Penna da rappresentanza

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Avatar utente
francoiacc
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 173
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: Delta Dolcevita Stantuffo
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da francoiacc » domenica 24 giugno 2018, 21:36

Due giorni di riunione in Germania ed una in Belgio, ecco le mie penne di rappresentanza, credo siano due bei made in Italy senza troppo eccesso:
Delta The Vintage
Visconti Michelangelo
1529868818060.jpg
Questa volta la dolcevita è rimasta a casa
Questa invece è la squadra completa che mi sono portato dietro, ma solo le due sopra menzionate mi accompagneranno ai vari meetings.
1529868775714.jpg
Ovviamente il mio cellulare ha una concezione tutta sua su come orientare le foto :x
Francesco

"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"

Avatar utente
zoniale
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 952
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: turchese
Località: Varese
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da zoniale » domenica 24 giugno 2018, 21:54

Polemarco ha scritto:
domenica 24 giugno 2018, 20:07
zoniale ha scritto:
sabato 23 giugno 2018, 11:59
Ma, esattamente, cosa si chiede di rappresentare a codesta "penna da rappresentanza"? :think:
L'espressione "penna di rappresentanza" dovrebbe significare: destinata a ricevimenti e riunioni ufficiali, a cerimonie, incontri e feste di un certo tono.
Normalmente si pensa a qualcosa di sobriamente elegante, non appariscente e funzionale.
(Anche in risposta ad astrolux)

Dunque in questo caso si richiede a tale penna di rappresentare la seriosa ed elegante opulenza del portatore.
Ma se invece il portatore fosse un punkabbestia? Mi figuro che la penna di rappresentanza dovrebbe essere una BIC masticata.

Quindi per poter consigliare a Tricke una "penna di rappresentanza" si dovrebbe sapere che tipo di persona sia. Un impiegato del catasto che vuole apparire come un principe della corona britannica? Un nababbo che voglia passare per minatore del Sulcis? ...
Michele

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7148
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Ottorino » lunedì 25 giugno 2018, 0:38

Lamy 2000, mai vecchia
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
SirVaco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 185
Iscritto il: martedì 28 novembre 2017, 12:03
La mia penna preferita: Montegrappa Fortuna Palladio
Il mio inchiostro preferito: Prima li devo provare tutti...
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da SirVaco » lunedì 25 giugno 2018, 16:29

Polemarco ha scritto:
domenica 24 giugno 2018, 20:07
(...)
Assolutamente vietato tenerla infilata tra l'orecchio e la testa.
:lol:
E perché mai? Più elegante e "di rappresentanza" di così cosa ci può essere !
:lol:
...però devo dire che sarebbe veramente divertente in una riunione!
"Lo dirà il tempo cosa siamo, saremo quel che meritiamo...ma se c'è un sogno per sognare, ci sarà un ballo da ballare"

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da marilua » lunedì 25 giugno 2018, 17:31

Comunque la penna di rappresentanza, che piaccia o meno resta sempre la Montblanc, è immediatamente riconoscibile dai profani, poi si può discutere su di tutto e di più, può non fregartene meno di niente di apparire, ma se scatta il diavoletto :twisted: ecco spuntare la Montblanc.
A me il diavoletto è spuntato un paio di anni fa, ma sono stata provocata.
Deciderete voi dopo aver letto se me la potevo risparmiare o meno. :think:
Per lavoro avevo spesso incarichi di revisore dei conti e regolarmente mi portavo un paio di stilografiche, che fossero una Delta o una Pelikan o una Aurora, erano quelle cariche al momento senza alcun pensiero al "farmi notare".
Avevo un incarico in un Ente pubblico piuttosto importante cui era presente come membro del collegio revisori un commercialista molto famoso e spocchioso, con cui tra l'altro avevo già avuto un paio di "discussioni" circa la regolarità dell' operato contabile dell'Ente.
Un giorno all'atto di firmare i verbali tiro fuori la mia Delta Dolce Vita e firmo, lui estrae dal taschino la sua biro Montblanc e dice: "queste sono penne", nessun commento da parte mia e sorrisini imbarazzati delle altre persone presenti.
Incontro successivo: al momento della firma, il commercialista tira fuori la sua biro Montblanc, firma e mi passa i documenti, con calma prendo l'astuccio delle stilo dalla borsa, lo apro, guardo e magia spunta una Montblanc 149, (se non fosse bastato l'altra era una Montblanc JFK in blu sfilata parzialmente dall'astuccio - tutte e due rubacchiate a mio marito e caricate per l'occasione con il Montblanc permanent) firmo e con fare indifferente lo guardo senza aprire bocca.
Mi guarda e mi dice " Mi sa che l'avevo sottovalutata ". Siamo scoppiati tutti a ridere, io per prima e da quel momento in avanti il suo atteggiamento è cambiato.
Certo, avrei potuto arrabbiarmi di brutto perché il mio valore non è dato dalla stilografica che esibisco, ma dalla mie capacità, ma a volte con la spocchia bisogna usare metodi spocchiosi.
Un po' mi vergognavo nell'aver preparato questo "attentato" ma vista la sua faccia ho "goduto molto" e un po' mi vergogno a raccontarvela questa storiella, ma quando si parla di penne di rappresentanza …...
carpe diem tempus fugit

Avatar utente
stanzarichi
Levetta
Levetta
Messaggi: 524
Iscritto il: lunedì 27 aprile 2015, 10:04
La mia penna preferita: Montblanc 149 F
Località: Modena
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da stanzarichi » lunedì 25 giugno 2018, 19:26

marilua ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 17:31
Comunque la penna di rappresentanza, che piaccia o meno resta sempre la Montblanc, è immediatamente riconoscibile dai profani, poi si può discutere su di tutto e di più, può non fregartene meno di niente di apparire, ma se scatta il diavoletto :twisted: ecco spuntare la Montblanc.
A me il diavoletto è spuntato un paio di anni fa, ma sono stata provocata.
Deciderete voi dopo aver letto se me la potevo risparmiare o meno. :think:
Per lavoro avevo spesso incarichi di revisore dei conti e regolarmente mi portavo un paio di stilografiche, che fossero una Delta o una Pelikan o una Aurora, erano quelle cariche al momento senza alcun pensiero al "farmi notare".
Avevo un incarico in un Ente pubblico piuttosto importante cui era presente come membro del collegio revisori un commercialista molto famoso e spocchioso, con cui tra l'altro avevo già avuto un paio di "discussioni" circa la regolarità dell' operato contabile dell'Ente.
Un giorno all'atto di firmare i verbali tiro fuori la mia Delta Dolce Vita e firmo, lui estrae dal taschino la sua biro Montblanc e dice: "queste sono penne", nessun commento da parte mia e sorrisini imbarazzati delle altre persone presenti.
Incontro successivo: al momento della firma, il commercialista tira fuori la sua biro Montblanc, firma e mi passa i documenti, con calma prendo l'astuccio delle stilo dalla borsa, lo apro, guardo e magia spunta una Montblanc 149, (se non fosse bastato l'altra era una Montblanc JFK in blu sfilata parzialmente dall'astuccio - tutte e due rubacchiate a mio marito e caricate per l'occasione con il Montblanc permanent) firmo e con fare indifferente lo guardo senza aprire bocca.
Mi guarda e mi dice " Mi sa che l'avevo sottovalutata ". Siamo scoppiati tutti a ridere, io per prima e da quel momento in avanti il suo atteggiamento è cambiato.
Certo, avrei potuto arrabbiarmi di brutto perché il mio valore non è dato dalla stilografica che esibisco, ma dalla mie capacità, ma a volte con la spocchia bisogna usare metodi spocchiosi.
Un po' mi vergognavo nell'aver preparato questo "attentato" ma vista la sua faccia ho "goduto molto" e un po' mi vergogno a raccontarvela questa storiella, ma quando si parla di penne di rappresentanza …...
A me ha fatto sorridere questa storiella :D e lo dico da utilizzatore quotidiano di 149 eh :thumbup:
Riccardo

Polemarco
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 265
Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2017, 13:37
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Polemarco » lunedì 25 giugno 2018, 19:50

Il commercialista non è solo uno spocchioso ma anche un gran maleducato.

A me è accaduto una cosa diametralmente opposta.

Invitato come relatore a un convegno, mi trovo sul palco tra un sottosegretario di un determinato ministero e un consigliere nazionale di un ordine professionale.

Normalmente quando vado ai convegni mi faccio accompagnare o da mia moglie o da mia figlia.

Si siedono tra gli ascoltatori, sentono i commenti, guardano le facce e mi mandano segnali convenzionali ("continua così, lascia perdere, passa ad altro, chiarisci etc").

Sono tra gli ultimi a parlare e, perciò, devo prendere appunti.
Prendo la mia Jinhao 886, ma non scrive (ecco perchè nel mio precedente post alla sobria eleganza ho aggiunto la funzionalità); passo alla matita.

Prima di iniziare a parlare, mia figlia mi segnala: "taglia" e poi "stanchi".

Il tema del mio intervento è molto tecnico: organizzazione di uffici pubblici di un determinato settore.

Parlo per meno di dieci minuti e mi pongo in garbato contrasto con la maggioranza dei relatori.
Finendo, con un sorriso, dico che mi scuso: ho avuto poco tempo per preparare l'intervento, se ne avessi avuto di più sarei stato ancora più breve.

Applausi non di maniera .

Forse quello che conta non è solo con cosa si scriva ma anche quello che si scrive e lo stile con il quale si scrive.
Ultima modifica di Polemarco il lunedì 25 giugno 2018, 20:02, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 787
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da analogico » lunedì 25 giugno 2018, 19:59

Mah ...che dire?
a parte ogni altra considerazione che ciascuno può fare per conto suo, sullo "sfoggiare" determinati oggetti a fini di affermazione di non so bene cosa, io ci vedo una contraddizione grande come una casa.
Insomma, si vuol sfoggiare la stilografica, per dare una certa immagine di se e dei propri gusti, , per non sentirsi omologati , per palesare un segno personale distintivo che appunto ci distingua dalla massa e poi la si sceglie di una determinata marca solo perchè è la sola riconosciuta come prestigiosa dalla massa.
Conoscevo un tale che comprava Rolex a fini di investimento, ma indossava orologi di ben altre marche.
Un giorno gli feci i complimenti per una maestoso Jaeger-LeCoultre vintage che aveva al polso e lui mi disse soddisfatto, il bello di queste marche è che 99,9 persone su cento pensano che siano orologi da mercatino.
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

marilua
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 5 maggio 2016, 15:23
La mia penna preferita: in questo momento Aurora 98
Il mio inchiostro preferito: waterman Havane
Misura preferita del pennino: Fine
Località: dintorni di Piacenza
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da marilua » lunedì 25 giugno 2018, 20:20

analogico ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 19:59
Mah ...che dire?
a parte ogni altra considerazione che ciascuno può fare per conto suo, sullo "sfoggiare" determinati oggetti a fini di affermazione di non so bene cosa, io ci vedo una contraddizione grande come una casa.
Insomma, si vuol sfoggiare la stilografica, per dare una certa immagine di se e dei propri gusti, , per non sentirsi omologati , per palesare un segno personale distintivo che appunto ci distingua dalla massa e poi la si sceglie di una determinata marca solo perchè è la sola riconosciuta come prestigiosa dalla massa.
Conoscevo un tale che comprava Rolex a fini di investimento, ma indossava orologi di ben altre marche.
Un giorno gli feci i complimenti per una maestoso Jaeger-LeCoultre vintage che aveva al polso e lui mi disse soddisfatto, il bello di queste marche è che 99,9 persone su cento pensano che siano orologi da mercatino.
Sono d'accordo sulla contraddizione insita nel volersi distinguere e poi sfoggiare quello che subito viene riconosciuto. Io ho sempre usato stilo sconosciute e per tali intendo tutto quello che è non Montblanc, unica marca conosciuta da chi di penne non sa niente, generando curiosità e a volte domande ma per l'uso di uno strumento considerato desueto.
In quell'occasione mi è scattato il trip e siccome non mi pareva il caso di innescare discussioni che sarebbero state e spiacevoli e fuori luogo, ho scelto di aspettare anzi provocare il passaggio del cadavere sul fiume. La figuraccia l'ha fatta lui :silent: e per ben due volte.
carpe diem tempus fugit

tricke
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 36
Iscritto il: martedì 19 giugno 2018, 10:42

Penna da rappresentanza

Messaggio da tricke » lunedì 25 giugno 2018, 20:33

Allora ragazzi ecco cosa intendo per penna di rappresentanza

Una stilografica di un certo prestigio e fattura,
Che scriva scivolando sulla carta come la mia Delta serena B,
Che si adatti alla mia manona,
Che non abbia un tappo pesantissimo come la mia Faber Castell e motion,
Che abbia cartucce standard,
Che sai reperibile da venditori professionali anche online.
:thumbup:

Avatar utente
Siberia
Levetta
Levetta
Messaggi: 660
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: La Parker 51?
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso:
Contatta:

Penna da rappresentanza

Messaggio da Siberia » lunedì 25 giugno 2018, 21:26

Le Montblanc biro... che cafonata! Penna da rappresentenza: per rappresentare chi o cosa? Le Montblanc? Solo per dimostrare di essere ricchi? A me non piacciono, e proprio per questo motivo: sono così inutilmente e banalmente costose che, ad usarle, mi sentirei un cafone... opinione soggettiva sulle penne, senza offesa per chi ama le Montblanc, ovviamente.
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
zoniale
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 952
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: turchese
Località: Varese
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da zoniale » lunedì 25 giugno 2018, 21:58

Siberia ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:26
Le Montblanc biro... che cafonata! Penna da rappresentenza: per rappresentare chi o cosa? Le Montblanc? Solo per dimostrare di essere ricchi? ...
Calma! Calma!
Non ci infervoriamo.
Si sta parlando di penne da rappresentante. Quelle per compilare gli ordini in triplice copia su carta chimica. Li vuoi compilare con un Waterman superflex?
Michele

Avatar utente
ASTROLUX
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 311
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da ASTROLUX » lunedì 25 giugno 2018, 22:33

zoniale ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:58
Siberia ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 21:26
Le Montblanc biro... che cafonata! Penna da rappresentenza: per rappresentare chi o cosa? Le Montblanc? Solo per dimostrare di essere ricchi? ...
Calma! Calma!
Non ci infervoriamo.
Si sta parlando di penne da rappresentante. Quelle per compilare gli ordini in triplice copia su carta chimica. Li vuoi compilare con un Waterman superflex?
Mi sembra che l'opener abbia chiarito bene la sua richiesta, in termini molto precisi anche. Il dileggio gratuito mi sembra sia oltre che fuori luogo anche fuori dai canoni della buona educazione.
D'altronde se la penna servisse solo ed esclusivamente per scrivere...allora tra biro e stilo cinesi si potrebbe ottemperare alla bisogna con pochi spiccioli, ottenedo anche buoni risultati.
MA NON E' COSI' !!!
La penna di qualità (ricercata e preziosa) è sempre stata un oggetto da regalare nelle grandi occasioni, per sottolineare e ricordare importanti ricorrenze. Quindi consideriamola come è realmente: un monile che può avere si un utilizzo pratico, ma anche una considerevole valenza estetica.

Una Montblanc è cara, per questo è cafona ? Non costa più di una Aurora ,Pelikan, Montegrappa ed altri di di equivalente fattura. Solo che Montblanc come Rolex si è saputa ritagliare uno spazio nell'immaginario collettivo, che gli permette di vendere meglio e più degli altri, anche nella fascia di prodotti meno ricercati tecnicamente e per clienti meno "sgamati".
Detto questo indico solo quale tra le (poche ) penne da me conosciute meglio potrebbe adattarsi alla esigenza dell'opener:
Allegati
duofold prestige.JPG
PARKER DUOFOLD PRESTIGE

tricke
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 36
Iscritto il: martedì 19 giugno 2018, 10:42

Penna da rappresentanza

Messaggio da tricke » lunedì 25 giugno 2018, 23:23

Finalmente rientriamo in tema!

Grazie Astrolux, dalle recensioni lette online ho desunto che la duofold avesse cartucce proprietarie. Ti risulta?

Avatar utente
ASTROLUX
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 311
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
Sesso:

Penna da rappresentanza

Messaggio da ASTROLUX » lunedì 25 giugno 2018, 23:40

tricke ha scritto:
lunedì 25 giugno 2018, 23:23
Finalmente rientriamo in tema!

Grazie Astrolux, dalle recensioni lette online ho desunto che la duofold avesse cartucce proprietarie. Ti risulta?
Inizialmente mi sono appassionato alle Parker, la mia prima stilo "seria" è stata la Sonnet, le cartucce mi sembravano standard..lunghe ma standard.
Guarda in amazzonia.
Per pura curiosità, perchè preferisci la carica a cartuccia in alternativa a quella a conveter o a pistone ?

Rispondi