Scrittura personalizzata - gandalff

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
rembrandt54

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da rembrandt54 » mercoledì 17 luglio 2013, 14:11

Irishtales ha scritto:
Ottorino ha scritto: La gara deve essere con se stessi.
;)
....e come diceva qualcuno : "La disciplina è il ponte tra i sogni e la loro realizzazione".

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da Irishtales » mercoledì 17 luglio 2013, 15:48

Eh, Stefano! Ma "questo qui" è un pilota!!! Nessuno meglio di un pilota ha la disciplina nel dna, e infatti guarda un po' cosa ha fatto appena si è cimentato con la cancelleresca!
Pietro: hai scritto senza falsarighe? Senza falsarighe?? :o
Ma insomma, sono la sola che ha cominciato annaspando e con tutti i supporti possibili e immaginabili?? :cry:
I quaderni con le falsarighe per italico non credo esistano, però è sempre meglio esercitarsi su fogli con le linee guida, che siano stampate sul supporto stesso o messe sotto il foglio dove si scrive in modo che traspaiano almeno un poco, va bene lo stesso. Due modi per avere le falsarighe giuste. Il primo è stamparle in base al pennino che utilizzerai per scrivere, magari approfittando di uno dei vari siti che le mette a disposizione:
viewtopic.php?f=32&t=2529
oppure scegliendo la misura del pennino in base ai quaderni a righe con cui ti trovi bene e che desideri utilizzare per gli esercizi. In entrambi i casi ricorda che nella cancelleresca, l'altezza delle lettere senza ascendenti e discendenti, come la "a" ad esempio, deve essere pari a cinque gradi calligrafici ossia a cinque volte lo spessore maggiore tracciato dal pennino sulla carta. Supponiamo che tu abbia un pennino 2.3 mm (uno dei pennini Rotring, uno a caso) allora l'interlinea dovrà avere una altezza pari a 2,3 x 5 = 11,5 mm. In questo caso scelto il pennino, dovrai stampare o reperire in altro modo le falsarighe dell'altezza giusta.
Invece se hai un blocco o quaderno a righe da utilizzare, sarà quello a vincolarti, in base all'altezza delle interlinee; supponiamo che sia di 10 mm. e avremo 10:5 = 2 mm e allora dovrai scegliere un pennino che traccia un segno di circa 2 mm.
Ascendenti e discendenti, come del resto la larghezza delle lettere, non seguono una regola fissa, perchè in genere ogni trattato sia moderno che antico, ha interpretato la cancelleresca con proporzioni più o meno personali. In genere è bene seguire uno o al massimo due testi come riferimento per non confondersi troppo all'inizio e apprendere tramite l'imitazione delle proporzioni e dei segni, la cancelleresca "secondo il trattato di...." per esempio se seguissi Lloyd Reynolds o Hebborn, avresti una proporzione fra ascendenti-corpo-discendenti delle lettere di 5-5-5 (5= 5 gradi calligrafici).
L'inclinazione può esserci o meno, la cancelleresca può anche essere diritta. In genere ha una inclinazione fra i 5° e i 10° ma non è una regola fissa nemmeno questa! Poi c'è la minore o maggiore dolcezza del tratto, per alcuni trattatisti è esasperatamente spigolosa (Hebborn) per altri più dolce e arrotondata (lo stesso Reynolds, ma soprattutto David Harris, Ann Camp, lo straordinario Alfred Fairbank), solo per citare i trattatisti moderni.
Scusa la lunghissima (come al solito!) dissertazione e buon esercizio! :P
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » mercoledì 17 luglio 2013, 18:20

Si, ho usato un normale quaderno a righe......
Appena mi arriva il set di pennini, mi stamperò delle pagine con le falsarighe adatte per ogni pennino.

Per ora uso dei pennini "anonimi" di cui non so neppure esattamente la misura e vado un poco ad occhio. Avevo voglia di sperimentare subito i tuoi inchiostri e non potevo aspettare il pacchetto dall'inghilterra :D

Fra l'altro anche la Ahab è in viaggio per l'Italia :D
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » mercoledì 17 luglio 2013, 21:07

Oggi ho provato il secondo inchiostro inviatomi da Daniela.
Aprendo il flacone, l'inchiostro si presenta in maniera meno intimidatoria del nerissimo Atlantic night on a Sailing Boat ed ha un odore gradevole.
Gli inizi sono, al solito tragicomici, anche perché l'inchiostro è più fluido del nero e adora decisamente la carta occupandone il maggior spazio possibile con deliziosissime macchie. Quando, finalmente riesco a tracciare delle lettere il risultato, obbrobri inclusi, è questo:
Dusk at garden of gods.jpg
Dusk at garden of gods.jpg (344.27 KiB) Visto 1055 volte
Il colore è più nelle mie corde del nero anche perché qui c'è dello shading, ed io adoro gli inchiostri ombreggiati (ah, se riuscissi a controllare l'effetto!). Il problema è che mentre il nero si deposita uniformemente questo cambia colore scrivendo ed io sono troooooppo scarso per gestirlo a dovere.

Il nome appropriato per questo inchiostro per me è Dusk at garden of gods. Il Garden of Gods è un parco nazionale nei pressi di Colorado Springs con tipiche formazioni rocciose rosse che all'imbrunire virano verso un color mattone cupo che mi ricorda questo inchiostro.
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da Irishtales » mercoledì 17 luglio 2013, 21:23

Non ho parole! Bravo!
E grazie per aver trovato un nome così bello ed evocativo per l'inchiostro al pernambuco!
Bella la citazione dal libro di Brecht su Galileo, devo leggerlo assolutamente ;)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » mercoledì 17 luglio 2013, 21:33

Grazie a te per avermi dato la possibilità di provarli :)

Mi è sembrato appropriato usare le parole di Galileo per una prova di pennino da intinzione ed inchiostro del tempo.

Di nulla, come ti dicevo, il nome mi è stato ispirato dall'uso. Già dalle prime macchie lasciate sulla carta mi ha immediatamente rammentato il colore di quelle rocce subito dopo il tramonto.

Dici che posso farmi assumere da Noodler's come denominatore di inchiostri? (hanno i nomi più fantasiosi che abbia visto)
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da Irishtales » mercoledì 17 luglio 2013, 21:41

gandalff ha scritto: Dici che posso farmi assumere da Noodler's come denominatore di inchiostri? (hanno i nomi più fantasiosi che abbia visto)
Di certo la fantasia non ti manca ;)
Ed è una bella qualità, tienila sempre stretta!
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » sabato 20 luglio 2013, 0:14

Oggi mi sono stampato delle pagine con la falsariga per il pennino 1.5 della Lamy Joy (quelli da intinzione non so che misura siano per cui attenderò che arrivino quelli ordinati) e ho provato a scrivere con i riferimenti. Questo è il risultato degli esercizi quotidiani.
Niemoller_r.jpg
Niemoller_r.jpg (466.13 KiB) Visto 1044 volte
Spero di non annoiarvi :)
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da Irishtales » sabato 20 luglio 2013, 10:33

...chi sei tu, Pietro?!
Un alieno? Un replicante alla Blade Runner di qualche calligrafo? :roll:
Come hai fatto da mercoledì diciassette ore ventuno e zero sette alle zero quattordici si sabato venti, a fare tali passi in avanti? :shock:
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » sabato 20 luglio 2013, 11:21

Ti ringrazio Daniela, ma io, sinceramente, non la vedo molto diversa da allora. C'è molta incostanza, le lettere non sono tutte uguali, la distanza fra le parole varia, l'inclinazione a volte c'è a volte non c'è e così via. Però, le tue parole mi fanno comunque piacere :)
Comunque non cambiare le carte in tavola, l'alieno/replicante/cyborg del forum sei tu, io mi sono consevato anche la busta con cui mi hai inviato gli inchiostri e la uso come impietoso metro di giudizio. A proposito, come la hai scritta? Come fai ad avere un carattere così piccolo e, al contempo così ben definito?
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da Irishtales » sabato 20 luglio 2013, 11:50

La risposta è...pennini Mitchell Italic in rame, se non sbaglio ho utilizzato il numero 3.
L'inchiostro lo conosci, solo che è slavato perché quella carta assorbe subito la parte acquosa e l'inchiostro non ha il tempo di "reagire" chimicamente. Cosa che non accade con gli inchiostri stilografici o su carta con minore assorbenza.
Leggo la tua risposta al mio commento e mi sembra di leggere le mie stesse parole, scritte non più di qualche mese fa, ai miei primi tentativi cancellereschi, in risposta agli incoraggiamenti degli altri. ;)
Il tuo punto di vista lo capisco benissimo: l'osservatore si concentra sui passi avanti e sui notevoli miglioramenti (altezza omogenea e spaziatura fra le lettere: guarda prima e guarda adesso! Lo stesso con l'inclinazione! Non dire che non vedi anche tu dei netti miglioramenti!) ma tu continui con lo sguardo a indagare i difetti. Perché sai che sono quelli che contano, è ciò che ancora manca che va conquistato. Benvenuto nel club dei perfezionisti.
E' proprio grazie a questa impostazione mentale che in poco più di due giorni.... :o
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » sabato 20 luglio 2013, 12:47

Beh, qualche miglioramento lo vedo, anche perchè in caso contrario mancherebbe lo stimolo a continuare, però vedo soprattutto la strada che devo ancora percorrere ed è così lunga....
Comunque ho trovato l'Hebborn a 6 euro fra i remainder di una libreria e l'ho ordinato immediatamente, spero dia maggiore organicità allo studio
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8933
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da Irishtales » sabato 20 luglio 2013, 14:00

Hebborn a sei euro è un vero affare!
Ma se vuoi investire una somma più o meno simile, ti consiglio anche il piccolo libro del prof Lloyd Reynolds, che propone un italico molto meno spigoloso rispetto all'Hebborn, giusto per darti un'idea più completa sulle possibili interpretazioni. Un'occhiata anche ai trattati antichi di cancelleresca che abbiamo nel Wiki o segnalati qui sul Forum aiuta sempre soprattutto a comprendere il gesto, poi tutto verrà da sé con esercizio ed osservazione :P

Cresci, Ludovico Arrighi, Palatino, Ugo da Carpi, Hercolani, Lucas, Amphiareo
viewtopic.php?f=52&t=3416

Tagliente:
http://www.fountainpen.it/Libreria_Condivisa
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

OokamiKirai
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 46
Iscritto il: domenica 12 maggio 2013, 21:08
La mia penna preferita: Twsbi Diamond 580
Il mio inchiostro preferito: Aurora black ink
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Como
Contatta:

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da OokamiKirai » domenica 8 settembre 2013, 23:17

Ahahahah coltivare margherite! Non mi aspettavo questa battuta, a momenti mi capottavo dalla sedia! :lol:
Comunque anche io sono sul tuo stesso piano! Mi considero piuttosto bravina a livello di calligrafia, dopotutto scrivere in diversi stile mi risulta piuttosto semplice, eppure quando si tratta di scrittura quotidiana è come se le mia mano impazzisse! Non riesco a trovare quella adatta a me, trovo sempre qualche difetto, qualcosa che non mi rappresenta, una lettera che mi viene spontaneo fare in un modo ma che vorrei fosse totalmente diversa!
Per intenditori: Il mio ideale di scrittura è un po' quello che viene fatto vedere in Harry Potter e la camera dei segreti, quando Tom Riddle parla attraverso il suo diario.
So che è un esempio un po' stupido/infantile, ma non saprei in che altro modo farmi capire efficacemente! :?
« Ricorda, ricorda, il 5 Novembre.
Polvere da sparo, tradimento e complotto.
Non vedo alcuna ragione per cui la Congiura delle Polveri dovrebbe mai essere dimenticata! »




Ookami Kirai

Avatar utente
gandalff
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 430
Iscritto il: domenica 24 marzo 2013, 9:16
La mia penna preferita: Pilot Capless...... al momento
Il mio inchiostro preferito: Purché non sia funereo
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 025
Località: Santa Marinella (RM), terza pietra dal sole

Scrittura personalizzata - gandalff

Messaggio da gandalff » domenica 8 settembre 2013, 23:45

OokamiKirai ha scritto:Ahahahah coltivare margherite! Non mi aspettavo questa battuta, a momenti mi capottavo dalla sedia! :lol:
Anche perché con il pollice marrone che mi ritrovo sarebbe più difficile che fare esercizi di calligrafia..... faccio seccare anche le piante grasse!!!!
Non riesco a trovare quella adatta a me, trovo sempre qualche difetto, qualcosa che non mi rappresenta, una lettera che mi viene spontaneo fare in un modo ma che vorrei fosse totalmente diversa!
Per intenditori: Il mio ideale di scrittura è un po' quello che viene fatto vedere in Harry Potter e la camera dei segreti, quando Tom Riddle parla attraverso il suo diario.
So che è un esempio un po' stupido/infantile, ma non saprei in che altro modo farmi capire efficacemente! :?
Perché stupido o infantile? se ti piace quella grafia prova ad imitarla. Con l'esercizio si acquisiscono gli automatismi che ti permettono di portare quei caeatteri anche nella scrittura quotidiana.
Però penso che la grafia quotidiana debba essere spontanea, debba rappresentare quello che sei e quello che è l'umore del momento. Parti da quella che ti piace di più, ma adattala alla tua personalità, la tua grafia deve essere tua.
Su ciò di cui non si può parlare, bisogna tacere - L. Wittgenstein
Pietro

Rispondi