Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » venerdì 7 dicembre 2018, 2:07

Buonasera a tutti, calligrafi, amanti della bella scrittura o semplici amanti delle penne stilografiche.
Sono nuova in questi lidi, ma ho già posto una caterva di domande nel mio topic di presentazione, quindi ho pensato di aprire una discussione per chiedere il vostro aiuto su un tema che, me ne rendo conto, è stato già trattato ma credo sia troppo personale per poter beneficiare unicamente dei consigli dati ad altri.
E io ho molte domande. L'ho già detto? XD

Sono in attesa della mia prima stilografica, una Pilot Metropolitan < F > che non vedo l'ora di mettere all'opera, ma già da prima di interessarmi a questo tipo di penna sentivo il desiderio di provare a migliorare la mia grafia, che non amo; in questo forum ho scoperto di non essere l'unica, pare essere piuttosto comune!

Non sono una calligrafa e per il momento non intendo diventarlo - o meglio, first things first: la mia priorità, al momento, è quella di migliorare la mia grafia di tutti i giorni, poi si vedrà.
Sono una studentessa, quindi uso la penna principalmente per prendere appunti durante le lezioni ed eseguire gli esercizi: ho bisogno di poter scrivere in maniera veloce e ordinata, o per lo meno il più ordinata possibile se si tiene conto delle condizioni al limite dell'inumano in cui la mia facoltà ci obbliga a prendere appunti in classe. Per questi motivi, sto valutando di andare in due direzioni:
  • migliorare quello che già c'è con esercizi, anche su altri stili, che possano aiutarmi a rendere più gradevole la mia scrittura e sostituire le lettere che proprio non sopporto, come la z;
  • resettare la mia grafia giornaliera e "sostituirvi" una grafia terza che rispetti le caratteristiche di cui sopra: ordine e rapidità; a tal fine, ho buttato l'occhio sul Metodo Palmer e la grafia annessa, ma non sono sicura che sia quella realmente adatta.
Come potete vedere nell'immagine allegata, la grafia presenta numerosi problemi; spicca, fra tutti, una spiacevolissima (almeno per me) tendenza al "bombato" che la Pilot Supergrip < F > evidenzia e che si riduce drasticamente verso il fondo del foglio quando uso la Pilot G-2 07, una penna che non uso abitualmente perché i miei professori mi hanno sempre sconsigliato l'uso di penne con inchiostro di quel tipo perché tendono a sbavare; in effetti il tratto impiega una vita ad asciugare: una semplicissima linea non particolarmente satura sbava ancora un minimo dopo 30'' e fino a 25'' crea sbavature consistenti. Questo è l'unico motivo che mi impedisce di buttare la Supergrip, che credevo di aver ormai eletto penna a sfera della vita, per la G-2 O7, visto quello che io vedo come un miglioramento nel tratto, complice la fluidità - nonostante quella che stavo usando sia caduta e abbia un problema sulla punta che di tanto in tanto fa saltare il tratto.

In sostanza: come posso migliorare la mia grafia? E i metodi proposti da Palmer ( Penmenship e Buisness Writing) incarnano davvero lo stile adatto a me? Quale dei due meglio dell'altro?
Alcune informazioni ulteriori per aiutarvi a capire cosa sto cercando di ottenere.
  • Amo gli stili spigolosi, le lettera angolate che si allungano verso il basso e verso l'alto, motivo per cui mi terrei lontana dall'Italic; ho preso in considerazione il Penmanship e il Buisness perché mi sembra che abbia alcune di queste caratteristiche./list]
    • amo le scritture con spazi stretti come quelle inglesi, sopratutto il Copperplate, che tuttavia vedo troppo tondeggiante; il Penmanship e il Buisness Writing d'altro canto mi sembra che lascino spazi molto ampi.
    È anche vero che potrei partire dalla base dei due stili proposti da Palmer e poi sistemare le lettere che non mi piacciono, per la maggior parte presenti fra le maiuscole - B, P, K, T e altre, anche se ho notato che esistono molte variazioni. Di sicuro devo cercare di integrare il movimento del braccio e non delle dita nel mio metodo di scrittura, perché eviterebbe di sporcare la carta col grasso della pelle e mi sembra più riposante, sul lungo andare.

    Ok, direi che siamo alla fine del post.
    Cosa mi consigliate? Sono davvero molto, molto molto confusa ma vi ringrazio in anticipo!

    P.S. La condivisione di qualsiasi tipo di materiale per esercitarmi sarebbe graditissima!
    Nell'eventualità in cui il sondaggio dicesse Palmer, ho già recuperato i libri sul Panman e quello sul Buisness condividi qui sul forum.


    Francesca
Allegati
IMG_1423.JPG
Aprendo l'immagine, risulterà verticale e non orizzontale

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8886
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Irishtales » venerdì 7 dicembre 2018, 9:53

A me sembra che tu abbia già una grafia ordinata e quindi mi orienterei su uno stile che non ti imponga di stravolgere tutto, ma possa accompagnarti gradualmente verso un miglioramento della leggibilità e se lo desideri, dell'eleganza, posto che tu non ritenga tale la tua attuale grafia, che a me invece, come dicevo, piace già così.
Il Palmer - e affini - è senza dubbio indicato per ciò che vuoi ottenere, peraltro mi pare che ti piaccia, quindi non hai che da esercitarti!
Dai un'occhiata al percorso di vito72; credo che il suo esempio sia davvero emblematico.
Buona scrittura e...aggiornaci con eventuali esercizi, se ti va ;)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » venerdì 7 dicembre 2018, 11:40

Innanzitutto grazie mille per la risposta.
Sulla grafia... beh penso che non siamo i migliori giudici di noi stessi, anche per questo ho voluto pubblicare un esempio di scrittura con due penne diverse: una "brutta grafia" può essere qualsiasi cosa, dipende molto dall'occhio di chi guarda, e credo che per ogni tipo di grafia ci possa essere un percorso specifico per provare a migliorarla senza stravolgerla completamente facendole perdere personalità. Ecco perché mi chiedevo se esercitarmi col Palmer potesse avere delle "trasposizioni positive" sulla mia grafia giornaliera, magari partendo dallo studio di una frase per individuare le cose da correggere.

Ho letto il percorso di Vito... incredibile! L'impegno che ci ha messo, la costanza... e i miglioramenti sono evidenti. Pensi che potrebbe essermi utile alternare esercizi di palmer e di grafia giornaliera per migliorare, magari usando i fogli con le guide che sono pubblicati in quel post? Oppure lo vedi controproducente?

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8886
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Irishtales » venerdì 7 dicembre 2018, 13:32

Il tuo fine è riuscire a scrivere con una grafia che ti piaccia, quindi il tuo sarà un percorso assolutamente personale e il solo metro che potrà avere un peso sul risultato, è il tuo!
Io seguirei il metodo Palmer, cercherei di esercitarmi con costanza, compatibilmente con gli impegni legati allo studio - la calligrafia può essere un esercizio molto rilassante a fine giornata - e nel contempo proverei, nello scrivere quotidiano, nel prendere appunti, etc...ad applicare via via quelle basi apprese attraverso l'esercizio.

Se poi la passione per la calligrafia dovesse nascere... :)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » venerdì 7 dicembre 2018, 23:12

Cercare di integrare quello che imparo nel Palmer nella grafia di tutti i giorni mi sembra la cosa migliore, anche se ho paura che potrebbe uscirne fuori un mischione di stili. Provo e vediamo come va, dovessi rendermi conto che non mi sta portando da nessuna parte cercherò di cambiare metodo.
In questo, se Vito scrivesse ancora sul forum e volesse intervenire con qualche consiglio sulla sua esperienza personale, sarebbe gradito.

Se dovesse nascere la passione per la calligrafia tanto meglio! Mi affascina moltissimo, lo confesso, mi lancerei sul Copperplate immediatamente se non avessi letto che non è proprio il caso di studiare due stili calligrafici diversi.

Una domanda: tu per caso hai qualche suggerimento su come gestire le inclinazioni? Sto cercando di fare gli esercizi preparatori, ma non riesco a gestire le linee verticali ripetute e gli ovali vengono molto… o troppo ovali o tropo inclinati XD
Allego un piccolo esempio.
Credi che se avessi un foglio con delle linee guida andrebbe bene o diventerei “schiava” della guida?

Ho cambiato penna intanto, sto usando una Pilot G-Tec-C4 a punta extrafine; forse una punta più grossa avrebbe rilasciato più inchiostro e reso il tratto ancora più fluido come quello della la G-2; in alcuni punti "gratta" quando faccio i cerchi e fa veloce, però è molto più scorrevole di prima
Allegati
IMG_1425.JPG
esercizi preparatori. le linee verticali fanno.... schifissimo.

Dory
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 172
Iscritto il: lunedì 12 novembre 2018, 11:53
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Fiumicello (UD)
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Dory » sabato 8 dicembre 2018, 11:08

Ciao. Io mi sto esercitando con lo spencerian handwriting (che se ho capito bene dovrebbe essere lo stesso stile del metodo palmer) e ho fatto delle falserighe da mettere sotto un foglio leggero. Prima o poi confido di riuscire toglierle ma per ora sono un grande aiuto
Allegati
1544263642281952202722.jpg

Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » sabato 8 dicembre 2018, 13:10

Dory ha scritto:
sabato 8 dicembre 2018, 11:08
Ciao. Io mi sto esercitando con lo spencerian handwriting (che se ho capito bene dovrebbe essere lo stesso stile del metodo palmer) e ho fatto delle falserighe da mettere sotto un foglio leggero. Prima o poi confido di riuscire toglierle ma per ora sono un grande aiuto
Per caso riesci a scannerizzare Le falserighe, fare un archivio zip del pdf e mandarmelo qui sul forum? Oppure un link a dropbox... Sarebbe un aiuto enorme anche per me!
Quanto ti sei esercitata con gli esercizi preliminari prima di passare alle lettere?

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10785
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da piccardi » sabato 8 dicembre 2018, 14:50

nime ha scritto:
sabato 8 dicembre 2018, 13:10
Per caso riesci a scannerizzare Le falserighe, fare un archivio zip del pdf e mandarmelo qui sul forum? Oppure un link a dropbox... Sarebbe un aiuto enorme anche per me!
Trovi una serie di link al riguardo qui:

https://www.fountainpen.it/Falsariga

E per chi inizia a interessarsi di calligrafia il portale del wiki dedicato è un buon punto di partenza:

https://www.fountainpen.it/Portale_Calligrafia

Simone
PS contributi e migliore sono sempre benvenuti, ma anche critiche e segnalazioni di errori o cose incomprensibili sono comunque di grande aiuto
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Dory
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 172
Iscritto il: lunedì 12 novembre 2018, 11:53
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Fiumicello (UD)
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Dory » sabato 8 dicembre 2018, 15:20

Con gli esercizi preliminari del libro devo dire la verità nn molto, però era un mesetto che facevo esercizi diversi. Per la questione falserighe io le ho fatte la prima volta a mano e poi con un programma cad

Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » sabato 8 dicembre 2018, 17:17

piccardi ha scritto:
sabato 8 dicembre 2018, 14:50
Trovi una serie di link al riguardo qui:

https://www.fountainpen.it/Falsariga

E per chi inizia a interessarsi di calligrafia il portale del wiki dedicato è un buon punto di partenza:

https://www.fountainpen.it/Portale_Calligrafia

Simone
PS contributi e migliore sono sempre benvenuti, ma anche critiche e segnalazioni di errori o cose incomprensibili sono comunque di grande aiuto
Grazie mille davvero, sei stato gentilissimo! Tutto questo mi sarà terribilmente utile, inizio subito a leggere!
Intanto, piccolo aggiornamento, finalmente i cerchi mi stanno venendo meglio, ma ho dovuto abbandonare la Pilot G-Tech in funzione della matita. Non sono sicura che sia esattamente un progresso, quindi insisterò anche con la penna.
Ho letto che in realtà per questo stile dovrei comprare un pennino a intinzione... è davvero così fondamentale?

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8886
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Irishtales » sabato 8 dicembre 2018, 20:59

Certo che no! La matita è perfetta per avvicinarsi a qualunque stile, tanto più che il tuo fine è migliorare la grafia. Aggiungere fin dall'inizio un'altra difficoltà, come la gestione di uno strumento di scrittura sconosciuto e non facile da utilizzare, rallenterebbe e complicherebbe le cose...ma come dicevo, magari con il tempo la passione per la calligrafia ti spingerà ad affrontare nuove sfide.
Buon esercizio ;)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » domenica 9 dicembre 2018, 0:58

Confesso che... mi sta piacendo!
Certo, sto facendo ovali e tirando righe da un paio di giorni e basta, non ho ancora scritto mezza lettera praticamente, ma prendermi quella mezz'ora se non un'ora tutti i giorni per fare esercizi mi rilassa e svuota la mente. Non dubito che arriveranno anche i momenti di frustrazione, già così le linee verticali mi stanno facendo impazzire, e sono solo linee! Però è un inizio.

Sfrutto questo topic di richiesta di consigli come una sorta di diario dei progressi per aggiungere un piccolo step al mio percorso col metodo Palmer.
Credo di aver trovato più o meno l'inclinazione giusta per quelle maledette linee verticali. Non avevo capito di doverle tirare verso il centro del corpo per avere il giusto angolo, che ora mi sembra quasi decoroso - ma dovrei confrontarlo con le griglie, nelle quali mi sembra ancora più pronunciato. Sbaglio i primi colpi, ma dopo che prendo il ritmo sembra andare meglio e suddividere il campo di lavoro in porzioni più piccole rispetto a tutto il foglio ha aiutato molto, così come il passaggio alla matita. Insisterò anche con la penna, giusto per portare avanti entrambi i lavori, ma mi sembra di avere un miglior controllo.

Sono contenta sopratutto della "densità" dei cerchi e delle linee: prima mi venivano davvero troppo distanziati perché muovevo troppo il braccio.
Allegati
IMG_1433.JPG

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8886
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Irishtales » domenica 9 dicembre 2018, 7:04

Stai andando molto bene. Ti aiuterebbe molto sfruttare le falsarighe con la tracciatura delle linee per l'inclinazione. Hai dato un'occhiata ai collegamenti che ti ha indicato Simone? Un generatore adatto fra quelli indicati, può essere questo:
http://www.allunderone.org/calligraphy2/calligraphy.php
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
nime
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 152
Iscritto il: mercoledì 5 dicembre 2018, 5:13
La mia penna preferita: l'unica che ho, Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: Salix R&K (per ora)
Località: Cagliari, Sardegna
Sesso:

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da nime » domenica 9 dicembre 2018, 15:21

Irishtales ha scritto:
domenica 9 dicembre 2018, 7:04
Stai andando molto bene. Ti aiuterebbe molto sfruttare le falsarighe con la tracciatura delle linee per l'inclinazione. Hai dato un'occhiata ai collegamenti che ti ha indicato Simone? Un generatore adatto fra quelli indicati, può essere questo:
http://www.allunderone.org/calligraphy2/calligraphy.php
Si, li stavo guardando ma ci sono delle cose che mi perplimono non poco nel libro di palmer, che usa pollici al posto dei centimetri e per altro in un sistema di frazioni.

Vediamo se ho capito bene.
1 inch = 2,54 cm
  • The ovals given above are twelve-sixteenths of an inch high
Dividendo 2,54 per 16 si ottiene 0,15875 cm che, moltiplicati per 12 danno 1,905 cm, ovvero l'altezza degli ovali; ciò vuol dire che, se l'altezza di ogni riga è uguale come sembra, si dovrebbe lavorare con fogli da 0.95 cm. Giusto?
  • Letting the distance between two ruled lines three-eighths of an inch apart represent one space in height, any part of this drill should be two spaces high
Questo pezzo mi conferma quello che ho desunto prima: 3/8 di un pollice, dovrebbero essere 0,95 cm.

I problemi però arrivano ora
  • and the letters in the word “mine” (called minimum letters) are about one-twelfth as high, or one-sixteenth of an inch.
  • In this style of writing, small o and letters in its class should be one sixteenth of an inch hight.
  • Try to make the letter but one-sixteenth of an inch hight


In qualsiasi modo la si metta, qui la matematica mi dice la stessa cosa: che io divida 1,905 per 12 oppure torni a 2,54 e divida per 16, mi risulta sempre che le lettere dovrebbero essere alte 0,15 cm. Mi sta davvero dicendo che devo fare lettere alte un millimetro e mezzo? Oppure io non sto capendo qualcosa?

E ancora
  • The capitals should occupy only from two-thirds to three-fourths the distance between the ruled lines, assuming that they are about three-eights of an inch apart
Abbiamo detto che le righe sono distanti l'una dall'altra 0,95 cm; ciò vuol dire che le lettere maiuscole devono occupare uno spazio fra i due-terzi (0,63 cm) e i tre-quarti (0,71 cm). Corretto?

Ultimo dubbio: non trovo l'angolo di inclinazione da nessuna parte e mi serve per stampare le falserighe di cui mi hai parlato, per l'appunto. Qui sul forum ho letto che dovrebbe essere 52°, ma confrontando questa inclinazione con quella degli esempi in Palmer, mi sembra che 52° siano molto più estremi di quelli riportati nel libro.
Allego un'immagine per spiegarmi meglio.

La griglia di sotto è presa da questo sito, fra quelli segnalati.
http://www.anomaly.org/cgi-bin/GuideLines.pl

Quello che mi hai indicato tu non riesco a capire come impostarlo, per cui una mano sarebbe gradita. Ci sono troppe cose da inserire!
Allegati
angoli.png

Avatar utente
Gargaros
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 158
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Miglioramento grafia giornaliera e Palmer - Penmenship & Buisness Writing

Messaggio da Gargaros » domenica 9 dicembre 2018, 18:17

A me pare che tu abbia una calligrafia stupenda, quindi perché devi cambiarla? La trovo regolare, chiara, ordinata (tra le due prove c'è una differenza così minima che quasi non esiste differenza, da quello che vedo io). Capisco che alcune cose potrebbero non piacerti, ma se ci fai caso non esiste un solo essere umano che abbia per se stesso un parere completamente positivo... La calligrafia è un emanazione della personalità, modificarla significa andare contro se stessi!

Dovresti vedere la mia per ricrederti sulla tua :lol:

Rispondi