AURORA RA2 - 1927

Foto e informazioni sui modelli dell' Aurora
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » giovedì 12 maggio 2016, 10:13

La caccia
Se non fossi riuscito a pescare qualcosina (ma non ero a caccia?! 8-) ) al mercatino di Milano del 1° Maggio, pur presentandomi sotto il diluvio all'alba delle 6.28 spaccate (ben prima della maggior parte dei venditori), beh, credo che mi sarei davvero arrabbiato...
1. Milano mercatino del 1° Maggio.jpg
Fortunatamente, anche stavolta è andato tutto liscio!! :mrgreen:

La penna
AURORA RA2 (Rientrante Aurora #2) in ebanite nera, laminata in oro 18K.R., caricamento safety, pennino originale Aurora in oro 14 Kt., produzione Italia 1927*
2. RA2. The Pen.jpg
* vedi il listino prezzi Aurora 1927:
http://www.san.beniculturali.it/web/san ... T-00003269

Le misure
Chiusa: cm. 10,5
3. RA2. capped.jpg
Cappuccio: cm. 3 (3,3 alla pallina della clip)
Fusto: cm. 11,3 (con pennino estratto di cm. 1,8)
4. RA2. opened.jpg
Con cappuccio calzato: cm. 14 (con pennino estratto di cm. 1,8)
5. RA2. posted.jpg
Diametro cappuccio: cm. 1,31
Diametro sezione laminata del fusto: cm. 1,20
6. RA2. open bis.jpg
Peso (a vuoto): gr. 20
Cappuccio: gr. 6
Fusto: gr. 14

Il modello RA2
La stilografica RA2, ovvero "Rientrante Aurora #2" (modello a pennino rientrante), è la penna di taglia media delle rientranti Aurora che la Casa torinese giunse a produrre in sette formati:
RA00-RA0-RA1-RA2-RA3-RA4-RA5.
Per una panoramica dei modelli iniziali di Aurora, la gloriosa "Fabbrica Italiana Penne a Serbatoio" di Torino fondata subito dopo la I Guerra Mondiale nel 1919, si consulti il nostro formidabile Wiki:
https://www.fountainpen.it/Modelli_iniziali_Aurora
Per saperne di più sul sistema di caricamento, invece, si consulti
https://www.fountainpen.it/Safety
Per l'analisi di un altro esemplare di RA2 laminata (versione pubblicitaria per Isotta Fraschini con smalti), si veda la mia recensione:
https://forum.fountainpen.it/viewtopic.php?t=11053

La laminatura
Nell'esemplare in presentazione la lamina in oro 18 K.R. che riveste la penna si presenta decorata solo nelle parti perfettamente cilindriche (il fusto - con esclusione del fondello laminato con finitura liscia e della sezione in ebanite, lasciata scoperta per l'impugnatura, entrambi segmenti di forma troncoconica - e l'intero cappuccio), risultando suddivisa in sei bande longitudinali che alternano un motivo geometrico ad uno di carattere naturalistico.
Con tutta evidenza, il disegno venne creato a metà degli anni 1920, quando si stava compiendo quella generale mutazione del gusto che portò al passaggio dallo stile floreale (liberty) a quello geometrico astratto (dèco): la penna partecipa, con equilibrio e rara equanimità, di entrambe le suggestioni.
7. RA2. decoration patterns.jpg
Vediamo dunque alternarsi una lavorazione guilloché - con quattro gruppi di onde stilizzate (a pentagramma spezzato ;) ) che individuano tre file di rombi lisci allineati -
8. RA2. pattern detail geometric.jpg
ad una lavorazione floreale che disegna, su una superficie liscia sopra uno sfondo puntinato, uno splendido virgulto di quercia.
9. RA2. pattern detail floral.jpg
Come sempre in presenza di questo tipo di lavorazione, sono garantiti affascinanti giochi chiaroscurali, con repentini passaggi da positivo a negativo...
10. RA2. positive negative.jpg
Notiamo come le porzioni decorate del cappuccio e del fusto siano delimitate da anelli lisci di circa 3 mm. di larghezza.

Continua....
Ultima modifica di Musicus il giovedì 12 maggio 2016, 20:14, modificato 8 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » giovedì 12 maggio 2016, 10:23

La simbologia legata alla quercia è nota: ritenuta nell'antichità l'emblema stesso della forza naturale, è tuttavia solo presso i Celti che l'albero fu oggetto di assoluta venerazione. Alla luce di questa considerazione, allego un frammento dello spartito canto e piano di "Casta Diva" (la celeberrima aria da Norma di Vincenzo Bellini) con la mia piccola quercia dorata nel bosco di "sacre e antiche piante"...
11. RA2. casta diva capped.jpg
Senza alcun dubbio l'elemento più appariscente e facilmente percepibile della decorazione è la clip del cappuccio.
12. RA2. cap x4.jpg
Sensibilmente più lunga di quanto ci si aspetterebbe, la clip (che sporge di 3 mm. oltre il labbro, tanto che a montarla erano modelli di dimensioni lievemente maggiori, le RA3, come risulta dal già citato catalogo Aurora 1927) sfoggia un disegno avveniristico con finitura lucida: essa si diparte da un imponente ancoraggio triangolare (che interessa tanto la superficie liscia della testina quanto quella decorata geometricamente) per inarcarsi subito in una ripidissima cresta d'onda, che si restringe precipitando in una fluentissima coda, per terminare la sua corsa in una (questa sì, canonica) pallina a spicchi...
13. RA2. cap x2.jpg
Impressionante!! :clap:
Ed infatti Aurora abbandonerà il progetto in favore della splendida, ma senz'altro rassicurante e tradizionale, clip smussata triangolare...

Le iscrizioni del Produttore
Sulla laminatura i punzoni sono apposti sia nella parte inferiore del cappuccio (labbro) che nella parte superiore del fusto:
AURORA (in rilievo all'interno di un rettangolo)
18K·R (in rilievo all'interno di un rettangolo)
10 0,2
14. RA2. inscriptions 1.jpg
Il valore 0,2 è il punzone che sta ad indicare lo spessore della lamina d'oro (espresso in millimetri, equivalenti a 200 micron). Il significato del numero 10, invece, mi è ancora oscuro: potrebbe forse riferirsi al disegno della laminatura (pattern)?
Rispetto alla RA2 pubblicitaria che avevo recensito, in questa è presente un'ulteriore coppia di punzoni (rettangolari, a rilievo) che riportano quella che mi sembra una lettera "f".
15. RA2. inscriptions 2.jpg
Non troviamo il logo di Aurora sul fondello, poichè la laminatura completa del fusto copre l'ebanite: ma un ulteriore marchio è ben visibile sulla clip
AURORA 18KR
16. RA2. clip inscription.jpg
L'indicazione del modello e della sua grandezza è riportata sotto il fondello sul nottolino:
RA2 ovvero "Rientrante Aurora misura 2".
17. RA2. blind cap inscription.jpg
Nella penna in presentazione è presente anche un'altra stampigliatura che, ancorché impressa su una superficie danneggiata, appare comunque abbastanza nitidamente come un numero "40".
Completiamo il novero delle iscrizioni con quella del gruppo scrittura: il pennino ha il tipico foro a goccia Aurora (che dopo il 1927 diverrà tondo) e reca inciso:
AURORA
2
TORINO

(in un cartiglio ovale)
14 Kt.
18. RA2. nib and feeder.jpg
L'alimentatore è in ebanite e dal profilo piatto tipo spoon-feeder brevetto Waterman.
La punta è un F non flessibile ma assai docile e preciso, rodato in modo armoniosamente uniforme, pronto e scorrevole in ogni direzione: un vero piacere d'altri tempi, che ancora una volta conferma l'assoluta eccellenza della gloriosa manifattura torinese.
19. RA2. writing sample.jpg
Conclusioni
La RA2 partecipa dell'elevatissima qualità progettuale e costruttiva (materiali, accoppiamenti, decorazioni, pennino) che ha reso celebre la Casa di Torino nel mondo. Le sue dimensioni sono senza dubbio contenute, ma proporzioni e peso risultano pressoché ideali, da penna forte e slanciata, come la quercia alla quale si ispira nella sua livrea dorata di oggi...
Ah, quasi dimenticavo: la Sacerdotessa della Luna attendeva il giorno del suo risveglio in una bella scatolina d'argento, ed è lì che io l'ho trovata... :angel:
20. RA2. boxed.jpg
Grazie per l'attenzione! :thumbup:

Giorgio
Ultima modifica di Musicus il venerdì 13 maggio 2016, 6:16, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » giovedì 12 maggio 2016, 10:32

Per mostrare somiglianze e differenze nella decorazione, allego una foto delle RA2 da me recensite:
z. 21..jpg
Aurora sugli scudi!! :clap: :clap:

Giorgio

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9372
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da maxpop 55 » giovedì 12 maggio 2016, 10:35

Complimenti per il bellissimo "acchiappo", da te non mi aspettavo niente di meno .
Complimenti per la descrizione dettagliata di questa magnifica rientrante. :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 569
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Silemar » giovedì 12 maggio 2016, 11:03

Quando ho visto le immagini di questa penna ho avuto un tuffo al cuore. Nella mia profonda ignoranza in materia ho pensato: "Ma davvero esistono penne così belle?". Ti ringrazio per avermela fatta conoscere. L'altro capolavoro, di pari eleganza, è la recensione. Grazie.

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da lucre » giovedì 12 maggio 2016, 16:25

Complimenti per la pesca ( o caccia che sia stata) del 1 maggio! Penna bellissima con una clip che mi piace in modo particolare. Quanto alla interessantissima recensione è perfino difficile trovare delle parole e degli apprezzamenti che non siano scontati o banali. Grazie ancora
Luigi
PS: quanto al marchietto sembra proprio una f; io ne ho una con marcata una d, ma confesso di non conoscerne il significato

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » giovedì 12 maggio 2016, 20:03

Silemar ha scritto:Quando ho visto le immagini di questa penna ho avuto un tuffo al cuore. Nella mia profonda ignoranza in materia ho pensato: "Ma davvero esistono penne così belle?". Ti ringrazio per avermela fatta conoscere. L'altro capolavoro, di pari eleganza, è la recensione. Grazie.
Grazie, Laura, per la sensibilità che dimostri e per le parole davvero gentili!!
E... buona calligrafia a te!! :thumbup:
:wave:

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » giovedì 12 maggio 2016, 20:08

lucre ha scritto:Complimenti per la pesca ( o caccia che sia stata) del 1 maggio! Penna bellissima con una clip che mi piace in modo particolare. Quanto alla interessantissima recensione è perfino difficile trovare delle parole e degli apprezzamenti che non siano scontati o banali. Grazie ancora
Luigi
PS: quanto al marchietto sembra proprio una f; io ne ho una con marcata una d, ma confesso di non conoscerne il significato
Grazie a te, Luigi, ben ritrovato!! ;)
In rete ho visto (ma giurerei solo sulla prima) una "e" su una ARA4, e poi una "f" su una RA3 ed una "c" su una RA4... E tu hai una "d" su una RA2: boh?! :problem:
Io ho evocato il GM in un post precedente: chissà che non ci venga in aiuto... :ugeek:
:wave:

Giorgio

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 569
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Silemar » giovedì 12 maggio 2016, 21:54

Musicus ha scritto:E... buona calligrafia a te!! :thumbup:
:wave:

Giorgio
Grazie. Continuo con i miei esercizi e intanto vi leggo anche se parlate una lingua nuova per me! :D

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8704
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Irishtales » giovedì 12 maggio 2016, 22:27

Giorgio...stavolta sono proprio senza parole...solo...grazie!!!
Le tue recensioni sono da collezionare, proprio come le favolose stilografiche che ci racconti :clap: :clap: :clap:
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da lucre » giovedì 12 maggio 2016, 23:20

Giorgio
nel precedente post quando parlavo di un marchietto d sono stato impreciso; non si tratta di una RA2 ma di una RA0. Visto che hai evocato il GM
ho preferito precisare ... ancora grazie per la bellissima recensione
Luigi

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10029
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Re: AURORA RA2 - 1927

Messaggio da piccardi » venerdì 13 maggio 2016, 1:18

Un'altra bellissima penna (per non parlare della recensione) ma è un commento banale, quindi coi complimenti mi fermo subito, facendomi prendere invece dalle manie classificative e cataloganti...


Trovo molto interessante la questione del marchio stampigliato sul cappuccio, come quella del numero sul fondello. Sui numeri purtroppo pare esserci il mistero più totale, nel senso che non sembra esservi coerenza e se ne trovano di diversi su penne identiche. Forse lotti di produzione, ma siamo nell'ambito delle ipotesi selvagge (o wild guess che dir si voglia).

La stampigliatura sul cappuccio però potrebbe avere un significato, solo che per provare a fare ipotesi ci vorrebbe una ricognizione su un numero significativo di penne. Qui tocca alzarsi tutti alle 5 di mattina a frugare per mercatini! O aspettare il nostro Gran Maestro...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
sanpei
Honoris Causa
Honoris Causa
Messaggi: 1374
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2009, 18:10
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 006
Località: Torino
Contatta:

AURORA RA2 - 1927

Messaggio da sanpei » venerdì 13 maggio 2016, 9:19

La penna è molto bella, con un decoro di qualità, la scritta sula clip la colloca tra le prime produzioni del modello,
la letterina in verità non ho idea cosa significhi, personalmente ho sempre pensato che potesse dipendere dal laminatore,
probabilmente non era solo un "artista" a disegnare/eseguire le laminature in Aurora,
ognuno poteva avere un marchio distintivo.
Oppure, come per gli argenti inglesi, poteva indicare l'anno di produzione della penna?

Aurora poteva fornire queste penne in versione lusso, come quella di Giorgio,
cioè con parte conica del serbatoio laminata, oppure la versione standard con la suddetta parte nera,
concetto riportato anche sul catalogo d'epoca

Eccone una praticamente uguale, guilloche a parte, in compagnia delle sorelline su di un catalogo di fine anni '20
dove scopriamo che si chiama RA2 N°16512 D8 ;)

Immagine

Immagine
http://www.zona900.it
Facciamo cose, incontriamo persone.

Zona900-Facebook https://www.facebook.com/Zona900-601300 ... /timeline/

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » venerdì 13 maggio 2016, 11:34

Irishtales ha scritto:Giorgio...stavolta sono proprio senza parole...solo...grazie!!!
Le tue recensioni sono da collezionare, proprio come le favolose stilografiche che ci racconti...
Cara Daniela, ti ringrazio. :oops:
So che sempre sai cogliere ciò che muove il mio interesse: il racconto, quella piccola storia unica che può balzare fuori improvvisa da una forma, un nome, un ricordo...
Buona scrittura!!
:wave:

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

AURORA RA2 - 1927

Messaggio da Musicus » venerdì 13 maggio 2016, 11:42

piccardi ha scritto:... Qui tocca alzarsi tutti alle 5 di mattina a frugare per mercatini! O aspettare il nostro Gran Maestro...
Il nostro Gran Maestro sanpei ha parlato, quindi potete non alzarvi tutti alle 5 di mattina (così le penne le trovo ancora io :mrgreen: )...
Grazie Simone!! :thumbup:
Mi sembra che Aurora si sia dedicata a complicare la vita ai suoi futuri collezionisti... :D
Numerini sulle sezioni, sui nottolini di carica, e sulle punzonature ora anche letterine varie... :problem:
Ma poco alla volta... gutta cavat lapidem! :thumbup:

Giorgio

Rispondi