AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Foto e informazioni sui modelli dell' Aurora
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da Musicus » venerdì 1 gennaio 2016, 12:33

Anno 1926
Isotta Fraschini 8A
[attachment=8]1. Isotta Fraschini Tipo 8A SS Cabriolet by Castagna.jpg[/attachment]
incontra
Aurora RA2
[attachment=7]2. Aurora RA2.jpg[/attachment]
Una leggenda tutta italiana...
[attachment=6]3. La leggenda.jpg[/attachment]


Il Committente: Isotta Fraschini, Milano
Come presentare Isotta Fraschini? Semplicemente ricordando che la Tipo8 (1919/1924) e la Tipo8A (1924/1931) furono senza dubbio le auto più desiderate al mondo nella loro epoca: le più potenti, le più lussuose, le più belle (carrozzate Castagna, Milano).
Dalle mie ricerche risulta che il logo della Isotta Fraschini si sia evoluto tra il 1925 ed il 1926 dall'originale tondo (con le iniziali e il marchio per esteso in stampatello)...
[attachment=5]4. 1920 logo rotondo.JPG[/attachment]
...a rettangolare con angoli smussati (con le iniziali sempre in stampatello, ma ora con la marca per esteso, in corsivo).
[attachment=4]5. 1926 logo rettangolare smussato blu.JPG[/attachment]
Contestualmente, anche il nome per esteso muta da un corsivo con caratteri nettamente separati...
[attachment=3]6. 1920 - Isotta Fraschini staccato.JPG[/attachment]
...ad un fluidissimo corsivo legato.
[attachment=2]7. 1926 - Isotta Fraschini legato.JPG[/attachment]
Tali modifiche di stile furono probabilmente apportate con il contributo determinante dell'artista Achille Mauzan, che curò la strepitosa campagna pubblicitaria per la Tipo8a nel 1925/6.

E Aurora?

Isotta Fraschini e Aurora
Giusto a metà degli anni 1920 Aurora pubblicizzava le RA "rivestite in metalli preziosi, ornate di smalti, incisioni e pietre preziose" e si proponeva credibilmente come marchio di lusso, con pubblicità raffinatissime ed opulente come la seguente del 1925 (firmata Biscaretti 1923):
[attachment=1]8. 1925-03-Aurora-RA-Laminate.jpg[/attachment]
Riconosciamo in questa Ad l'estrema sofisticatezza che ben avrebbe accreditato Aurora come ideale partner commerciale di Isotta Fraschini: le RA con rivestimento guilloché in un gran fluire di nastri hanno un tono davvero molto aristocratico...
E, a proposito di upper class: questa Ad per IF del nostro amico Cappadonia del luglio 1920 è per te, Simone! :thumbup:
[attachment=0]9. Isotta Fraschini Ad Cappadonia 1920.jpg[/attachment]

Continua....
Allegati
1. Isotta Fraschini Tipo 8A SS Cabriolet by Castagna.jpg
2. Aurora RA2.jpg
3. La leggenda.jpg
4. 1920 logo rotondo.JPG
4. 1920 logo rotondo.JPG (14.58 KiB) Visto 642 volte
5.  1926 logo rettangolare smussato blu.JPG
5. 1926 logo rettangolare smussato blu.JPG (11.18 KiB) Visto 642 volte
6. 1920 -  Isotta Fraschini staccato.JPG
6. 1920 - Isotta Fraschini staccato.JPG (7.84 KiB) Visto 642 volte
7.  1926 - Isotta Fraschini legato.JPG
8. 1925-03-Aurora-RA-Laminate.jpg
9. Isotta Fraschini Ad Cappadonia 1920.jpg
Ultima modifica di Musicus il venerdì 1 gennaio 2016, 13:06, modificato 5 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da Musicus » venerdì 1 gennaio 2016, 12:52

Grazie allo splendido contributo seguente di Roberto Vetrugno, apprendiamo su quali basi si svilupparono le trattative tra le due aziende:
[attachment=9]10. 192x-Aurora-AdvertizingModels.jpg[/attachment]
In questa interessantissima réclame degli anni 1920, infatti, sono mostrate le possibilità di personalizzazioni pubblicitarie per le RA (e ARA) rivestite e non.
Come si può vedere, Aurora marchiava per il Committente o il cappuccio (sulla parte cilindrica oppure sulla sommità, chiaramente quando priva di anellino), oppure il fusto, in un cartiglio rettangolare. Oppure ancora, come apprendiamo però da una RA2 pubblicitaria per Cinzano, contributo di Maxpen2012 visibile qui
https://www.fountainpen.it/Modelli_iniziali_Aurora
con una semplice incisione sull'ebanite del fondello girevole.
Osserviamo come anche Citroen e Lancia, all'avanguardia in campo motoristico, si fossero assicurate la collaborazione del marchio torinese. Ricordo anche che sempre allo stesso link citato è mostrata una coppia di RA3 in ebanite mottled pubblicitarie per FIAT, contributo sempre di Maxpen2012: in questo caso, ulteriore variante possibile, la pubblicità è apposta su un fascione dorato applicato alla penna.
Come possiamo apprezzare dalla penna in presentazione, la Isotta Fraschini (da par suo) pagò ed ottenne entrambe le soluzioni principali... :mrgreen:
Nulla di quanto vediamo nel volantino, tuttavia, si avvicina alla complessità di lavorazione evidentemente richiesta dall'incisione della scritta in corsivo, con tratti fini e spessi da realizzare in smalto, della ragione sociale di "Isotta Fraschini",
[attachment=8]11. ragione sociale.jpg[/attachment]
che per la evidente complessità tecnica parrebbe essere stata lavorata interamente a mano...
[attachment=7]12. enamel detail.jpg[/attachment]
Sul cappuccio, la parte centrale del logo della Casa automobilistica qui in un dettaglio laterale che mostra la profondità della smaltatura:
[attachment=6]13. enamel logo.jpg[/attachment]
Come si può vedere, qui come in altri punti una porzione dello smalto è andata perduta, ma l'effetto generale della decorazione rimane comunque netto e vivido.

La penna
AURORA RA2 per ISOTTA FRASCHINI in ebanite nera, laminata in oro 18 K.R., decorata con smalti blu, caricamento safety, pennino non originale, produzione Italia seconda metà anni 1920.
[attachment=5]14. RA2IF. four season.jpg[/attachment]
Le misure
Chiusa: cm. 10,8 (al primo anellino)
[attachment=4]15. RA2IF. A1. capped.jpg[/attachment]
Cappuccio: cm. 3,35 (al primo anellino)
[attachment=3]16. RA2IF. A2. open.jpg[/attachment]
Fusto: cm. 11,4 (compreso pennino estratto di cm. 1,9)
[attachment=2]17. RA2IF. A3. posted.jpg[/attachment]
Con cappuccio calzato: cm. 14,3 (al primo anellino, compreso pennino estratto di cm. 1,9)
Diametro cappuccio: cm. 1,31
Diametro sezione laminata del fusto: cm. 1,20
Peso (a vuoto): gr. 21
[attachment=1]18. RA2IF. B1. capped.jpg[/attachment]
Cappuccio: gr. 6
Fusto: gr. 15
[attachment=0]20. RA2IF. B3. posted.jpg[/attachment]


Continua....
Allegati
10. 192x-Aurora-AdvertizingModels.jpg
11. ragione sociale.jpg
12. enamel detail.jpg
13. enamel logo.jpg
14. RA2IF. four season.jpg
15. RA2IF. A1. capped.jpg
16. RA2IF. A2. open.jpg
17. RA2IF. A3. posted.jpg
18. RA2IF. B1. capped.jpg
20. RA2IF. B3. posted.jpg
Ultima modifica di Musicus il venerdì 1 gennaio 2016, 13:12, modificato 7 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da Musicus » venerdì 1 gennaio 2016, 12:57

Il modello RA2
Per una panoramica dei modelli iniziali di Aurora, la gloriosa "Fabbrica Italiana Penne a Serbatoio" di Torino fondata subito dopo la I Guerra Mondiale nel 1919, si consulti il nostro formidabile Wiki al link già citato in precedenza:
https://www.fountainpen.it/Modelli_iniziali_Aurora
Per parte mia, mi limiterò ad alcune osservazioni sull'esemplare in presentazione.
La RA2, ovvero "Rientrante Aurora" #2 (modello a pennino rientrante), è la penna di taglia media delle rientranti Aurora, che la Casa torinese giunse a produrre in sette formati:
RA00-RA0-RA1-RA2-RA3-RA4-RA5.
Il rivestimento perfettamente cilindrico in lamina d'oro 18 K.R. di fusto e cappuccio è suddiviso in 12 bande maggiori lavorate a guilloché (con effetto a "grana di riso") intervallate da altrettante bande, sensibilmente più piccole, dalla superficie liscia: l'abilità della lavorazione si giudica dalla capacità di raccordare otticamente a penna avvitata i diametri leggermente differenti delle sezioni. Le estremità di fusto e cappuccio sono lisce, così come i cartigli, rispettivamente rettangolare e quadrato, sui quali insiste la lavorazione a smalto.
[attachment=8]21. RA2IF. four sides.jpg[/attachment]
Non so se lo sfalsamento di logo e ragione sociale siano voluti, ma proprio non lo credo, anche perchè risultano così sfalsati anche i punzoni... Presumo vi sia stata una piccola rotazione del rivestimento di una delle due sezioni durante una maldestra manutenzione: nulla che non si possa rimettere in asse (ma non sarò certamente io a farlo, non l'ho nemmeno lucidata...). Per comodità di documentazione, in tutte le altre foto della recensione ho svitato per meno di un quarto di giro il cappuccio, in modo da avere una prospettiva più fedele possibile all'idea originale, con gli smalti e i punzoni allineati.
In ogni caso, in questa foto 4-sides si può apprezzare la chiusura perfetta...
La laminatura non riveste la parte coperta dal cappuccio quando è avvitato (che corrisponde alla zona dove si impugna la penna) e nemmeno il fondello girevole: entrambe le sezioni in ebanite si restringono a tronco di cono verso le estremità, per interrompersi in due forme nuovamente cilindriche, rispettivamente la filettatura con l'imbocco del fusto da un lato, e il nottolino che comanda il meccanismo rientrante dall'altro.

Il cappuccio, cilindrico come già osservavamo, ha la sommità piatta (flat top) e non è dotato di clip, bensì di una coppia di anellini: il primo è fisso ed ha forma ellissoidale; attorno ad esso è richiuso un secondo anellino, anch'esso ellissoidale, ma mobile e decisamente più grande.
[attachment=7]22. RA2IF. cap top.jpg[/attachment]
Quindi, oltre al pennino devo cercare anche il nastro/fiocco giusto... :mrgreen:
Per concludere, il sistema di caricamento: il classico "safety".
[attachment=6]23. RA2IF. safety filler.jpg[/attachment]
Le iscrizioni del Produttore
Sulla laminatura i punzoni sono apposti nella parte inferiore del cappuccio (labbro) e nella parte superiore del fusto:
AURORA (in rilievo all'interno di un rettangolo)
18K·R (in rilievo all'interno di un rettangolo)
[attachment=5]24. RA2IF. cap lip and barrel inscription.jpg[/attachment]
E' presente in bella evidenza anche un'altra coppia di punzoni
16 0,2 (sul cappuccio)
0,2 16 (sul fusto)
[attachment=4]25. RA2IF. numbers.jpg[/attachment]
il significato dei quali mi è oscuro: potrebbe forse trattarsi di valori relativi alle caratteristiche della laminatura?
Il logo di Aurora si trova sulla parte girevole del fondello, sull'ebanite lasciata scoperta:
"AURORA TORINO" nel caratteristico cartiglio ovoidale dell'azienda,
[attachment=3]26. RA2IF. blind cap inscription.jpg[/attachment]
consumato ma ancora leggibile.
L'indicazione del modello e della sua grandezza è riportata sotto il fondello RA2
ovvero "Rientrante Aurora misura 2"
[attachment=2]27. RA2IF. RA2 45.jpg[/attachment]
Nella penna in presentazione è presente anche un ulteriore numero
45
impresso quasi in opposizione al modello: anche il significato di questo numero mi è ignoto e devo quindi chiedere un doppio aiuto ai Grandi Collezionisti :ugeek:
Dovremo (solo per il momento, perchè non è troppo difficile trovarlo) rinunciare a mostrare l'iscrizione del pennino originale, mancante. Secondo il nostro Wiki deve essere punzonato oro 14k, avere foro di areazione circolare, essere marchiato con il logo ovoidale dell'azienda contenente la scritta "Aurora Torino" ed il numero relativo alla misura: nel caso di una RA2 dovrebbe ovviamente essere il #2, ma anche il # 2 e 1/2 è a volte presente (terzo aiuto! ;) )
Nella foto vado a documentare l'alimentatore, che presumo originale:
[attachment=1]28. RA2IF. feeder.jpg[/attachment]

Conclusioni
La RA2 ha dimensioni contenute ma proporzioni ideali: in questa livrea eccezionale si dimostra bella, forte ed elegante come il Committente la esigeva. Dal punto di vista collezionistico la penna è straordinaria: pur non essendo un pezzo unico, essa riunisce in un manufatto due marchi di assoluta eccellenza, molto desiderati...
Se mai un giorno anch'io come Gabriele D'Annunzio dovessi possedere un'Isotta Fraschini, ebbene quella che vi ho appena mostrato sarebbe la penna che terrei sempre carica nel cassettino portaoggetti... :angel:
[attachment=0]29. RA2IF. congedo.jpg[/attachment]


Grazie per l'attenzione e Buon Anno a tutti!!! :thumbup:

Giorgio
Allegati
21. RA2IF. four sides.jpg
22. RA2IF. cap top.jpg
23. RA2IF. safety filler.jpg
24. RA2IF. cap lip and barrel inscription.jpg
25. RA2IF. numbers.jpg
26. RA2IF. blind cap inscription.jpg
27. RA2IF. RA2 45.jpg
28. RA2IF. feeder.jpg
29. RA2IF. congedo.jpg

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7641
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 1 gennaio 2016, 13:20

Giorgio, che devo dirti, sempre le stesse cose.................................... troppo bella :clap: :clap:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 9543
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da piccardi » venerdì 1 gennaio 2016, 13:23

Direi che con una recensione come questa si inizia l'anno nel migliore dei modi, un ritrovamento davvero eccezionale, presentato nel migliore dei modi. A questo punto però mi devo trasferire a Milano, se è questo che si trova nei mercatini...

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7641
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 1 gennaio 2016, 13:36

Vengo con te Simone.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
alfredop
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1796
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da alfredop » venerdì 1 gennaio 2016, 19:34

maxpop 55 ha scritto:Vengo con te Simone.
Traditore :evil:

Va be', vengo anch'io con voi :D

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7641
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da maxpop 55 » venerdì 1 gennaio 2016, 19:43

Alfredo, potrei mai andare senza di te?
Non sarebbe divertente
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3014
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da ciro » sabato 2 gennaio 2016, 11:29

alfredop ha scritto:
maxpop 55 ha scritto:Vengo con te Simone.
Traditore :evil:

Va be', vengo anch'io con voi :D

Alfredo
Wewe! Mi raccomando il posto in macchina per me.

Comunque, apparte i complimenti per lo splendido ritrovamento, io non riesco proprio ad immaginare come sia possibile che un'azienda faccia delle penne pubblicitarie con rivestimento in oro.
Mi spiego meglio: nella mia vita le pubbliche relazioni sono state sempre all'ordine del giorno, ho fatto pubblicità per eventi, per il locale di famiglia, ho aperto uno studio grafico che ero appena maggiorenne e li abbiamo pubblicizzato di tutto, sono stati nel direttivo dell'associazione studentesca della mia università e facoltà... Insomma non ho mai visto un contesto in cui valeva la pena pubblicizzarsi su oggetti così piccoli e personali con costi sicuramente fra le 2 cifre piene e le 3 cifre. Cos'era diverso all'epoca?
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
alfredop
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1796
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da alfredop » sabato 2 gennaio 2016, 11:37

ciro ha scritto: Wewe! Mi raccomando il posto in macchina per me.

Comunque, apparte i complimenti per lo splendido ritrovamento, io non riesco proprio ad immaginare come sia possibile che un'azienda faccia delle penne pubblicitarie con rivestimento in oro.
Mi spiego meglio: nella mia vita le pubbliche relazioni sono state sempre all'ordine del giorno, ho fatto pubblicità per eventi, per il locale di famiglia, ho aperto uno studio grafico che ero appena maggiorenne e li abbiamo pubblicizzato di tutto, sono stati nel direttivo dell'associazione studentesca della mia università e facoltà... Insomma non ho mai visto un contesto in cui valeva la pena pubblicizzarsi su oggetti così piccoli e personali con costi sicuramente fra le 2 cifre piene e le 3 cifre. Cos'era diverso all'epoca?
Credo che siano oggetti che venivano regalati a clienti o dipendenti importanti, non venivano distribuiti come semplici oggetti pubblicitari. Anche oggi puoi trovare Montblanc, o anche penne di altre marche, di un certo valore con scritte pubblicitarie (ad esempio ho recentemente visto un roller della serie 146 con scritta pubblicitaria TIM).


Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da Musicus » sabato 2 gennaio 2016, 11:40

ciro ha scritto:Comunque, apparte i complimenti per lo splendido ritrovamento, io non riesco proprio ad immaginare come sia possibile che un'azienda faccia delle penne pubblicitarie con rivestimento in oro.
Mi spiego meglio: nella mia vita le pubbliche relazioni sono state sempre all'ordine del giorno, ho fatto pubblicità per eventi, per il locale di famiglia, ho aperto uno studio grafico che ero appena maggiorenne e li abbiamo pubblicizzato di tutto, sono stati nel direttivo dell'associazione studentesca della mia università e facoltà... Insomma non ho mai visto un contesto in cui valeva la pena pubblicizzarsi su oggetti così piccoli e personali con costi sicuramente fra le 2 cifre piene e le 3 cifre. Cos'era diverso all'epoca?
Niente di diverso, Ciro: digita
Tibaldi for Bentley
e vedrai.

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da Musicus » sabato 2 gennaio 2016, 11:48

maxpop 55 ha scritto:Giorgio, che devo dirti, sempre le stesse cose.................................... troppo bella :clap: :clap:
Ti ringrazio, Massimo, per gli apprezzamenti che rivolgi, se interpreto correttamente il tuo pensiero, alla penna! :thumbup:

Giorgio

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3014
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da ciro » sabato 2 gennaio 2016, 11:49

alfredop ha scritto:
ciro ha scritto: Wewe! Mi raccomando il posto in macchina per me.

Comunque, apparte i complimenti per lo splendido ritrovamento, io non riesco proprio ad immaginare come sia possibile che un'azienda faccia delle penne pubblicitarie con rivestimento in oro.
Mi spiego meglio: nella mia vita le pubbliche relazioni sono state sempre all'ordine del giorno, ho fatto pubblicità per eventi, per il locale di famiglia, ho aperto uno studio grafico che ero appena maggiorenne e li abbiamo pubblicizzato di tutto, sono stati nel direttivo dell'associazione studentesca della mia università e facoltà... Insomma non ho mai visto un contesto in cui valeva la pena pubblicizzarsi su oggetti così piccoli e personali con costi sicuramente fra le 2 cifre piene e le 3 cifre. Cos'era diverso all'epoca?
Credo che siano oggetti che venivano regalati a clienti o dipendenti importanti, non venivano distribuiti come semplici oggetti pubblicitari. Anche oggi puoi trovare Montblanc, o anche penne di altre marche, di un certo valore con scritte pubblicitarie (ad esempio ho recentemente visto un roller della serie 146 con scritta pubblicitaria TIM).


Alfredo
Quindi oggi tu spendi 6-700€ per acquistare uno ed un solo utente a scopo pubblicitario, IMHO da quest'unico cliente dovresti avere un rientro di 60-70k€ per valerne la pena.
Ora: stiamo parlando di un cliente, non ti vende gli abbonamenti, ti può soltanto consumare. Mi spiegate chi spende 60.000€ di telefono in un anno?!! La pubblica amministrazione?
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3014
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da ciro » sabato 2 gennaio 2016, 11:52

Musicus ha scritto:
ciro ha scritto:Comunque, apparte i complimenti per lo splendido ritrovamento, io non riesco proprio ad immaginare come sia possibile che un'azienda faccia delle penne pubblicitarie con rivestimento in oro.
Mi spiego meglio: nella mia vita le pubbliche relazioni sono state sempre all'ordine del giorno, ho fatto pubblicità per eventi, per il locale di famiglia, ho aperto uno studio grafico che ero appena maggiorenne e li abbiamo pubblicizzato di tutto, sono stati nel direttivo dell'associazione studentesca della mia università e facoltà... Insomma non ho mai visto un contesto in cui valeva la pena pubblicizzarsi su oggetti così piccoli e personali con costi sicuramente fra le 2 cifre piene e le 3 cifre. Cos'era diverso all'epoca?
Niente di diverso, Ciro: digita
Tibaldi for Bentley
e vedrai.

Giorgio
Quello è merchandising che è diverso. Li, per assurdo, è il cliente affezionato che acquista beni pubblicitari.
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA per ISOTTA FRASCHINI - RA2 laminata con smalti, 1926 - Il Santo Graal delle pubblicitarie italiane

Messaggio da Musicus » sabato 2 gennaio 2016, 11:59

piccardi ha scritto:Direi che con una recensione come questa si inizia l'anno nel migliore dei modi, un ritrovamento davvero eccezionale, presentato nel migliore dei modi. Simone
:P Grazie Simone!!! Partenza bruciante!!! D'altronde, è un'Isotta Fraschini... :lol:
piccardi ha scritto:A questo punto però mi devo trasferire a Milano, se è questo che si trova nei mercatini...
Perchè non sembri che sia tutta bravura :mrgreen: allego la foto che ho fatto subito dopo aver acquistato la penna (il prezzo non lo dico, che è meglio) ancora sul banchetto dove l'ho trovata:
Mercatino del 29 Novembre a mezzogiorno....jpg
tu, Simone (ma anche Fabrizio !!!!) puoi vedere a che ora è stata scattata: erano le 11 e 57'...
E questo non si chiama "bravura" o "occhio"...:angel:
Vieni a Milano quando vuoi: ci sono praterie di penne da mietere, a tutte le ore... :mrgreen:

Giorgio

Rispondi