Pagina 2 di 2

Un riflesso di Omas

Inviato: martedì 13 novembre 2018, 0:19
da fufluns
francoiacc ha scritto:
lunedì 12 novembre 2018, 22:26
Con che inchiostro la fai andare la tua paragon ?

Più frequentemente con il Diamine Terracotta, come nella foto. Più raramente con un vecchio Omas Sepia.

La penna della fotografia, una Paragon in versione moderna, monta un pennino EF. La mia più vintage, come quella cha hai tu, del 1992–1994, ha un pennino B. Con l'inchiostro Terracotta lascia delle linee spettacolari!

Le Paragon moderne sono state un po' sbeffeggiate dagli appassionati, a favore del modello "originale". Io le trovo penne straordinarie, all'altezza dell'originale, a volte più che all'altezza. Tempo addietro, avevo scritto una rassegna comparata delle due versioni della Paragon. Se ti va di scaricare il documento in PDF (con molte fotografie), puoi trovarlo a questo indirizzo: https://www.dropbox.com/s/l69kg89unx87s ... n.pdf?dl=0

Se per caso il link non funzionasse, fammi sapere.

Un riflesso di Omas

Inviato: martedì 13 novembre 2018, 9:37
da francoiacc
Grazie mille per le info, cercavo appunto un marrone che tendesse più al bordeax e tenevo appunto il Diamine Terracotta sotto il radar.
Bellissima la tua comparativa, condivido che il pennino della Paragon moderna è più bello, mi sa che mi tocca comprarne una :thumbup: :wave:

Un riflesso di Omas

Inviato: martedì 13 novembre 2018, 13:35
da fufluns
Et voila! Terracotta e Arco....

Terracotta.jpg

Un riflesso di Omas

Inviato: mercoledì 14 novembre 2018, 17:45
da fufluns
Le Gran Paragon, come a volte ho visto riferirsi - non senza ragioni - alla versione più recente (post 2005) e più grande della Paragon, sono penne ancora più difficili da scovare di quanto non lo siano le classiche, in qualsiasi materiale e finitura.

Può essere che la ragione di questa scarsità sia dovuta al fatto che Omas ne abbia prodotte oggettivamente un numero minore, ma in parte credo si debba anche alla “riscoperta” tardiva della unicità e bellezza di questo modello. Ho notato in rete che le Gran Paragon, tanto nelle belle celluloidi Arco o Wild, quanto nelle livree in resina, nere o in altri colori, con finiture dorate o rodiate, durano poco prima d’essere vendute, e con frequenza a prezzi superiori ai loro valori da nuove, in negozio, fino a due o tre anni fa.

Io non uso con frequenza le mie Paragon fuori di casa, ma quando mi è capitato, i comuni mortali non pennofili hanno tutti, senza eccezioni, manifestato la loro predilezione per le Gran Paragon rispetto alle Paragon classiche. Si tratta, ovvIamente, di “occhi” non allenati e non educati, per i quali forse la misura conta di più che per un appassionato di penne, ma il fatto resta.

A mio modesto avviso, le penne Omas della serie Arte Italiana dell’ultimo periodo di produzione della grande azienda bolognese sono tra le penne che, in vita, sono state più incomprese. I prezzi d’oggi e la difficoltà di trovarle, soprattutto se nuove, sono un tardivo riconoscimento al loro valore.

Un riflesso di Omas

Inviato: giovedì 15 novembre 2018, 18:36
da Stilo80
Complimenti per aver colto uno splendido attimo fuggente rendendo onore alla più bella Paragon Omas conosciuta, forse tardivamente, in tutto il mondo.
francoiacc ha scritto:
lunedì 12 novembre 2018, 22:26
Con che inchiostro la fai andare la tua paragon ?
Sembrerebbe un Diamine Ancient Copper. Oppure un J. H. Grenate.

Va bene la nostalgia, ma meglio compiangere Omas avendo un cofanetto di tesori vicino che sognarlo continuamente. ;)

Edit: m'ero perso non pochi messaggi. Suggerisco anche l'ancient copper è lo sbrebrown. Tonalità che penso vadano a nozze... Beati voi.

Un riflesso di Omas

Inviato: giovedì 15 novembre 2018, 23:46
da alfredop
La Paragon arco bronzo è, a mia opinione, la più bella delle Omas in qualsiasi versione la si trovi.

Alfredo

Un riflesso di Omas

Inviato: lunedì 3 dicembre 2018, 23:26
da francoiacc
Stamattina è finalmente arrivato dalle piovose terre britanniche.
20181203_231907 (3).jpg
Carta Fabriano Ecoqua, davvero bella!

Un riflesso di Omas

Inviato: domenica 16 dicembre 2018, 3:38
da fufluns
francoiacc ha scritto:
lunedì 3 dicembre 2018, 23:26
Stamattina è finalmente arrivato dalle piovose terre britanniche.

20181203_231907 (3).jpg
Carta Fabriano Ecoqua, davvero bella!
Bravo, Francesco! Che penna! E che bella scrittura!

Auguroni per il periodo natalizio,

Franco.