Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Rispondi
Avatar utente
HoodedNib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 327
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da HoodedNib » martedì 17 aprile 2018, 9:41

Visto che in questi giorni sto provando, con un discreto piacere, il pennino Musso della "Frankenpen fu probabile Waterman 52" che ho trovato sabato al mercatino e che ho ripulito mi piacerebbe provare un po' di calligrafia.

Ora, la mia grafia corsiva d'uso comune e' abbastanza illegibile, scrivo velocemente e con grafia "spigolosa" -tanti angoli, poche asole, inclinata, molte lettere staccate in un misto di scrittura stampata minuscola e corsivo "di corsa".
Per questo motivo e perche' non mi va di prendere uno stile complesso (questioni di tempo e pazienza) vorrei qualche suggerimento, esempio e/o corso per poter sfruttare la variazione di tratto del pennino senza ricorrere a tecniche "complicate" o troppo dispendiose in termini di tempo, per capirci mi piacerebe sviluppare una calligrafia adatta a pennino stilografico flex per quando decido di scrivere piu' lentamente (ma non troppo, non credo ci riuscirei ora come ora).

Ogni aiuto e consiglio e' ben accetto. :D

Nota: non appiccico una prova di scrittura perche' non voglio che sia necessariamente simile alla mia scrittura "comune", tanto comunque la personalizzero' per forza di cose ;)

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da Musicus » martedì 17 aprile 2018, 10:50

Ciao HoodedNib! :thumbup:
Ti consiglio di prestare attenzione a non flettere oltre il "punto di non ritorno": la lega di acciaio flessibile è molto meno affidabile di quella d'oro 14CT, e una volta "stortato" il pennino, l'assetto migliore non si recupera più (questo, almeno, nella mia esperienza).
Buona scrittura!

Giorgio

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8685
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso: Donna

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da Irishtales » martedì 17 aprile 2018, 11:58

Purtroppo Giorgio ha perfettamente ragione (e non chiedetemi per quale motivo posso affermarlo con tanta sicumera...) quindi, volendo per forza usare la penna per tale fine, prenderei come modello il Metodo Palmer e mi ci ispirerei più o meno liberamente. In Libreria Condivisa c'è anche un bel compendio francese di metà Ottocento che può offrire molti spunti da cui trarre ispirazione:
https://www.fountainpen.it/File:Choix-G ... rte-1.djvu
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
HoodedNib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 327
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da HoodedNib » martedì 17 aprile 2018, 12:25

Grazie per i suggerimenti e ho capito bene che devo starci attento e non sforzarlo, insomma chissa' quando mi capitera' un altro flex (non che ne faro' grosso uso).

In effetti io non e' che voglio sforzare, e' che non ho fatto mai calligrafia seriamente e non avendo pennini appositi ma solo un flex volevo sfruttare un po' quella flessibilita' che altrimenti e' sprecata, perche' in pratica lo userei per scrivere finissimo (con mano leggera la scrittura e MOLTO fine come vi potete immaginare) cosa che mi va benissimo ma non sarebbe diverso dallo scrivere con qualsiasi altra penna e invece volevo sfruttarla per quelle rare volte che andrei sul "decorativo" e scriverei lento

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8685
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso: Donna

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da Irishtales » martedì 17 aprile 2018, 18:20

Con un pennino flessibile noterai variazione nel tratto anche scrivendo normalmente, poi ci prenderai la mano e riuscirai a modulare la pressione per ottenere il risultato voluto. Potresti sfruttare la flessibilità soprattutto nelle lettere maiuscole, ispirandoti allo Spencerian o al Copperplate.

Chissà che poi non nasca la passione per la calligrafia! A quel punto servirà qualche pennino da intinzione :)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
HoodedNib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 327
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da HoodedNib » martedì 17 aprile 2018, 18:30

Irishtales ha scritto:
martedì 17 aprile 2018, 18:20
Con un pennino flessibile noterai variazione nel tratto anche scrivendo normalmente, poi ci prenderai la mano e riuscirai a modulare la pressione per ottenere il risultato voluto. Potresti sfruttare la flessibilità soprattutto nelle lettere maiuscole, ispirandoti allo Spencerian o al Copperplate.

Chissà che poi non nasca la passione per la calligrafia! A quel punto servirà qualche pennino da intinzione :)
Err ce li ho gia', non intenzionalmente avendo sostanzialmente "ereditato" una scatoletta di pennini presbitero assortiti assieme ad una cannuccia verde e di diversi tipi, broad di un paio di mm, a punta ad ago, punta "piegata" per la scrittura veloce e poi ce ne sono anche di quelli che hanno un cerchietto piatto come punta scrivente che non so assolutamente per cosa si potrebbero usare.

Dirai perche' ti ostini ad usare un flessibile per farci calligrafia? Perche' ce l'ho ed e' un macello usarlo con mia scrittura corrente :D E poi... una mania alla volta Daniela, ti prego :lol:

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8685
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso: Donna

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da Irishtales » mercoledì 18 aprile 2018, 8:17

ma alla fine, poi, lo stile cui ispirarti lo hai scelto? Sono proprio curiosa... :)

PS:
I pennini con la punta tonda - se non ho inteso male, quelli di cui non conosci l'applicazione - servono a scrivere mantenendo un tratto di spessore perfettamente costante....il contrario di ciò che al momento interessa a te.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
HoodedNib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 327
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Stile calligrafico "semplice" per pennino flex

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 18 aprile 2018, 11:02

Irishtales ha scritto:
mercoledì 18 aprile 2018, 8:17
ma alla fine, poi, lo stile cui ispirarti lo hai scelto? Sono proprio curiosa... :)
Questa e' una bella domanda ed e' da ieri che sto tentando una risposta, e non ce l'ho, per diversi motivi. Essendo abbastanza nuovo alla cosa non ho idea di quali sono le forme gia' seguite, insomma se esiste un tipo di calligrafia a cui ispirarmi, piu' che altro perche' non ne trovo un elenco chiaro (o magari mi e' sfuggito) con allegate immagini.

Nel frattempo mi sono reso conto che per quello che voglio fare io mi serve un carattere che si avvicini allo stampato ovvero che abbia "l'opzione" (diciamo cosi') di non avere le lettere legate fra loro e magari uno simile piu' decorativo. Qualcosa in mezzo tra il Palomares e il Roundhand - Attenzione, sono due tipi calligrafici che sono saltati a caso fuori dalla mia ricerca, ce ne potrebbero essere altri piu' appropriati. Ecco... una cosa cosi' :)

Rispondi