CONDOR : "parure mignon" / lady / modello S - 1936

Foto e informazioni sui modelli degli altri produttori
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR : "parure mignon" / lady / modello S - 1936

Messaggio da Musicus » lunedì 30 ottobre 2017, 22:14

Il condor (delle Ande), Vultur gryphus, è il più grande di tutti i rapaci e tra gli uccelli per dimensioni è secondo solo all’albatro, con un’apertura alare che supera i tre metri. Vive sulla catena delle Ande, dalla Colombia al Cile, dalle vette montuose in zona equatoriale al livello del mare in Terra del Fuoco. Ha capo e collo privi di penne, una grande cresta carnosa negli esemplari maschi, un soffice collare bianco di piume alla base del collo, corpo nero con ali cenerine. Ha le stesse abitudini degli avvoltoi e si nutre in genere di carogne; può coprire centinaia di chilometri sfruttando le correnti ascensionali in veleggio statico e riesce a mangiare fino alla metà del suo peso in una sola volta pur essendo capace di digiuni di più settimane…
1. Sarcoramphus_gryphus_-_1805-1811_-_Print_-_Iconographia_Zoologica_-_Special_Collections_University_of_Amsterdam.jpg
Ecco, cosa c’entri un simile mostro del cielo con una stilografica minuscola racchiusa in una bustina di pelle, la Pagliero dovrebbe provare a spiegarmelo… :mrgreen:

Ma andiamo con ordine.

L’antefatto
Grazie ad un recente contributo del GM classificato da Simone :thumbup:
viewtopic.php?f=13&t=15358
è stato possibile attribuire alla storica ditta Pagliero di Settimo Torinese (https://www.fountainpen.it/Pagliero ) la paternità del marchio FERT (con caricamento brevettato) e di anticipare al 1936 il cambio di denominazione della ditta produttrice in “LP&F – Luigi Pagliero & F.[igl]i – Torino - Settimo”.
2. 1936-09-Pagliero-Brochure-ExternMid.jpg
Nella stessa pagina della preziosa brochure pubblicata ho così potuto riconoscere un set di penna stilografica/matita meccanica marchiato Condor che avevo messo da parte tempo fa, in attesa di poter svolgere adeguate ricerche…
3. PCS. 1936-09-Pagliero-Brochure-ExternMid.jpg
Ho così appreso con certezza che la marca Condor faceva parte dell’affollatissima scuderia Pagliero, che dagli anni Trenta al secondo dopoguerra inoltrato era andata producendo penne stilografiche sotto una pletora di marchi diversi: dalla più ricercata a quella più tecnologicamente avanzata alla più economica (perché, come recita la brochure, Pagliero “ha studiato anche dei costi veramente limitati”) all'azienda settimese si possono ricondurre le marche Plevonia, Prismatica (nella brochure una Prismatica Extra, in stile Omas Extra, che stranamente Letizia Jacopini nella sua Enciclopedia ascriverebbe alla S.A.F.I.S.), Regale, Red Circle, FERT, Stilnova, Fulgens, Vereletta/Verelite/Verelyte, Secolgraf (matite)… e CONDOR!

Innanzitutto si noti come, alla faccia delle pressanti raccomandazioni sull’italianità del linguaggio, nel 1936, nel pieno dell’ubriacatura imperiale e dell’autarchia ideologica, la coppia di stilografica e matita abbinata venisse bellamente definita “parure mignon”, comunque in luogo dell’inglese “set” (à la santé du roi de France, et merde pour le roi d'Angleterre!).
Lo stesso “condor” è un termine della lingua “quechua” dei nativi delle Ande, accolto dallo spagnolo (o-lé!) e così consegnato praticamente a tutti gli idiomi: la sua specificità zoologica l'aveva reso però linguisticamente lecito… :ugeek:
Bene: come sia venuto in mente a un produttore di penne italiano (anzi, probabilmente addirittura a due produttori, come sospetta Letizia Jacopini!) di dare un nome simile ad un marchio di stilografiche, proveremo a spiegarcelo, ma a nostro modo, come sempre… :?

Divagazione tangenziale
Nei lontani anni Dieci del Novecento la Mabie Todd aveva dato il “la” ad un coro ornitologico con il suo mitico (canto del) cigno “Swan”, ben presto contrappuntato dalle sottomarche merlo (nero ma anche albino!) “Blackbird” e “Merle Blanche”, rondine “Swallow” e taccola “Jackdow”, in una voliera che il pellicano tedesco (molto più tardi però, alla fine degli anni Venti) si proverà invano ad emulare, giungendo a partorire, pardon, a “deporre le uova” solo per un ibis
Questi sono solo gli esempi più eclatanti provenienti dall’estero, mentre in Italia sembra proprio che lo storico legame tra le penne degli uccelli (dell’oca in particolare) e la scrittura a mano non sia stata mantenuto con l’avvento della penna stilografica: costituiscono un’eccezione la marca “Flamingo” (fenicottero in inglese e in tedesco), purtroppo senza alcuna ulteriore notizia secondo Letizia Jacopini che ne cita solo il nome, e le marche “Aquila” e “Germano” ( :lol: cartoleria di Bologna), che erano però prima di tutto due cognomi…
Orbene, per molti di noi del Forum nati negli anni Sessanta, il condor è uno e uno solo (e non è Robert Redford)…
4. GIO' CONDOR.jpg
Solo in questi giorni di ricerche per la recensione ho collegato questa mia reminiscenza infantile alla probabile fonte di ispirazione degli autori della mitica campagna pubblicitaria della Ferrero…
5. Giò condor in picchiata.jpg
Mi riferisco, purtroppo, alle tragiche vicende della “Guerra civile spagnola” (1936-1939) alla quale presero parte attiva, anche se non ufficialmente, le truppe della Germania nazista (come quelle di molti altri Paesi, tra i quali anche l’Italia fascista, e l’Unione Sovietica staliniana ed il Messico sul fronte opposto), che già dalla metà del 1936 costituì un gruppo militare denominato “Legion Condor”, forte di 100 aerei e 5.000 uomini (20.000 a rotazione), comandato dal futuro feldmaresciallo dell’aria Hugo Sperrle.
6. Bundesarchiv_Bild_146-1987-121-30A,_Hugo_Sperrle.jpg
La Legione Condor fu responsabile anche del bombardamento della città basca di Guernica il 26 aprile 1937.
7. Guernica-Picasso.jpg
Se nell’assegnare il nome alla Marca di stilografiche questa sia stata la primaria ispirazione del Produttore, o se molto più semplicemente la ditta si sia solo avvantaggiata successivamente delle vittorie militari del reparto tedesco per incrementare le vendite, questo non è dato sapere… D'altronde, linee di penne o marchi come Littoria, Ardita, Imperiale, Italianissima, Balilla, Invincibile, Etiopia dei più svariati Produttori italiani sono lì a testimoniare che “l’impensabile” di solito è già venuto in mente a qualcuno del reparto marketing, e che a pensar male si fa peccato ma…

Continua
Ultima modifica di Musicus il martedì 31 ottobre 2017, 0:05, modificato 10 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Musicus » lunedì 30 ottobre 2017, 22:23

Condor parure mignon
La mia “parure mignon Condor” (886 P sulla brochure)
8. CPM. a1. in leather  pouch.jpg
è contenuta in una bustina in pelle rossa di circa cm.10,5x3,5.
9. CPM. a2. capped 1.jpg
Un seppur minimo legame con la Guerra, quella vera, la parure ce l’ha comunque di suo, recando una dedica solo parzialmente leggibile dove spicca però nitidamente
PASQUA 1945
10. CPM. a3. capped 2. Pasqua 1945.jpg
La Pasqua in quell’anno cadde il 1°Aprile, quindi in un momento ancora drammaticamente concitato nell’Italia del Nord, anche se solo a qualche settimana dalla Liberazione… Ovviamente, la parure può essere stata acquistata in un qualsiasi momento successivo al 1936 e poi donata nell’occasione...

La penna, chiaramente ispirata alla Parker Duofold Lady streamline [2] con caricamento a pulsante di fondo, pubblicizzata in Italia dalla fine del 1930,
11.PARKER DUOFOLD - 1930-11-23 - L'Illustrazione Italiana - Anno LVII - N.47; .jpg
impiega una celluloide perlata verde ricavata da fogli avvolti a spirale, che è notoriamente un materiale di gran lunga meno costoso e pregiato di quello utilizzato per la tornitura dal pieno, in cui lo scarto è in percentuale elevatissimo. Inoltre, nonostante la proverbiale acutezza della vista dei condor :geek: , il set è stato assemblato con celluloidi non perfettamente identiche (la matita presenta anche sfumature perlescenti grigie),
12. CPM. a4. capped 3.jpg
e l’insieme qualifica come non particolarmente elevato l’investimento produttivo della Pagliero.
Purtroppo la penna non mi è pervenuta con il pennino originale, e quindi non sono in grado di valutare questo aspetto essenziale dello strumento, che avrebbe potuto anche riservare piacevoli sorprese: non sono quindi in grado di escludere che la stilografica montasse un pennino in oro dedicato, ma mi sembra più ragionevole pensare che avesse un pennino in acciaio, magari dorato anche a fronte delle minuterie metalliche (anellini e gancetti) solo cromate.
13. CPM. a5. open.jpg
Le misure (davvero minuscole per un condor andino :mrgreen: ) vanno dai 9,5 cm. della penna chiusa ai cm.10,5 (pennino compreso) per la penna con cappuccio calzato, ai cm.4,7 per il cappuccio ai cm.8,5 per il solo fusto, mentre la matita è lunga cm.9:
14. CPM. a6. posted.jpg
mignon” è davvero l’aggettivo giusto per definire questa parure!
Ho lasciato per ultima l’iscrizione principale del Produttore (assente sulla matita), perché è il particolare più interessante dal punto di vista della ricerca:
15. CPM. inscription.jpg
CONDOR
iscrizione realizzata in stampatello maiuscolo riproducendo quasi perfettamente gli stessi semplici caratteri del Trademark,
16. Condor-Trademark.jpg
16. Condor-Trademark.jpg (1.92 KiB) Visto 443 volte
il Marchio depositato dalla “Ditta Luigi Pagliero e Figli, Settimo Torinese (TO) Italia” dopo la Guerra il 1949-04-27 (nuovamente?), e registrato il 1949-12-19, archiviato nell’apposita sezione del nostro formidabile Wiki. :thumbup:


Continua…
Ultima modifica di Musicus il lunedì 30 ottobre 2017, 23:46, modificato 4 volte in totale.

Avatar utente
francescog
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 163
Iscritto il: giovedì 24 agosto 2017, 13:03
La mia penna preferita: Pilot capless
Il mio inchiostro preferito: Waterman inspired blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it Vera: 045
Località: Roma
Sesso: Uomo

...work in progress...

Messaggio da francescog » lunedì 30 ottobre 2017, 22:23

Questa volta ti stai superando! Da una pubblicità tiri fuori un saggio del genere! :o
Uno strato di fango ricopriva ancora la terra, ma qua e là piccoli fiori blu stavano già sbocciando.
R. Queneau, Les fleurs bleues, nella traduzione di I. Calvino

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Musicus » lunedì 30 ottobre 2017, 22:29

Fenomenologia del Condor stilografico [ahi, ahi, ahi…]
Ma ciò che mi interessava maggiormente era in realtà di stabilire una relazione tra questa parure marchiata CONDOR di (ormai inconfutabile) produzione Pagliero e altre due penne in mio possesso (ritrovate in altre occasioni ma sempre in regione Trentino-AltoAdige) marchiate anch’esse CONDOR ma con caratteri affatto differenti (ma simili tra loro).

Andiamo subito ad osservare la prima delle due, anch’essa un’imitazione della Parker Duofold Lady streamline.

La penna
CONDOR lady in celluloide (arrotolata) blu e bianca, pennino non originale, parti metalliche a vista cromate, caricamento a pulsante di fondo, prodotta in Italia seconda metà degli anni 1930 da Produttore non certo (presumibilmente lo stesso dei modelli Condor-B e Condor-S).
17. CB. inscription.jpg
Le misure
Chiusa: cm. 9,5 (alla testina)
18. CB. capped.jpg
Cappuccio: cm. 4,8 (alla testina)
19. CB. open 2.jpg
Fusto: cm. 8,5 (nib out cm.1,6)
20. CB. open 1.jpg
Con cappuccio calzato: cm. 11,6 (nib out cm.1,6)
21. CB. posted.jpg
Diametro massimo (agli anellini): mm.12,7
Diametro del fusto all’iscrizione: mm.10,7
Diametro medio impugnatura: mm.10,3
22. CB. button filler.jpg
Peso (a vuoto): gr.11
Fusto: gr.6
Anche se non originale, il “Globus” in oro 14 carati è di certo un gran bel pennino, che dà lustro alla stilografica su cui è montato: preciso e capace di buona flessibilità, nonostante le dimensioni minime della penna esso rende la scrittura con cappuccio calzato assolutamente divertente (basta non inciampare nella nappina… :D ).
23. CB. writing sample.jpg

Passiamo subito ad un confronto all’americana [ :mrgreen: ] tra le due piccole femmine di condor
24. CONDOR Pagliero verde e CONDOR blu - capped.jpg
Ad un primo sguardo le stilografiche potrebbero apparire identiche, rifacendosi entrambe allo stesso modello Parker.
25. CONDOR Pagliero verde e CONDOR blu - posted.jpg
Ma le differenze sono tante ed importanti.
La più evidente è nell’iscrizione principale
CONDOR
posizionata per entrambe orizzontalmente al centro del fusto.
26. CONDOR Pagliero verde e CONDOR blu - inscriptions.jpg
Come si può osservare, i caratteri scelti sono completamente diversi.


Continua
Ultima modifica di Musicus il martedì 31 ottobre 2017, 8:12, modificato 5 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Musicus » lunedì 30 ottobre 2017, 22:39

Gli anellini decorativi sul cappuccio sono davvero molto simili, così come i gancetti per le nappine, mentre tutto il resto differisce più o meno marcatamente:
- il disegno della testina, che presenta uno scalino sul modello verde, molto meno pronunciato su quello blu;
27. CONDOR Pagliero verde e CONDOR blu - open.jpg
- all’estremità opposta, anche i fondelli differiscono per lo scalino di decorazione;
28. CONDOR Pagliero verde e CONDOR blu - blind cap and top cap.jpg
- la sezione è più lunga e notevolmente più svasata sulla verde;
29. CONDOR Pagliero verde e CONDOR blu - section and feeder.jpg
- l’alimentatore è scalettato sulla blu, piatto sulla verde;
- la filettatura per il cappuccio realizzata sul fusto è più lunga sulla blu;
- la filettatura del pulsante di fondo è decisamente più corta nel modello verde.

Non è infrequente che un Produttore apporti delle modifiche ad un determinato modello, adeguandolo a nuove tendenze stilistiche che ritiene di dover seguire, a cominciare proprio dal Logo iscritto sulla penna: ma da quello che si può osservare i due esemplari non sono “la stessa penna”, senza dubbio.
Mentre è sicuramente molto probabile che provengano dal medesimo Produttore le penne che recano la medesima iscrizione, pur su modelli molto diversi:
30. CONDOR S e CONDOR lady - posted.jpg
31. CONDOR S e CONDOR lady - inscription.jpg

Fin qui abbiamo esaminato due penne di taglia lady che non erano ancora apparse sul nostro Forum e quindi nemmeno sul Wiki, che a proposito delle CONDOR (che sembra attribuire tutte a Pagliero) così riporta [in parentesi le mie osservazioni]:
«Un secondo marchio utilizzato nell'anteguerra dalla ditta [Pagliero] era Condor, usato per le penne di fascia più economica.
Sono noti modelli in stile flat top con clip a goccia, denominati Condor B [ispirati alle Parker Duofold streamline misura senior] e altri leggermente affusolati con estremità coniche e clip a freccia denominati Condor S [modelli più tardi, ispirati alla più moderna Parker Vacumatic, soprattutto per il fermaglio], entrambi con caricamento a pulsante di fondo [l’iscrizione sul fusto dovrebbe essere identica, cambiando solo il suffisso B o S].
Si tratta di penne economiche la cui celluloide è di qualità inferiore, e dotate di pennino in acciaio dorato marchiato Condor.» [ma anche in oro, come dimostrerebbe la Condor S di Fabrizio reperibile nelle foto relative alla Marca:
https://www.fountainpen.it/Categoria:Pagliero_Photos ]

CONDOR modello B e CONDOR modello S sono quindi già ben documentate nel nostro Wiki grazie al contributo di Fabrizio (fab66), e le immagini, gioverà ricordarlo, sono consultabili nella sezione “Foto marca” relative al Produttore Pagliero:
https://www.fountainpen.it/Categoria:Pagliero_Photos
In questa sede io mi limiterò a mostrare il mio esemplare di CONDOR S che come abbiamo visto riporta incisa la stessa iscrizione della Condor lady blu,
32. CONDOR S. posted x2.jpg
a documentare il gruppo scrittura con pennino in acciaio dorato,
33. CONDOR S. nib and feed.jpg
e a fornire una breve prova di scrittura.
34. CONDOR S. writing sample.jpg
La differenza tra le iscrizioni e gli aspetti costruttivi delle due penne lady, tuttavia, potrebbero fare ipotizzare che non vi fosse un solo Produttore ad utilizzare il marchio CONDOR (sicuramente di Pagliero per la “parure mignon” verde documentata in apertura grazie alla brochure ritrovata):
35. CONDOR different inscriptions.jpg
mi è sembrato di capire che secondo Letizia Jacopini nella sua fondamentale opera “La Storia della Stilografica in Italia 1900-1950” non sia accertata un’unica origine produttiva per tutte le penne marchiate Condor comparse sul mercato negli anni Trenta/Quaranta.
A tal proposito, cito testualmente con omissis:
«CONDOR
Questo nome si trova prevalentemente su stilografiche di vario stile ed epoca, probabilmente di origini diverse…
…modelli di tipo economico della fine degli anni 1940 di probabile provenienza settimese…
…Il marchio “Condor” veniva reclamizzato durante la seconda metà degli anni 1930 tra i prodotti della ditta Luigi Pagliero e Figli di Settimo Torinese

C'è dunque la possibilità che le Condor B ed S (insieme alla lady blu che ho mostrato, quindi) non siano riconducibili anch'esse alla Pagliero…
Attendiamo dunque fiduciosamente nuovi ritrovamenti che possano fare chiarezza sulla questione, ma sono sicuro che fino ad allora dormiremo tutti lo stesso la notte… :mrgreen:
;)

Grazie per l'attenzione!! :thumbup:

Giorgio
Ultima modifica di Musicus il martedì 31 ottobre 2017, 8:19, modificato 2 volte in totale.

efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 281
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da efreddi » martedì 31 ottobre 2017, 8:01

Caro Giorgio, come sempre ci regali una bella e dettagliatissima recensione.
Grazie e ciao.
Elia
----------------------------

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

...work in progress...

Messaggio da Musicus » martedì 31 ottobre 2017, 8:10

francescog ha scritto:
lunedì 30 ottobre 2017, 22:23
Questa volta ti stai superando! Da una pubblicità tiri fuori un saggio del genere! :o
Grazie, Francesco! :thumbup:
Senza quella pubblicità, non l'avrei nemmeno incominciato... :D
efreddi ha scritto:
martedì 31 ottobre 2017, 8:01
Caro Giorgio, come sempre ci regali una bella e dettagliatissima recensione.
Grazie e ciao.
Grazie a te, Elia, per la consueta, gradita considerazione! :thumbup:

:wave:

Giorgio

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 525
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da lucre » martedì 31 ottobre 2017, 16:26

Complimenti Giorgio per l'ampia disamina del marchio e le belle foto.
Grazie
Luigi

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Musicus » martedì 31 ottobre 2017, 17:08

lucre ha scritto:
martedì 31 ottobre 2017, 16:26
Complimenti Giorgio per l'ampia disamina del marchio e le belle foto.
Grazie
Luigi
Grazie a te, Luigi, per l'attenta lettura e per l'apprezzamento! :thumbup:

:wave:

Giorgio

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 551
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso: Donna

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Silemar » mercoledì 1 novembre 2017, 19:09

In attesa che si faccia chiarezza sulla questione, dormirò sonni tranquilli sognando nappine blu (e spero non l'orribile condor! :D ). Grazie Musicus per il tuo costante impegno. :wave:
Laura

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 9989
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da piccardi » mercoledì 1 novembre 2017, 23:19

Ciao Giorgio,

ho letto con grande piacere il tuo dettagliatissimo confronto fra le varie Condor: quella che sollevi è questione veramente interessante. Le due Condor Lady sono davvero penne diverse (e non solo per la stampigliatura). Il wiki assume per semplicità l'appartenenza del marchio alla Pagliero in quanto la registrazione dello stesso è loro, e fin dal 1936 compare nelle loro pubblicità, ma trovarsi di fronte ad un modello analogo con delle differenze così marcate fa sorgere il dubbio che vi sia stata una produzione alternativa che usava lo stesso marchio.

Ho cercato nel database dei marchi, ma non ho trovato altre registrazioni (a parte un Condor Ink di una ditta bolognese) collegabili a strumenti da scrittura. Ci sono un paio di marchi Condor che hanno dei caratteri più simili a quelli della Condor S, ma attengono a tutt'altro; d'altronde accade spesso che la registrazione sia per un nome che viene riportato con una scritta in caratteri piani, non corrispondenti poi a quelli usati nei loghi.

Chiederò a Letizia, quando avrò l'occasione di vederla, da cosa deriva l'ipotesi di produzioni alternative che mette nella voce sul marchio, anche se poi sembra attribuire (nella sezione della Pagliero) le Condor S e B a quest'ultima. In attesa di altre informazioni (non ci resta che sperare in qualche ritrovamento con una scatola e istruzioni originali) dovremo aggiungere anche questo dubbio alla lista delle innumerevoli questioni sospese su cui non abbiamo una risposta sicura.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
francescog
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 163
Iscritto il: giovedì 24 agosto 2017, 13:03
La mia penna preferita: Pilot capless
Il mio inchiostro preferito: Waterman inspired blue
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it Vera: 045
Località: Roma
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da francescog » giovedì 2 novembre 2017, 8:13

Silemar ha scritto:
mercoledì 1 novembre 2017, 19:09
In attesa che si faccia chiarezza sulla questione, dormirò sonni tranquilli sognando nappine blu (e spero non l'orribile condor! :D ). Grazie Musicus per il tuo costante impegno. :wave:
Orribile, eppure il ruolo di questi animali (condor, avvoltoi, ...) è prezioso e il loro declino numerico seriamente preoccupante. Ho letto un articolo su National geographic ( qui ) un paio di anni fa che me li ha fatti apprezzare molto.
Uno strato di fango ricopriva ancora la terra, ma qua e là piccoli fiori blu stavano già sbocciando.
R. Queneau, Les fleurs bleues, nella traduzione di I. Calvino

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1543
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Medicus » giovedì 2 novembre 2017, 8:33

Intanto va da se che ho letto con molto gusto l' argomento, interessante e ricco di notizie e viste con piacere le fotografie, ma qui non si parla solo di penne ( dettagliatissimo racconto ) : ci sono anche nozioni di biologia e di storia, insomma una piccola enciclopedia :clap: .
Per il nome ornitologico delle penne, meno male che a qualcuno non è venuto in mente di chiamarne qualcuna "Cornacchia" :D
Complimenti.
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Musicus » giovedì 2 novembre 2017, 10:42

Silemar ha scritto:
mercoledì 1 novembre 2017, 19:09
In attesa che si faccia chiarezza sulla questione, dormirò sonni tranquilli sognando nappine blu (e spero non l'orribile condor!.... Grazie Musicus per il tuo costante impegno....
Grazie a te, Laura, per la squisita gentilezza usuale!!
Ieri l'impegno (?!?) è stato... particolarmente "impegnativo", quasi un cimento, con Totò l'avrei definito un "cimento armato" :mrgreen:: mercatino (mercatone?!) con 450 banchi :shock: qui in un'immagine all'ora di pranzo...
20171101_112435.jpg
Meno male che mi ero messo in caccia dalle 6 e ho potuto valutare per benino i pezzi migliori... 8-)
Quindi, alla prossima...
:wave:

Giorgio

P.s.: Oggi, per contrappasso e penitenza :angel: , un poco di spleen lacustre...
20171102_082731.jpg

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

CONDOR "parure mignon" etc. - 1936

Messaggio da Musicus » giovedì 2 novembre 2017, 10:54

Medicus ha scritto:
giovedì 2 novembre 2017, 8:33
Intanto va da se che ho letto con molto gusto l' argomento, interessante e ricco di notizie e viste con piacere le fotografie, ma qui non si parla solo di penne ( dettagliatissimo racconto ) : ci sono anche nozioni di biologia e di storia, insomma una piccola enciclopedia...
.....
Complimenti.
Caro Pierangelo, ti ringrazio di cuore per le belle parole, che mi spronano a condividere le ricerche che la mia indole curiosa mi spinge a fare... ;)
Medicus ha scritto:
giovedì 2 novembre 2017, 8:33
....
Per il nome ornitologico delle penne, meno male che a qualcuno non è venuto in mente di chiamarne qualcuna "Cornacchia"...
Guarda Medicus che non mi sentirei di escluderlo: prova a verificare anche tu che non ci sia nella produzione cinese...
http://www.fountainpennetwork.com/forum ... y-country/
:lol:

Come abbiamo notato, "è il Marketing, bellezza!"
:silent:

:wave:
Giorgio

Rispondi