ARDITA - Una storia di eroismo

Foto e informazioni sui modelli degli altri produttori
Rispondi
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Musicus » domenica 23 ottobre 2016, 12:23

A.O.I.
1. A. map 1 - Copia.jpg
2. A. map 2.jpg
9 Maggio 1941, Abissinia: offensiva delle truppe sotto il comando inglese contro le Forze Armate dell’Africa Orientale Italiana in Etiopia, battaglia di Scioa Ghimira.
3A. map 3.jpg
« Ma abbagliante fu il fastoso tumulto che il torso terremotato dall'ultimissima forza vitale tenta vuole ritentare ed estrae
Sì sì bisogna estrarre dal taschino della giubba di guerra l'ardita penna stilografica
Con acerbo conato scribacchiare meglio sarebbe scrivere a prodigio militare e con cura proprio sulla busta bianca nella carnalità della lettera della moglie
Viene fuori anch'esso per suo conto lo scritto tenero e sottoscrive
- Forza mio 190° vendicatemi vinceremo intrepidi figli d'Italia mio grande amore
La vissutissima solida mano si rattrappisce e il tenente colonnello Gabriele Pepe si scioglie in cadavere già pronto a lottare in durezza coi becchi adunchi mentre la penna stilografica ormai padrona delle sue misteriose parole in libertà goccia
Lacrime e sensazioni dolci che di colpo insurrezionano il formicaio mediante un libertario ciola di crepuscolo aeropoetico amico del vellutato ron ron ron ron tortora o aeroplano ».


[Filippo Tommaso Marinetti (1876-1944), Simultaneità del ten. colonnello Gabriele Pepe gloria delle truppe coloniali artiglieri bersaglieri fanti e camicie nere, da “Canto eroi e macchine della guerra mussoliniana” pagg. 116-117, Arnoldo Mondadori Editore, 1942]
4. A. posted.jpg
Il libro da cui è tratto il passo citato, introvabile ultima fatica del geniale fondatore del Movimento Futurista, è un’opera irrimediabilmente inficiata, se non del tutto squalificata, dall’intento apologetico, encomiastico e insopportabilmente propagandistico tipico di (quasi) tutte le “opere di regime”: e tuttavia, non mancano effusioni liriche toccanti, intuizioni visionarie, soluzioni tecniche d’avanguardia…
La corretta denominazione dell’opera poetica è “Aeropoema”, diviso in 9 “simultaneità”, con un “collaudo” introduttivo: vediamo di chiarire un poco la materia.
Contrariamente a quanto accade per le arti figurative (nel Cubismo e nel Futurismo, ad esempio, la simultaneità/compresenza di piani spaziali e temporali diversi) e per la musica (che ha una scrittura verticale oltre che orizzontale), la parola (poetica) scritta pare la forma d’arte meno adatta a rendere la simultaneità, fondando la sua struttura sulla più pura diacronia.
Il Futurismo, anche in questo campo, aveva provato a vincere lo storico “limite”, e a rendere plasticamente un simulacro di contemporaneità: ai suoi inizi mediante l’artificio marinettiano delle notissime “parole in libertà” (una straordinaria intuizione grafica tra poesia e disegno), in seguito anche con la “aeropoesia” la cui principale caratteristica, oltre all’evidente abolizione di punteggiatura e sintassi comuni, è l’osservazione della realtà dallo spiazzante punto di vista degli stessi elementi (naturali o artificiali, animati o inanimati) che la compongono.
Alla luce di quanto detto, viene ad assumere una rilevanza ancora maggiore nel passo citato in apertura la riconquistata indipendenza della penna stilografica, ardita, così la definisce il Poeta, che alla morte del suo padrone “goccia” lacrime e parole in libertà, che scivolano a risvegliare l’isteria di un formicaio, mentre s’ode il ronzio di un aereo che si allontana in cielo, o è l’amoroso compianto di una tortora su un ramo alla luce del tramonto?…
5. A. opened.jpg
Ora, ma solo alla fine come premio per i più perseveranti tra i lettori, i nudi fatti della vicenda, così come sono riportati nel sito ufficiale della Presidenza della Repubblica, con la motivazione del conferimento della
Medaglia d'oro al valor militare
PEPE GABRIELE
Luogo di nascita: Civitacampomarano (CB)
Tenente Colonnello in s.p.e. ( Fanteria , CXC battaglione coloniale )
Data del conferimento: 1941
Alla memoria
motivazione:
Già distintosi in ogni circostanza per indomito coraggio personale, trovandosi da poche settimane in licenza in Patria, dopo ininterrotti cinque anni di colonia, chiedeva allo scoppio dell’attuale guerra ed otteneva di ritornare in aereo nell’impero, per riprendere il suo posto di combattimento. Con l’esempio e con le sue superbe qualità animatrici, imprimeva, in breve tempo, ad un battaglione di nuova formazione, il suo stesso ardire e la sua stessa passione. in aspro combattimento, attaccato da forze superiori, conduceva, dopo cinque ore di lotta, ancora una volta i suoi uomini al contrattacco ed in tale eroica azione veniva colpito al volto. Con i gesti e con la voce gorgogliante per il sangue irrompente, riusciva ancora una volta a spronare i suoi dipendenti ed a rompere il cerchio che li rinserrava. Dissanguato dalla ferita e non potendo parlare, scriveva le seguenti ultime parole di incitamento e d’italica fede: «forza mio 190° vendicatemi, vinceremo intrepidi figli d’Italia, mio grande amore... ». Concludeva così da eroe la sua nobile vita di soldato dedicata sempre al dovere, rendendo ancor più sacra col suo sangue la terra dell’impero. Ghemira (A.O.I.), 9 maggio 1941.


P.s. Ovviamente, la penna da me presentata è Ardita di Marca, di forme e di carattere, ma non è “la” penna ardita di cui si parla nelle vicende storiche; e pure, potrebbe esserlo stata…

La penna
ARDITA in celluloide wild perlata non tornita da barra piena, parti metalliche placcate oro, pennino in acciaio Astro CU, caricamento pulsante di fondo, produzione Italia fine anni 1930.
6. A. The Pen capped.jpg
Le Misure
Chiusa: cm. 12,8
Cappuccio: cm. 6
Fusto: cm. 11,8 (pennino cm.2)
Con cappuccio calzato: cm. 16 (pennino cm.2)
Diametro massimo (agli anellini): mm. 15,1
Diametro all’iscrizione sul fusto: mm. 13,3
Diametro medio all'impugnatura: mm. 11,2
Peso (a vuoto): gr. 19
Cappuccio: gr. 9
Fusto: gr. 10
7. A. capped.jpg
Il Marchio
In un recente argomento https://forum.fountainpen.it/viewtopic. ... 22#p157322
ho presentato una “Ardita A.V.M.” che sembrerebbe potersi ascrivere alla produzione della OMEGA A.V.M. di “Alfredo Verga – Milano”.
Letizia Jacopini ne “La Storia della Stilografica in Italia 1900-1950” inserisce la Marca “Ardita” alla pagina 287 ove è contenuto un semplice elenco (A-M) di “Altri Marchi italiani”, senza ulteriore specificazione.
La Ardita testè presentata, celluloide wild perlata con effetto camouflage, il nome tracciato in uno splendido corsivo, parrebbe rientrare nella produzione (di origine ancora non documentata) citata nell’Enciclopedia.
8. A. inscription.jpg
Grazie dell’attenzione! :thumbup:

Giorgio

Sanciok
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 12:17
La mia penna preferita: Aurora Hastil
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Vert Empire
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Venezia
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Sanciok » domenica 23 ottobre 2016, 16:33

Post coinvolgente ed emozionante, grazie

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 559
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da lucre » domenica 23 ottobre 2016, 20:11

Grazie Giorgio per le immagini della bella penna e per la rilettura ed accurata ambientazione della simultaneità di Marinetti
Luigi

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Musicus » lunedì 24 ottobre 2016, 13:37

Sanciok ha scritto:Post coinvolgente ed emozionante, grazie
Grazie a te, Sanciok, l'ho pubblicato proprio con quell'intenzione... :lol:
Benvenuto sul Forum!! :thumbup:
lucre ha scritto:Grazie Giorgio per le immagini della bella penna e per la rilettura ed accurata ambientazione della simultaneità di Marinetti
Ti ringrazio, Luigi!! :thumbup:

:wave:

-----------------------------------------------------------------------

A seguire una piccola curiosità.
La cartina costituiva il Supplemento al N.10 (Ottobre) del 1935 della Rivista “Le Vie d’Italia” del Touring Club Italiano. Come si può notare nella seconda fotografia che mostra la cartina aperta, sul retro della cartellina che contiene la mappa l’Etiopia è ancora indicata con una differente colorazione poiché la guerra era appena scoppiata (essendo stata dichiarata il 3 Ottobre del 1935), e finirà sette mesi più tardi il 9 Maggio del 1936 con la proclamazione dell’Impero.
Qualcuno aveva avvisato in anteprima il Touring dell’imminente scoppio delle ostilità...

Giorgio

nacanco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 174
Iscritto il: domenica 22 maggio 2016, 12:06
La mia penna preferita: Perry
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da nacanco » sabato 29 ottobre 2016, 8:02

Caro Giorgio, grazie per il tuo articolo in genere e in particolare per i richiami, magistrali, sul futurismo, su Marinetti, ...
Ho anche apprezzato molto il ricordo della medaglia d'oro ten. colonnello Gabriele Pepe: storia d'Italia.
Ciao.
Michele

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Musicus » sabato 29 ottobre 2016, 20:43

nacanco ha scritto:Caro Giorgio, grazie per il tuo articolo in genere e in particolare per i richiami, magistrali, sul futurismo, su Marinetti, ...
Ho anche apprezzato molto il ricordo della medaglia d'oro ten. colonnello Gabriele Pepe: storia d'Italia.
Ciao.
Michele
Ti ringrazio, Michele, per il graditissimo intervento!! :thumbup:

Ne approfitto per aggiungere qualche ulteriore osservazione sull'argomento.
Riguardo all’ambientazione africana della recensione (che vuol essere un plausibile espediente narrativo), vorrei rammentare al lettore come la precedente Guerra per la conquista dell’Etiopia del 1936-37 avesse ispirato ai Produttori di stilografiche nostrani il facile e remunerativo business delle penne “celebrative” della proclamazione dell’Impero: come non ricordare la celeberrima e celebratissima “Etiopia” della Aurora (con tanto di aquila e fascio littorio), l’imponente e squadrata “Imperiàl” della Williamson, la sontuosa “Impero” trasparente della Tibaldi?!
Per ciò che concerne la penna "Ardita" presentata in questo argomento, gioverà sottolineare la derivazione strettamente militaresca del termine “ardito”, giunto alla lingua italiana attraverso il francese “hardi”, dall’antico tedesco “harti” (moderno “hart”), che riferito a persone significa duro, forte, coraggioso. In ambito strettamente militare, dunque, “Arditi” furono originariamente denominati i componenti dei reparti d’élite del Regio Esercito italiano durante la I Guerra Mondiale (1915-1918), e il termine venne usato successivamente soprattutto con tale connotazione.
Per concludere, gioverà ricordare come nemmeno gli Americani durante la II Guerra Mondiale abbiano resistito alla tentazione di associare i propri “arditi” ad una penna stilografica…
1942-05-Waterman-Commando.jpg

http://www.fountainpen.it/File:1942-05- ... mmando.jpg
:wave:

Giorgio

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1561
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Medicus » sabato 29 ottobre 2016, 22:46

Complimenti come sempre, sia per la penna che per il racconto, perchè le tue non sono recensioni, sono racconti da leggere con piacere.
Solo non capisco l' associazione penna-soldato ; quelli usano i fucili, ma se usassero le penne soltanto sarebbe meglio, ma non le usano e meno male, se no come farebbero i trafficanti d' armi a vendere ; ma qualcuno potrebbe dire che loro offrono merce a chi compra; questo è vero , ma a me viene il dubbio che molte guerre, soprattutto quelle dei poveri, siano in qualche modo fomentate in varia misura e a vari "livelli" proprio da questi tristi figuri.
Scusate, lo so che che questo piccolo sfogo è fuori luogo ma non ho resistito.
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Musicus » domenica 30 ottobre 2016, 8:57

Medicus ha scritto:Complimenti come sempre, sia per la penna che per il racconto, perchè le tue non sono recensioni, sono racconti da leggere con piacere...
Pierangelo, ti ringrazio del giudizio che mi lusinga non poco... :oops:
Medicus ha scritto:...Solo non capisco l' associazione penna-soldato ; quelli usano i fucili, ma se usassero le penne soltanto sarebbe meglio...
Meglio per tutti, non c'è dubbio...
Ma, soprattutto ai primordi del suo sviluppo, la penna stilografica veniva vista (e dunque proposta) veramente come un'arma!!! :o
Eccoti una serie di mie pubblicità, dal 1905 al 1921, con le armi "in progressione" micidiale...
PENNA SPADA
1. 421px-1913-Waterman-Jdeal-1x.jpg
PENNA LANCIA
2. 384px-1905-03-Swan-Pen-Lohengrin.jpg
PENNA FRECCIA
3. 800px-1921-05-Waterman-4x-Arciere.jpg
PENNA FUCILE
4. 423px-1908-11-Waterman-1x-Battaglia.jpg
PENNA MITRAGLIATRICE :o
5. PARKER - 1918-04-07 - L'Illustrazione Italiana - Anno XLV - N. 14, pag.284.jpg
:wave:

Giorgio

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1561
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso:

ARDITA - Una storia di eroismo

Messaggio da Medicus » mercoledì 2 novembre 2016, 21:26

Allora è il caso di dire che ne uccide più la penna che la spada.
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

Rispondi