Buone notizie per il pennino medio

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Rispondi
Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 960
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Buone notizie per il pennino medio

Messaggio da fufluns »

Quando si parla di calligrafia, balza all'occhio che i pennini più utilizzati siano quelli con punta tronca (la famiglia degli italici) e quelli appuntiti, prevalentemente flessibili. I pennini medi, così docili alla scrittura, così facili per la mano, sembrano non brillare in questo campo.

L'altro giorno mi sono imbattuto però in una grafia tardo medioevale e rinascimentale italiana, fiorita tra il XIII e il XIV secolo, che prende il nome di "mercantesca" (merchantescha, secondo alcune dizioni all'epoca).Curiosamente, questa grafia veniva originalmente eseguita, almeno durante l'ultimo ventennio del secolo XIII, con la "penna a taglio tondo". Nella prima metà del secolo seguente si utilizzo anche la "penna morbida temperata acuta".

Con un po' di pazienza, é possibile trovare in rete manuali coevi che insegnavano a scrivere in merchantescha. Tra l'altro, e benché in forma speculare, questa fu la grafia utilizzata da Leonardo Da Vinci.

Merchantescha.jpg
ilValla
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 116
Iscritto il: sabato 6 marzo 2021, 20:25
La mia penna preferita: Pineider La Grande Bellezza
Il mio inchiostro preferito: Lamy Crystal Benitoite
Misura preferita del pennino: Fine
Gender:

Buone notizie per il pennino medio

Messaggio da ilValla »

Che bella! E che sollievo per i bistrattati pennini medi!
Grazie per il lavoro di ricerca e di divulgazione.
Rispondi

Torna a “Calligrafia”