Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Rispondi
Settebellezze
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 25 luglio 2021, 19:23
La mia penna preferita: Meisterstück 149
Misura preferita del pennino: Broad

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Settebellezze »

Dopo aver letto l’utilissima discussione evidenziata di Courthand (con il/la quale mi scuso per la mia incapacità di citarla propriamente), mi trovo dinanzi un bivio.

La suddetta discussione infatti, di utili consigli pregna, mi ha fatto intendere quanto sia auspicabile, scegliendo un pennino a punta tronca, un tratto non inferiore ai 2mm. Questo per evidenziare quei difetti comuni al neofita, - sostantivo di cui rappresento il paradigma - quali il non corretto appoggio del pennino sulla pagina, o la scarsa attenzione nella distinzione dei tratti “sottili” da quelli “spessi”.

Scusandomi per il gergo probabilmente non corretto, chiedo: non essendovi in vendita vie intermedie tra i 2.4 mm e i 3.8 mm, quali fra questi due mi consigliereste per la mia prima penna per esercizio calligrafico?

Sono, per il momento, in possesso di due sole stilografiche, che presto vi presenterò sul forum ma che probabilmente non si prestano a quest’uso.

Saluti!
Avatar utente
Automedonte
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2073
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2020, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 88 big
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Automedonte »

Calligrafia quale? Cancelleresca?

Direi meglio cominciare con un 2.4 che è meno impegnativo.
Cesare Augusto
Avatar utente
maylota
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1155
Iscritto il: venerdì 28 febbraio 2020, 12:01
La mia penna preferita: Quelle che scrivono bene
Il mio inchiostro preferito: Waterman Florida Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: 45°28′01″N 09°11′24″E
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da maylota »

Automedonte ha scritto: martedì 27 luglio 2021, 20:45 Calligrafia quale? Cancelleresca?

Direi meglio cominciare con un 2.4 che è meno impegnativo.
Li ho entrambi e penso tu abbia ragione.

Però, mi sono andato a rileggere la discussione cui si riferisce Settebellezze (viewtopic.php?f=32&t=9839 ) e sembra che la ratio della scelta sia di rendere difficile la scrittura per costringere ad imparare bene il controllo del pennino nell'appoggio con la carta ed evidenziare al massimo eventuali errori. Quindi anche il 3.8 potrebbe avere la sua ragione, specie per fare esercizio.

Detto questo non avrei dubbi ed andrei di 2.4, per me è meglio imparare senza essere perfetti che ricercare la perfezione senza riuscire ad imparare molto :D
Cave ab homine unius libri
Avatar utente
demogorgone
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 302
Iscritto il: mercoledì 29 marzo 2017, 9:15
La mia penna preferita: La sto cercando
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki blu
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Senigallia
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da demogorgone »

Ho anch'io il 2.4 e la misura più piccola (mi pare 1.9). Come inizio prenderei comunque il 2.4. Ciao!
Settebellezze
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 25 luglio 2021, 19:23
La mia penna preferita: Meisterstück 149
Misura preferita del pennino: Broad

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Settebellezze »

Automedonte ha scritto: martedì 27 luglio 2021, 20:45 Calligrafia quale? Cancelleresca?
Esatto. Avrei forse dovuto precisarlo.
Già che ci siamo, potrei chiederti per quali altri stili la Parallel si presta come modello base (entry level) ideale?
Ho inoltre cercato una sezione/discussione del forum che elenchi i diversi stili calligrafici, ma non sono stato in grado di trovare nulla. Per adesso mi rifaccio alla bibliografia generica di riferimento provando a capirne qualcosa in più, e di creare quella fondazione teorica parallelamente al primo approccio pratico.

maylota ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 0:09
Automedonte ha scritto: martedì 27 luglio 2021, 20:45 Calligrafia quale? Cancelleresca?

Direi meglio cominciare con un 2.4 che è meno impegnativo.
Li ho entrambi e penso tu abbia ragione.

Però, mi sono andato a rileggere la discussione cui si riferisce Settebellezze (viewtopic.php?f=32&t=9839 ) e sembra che la ratio della scelta sia di rendere difficile la scrittura per costringere ad imparare bene il controllo del pennino nell'appoggio con la carta ed evidenziare al massimo eventuali errori. Quindi anche il 3.8 potrebbe avere la sua ragione, specie per fare esercizio.

Detto questo non avrei dubbi ed andrei di 2.4, per me è meglio imparare senza essere perfetti che ricercare la perfezione senza riuscire ad imparare molto :D
Ho deciso di optare per la 2.4, anche nella speranza di servirmi della sua, forse maggiore, versatilità. Rimando l’acquisto degli altri tratti a quando saprò sfruttarli maggiormente… idealmente il prima possibile!
Avatar utente
Automedonte
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2073
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2020, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 88 big
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Automedonte »

Settebellezze ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 11:22
Automedonte ha scritto: martedì 27 luglio 2021, 20:45 Calligrafia quale? Cancelleresca?
Esatto. Avrei forse dovuto precisarlo.
Già che ci siamo, potrei chiederti per quali altri stili la Parallel si presta come modello base (entry level) ideale?
Ho inoltre cercato una sezione/discussione del forum che elenchi i diversi stili calligrafici, ma non sono stato in grado di trovare nulla. Per adesso mi rifaccio alla bibliografia generica di riferimento provando a capirne qualcosa in più, e di creare quella fondazione teorica parallelamente al primo approccio pratico.
Per queste cose devi aspettare gli esperti, io non posso aiutarti mi spiace
Cesare Augusto
Avatar utente
calli1958
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 493
Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 18:54
La mia penna preferita: Reform (credo) pennino flex
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: provincia di Treviso
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da calli1958 »

Settebellezze ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 11:22
Automedonte ha scritto: martedì 27 luglio 2021, 20:45 Calligrafia quale? Cancelleresca?
Esatto. Avrei forse dovuto precisarlo.
Già che ci siamo, potrei chiederti per quali altri stili la Parallel si presta come modello base (entry level) ideale?
Ho inoltre cercato una sezione/discussione del forum che elenchi i diversi stili calligrafici, ma non sono stato in grado di trovare nulla. Per adesso mi rifaccio alla bibliografia generica di riferimento provando a capirne qualcosa in più, e di creare quella fondazione teorica parallelamente al primo approccio pratico.
Riguardo allo stile.... la larghezza del pennino identifica l'altezza della scrittura, non lo stile. Faccio un esempio: il gotico Fraktur formale ha come standard di solito il modulo 2-5-2 (dove 5 sta per il corpo lettera e 2 per ascendente e discendente); questi numeri sono espressi in gradi calligrafici, cioè la larghezza del pennino, quindi prendendo il 5 (corpo lettera) significa che la sua altezza, se usi la parallel da 2,4 mm, è di 5 x 2,4 =12 mm.(per la parallel da 3,8 il corpo lettera equivale a 5 x 3,8 = 19 mm.). Stesso discorso per gli altri stili; ogni stile ha un modulo caratteristico espresso in gradi calligrafici (per l'onciale di solito è 4, per la cancelleresca di solito si usa il 5-5-5 o il 4-5-4). Quindi la larghezza della penna è indifferente allo stile, cambia solamente la "grandezza" della scrittura; lo stile sarà determinato, oltre che dal modulo, dalle forme dei tratti che compongono le lettere e dalla inclinazione del pennino rispetto alla linea orizzontale (nel gotico, ad esempio, si usa di solito l'inclinazione di 45°approssimativamente). Detto questo, all'inizio si preferiscono pennini larghi proprio perché la maggiore dimensione della scrittura fa capire meglio l'andamento dei tratti e ci si accorge immediatamente se il pennino è correttamente appoggiato alla carta.
La parallel da 2,4 è già una buona misura ma, se sei "novizio" con questi stili, suggerirei la 3,8 o, se puoi, entrambe: con 2 misure di penna si possono fare molte cose (per esempio titoli e testo di diverse dimensioni). In ogni caso, all'inizio una penna "larga" favorisce l'acquisizione corretta della scrittura che risulterà più "facile" passando successivamente ad una penna meno larga.
Per le parallel credo comunque la misura minima da prendere in considerazione sia la 2,4 perché la più piccola (la 1,5) tende a non rendere molto precisi gli angoli (se non subito, dopo poco tempo; almeno nei limiti della mia esperienza).
Avatar utente
Bons
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1444
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Solo una? Impossibile...
Il mio inchiostro preferito: Solo uno? E tutti gli altri?
Località: Monti degli abeti rossi

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Bons »

Una curiosità: la Parallel è indicata anche per stili calligrafici ampollosi? 🤔
Angelo

Bons
Troll espiatorio

"The horror! The horror!", Kurtz
Joseph Conrad, Heart of Darkness

"e quando la tua mente prende il volo
ti accorgi che sei rimasto solo"
Rino Gaetano, Ti ti ti
Avatar utente
calli1958
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 493
Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 18:54
La mia penna preferita: Reform (credo) pennino flex
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: provincia di Treviso
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da calli1958 »

Bons ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 21:44 Una curiosità: la Parallel è indicata anche per stili calligrafici ampollosi? 🤔
Cosa intendi per ampollosi? Puoi fare qualche esempio?
Avatar utente
Bons
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1444
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Solo una? Impossibile...
Il mio inchiostro preferito: Solo uno? E tutti gli altri?
Località: Monti degli abeti rossi

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Bons »

calli1958 ha scritto: giovedì 29 luglio 2021, 11:31
Bons ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 21:44 Una curiosità: la Parallel è indicata anche per stili calligrafici ampollosi? 🤔
Cosa intendi per ampollosi? Puoi fare qualche esempio?
Non saprei, intendo un qualche stile che nelle forme si accordi all'eloquio del nostro nuovo amico.
Angelo

Bons
Troll espiatorio

"The horror! The horror!", Kurtz
Joseph Conrad, Heart of Darkness

"e quando la tua mente prende il volo
ti accorgi che sei rimasto solo"
Rino Gaetano, Ti ti ti
Avatar utente
calli1958
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 493
Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 18:54
La mia penna preferita: Reform (credo) pennino flex
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: provincia di Treviso
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da calli1958 »

Bons ha scritto: giovedì 29 luglio 2021, 13:06
calli1958 ha scritto: giovedì 29 luglio 2021, 11:31

Cosa intendi per ampollosi? Puoi fare qualche esempio?
Non saprei, intendo un qualche stile che nelle forme si accordi all'eloquio del nostro nuovo amico.
La "ampollosità" (senza preocuuparsi di cosa possa esattamente significare) non dipende dalla penna ma da come si usa. La parallel è di fatto equivalente a un pennino tronco (da calligrafia), quindi tutto ciò che si può fare con il pennino tronco è ottenibile con la parallel; come già accennato cambiano solo le dimensioni della scrittura (con la parallel come per il pennino tronco).
Settebellezze
Converter
Converter
Messaggi: 6
Iscritto il: domenica 25 luglio 2021, 19:23
La mia penna preferita: Meisterstück 149
Misura preferita del pennino: Broad

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da Settebellezze »

Bons ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 21:44 Una curiosità: la Parallel è indicata anche per stili calligrafici ampollosi? 🤔
Se la presunta “ampollosità” del mio “eloquio” ti tedia, fortunatamente non puoi vedere l’inesperienza della mia scrittura… poiché ne resteresti sicuramente deluso.
Grazie del tuo utile contributo! (E del tuo parere non richiesto).

calli1958 ha scritto: mercoledì 28 luglio 2021, 19:29 Riguardo allo stile.... la larghezza del pennino identifica l'altezza della scrittura, non lo stile. Faccio un esempio: il gotico Fraktur formale ha come standard di solito il modulo 2-5-2 (dove 5 sta per il corpo lettera e 2 per ascendente e discendente); questi numeri sono espressi in gradi calligrafici, cioè la larghezza del pennino, quindi prendendo il 5 (corpo lettera) significa che la sua altezza, se usi la parallel da 2,4 mm, è di 5 x 2,4 =12 mm.(per la parallel da 3,8 il corpo lettera equivale a 5 x 3,8 = 19 mm.). Stesso discorso per gli altri stili; ogni stile ha un modulo caratteristico espresso in gradi calligrafici (per l'onciale di solito è 4, per la cancelleresca di solito si usa il 5-5-5 o il 4-5-4). Quindi la larghezza della penna è indifferente allo stile, cambia solamente la "grandezza" della scrittura; lo stile sarà determinato, oltre che dal modulo, dalle forme dei tratti che compongono le lettere e dalla inclinazione del pennino rispetto alla linea orizzontale (nel gotico, ad esempio, si usa di solito l'inclinazione di 45°approssimativamente). Detto questo, all'inizio si preferiscono pennini larghi proprio perché la maggiore dimensione della scrittura fa capire meglio l'andamento dei tratti e ci si accorge immediatamente se il pennino è correttamente appoggiato alla carta.
La parallel da 2,4 è già una buona misura ma, se sei "novizio" con questi stili, suggerirei la 3,8 o, se puoi, entrambe: con 2 misure di penna si possono fare molte cose (per esempio titoli e testo di diverse dimensioni). In ogni caso, all'inizio una penna "larga" favorisce l'acquisizione corretta della scrittura che risulterà più "facile" passando successivamente ad una penna meno larga.
Per le parallel credo comunque la misura minima da prendere in considerazione sia la 2,4 perché la più piccola (la 1,5) tende a non rendere molto precisi gli angoli (se non subito, dopo poco tempo; almeno nei limiti della mia esperienza).
Sei stata/o chiarissimo, grazie della meravigliosa spiegazione.
Rimando alla tua esperienza la domanda che ho posto prima ad altro utente: dove o a quale manuale potrei far riferimento per imparare a discernere fra i vari stili e fra le differenze che li rendono tali? La mia conoscenza per adesso si limita ai più noti, e sono consapevole di “grattare” appena la superficie.
Avatar utente
calli1958
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 493
Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 18:54
La mia penna preferita: Reform (credo) pennino flex
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: provincia di Treviso
Gender:

Neofita e Parallel Pen: ma quale?

Messaggio da calli1958 »

Settebellezze ha scritto: giovedì 29 luglio 2021, 18:24 ..... dove o a quale manuale potrei far riferimento per imparare a discernere fra i vari stili e fra le differenze che li rendono tali?
Prima di tutto dai un'occhiata ai manuali nelle risorse del sito:
https://www.fountainpen.it/Libreria_Condivisa
trattano di diversi stili con modelli e spiegazioni.

Per una panoramica dei vari stili raccolti in maniera sintetica puoi leggere o scaricare (liberamente) questo:
https://archive.org/details/art-of-call ... g/mode/2up
e in inglese, ma anche nel caso avessi difficoltà con la lingua dopo aver guardato i manuali cui accennavo sopra non dovresti avere difficoltà a capire

Per dei cenni introduttivi storici, postura e posizione di scrittura puoi leggere o scaricare (liberamente( questo:
https://archive.org/details/calligrafia ... c/mode/2up
Parla soprattutto del corsivo inglese ma la parte generale va bene per tutti gli stili; nella seconda parte del libro ci sono diversi modelli di scrittura.

Quando hai trovato lo stile che ti interessa puoi fare delle ricerche in rete. Suggerisco all'inizio di basarsi sul modello di un unico autore (per non fare confusione); poi, acquisite delle basi sufficientemente solide, puoi vedere eprovare le interpretazioni dei diversi calligrafi.

Buona scrittura!
Rispondi

Torna a “Calligrafia”