Studio in verde

Consigli e dritte su come rendere al meglio con la fotografia.
Rispondi
Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 267
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Studio in verde

Messaggio da fufluns » giovedì 2 marzo 2017, 5:50

La parola guineos si riferisce normalmente alla banana ancora immatura, ma in Costa Rica il termine si usa specificamente per designare una varietá di Musa (un genere di piante che include tutte le specie degli "alberi" di banane) con frutti particolarmente dolci, che si usa nella cucina ed é preparata quando ancora verde. Un guineo, di fatto, é "farinoso" come un platano, ma con la dolcezza della banana. Al mercato, é facile riconoscere le "manos de guineos" (come le banane, i guineos si dispongono sul racemo a ventaglio, o come “mani”) per il loro bellissimo colore verde smeraldo.

La linfa del guineo é ben conosciuta per attaccarsi alla pelle e causare macchie pressoché indelebili sui vestiti, trasformandosi dall'originale colore bianco latteo in marrone scuro. Meno noto é il fatto che, a parte l'enzima responsabile di accelerare le reazioni chimiche che producono il pigmento marrone, la linfa del guineo contiene altri composti che possono avere applicazione in medicina, tra i quali la dopamina e la quercetina (utili per contrarre i vasi sanguigni e ridurre il sanguinamento), l'acido clorogenico (antiossidante), la naringenina (un modulatore del colesterolo), la myricetina (un anti neurodegenerativo) e l'apigenina (antitumorale).

Per me, che durante la mia infanzia non ha mai visto un casco di piccole banane color smeraldo, i guineos sono una perfetta immagine della natura tropicale. Non ho potuto resistere alla tentazione di scattare una fotografia di una mano di guineos insieme alla mia Montegrappa Extra 1930, con la sua bellissima e altrettanto "tropicale" celluloide nero bambù. Un cartone verde opaco ha completato il set dello "studio in verde". Alla fine, ho deciso di includere anche un portapenne Montegrappa, perché le cuciture blu aggiungono una discreta nota di colore a un'immagine altrimenti quasi monocromatica.

Montegrappa Extra 1930 Acque del Sile studio in verde (1).jpg
L'idea di un "Montegrappa tropicale" mi é piaciuta, e ho modificato un po' il logo della Montegrappa, sostituendo la parola "ITALIA" con la parola "TROPICAL". Ah, sì, questa è la mia Montegrappa tropicale, che vive in Costa Rica!

Montegrappa 1930 Bamboo Black Tropical (2).jpg
Montegrappa 1930 Black Bamboo Tropical.jpg

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8798
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Studio in verde

Messaggio da Irishtales » giovedì 2 marzo 2017, 11:04

Franco, che fossi un fotografo provetto lo sapevamo già, ma stavolta davvero hai dimostrato un talento e una tecnica da ricercato professionista!
La bella penna, con la sua superba celluloide, si accosta a meraviglia con il colore dello sfondo e dei guineos.
Immagini di grande atmosfera e raffinatezza. Complimentoni :clap:
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
Mightyspank
Levetta
Levetta
Messaggi: 743
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Studio in verde

Messaggio da Mightyspank » giovedì 2 marzo 2017, 11:25

Pura poesia!
Grazie per averci regalato un momento di bellezza in mezzo al quotidiano.
Che dire...
Aggiungo che ho provato la tua penna alla boutique Montegrappa. Un pennino favoloso e una affascinante celluloide.

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 629
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei-Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

Studio in verde

Messaggio da Silemar » giovedì 2 marzo 2017, 11:44

Sembra una raffinata, suggestiva pubblicità, che evoca profumi e sapori lontani. Complimenti!
Laura

Rispondi