:37

Maruska ha scritto:
martedì 26 giugno 2018, 1:24
Sono noiosa forse e ancor più monotona, ma la Montablanc la trovo superata per quanto riguarda "la penna da sfoggiare" io ce l'ho e la tengo a casa e le poche volte che l'ho usata in giro mi sono sentita in imbarazzo, non saprei neppure dire il perché, forse perché la considero un po' snob, non so... Una stilografica a cartuccia potrebbe anche essere la più bella e costosa del mondo, ma già rappresenterebbe poco stile e tanto meno poco stilografia, per me il top dell'eleganza e dello "sfoggio" è questa:
STRESEMANN.jpgSTRESEMANN II.png
Pelikan Souveran Stresemann M805 elegante, seria, ma non seriosa "faccinacoicuoricini"
COncordo con Maruska anche secondo me le linee delle serie M Pelikan sono molto di rappresentanza e poi questa versione nera è molto elegante mentre forse la versione verde è un po più giovanile ma io vedrei bene anche la M800 con finiture dorate su questo fusto nero
Allegati
bca9668c.jpg
919c6dc4.jpg
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 819
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da analogico » martedì 26 giugno 2018, 2:31

tricke ha scritto:
sabato 23 giugno 2018, 14:20


Parker duo fold molto bella ma ha il problema delle cartucce proprietarie
Francamente non riesco a capire perchè farsi condizionare nella scelta della penna dalle cartucce cosiddette universali , che universali non sono, visto che sono tipo Pelikan e adottate anche da qualche altra marca.
In tutti i casi bisogna entrare in un negozio più o meno specializzato ( o in rete) e a quel punto comperare cartucce Pelikan o Parker/Aurora o Lamy, che differenza fa?
Ma anche se fossero giapponesi, che forse sono un pò meno diffuse, qual' è il problema? basta farsi la scorta poca o molta in base ai propri consumi di inchiostro e si vive sereni.
Insomma io sceglierei la penna, senza pensare al problema cartucce che di fatto un problema non è.
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

Avatar utente
ctretre
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 161
Iscritto il: mercoledì 21 giugno 2017, 18:06
La mia penna preferita: Wing Sing 698
Il mio inchiostro preferito: Verde scuro
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Penna da rappresentanza

Messaggio da ctretre » martedì 26 giugno 2018, 7:17

analogico ha scritto:
martedì 26 giugno 2018, 2:31
tricke ha scritto:
sabato 23 giugno 2018, 14:20


Parker duo fold molto bella ma ha il problema delle cartucce proprietarie
Francamente non riesco a capire perchè farsi condizionare nella scelta della penna dalle cartucce cosiddette universali , che universali non sono, visto che sono tipo Pelikan e adottate anche da qualche altra marca.
In tutti i casi bisogna entrare in un negozio più o meno specializzato ( o in rete) e a quel punto comperare cartucce Pelikan o Parker/Aurora o Lamy, che differenza fa?
Ma anche se fossero giapponesi, che forse sono un pò meno diffuse, qual' è il problema? basta farsi la scorta poca o molta in base ai propri consumi di inchiostro e si vive sereni.
Insomma io sceglierei la penna, senza pensare al problema cartucce che di fatto un problema non è.
Una penna per firmare documenti dovrebbe essere caricata con inchiostri indelebili, ecco che nasce il problema. Sailor e Platinum sono coperte dalle cartucce proprietarie, lo standard internazionale da montblanc e 4001 blue/black, kooh-i-noor e forse qualcun altro. Parker Aurora, lamy sheaffer no, che io sappia. Pilot non so.

Avatar utente
ASTROLUX
Levetta
Levetta
Messaggi: 665
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da ASTROLUX » martedì 26 giugno 2018, 7:46

Syrok ha scritto:
martedì 26 giugno 2018, 1:37


COncordo con Maruska anche secondo me le linee delle serie M Pelikan sono molto di rappresentanza e poi questa versione nera è molto elegante mentre forse la versione verde è un po più giovanile ma io vedrei bene anche la M800 con finiture dorate su questo fusto nero
Anche qui i cinesi....Hero 9072:
Allegati
cinese Hero.jpg
cinese Hero.jpg (29.23 KiB) Visto 220 volte

Avatar utente
Syrok
Levetta
Levetta
Messaggi: 581
Iscritto il: domenica 28 giugno 2015, 23:19
La mia penna preferita: Seilor ecoule nera glitterata
Il mio inchiostro preferito: Seilor gentle ink blu/black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Alba (CN)
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Syrok » martedì 26 giugno 2018, 7:52

Vero ma è tanto bella che la comprerei a occhi chiusi non ho capito solo il modello perché ci sono arrivato dalla ricerca immagini
Edit ho visto dopo il modello grazie astrolux
Alcune volte vinci, tutte le altre volte impari
(poverbio giapponese)
Alessandro
Immagine

tricke
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 36
Iscritto il: martedì 19 giugno 2018, 10:42

Penna da rappresentanza

Messaggio da tricke » martedì 26 giugno 2018, 7:54

analogico ha scritto:
martedì 26 giugno 2018, 2:31
tricke ha scritto:
sabato 23 giugno 2018, 14:20


Parker duo fold molto bella ma ha il problema delle cartucce proprietarie
Francamente non riesco a capire perchè farsi condizionare nella scelta della penna dalle cartucce cosiddette universali , che universali non sono, visto che sono tipo Pelikan e adottate anche da qualche altra marca.
In tutti i casi bisogna entrare in un negozio più o meno specializzato ( o in rete) e a quel punto comperare cartucce Pelikan o Parker/Aurora o Lamy, che differenza fa?
Ma anche se fossero giapponesi, che forse sono un pò meno diffuse, qual' è il problema? basta farsi la scorta poca o molta in base ai propri consumi di inchiostro e si vive sereni.
Insomma io sceglierei la penna, senza pensare al problema cartucce che di fatto un problema non è.
Per poter cambiare colore utilizzando una vastissima gamma di inchiostri di qualità con la semplicità della cartuccia.
Con le proprietarie sarei limitato a quelle della Casa.

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1026
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: turchese
Località: Varese
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da zoniale » martedì 26 giugno 2018, 9:26

Siberia ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:26
...che cafonata!
zoniale ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:58
...penne da rappresentante.
Diavolo! Siberia: stiamo schisci, che sennò arriva Astronlux ad insegnarci l'educazione.
Michele

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3039
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Penna da rappresentanza

Messaggio da Phormula » martedì 26 giugno 2018, 9:28

Esatto.

Le cartucce sono molto pratiche se uno la penna se la porta in giro, si possono sostituire in qualsiasi momento, anche nel mezzo di una riunione.
Il vantaggio delle cartucce "internazionali" (Pelikan & Co.) è sono uno standard di fatto, c'è amplissima scelta, solo Diamine offre una ventina di colori, Pelikan ha i 4001 e gli Edelstein, ... per non parlare di tutti gli altri marchi. Inoltre, se uno è senza, un pacchetto di cartucce Pelikan blu si trova in qualsiasi cartoleria, già trovare le Lamy o le Aurora è più difficile, molte cartolerie generiche non le tengono per via del poco smercio. Quelle giapponesi sono praticamente impossibili da trovare fuori dai negozi specializzati, bisogna tenerne una scorta.

Poi, per carità, c'è sempre la soluzione del calamaio, ma girare con il calamaio nella borsa non è il massimo della praticità, in aereo deve andare nella bustina dei liquidi per il bagaglio a mano (o nel bagaglio imbarcato, adeguatamente protetto) e ricaricare da calamaio non è una operazione che puoi fare nel mezzo di una riunione.

Sulla penna da rappresentanza, concordo con chi dice Montblanc, nel mondo delle penne rappresenta nell'immaginario collettivo quello che Rolex è per gli orologi, Luis Vuitton per le borse o Mercedes per le automobili. Questo senza nulla togliere ad altri marchi, si potrebbe discutere per ore sui meriti o demeriti di un marchio, ma non si può negare che esista un immaginario collettivo che associa un oggetto al marchio che più di altri ne ha saputo creare l'immagine. Marchio che può cambiare nel corso del tempo, infatti Montblanc sostiene la propria immagine piazzando negozi nei punti in cui si notano, ad esempio negli aeroporti.

Se poi spostiamo il discorso sul tema della penna di rappresentanza in genere, una penna di rappresentanza ha delle caratteristiche particolari.
Il colore ideale è il nero, per comunicare serietà e sobrietà.
Le dimensioni sono superiori alla media, senza esagerare, perchè deve fare presenza quando viene usata.
Il pennino va dal #6 in su, per la ragione di cui sopra.
Il fatto che scriva benissimo è scontato, ma non è fondamentale, la maggior parte delle penne di rappresentanza viene usata per mettere una firma, non per riempire 10 pagine di appunti non-stop. La caratteristica fondamentale è che non deve avere false partenze, perchè non faresti bella figura nel mettere una firma e scoprire che la penna non scrive. Di solito i fabbricanti risolvono questo problema optando per un flusso abbondante, che evita al pennino di seccarsi. Tutto il contrario di una penna scolastica, che invece viene usata tutti i giorni.

La mia penna di rappresentanza personale, quella che uso nelle occasioni formali e che è finita anche in qualche mia foto, è la Pelikan M1005, nera.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 869
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da HoodedNib » martedì 26 giugno 2018, 10:03

Maruska ha scritto:
martedì 26 giugno 2018, 1:24
Sono noiosa forse e ancor più monotona, ma la Montablanc la trovo superata per quanto riguarda "la penna da sfoggiare" io ce l'ho e la tengo a casa e le poche volte che l'ho usata in giro mi sono sentita in imbarazzo, non saprei neppure dire il perché, forse perché la considero un po' snob, non so... Una stilografica a cartuccia potrebbe anche essere la più bella e costosa del mondo, ma già rappresenterebbe poco stile e tanto meno poco stilografia, per me il top dell'eleganza e dello "sfoggio" è questa:
STRESEMANN.jpgSTRESEMANN II.png
Pelikan Souveran Stresemann M805 elegante, seria, ma non seriosa "faccinacoicuoricini"
Ecco, lei! Questo colore, questo cappuccio, spacca eleganza senza esagerare. Senza esagerare credo sia il punto per cui sia io che te la porteremmo in giro ma come hai visto tu stessa l'altra fa status. Cioe' intendiamoci se io mi trovassi a far firmare un documento ufficiale con tanto di "regalo della stilo" allora sarei davvero tentato di usare una 146/149 oppure una Sailor di alta gamma... anche se questa 805... :lol:
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2175
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Medio
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Maruska » martedì 26 giugno 2018, 13:15

--> NoodedNib, bisogna anche distinguersi nella vita, una Montblanc farà pure status, ma sempre Montblanc ripetuta e ripetitiva è; vuoi mettere la nostra Stresemann M805????? questa attira lo sguardo al di là dello status, elegante e moderna al tempo stesso, affidabile oltre misura, con un peso che fa sostanza; già quella nera con finiture dorate non mi piace, la trovo anonima e ripetitiva pure questa (scusa Phormula)
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Avatar utente
HoodedNib
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 869
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da HoodedNib » martedì 26 giugno 2018, 13:23

Infatti per questo sono molto combattuto, Maruska :)
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Phormula
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3039
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano

Penna da rappresentanza

Messaggio da Phormula » martedì 26 giugno 2018, 13:30

Maruska ha scritto:
martedì 26 giugno 2018, 13:15
--> NoodedNib, bisogna anche distinguersi nella vita, una Montblanc farà pure status, ma sempre Montblanc ripetuta e ripetitiva è; vuoi mettere la nostra Stresemann M805????? questa attira lo sguardo al di là dello status, elegante e moderna al tempo stesso, affidabile oltre misura, con un peso che fa sostanza; già quella nera con finiture dorate non mi piace, la trovo anonima e ripetitiva pure questa (scusa Phormula)
Non è a me che devi chiedere scusa, da sempre le opinioni degli appassionati divergono dall'immaginario collettivo.
Prendi 100 persone a caso per strada e chiedi quale secondo loro è il miglior orologio di lusso, e ti risponderanno "Rolex".
Nei forum di orologi troverai milioni di persone nel mondo pronte a dirti che c'è di meglio, argomentando le loro opinioni.

Chiedi qual'è la penna di rappresentanza per eccellenza (stilografica, biro o roller poco importa) e la risposta quella è.
Poi, se uno è qui dentro, è perchè vede le stilografiche da un punto di vista diverso rispetto alla maggior parte della popolazione.

Se lo chiedi a me, beh, come penna di rappresentanza a cartucce voto la Montegrappa Parola, rigorosamente blu scuro o nera.
Costa poco, scrive benissimo, fa bella figura (tappo a vite compreso, il che cambia la gestualità quando estrai la penna).
E se finisce MIA o KIA, non è come doversi ricomprare una M800. Ne puoi comprare una di scorta e ti avanzano ancora soldi.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Rispondi