AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Foto e informazioni sui modelli dell' Aurora
Avatar utente
alfredop
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1796
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da alfredop » sabato 26 dicembre 2015, 21:57

La celluloide è molto bella, ed anche la fascia sul cappuccio fa la sua bella figura. Però a me le forme di queste penne non convincono più di tanto, mi sembrano un po' tozze.
Questa Invicta usa una celluloide usata anche dall'Aurora per l'Internazionale, ma le linee mi sembrano in qualche modo più armoniose:
Immagine

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da Musicus » domenica 27 dicembre 2015, 11:29

fab66 ha scritto:Veramente bellissima Giorgio, non so dirti altro che questo......
Grazie di cuore Fabrizio!! :thumbup: A furia di guardarle tutte, ma proprio tutte :? , quando capita qualcosa di bello e fatto bene, anche se non ha il nome stampato sopra, ora lo si acchiappa al volo!! ;)
fab66 ha scritto:...per fortuna la "vintagite" mi è un pò passata...
Ma prevedo già che avrai una ricaduta, ah se l'avrai, prima o poi... :mrgreen:
fab66 ha scritto:...son tornato al modernariato, d'epoca però...
Fammi un paio di esempi che non saprei proprio orizzontarmi... :shifty:
Ciao!!

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da Musicus » domenica 27 dicembre 2015, 11:47

alfredop ha scritto:La celluloide è molto bella, ed anche la fascia sul cappuccio fa la sua bella figura. Però a me le forme di queste penne non convincono più di tanto, mi sembrano un po' tozze.
Questa Invicta usa una celluloide usata anche dall'Aurora per l'Internazionale, ma le linee mi sembrano in qualche modo più armoniose:
Immagine

Alfredo
Ciao Alfredo!! :wave:
Ti ringrazio dell'apprezzamento!!
La questione delle linee ha chiaramente anche una componente soggettiva: anch'io, come te, ho osservato l'estrema originalità del fondello tronco unito alla vistosa imponenza del cappuccio, e non l'ho gradita. Ma dopo averlo scritto, già me ne ero pentito :lol:
Mi sono basato solo su fotografie, perchè un'Internazionale classica non l'ho avuta ancora per le mani il tempo necessario per studiarla con calma...
Abbozzo comunque un paio di osservazioni.
La prima, riguarda la mia variante pubblicitaria: come avevo osservato, sembra che le linee di questa particolare Internazionale stessero decisamente evolvendo in quelle della Superna, che la sostituirà: anche la penna da te postata ricorda una Superna, che è sicuramente un modello più filante (streamlined): qui ne vediamo una di Roberto Vetrugno accostata alla mia:
20151227_110051 - Copia.jpg
A parte la clip, i rapporti sono quelli.
La seconda osservazione riguarda le proporzioni di una penna quando è prodotta in più di una taglia, come quasi sempre con le penne d'epoca: spesso i rapporti tra la clip (quasi sempre la stessa per tutte le misure!!) e tutto il resto fanno pensare di trovarsi di fronte addirittura a modelli completamente differenti...
Guarda che meraviglia di comparativa ci ha proposto il Gran Maestro, e, celluloidi a parte, vedi se le proporzioni dell'impianto non incontrano il tuo gusto in almeno una delle taglie... :D
Aurora-Internazionale-Serie-Capped - Sanpei.jpg
;)

Giorgio

Avatar utente
fab66
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1453
Iscritto il: mercoledì 31 ottobre 2012, 19:27
La mia penna preferita: Doric che non ho regalato a 8
Il mio inchiostro preferito: pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cecina
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da fab66 » domenica 27 dicembre 2015, 12:25

Ah....è un neologismo :mrgreen: lo uso per definire le penne anni ottanta novanta per le quali mi sono consumato la vista (astenersi da commenti scurrili :lol: ) nel caso specifico trattasi di Omas vespucci prima edizione 1989 e waterman edson blue sapphire prima edizione del 1991. Al momento della uscita sul mercato le avevano spacciate per edizioni limitate e volevano in totale un milione e ottocinquanta milalire. ....
Fabrizio

Avatar utente
alfredop
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1796
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da alfredop » domenica 27 dicembre 2015, 13:03

Musicus ha scritto:[
Ciao Alfredo!! :wave:
Ti ringrazio dell'apprezzamento!!
La questione delle linee ha chiaramente anche una componente soggettiva: anch'io, come te, ho osservato l'estrema originalità del fondello tronco unito alla vistosa imponenza del cappuccio, e non l'ho gradita. Ma dopo averlo scritto, già me ne ero pentito :lol:
Mi sono basato solo su fotografie, perchè un'Internazionale classica non l'ho avuta ancora per le mani il tempo necessario per studiarla con calma...
Abbozzo comunque un paio di osservazioni.
La prima, riguarda la mia variante pubblicitaria: come avevo osservato, sembra che le linee di questa particolare Internazionale stessero decisamente evolvendo in quelle della Superna, che la sostituirà: anche la penna da te postata ricorda una Superna, che è sicuramente un modello più filante (streamlined): qui ne vediamo una di Roberto Vetrugno accostata alla mia:
20151227_110051 - Copia.jpg
A parte la clip, i rapporti sono quelli.
La seconda osservazione riguarda le proporzioni di una penna quando è prodotta in più di una taglia, come quasi sempre con le penne d'epoca: spesso i rapporti tra la clip (quasi sempre la stessa per tutte le misure!!) e tutto il resto fanno pensare di trovarsi di fronte addirittura a modelli completamente differenti...
Guarda che meraviglia di comparativa ci ha proposto il Gran Maestro, e, celluloidi a parte, vedi se le proporzioni dell'impianto non incontrano il tuo gusto in almeno una delle taglie... :D
Aurora-Internazionale-Serie-Capped - Sanpei.jpg
;)

Giorgio
Ciao Giorgio,

premetto che stiamo parlando di penne realizzate davvero bene e con celluloidi bellissime. Il mio è un giudizio puramente estetico, ed ogni tanto mi piace sollevare qualche dubbio su penne che generalmente riscuotono un consenso quasi assoluto. la tua pubblicitaria sembra effettivamente marcare una transizione verso la Superna (che già comincia a piacermi), ma l'Internazionale a parte la forma tozza, dovuta al fondello flat ed al cappuccio conico troncato, presenta anche una clip agganciata troppo in basso rispetto al top del tappo, in una posizione che la rende praticamente inutile.
Certo la foto del Gran Maestro, con quel tripudio di colori, è una gioia per la vista, ma devo confessarti che nessuna di quelle penne prese singolarmente mi scalderebbe più di tanto. Di quell'epoca, e con celluloidi di uguale bellezza, ci sono penne di Columbus, Ancora, Omas, etc. che personalmente io preferisco (ma che purtroppo pure mi mancano :D).

Ciao
Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
alfredop
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1796
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da alfredop » domenica 27 dicembre 2015, 13:06

fab66 ha scritto:Ah....è un neologismo :mrgreen: lo uso per definire le penne anni ottanta novanta per le quali mi sono consumato la vista (astenersi da commenti scurrili :lol: ) nel caso specifico trattasi di Omas vespucci prima edizione 1989 e waterman edson blue sapphire prima edizione del 1991. Al momento della uscita sul mercato le avevano spacciate per edizioni limitate e volevano in totale un milione e ottocinquanta milalire. ....
Falchetto, tu la vista l'hai consumata in altro modo (mi sono mantenuto sul non scurrile :D ).

Comunque la Vespucci e la Edson faccele vede' (poi magari al prossimo pen show, ce le farai anche tocca') :D

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 9543
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da piccardi » domenica 27 dicembre 2015, 14:10

Una penna davvero molto interessante e molto bella. E a quanto pare ci dobbiamo aspettar di meglio... che dire, Giorgio ci vuole proprio far crepare d'invidia.

Comunque anche dal mio punto di vista questa è più bella della Internazionale, della quale anche io come Alfredo non gradisco le forme che trovo sproporzionate e la clip bassa.

Questa invece ha delle linee più filanti e la clip ad anello tradizionale dell'Aurora che per me è una delle più belle. In genere non sono un grande cultore della produzione Aurora, dei vari modelli prima della 88 esteticamente non me ne mi piace nessuno a parte la Duplex che per me è la migliore fra tutte le penne di quel periodo che si rifanno dello stile Duofold. Ci devo aggiungere questa.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da Musicus » domenica 27 dicembre 2015, 16:28

fab66 ha scritto:Ah....è un neologismo :mrgreen: lo uso per definire le penne anni ottanta novanta per le quali mi sono consumato la vista (astenersi da commenti scurrili....nel caso specifico trattasi di Omas vespucci prima edizione 1989 e waterman edson blue sapphire prima edizione del 1991. Al momento della uscita sul mercato le avevano spacciate per edizioni limitate e volevano in totale un milione e ottocinquanta milalire. ....
Beh, Fabrizio, allora ho capito... Ti piace vincere facile :D con la Edson blu, grandissima penna, in tutti i sensi!!! :thumbup:
L'ho provata e me l'hanno pure offerta a buon prezzo, e forse ho fatto male a non prenderla... :roll:
Ma qualche rimpianto fa parte del gioco... ;)

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da Musicus » domenica 27 dicembre 2015, 16:36

alfredop ha scritto:Ciao Giorgio, premetto che stiamo parlando di penne realizzate davvero bene e con celluloidi bellissime. Il mio è un giudizio puramente estetico, ed ogni tanto mi piace sollevare qualche dubbio su penne che generalmente riscuotono un consenso quasi assoluto. la tua pubblicitaria sembra effettivamente marcare una transizione verso la Superna (che già comincia a piacermi), ma l'Internazionale a parte la forma tozza, dovuta al fondello flat ed al cappuccio conico troncato, presenta anche una clip agganciata troppo in basso rispetto al top del tappo, in una posizione che la rende praticamente inutile.
Certo la foto del Gran Maestro, con quel tripudio di colori, è una gioia per la vista, ma devo confessarti che nessuna di quelle penne prese singolarmente mi scalderebbe più di tanto. Di quell'epoca, e con celluloidi di uguale bellezza, ci sono penne di Columbus, Ancora, Omas, etc. che personalmente io preferisco (ma che purtroppo pure mi mancano :D).

Ciao
Alfredo
Sì, la clip è davvero "provocatoria" e rende la penna inconfondibile. Sulla più piccola del mazzo (sì, il Gran Maestro ne ha talmente tante che le tiene a mazzetti :o ) la clip appare notevolmente "risalita"...
Beh, quando (non dico nemmeno "se") le troverò nei mercatini, io per non saper nè leggere nè scrivere, le prenderò comunque :mrgreen:
;)

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2012
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da Musicus » domenica 27 dicembre 2015, 16:48

piccardi ha scritto:Una penna davvero molto interessante e molto bella. E a quanto pare ci dobbiamo aspettar di meglio... che dire, Giorgio ci vuole proprio far crepare d'invidia.

Comunque anche dal mio punto di vista questa è più bella della Internazionale, della quale anche io come Alfredo non gradisco le forme che trovo sproporzionate e la clip bassa.

Questa invece ha delle linee più filanti e la clip ad anello tradizionale dell'Aurora che per me è una delle più belle. In genere non sono un grande cultore della produzione Aurora, dei vari modelli prima della 88 esteticamente non me ne mi piace nessuno a parte la Duplex che per me è la migliore fra tutte le penne di quel periodo che si rifanno dello stile Duofold. Ci devo aggiungere questa.

Simone
Grazie dell'apprezzamento Simone!!! :thumbup:
A maneggiarne qualcuna mi sta venendo un'insana voglia di Aurore... :mrgreen:
Sarà grave?! :ugeek:
Mah, visto che comunque è un periodo che me le tirano dietro, e le prendo anche senza saperlo come in questo caso, per il momento direi di no :mrgreen:
:wave:

Giorgio

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7635
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Re: AURORA INTERNAZIONALE versione pubblicitaria, 1935

Messaggio da maxpop 55 » domenica 27 dicembre 2015, 17:53

Al contrario dell' amico Alfredo a me piace molto la linea della' Internazionale, anche la misura grande la trovo ben proporzionata, è un classico, come del resto un'altro gioiello realizzato in stile Art Decò è la Deco Band della Wall Eversharp che è un a penna stupenda,rispetto a queste l' Internazionale ha una linea più slanciata avendo le due estremità leggermente più affusolate.
Mi piacciono tanto le Deco Band prima o poi ne prenderò una.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi