Che carta! Che penne!

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 771
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Che carta! Che penne!

Messaggio da fufluns »

Nel mio remoto angolo di mondo, che tra le sue tante meraviglie non annovera l'abbondanza di negozi dedicati alla scrittura, la comparsa di un nuovo tipo di carta é quasi una notizia sensazionale.

Sabato, insieme a mia moglie, ci siamo avventurati ad una passeggiata nel "mondo esteriore" e siamo passati davanti a un negozio che vende prodotti per le belle arti, carta, e anche qualche buona penna (e costosa) del Conte di Faber Castell. Chi potrebbe resistere a ficcare il naso in un negozio cosí per l'ennesima volta? Tra i blocchi ne ho visto uno di Fabriano che non conoscevo: Fabriano Unica. Una carta spessa, da 250 grammi, proposta per stampe d'arte e disegno, incisione, grafite, carboncino e pastello, e offerta in un bel formato A3 da 29,7 × 42 cm. Ovviamente, la copertina del blocco non fa menzione alcuna dell'uso di questa carta per penna, ma il contenuto del 50% di cotone fa ben sperare. E poi, venti fogli a poco più di 20 Euro (qui in Costa Rica!), con una textura appena ruvida e una mezza promessa di funzionare per i miei giochi calligrafici, beh, si trattava di un giocattolo francamente irresistibile per il fine settimana… E ora a casa, a provarla, quasi di corsa…

A volte uno ha un bel foglio che lo aspetta, ma non ha una buona idea su che cosa fare… A volte saprebbe che fare, ma gli pare di non avere la carta adatta. Quanto alla penna, a quelli del nostro gruppo di pazzerelloni, una o dieci buone penne adatte allo scopo, quelle non mancano mai!
Ma in questo caso, avevo tutti gli ingredienti, oltre a una voglia matta di fare la prova. Da tempo avevo lavorato su un aforisma dedicato alla "mano leggera e ferma" che si richiede in calligrafia, e si trattava solo di perfezionarlo un poco per metterlo sul foglio in buone lettere. Avevo già deciso di scriverne una versione bilingue, approfittando per mettere a confronto i pennini flessibili di una penna moderna e di una vintage straordinaria, ed ora avevo a disposizione 20 fogli di grandi dimensioni dove realizzare la mia operetta, a patto che la carta unica funzionasse bene con la penna.

Bene? Meglio! Meglio? Di più!

A detta del produttore, Unica è nata dalla collaborazione con un gruppo di artisti che la hanno testata "in condizioni estreme" con varie tecniche e vari media. Sia quale sia stata la ragione per creare questa carta, il risultato è davvero notevole: con una ruvidità appena accennata, e direi di poco maggiore sul recto che sul verso, un bellissimo colore bianco neutro e quel peso che, in un foglio A3, lo fa assomigliare quasi a un cartoncino, la Unica è, da vedere e al tatto, una carta superiore.
La prova con l’inchiostro (anzi, con due inchiostri) ha finito di convincermi appieno. Nessuno spiumaggio, una tenuta eccezionale, una capacità superlativa di rendere i tratti finissimi, e quel leggero feedback sul pennino che, almeno per me, è essenziale per una scrittura controllata. Magnifica!
La ho testata con il Permanent Blue di Montblanc, un inchiostro pigmentato e denso, e il comportamento del pennino della 149 Calligraphy è stato ineccepibile: nessuna falsa partenza, nessuna riduzione nel flusso, nessun railroading, e una risposta immediata alla pressione e al rilascio della pressione sul pennino
Il Perle Noire di Herbin che ho usato nella OMAS Gentlemen è una tinta più lubrificata, ma anche in questo caso non ho osservato alcuno spiumaggio e la carta ha restituito perfettamente il bel tono nero scuro e neutro dell’inchiostro. Solamente in tre-quattro punti la punta estremamente “affilata” del pennino OMAS Extra, al chiudere una curva, si è puntato sulle fibre della carta, sollevandole appena. Carta per calligrafia promossa a pieni voti!

Prima di lasciar parlare l’immagine, voglio però spendere ancora due parole sulle due penne straordinarie che ho utilizzato per la prova, la Montblanc Meisterstück 149 Calligraphy e la OMAS Gentlemen con pennino Extra, di misura extra-fine.

Quest’ultima può essere considerata, nel mio parco penne, quella dal pennino appuntito più nettamente calligrafico, per le sue caratteristiche fantastiche di flessibilità. È la mia pietra di paragone per valutare le capacità di qualsiasi pennino per scrittura appuntita, sia dei pennini stilografici sia di quelli da intinzione. Competere con questo pennino è difficile perché, a mio avviso, è praticamente perfetto.

La contendente, la 149 Calligraphy, è una penna che ho ormai da quasi un anno e della quale sono innamorato. Ha fatto sì che le mie altre 149 non abbiano quasi visto uso alcuno in un anno intero, se non per “coccolarle” un po’ di tanto in tanto. E in questa prova la Calligraphy si dimostra un esempio unico nel panorama dei pennini flessibili contemporanei, sostenendo testa a testa il duello con il mio pennino calligrafico prediletto. C’è una differenza tra i due, ancora a favore dell’OMAS, ma la mia Calligraphy è (e lo sarà ancora per tempo) la penna che uso di più per la facilità e la adattabilità del suo pennino.

Per questa operetta ho messo la 149 Calligraphy a scrivere il testo in inglese con uno Spenceriano molto inclinato (45 gradi) per differenziarlo ancora più chiaramente dal Copperplate di quasi 60 gradi del testo italiano scritto con la OMAS. È una inclinazione difficile, per la quale il pennino della Calligraphy è stato memorabile. Il suo pennino extra fine ma rotondo davvero slitta piacevolmente sulla carta e, anche se dopo la pressione ha un “ritorno” allo stato di quiete meno immediato del pennino OMAS, lo supera per scorrevolezza e facilità nell’eseguire le curve.

Per la cronaca, mi sono cimentato, con entrambe le penne, in qualche “svolazzo” o embellishment, che non avevo mai tentato prima. Ho cercato qualche esempio in rete (ce ne sono di veramente mozzafiato, ma richiedono una perizia che non ho...), e ho disegnato tutti gli svolazzi di sinistra. Poi, su una “cassa di luce” li ho ricalcati su un altro foglio, l’ho rovesciato e, sulla stessa sorgente luminosa, ho nuovamente calcato a penna gli svolazzi speculari sulla carta Unica. Immagino che non sia il modo più ortodosso, ma più o meno ha funzionato.
Le due penne si sono comportate egregiamente, e il pennino più arrotondato della Calligraphy è, direi, più facile da far “girare” sulle curve strette.

Buona settimana a tutti.

Montblanc 149 Calligraphy Educational work.jpg
[L'aforisma scritto in due lingue, con due penne e due inchiostri, sulla carta Fabriano Unica.]
Avatar utente
Athos
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 23
Iscritto il: domenica 27 dicembre 2020, 12:19
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da Athos »

Che Meraviglia! :o
Avatar utente
Automedonte
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1553
Iscritto il: martedì 25 febbraio 2020, 16:33
La mia penna preferita: Aurora 88 big
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da Automedonte »

Ci sono delle r minuscolo che noi umani :o


Ma come fai? Complimenti davvero :clap:
Cesare Augusto
Avatar utente
sussak
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 828
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da sussak »

Un capolavoro di abilità ed estetica degno dei bei tempi andati...
Umberto

Se la democrazia declina è perché la lasciamo declinare. Benedetto Croce
Igorscripta
Converter
Converter
Messaggi: 19
Iscritto il: martedì 13 novembre 2018, 23:01
La mia penna preferita: Montegrappa Merry Skull
Il mio inchiostro preferito: Pilot Asa-Gao
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Arese
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da Igorscripta »

Grazie per aver condiviso queste opere d'arte! Uso il plurale, riferendomi sia alla parte grafica, che al racconto, che sempre mi affascina.
Avatar utente
jackfountain
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 67
Iscritto il: sabato 26 dicembre 2020, 23:43
La mia penna preferita: Pineider La grande bellezza
Il mio inchiostro preferito: Asa-Gao e Cherry Sunburst
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Che carta! Che penne!

Messaggio da jackfountain »

Favoloso!!!!
Cex71
Levetta
Levetta
Messaggi: 515
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 19:06
La mia penna preferita: wahl eversharp doric
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 071
Fp.it Vera: 071
Località: Thiene (VI)
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da Cex71 »

Sempre eccezionale, grazie!
:clap: :clap: :clap:
Cesare
Avatar utente
edo68
Artista
Artista
Messaggi: 320
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Che carta! Che penne!

Messaggio da edo68 »

Nel titolo ci manca "Che mano!" :mrgreen:

E' sempre un piacere vedere i tuoi lavori, complimenti ancora.

Buona serata

Edo
Ultima modifica di edo68 il lunedì 25 gennaio 2021, 23:58, modificato 1 volta in totale.
lonetraveler
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 95
Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2017, 14:37
La mia penna preferita: Aurora 88
Il mio inchiostro preferito: Verde
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Bra (CN)
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da lonetraveler »

Perbacco! Uno spettacolo per gli occhi! :clap:
Avatar utente
calli1958
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 434
Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 18:54
La mia penna preferita: Reform (credo) pennino flex
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: provincia di Treviso
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da calli1958 »

fufluns ha scritto: lunedì 25 gennaio 2021, 19:34
E' sempre un piacere vedere i tuoi lavori e le tue foto.
Avatar utente
MiraB
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 316
Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2017, 13:17
La mia penna preferita: Visconti Van Gogh Irises
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Baystate Blue
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it Vera: 027
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da MiraB »

Cosa posso aggiungere? Niente, se non dei sentiti complimenti! Bellissimo!
Sapere aude

Caterina
Avatar utente
lucapolu
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 153
Iscritto il: giovedì 12 novembre 2020, 15:27
Località: Bolzano
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da lucapolu »

Di fronte a certe capacità si può solo provare ammirazione (e un briciolo d’invidia)! :clap:
Avatar utente
Roby59
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 223
Iscritto il: martedì 19 maggio 2020, 19:58
La mia penna preferita: Harley Davidson 1990
Il mio inchiostro preferito: Herbin/Lamy/Diamine
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Torino
Sesso:

Che carta! Che penne!

Messaggio da Roby59 »

Complimenti !
Roby
Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 771
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Che carta! Che penne!

Messaggio da fufluns »

Automedonte ha scritto: lunedì 25 gennaio 2021, 20:31 Ci sono delle r minuscolo che noi umani :o
Sai, amico di penna, già vari anni fa, quando iniziai ad apprezzare la calligrafia con maggior attenzione, mi resi conto che alcune lettere a scuola non le avevo imparate bene. Per dirla cosí, le eseguivo un po' a casaccio, senza un'idea chiara di che cosa e come dovessi fare. Una di queste era la lettera "r".

Per questa lettera - ma vale anche per tutte le altre – il primo passo per eseguirla in modo più appropriato é capire come sono fatte, intenderne la forma. La "r" é un po' speciale perché ne esistono varie versioni, ma tutte hanno in comune, ad esempio, il fatto che l'asolina superiore della lettera esce sopra la riga. E un primo passo per disegnarla "a dovere". Dopo che si é disegnata l'asolina, la r scende (con inclinazione leggera) verso destra e poi piega verso sinistra prima di fare la curva di fondo, che tocca la riga. Nel punto dove la linea finisce la discesa verso destra e piega verso sinistra, si può fare uno spigolo (più facile) o una curva (più difficile, sia per la mano sia per il pennino, ma leggermente più aggraziata).

E' questo ció che voglio suggerire. Di ogni lettera, bisogna intender bene la forma, e poi il ductus. Non ricordo che alle scuole elementari mi abbiano insegnato il ductus delle lettere, ma può ben essere che semplicemente la memoria non mi aiuti.

Concentrarsi nuovamente sulla forma delle lettere e sul loro ductus, da uomini maturi, richiede una certa umiltà e una certa pazienza. Ma questo, a mio avviso, é l'unico modo perché il cervello possa guidare la nostra mano di umani a disegnare le lettere cosí come le vorremmo, o quasi.
Avatar utente
AinNithael
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1576
Iscritto il: martedì 8 novembre 2016, 23:25
La mia penna preferita: Ehm... stanno diventando tante
Il mio inchiostro preferito: blu-nero oppure viola
FP.it 5000: 019
Località: Torino

Che carta! Che penne!

Messaggio da AinNithael »

Caspita! E grazie :) la visione della Bellezza fa sempre bene allo spirito
Enrica
"Non essere mai codardo o crudele. Cerca di essere sempre gentile, ma non smettere mai di essere buono." Doctor Who
Rispondi

Torna a “Calligrafia”