Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Foto e informazioni sui modelli dell' Aurora
Rispondi
Avatar utente
sanpei
Honoris Causa
Honoris Causa
Messaggi: 1295
Iscritto il: giovedì 15 gennaio 2009, 18:10
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it ℵ: 006
Località: Torino
Sesso: Non Specificato
Contatta:

Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da sanpei » domenica 3 aprile 2016, 15:32

L'Aurora Topolino esce sul mercato nella prima metà degli anni '30 (in alcuni testi viene indicato il 1934), pare grazie ad un accordo tra la WD e l'Aurora, in versione da tavolo con particolari in due colori differenti, mentre il serbatoio resta nero, coda e base si possono scegliere in tinta rossa o verde.

Segno distintivo, il "running mouse" Topolino che corre, in smalto policromo fa bella figura di sé sulla base in bachelite colorata, l'inserto triangolare stile art decò, richiama i colori del completo.

Il pennino è #0 a spalla larga, lo stesso utilizzato sulle Novum lady sfaccetate, sul serbatoio possiamo trovare sia il logo Aurora caratteristico, sia il roditore suddetto.

Immagine

Immagine

Immagine

Oltre alla versione da tavolo, furono prodotte anche le penne a serbatoio, una sola taglia, piccolina 11 Cm circa, tre colori così definiti sui cataloghi: Nero cristallo, Azzurro orientato, Bruno madreperlato.

Finestrella trasparente per verificare la quantità di inchiostro, oltre alla versione più conosciuta, vi è una variante che ho visto in pochissimi esemplari sempre e solo neri, la clip è quella delle Duplex, più larga in corrispondenza della testina, il marchio sul serbatoio è lievemente differente, da un lato il solo topo senza logo (Aurora Torino) sotto le zampe dall'altro lato a 180° la scritta completa (Fabbrica Italiana ecc...) per il resto le due versioni, sono identiche non so se questa variante è precedente, successiva o contemporanea, una curiosità.

Sia la versione da tavolo che quella da taschino, erano fornite di una bella scatola personalizzata, decorata con personaggi disneyani, dovrebbero esserci le immagini sul wiki.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Infine, forse non tutti sanno che ...

Come detto all'inizio la Topo pare fosse il risultato di un accordo Aurora-WD, ma non solo a Torino producevano stilografiche Topolino, in USA la Inkograph Company Inc. di New York fece qualcosa di simile, onestamente preferisco quelle italiane, la mia Mickey Mouse la vendetti anni orsono,
ma se guardiamo i depliant pubblicitari delle due penne, salta all'occhio una somiglianza :mrgreen:

Buon Topolino a tutti!

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine
http://www.zona900.it
Facciamo cose, incontriamo persone.

Zona900-Facebook https://www.facebook.com/Zona900-601300 ... /timeline/

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 6915
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso: Uomo

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da Ottorino » domenica 3 aprile 2016, 16:09

Grazie di cuore, Paolo.
hai idea a quanto corrispondono oggi le 80 - 120 lire dell'epoca ?

Mi rispondo da me: 132 mila lire del 1998
http://xoomer.virgilio.it/ertpiv/stat.htm

ovvero una penna costava 33000 lire, circa 17 € == come una lamy safari oggi.

Sorprendente conclusione se le tabelle son attendibili
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3014
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso: Uomo

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da ciro » domenica 3 aprile 2016, 17:36

Wow. :o

Non c'è altro da dire.
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
DerAlte
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1120
Iscritto il: sabato 24 ottobre 2015, 22:17
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Catania
Sesso: Uomo

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da DerAlte » domenica 3 aprile 2016, 18:11

Ottorino ha scritto: hai idea a quanto corrispondono oggi le 80 - 120 lire dell'epoca ?

Mi rispondo da me: 132 mila lire del 1998
http://xoomer.virgilio.it/ertpiv/stat.htm

ovvero una penna costava 33000 lire, circa 17 € == come una lamy safari oggi.

Sorprendente conclusione se le tabelle son attendibili
Credo che, per quanto corretta la conversione, si debbano tenere in considerazione altri fattori.
Anche se oggi potrebbe apparire impensabile, alcune famiglie non potevano mandare i figli a scuola perché non riuscendo ad acquistare le calzature non venivano accettati scalzi.
Per quanto economica, la topolino era destinata sicuramente ad un pubblico abbiente.
Immagine

Avatar utente
blaustern
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1646
Iscritto il: domenica 16 giugno 2013, 20:55
La mia penna preferita: Pelikan M800 Burnt Orange
Il mio inchiostro preferito: Graf Faber Castell Cobalt Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 047
Località: Europa
Sesso: Non Specificato
Contatta:

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da blaustern » domenica 3 aprile 2016, 18:20

Che belle che sono!!!.... Com'era piacerebbe averne una nera o bruna!!!... Sogno a occhi aperti! :D
Geppina & Pelmingway

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7922
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da maxpop 55 » domenica 3 aprile 2016, 19:09

Sei Mitico Paolo, ci hai mostrato un pezzo della nostra storia legato ai ricordi di quando eravamo ragazzini che mettevamo in croce i nostri genitori per avere gli oggetti che uscivano su TOPOLINO e come poi hanno fatto i nostri figli con noi.
Quando mio figlio voleva TOPOLINO non so dirvi se lo compravo per lui o per me.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
blaustern
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1646
Iscritto il: domenica 16 giugno 2013, 20:55
La mia penna preferita: Pelikan M800 Burnt Orange
Il mio inchiostro preferito: Graf Faber Castell Cobalt Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 047
Località: Europa
Sesso: Non Specificato
Contatta:

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da blaustern » domenica 3 aprile 2016, 21:31

:think: ehm....io ogni tanto me lo compro ancora! :angel:

e mio papà, girando per mercatini, me li compra sempre quando li trova :mrgreen:
Geppina & Pelmingway

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: Aurora TOPOLINO Storia e Curiosità

Messaggio da Musicus » lunedì 4 aprile 2016, 10:38

Grazie, Gran Maestro, per questa documentatissima ricapitolazione sull'argomento!!! :clap:
Straordinaria la Topolino con la scritta sul lato opposto del fusto :o
Davvero imperdibile il confronto (all'americana :lol: ) tra la Topolino e la Mickey Mouse: ma viene prima "l'uovo o la gallina" ("il topo o la topina" mi sembrava inappropriato)?!?
E ancora in tema di copiature spudorate: se anticipiamo alla prima metà dei 1930s l'uscita sul mercato della Topolino non rischiamo di farla debuttare ancora prima del "visulated" della Sheaffer?! O il 1934 vale solo per gli stilofori?!
I pennini Aurora #0 corretti non sarebbero quindi solo i "585‰" (post 1935): grazie alla tua preziosa informazione che condividevano la misura con i lady della Novum, si spiega perchè si trovino anche i "14K" montati sulle Topolino (anche ammettendo che la penna sia stata prodotta già fra 1934 e 1935).
In un mio post avevo sollevato il problema dei terminali: testina e fondello sono in ebanite o in celluloide, e se sì viene prima..ecc.ecc.. :roll:
I colori delle finestre di ispezione variavano al variare della celluloide della penna: ma in buona sostanza, quanti erano?
Grazie (anche della pazienza)!!! :thumbup:

Giorgio

Rispondi