San Martino - esercizio di cancelleresca

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Avatar utente
efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 342
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da efreddi » mercoledì 16 novembre 2016, 20:45

Mi sto esercitando da due mesi con la Cancelleresca. Tanti esercizi e poi gli insegnamenti di Hebborn.
Il risultato e' questo ():
San_Martino_Cancelleresca_EF.png
Qualche dato tecnico: Lamy joi 1.5, inchiostro Lamy T10 Schwarz, carta generica da ufficio 80g

Critiche e commenti sono ovviamente benvenuti, ho ben presente d'avere ancora parecchio da imparare, ma so da dove vengo (la mia grafia e' estremamente irregolare e caotica) e non nego un po' di soddisfazione personale.

Ciao



Elia

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 998
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da courthand » giovedì 17 novembre 2016, 8:40

E per due mesi di esercizi fai bene ad essere soddisfatto!
Suggerimenti:
lavora ancora la forma delle lettere che dovrebbero essere più simili possibile a loro stesse: guarda l'occhiello della a, per esempio, che peraltro é lo stesso della d e della g;
cura che le lettere siano parallele tra loro: o dritte o inclinate ma parallele.

Buona scrittura.
Bene qui latuit bene vixit

Silemar
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 935
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei-Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da Silemar » giovedì 17 novembre 2016, 11:42

Ottimo inizio efreddi! :thumbup:
Ti auguro di riuscire a trovare il tempo per esercitarti un pochino ogni giorno dato che trovare questo spiraglio temporale può essere a volte arduo nel nostro quotidiano. Felice scrittura! :)
Laura

Avatar utente
Massimone
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 183
Iscritto il: giovedì 30 gennaio 2014, 15:03
La mia penna preferita: Esterbrook 358
Il mio inchiostro preferito: Iron gall
Misura preferita del pennino: Flessibile

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da Massimone » giovedì 17 novembre 2016, 12:48

Congratulazioni, in due mesi hai fatto moltissimo!

Solo due piccoli suggerimenti, oltre a quanto detto già da Courthand:
-Diminuisci la distanza tra le parole, che dovrebbe essere pari a circa una "o".
-Controlla il parallelismo dei vari tratti della singola lettera, che sembrano un po'"sbilenchi".

Buona scrittura!

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8981
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da Irishtales » giovedì 17 novembre 2016, 12:52

Bravo, Elia!
A questo punto aspettiamo di ammirare i nuovi progressi, che grazie alle indicazioni avute dai nostri esperti, sono certa non tarderanno ad arrivare ;)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 342
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da efreddi » giovedì 17 novembre 2016, 20:29

Vi ringrazio per i generosi incoraggiamenti! Concordo su tutte le osservazioni che mi avete fatto, vedo anche io gli stessi difetti, ho ancora molto da imparare.

Non immaginavo che la calligrafia fosse cosi' interessante, e' stata una vera scoperta per me, mi sono ammalato: mi guardo attorno e vedo ovunque cancelleresca, onciale, fraktur, copperplate...

Ciao



Elia

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 998
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da courthand » venerdì 18 novembre 2016, 9:00

Benvenuto!
Bene qui latuit bene vixit

Avatar utente
efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 342
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da efreddi » giovedì 23 febbraio 2017, 20:50

Continuo a fare esercizi, ma ho la sensazione che dopo una partenza lampo ora praticamente non faccio piu' progressi. Niente di piu' indicato quindi di questa terzina:
cammin_vita.png
Come guida il solito (bellissimo) Hebborn integrato con i video di Lloyd Reynolds (fantastici!).

A parte gli scherzi, vedo che ho ancora molto da fare, le lettere sono ancora irregolari e le distanze lasciano a desiderare, sembra una scrittura un po' ubriaca... Ho davvero la sensazione forte che non faro' progressi significativi.
Per questo motivo ho pensato di fare un passo indietro, pur continuando a tenere in esercizio la Cancelleresca forse e' meglio impegnarsi ad imparare qualcosa di nuovo. Vorrei andare alle origini della Cancelleresca trovando in internet un manoscritto in scrittura carolingia minuscola da usare come riferimento per imparare questo stile. Avete qualche suggerimento?
Grazie!


Elia

Avatar utente
ciro
Siringa Rovesciata
Siringa Rovesciata
Messaggi: 3032
Iscritto il: martedì 7 aprile 2015, 15:12
La mia penna preferita: Montblanc Noblesse VIP
Il mio inchiostro preferito: Quel Montblanc verde
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Londra, UK
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da ciro » giovedì 23 febbraio 2017, 21:33

Ciao Elia,
Io sono studente di calligrafia come te anche se non sono proprio in modello da seguire in questo senso, però ti consiglio di non mischiare le cose: per imparare devi essere rilassato e devi fartelo piacere, se inizi a stressarti e ti senti frustrato perché non vedi miglioramenti posa il pennino e fa qualcos'altro.
Io ad esempio quando non va do un'occhiata ad instagram, guardo gli altri che fanno, specialmente i video. Dagli altri si impara molto, credimi, però la parte migliore è l'ispirazione: quando vedi qualcun'altro che ha appena fatto qualcosa di stupendo automaticamente cerchi cannuccia e pennino.

Calma, non stressarti, sei già un paio di spanne al di sopra dei biromani. ;)
Ciro
(Io sono per le firme a colori, sapevatelo!)
“La vita è come una fresella, s'è troppo dura sponzala.”
- Nonna
Immagine

Avatar utente
efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 342
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da efreddi » venerdì 24 febbraio 2017, 8:36

Ciao Ciro, grazie per la risposta. E' il contrario, fare calligrafia mi fa passare lo stress!
La mia decisione di guardare ad un nuovo stile viene dalla consapevolezza che ho ormai raggiunto l'appiattimento nei miei progressi con la cancelleresca, mi conosco e so che praticamente piu' avanti non andro' nemmeno in dieci anni di esercizi. Le mie difficolta' sono alla base, le uniche linee dritte che riesco a tirare sono con righello e squadrette... :?


Elia

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8981
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da Irishtales » venerdì 24 febbraio 2017, 11:21

Dedicarti adesso ad altro non farà che trascinare su un altro stile, quale che sia, gli stessi problemi che noti anche tu nella Cancelleresca.
Il problema di molti è la fretta. Oggi è normale avere fretta, si ha sempre qualcosa di impellente da fare "dopo", e quindi bisogna sbrigarsi. Così però non si farà mai nessun progresso. Oppure si ha fretta di scrivere, scrivere, scrivere: frasi, sonetti, canzoni e poemi. E lo dico con cognizione di causa! :) Io ci casco sempre.
Invece il tempo che dobbiamo prenderci deve essere senza scadenza: un pomeriggio di relax, un dopocena. Basta che non ci aspetti un altro impegno che mentre carichiamo il pennino e disegnamo due tratti, non ci occupi la mente e ci distolga da ciò che stiamo facendo. E poi dobbiamo accettare che la Calligrafia, come ogni altra cosa, se si vuol farla bene richiede sacrificio e impegno e molta pazienza nell'attesa del risultato. Gli esercizi preliminari sono fondamentali e non si dovrebbe mai smettere di farli. Solo grazie agli esercizi che allenano a compiere i movimenti ripetitivi che sono poi alla base di ogni stile, non incapperemo in una scrittura disallineata e in genere disordinata. Quindi le pagine di cerchietti, zig-zag et similia, benchè un poco noiosi, sono la base più solida su cui possano in seguito fondarsi le ambite pagine di poemi e canzoni.
Quindi non demordere, caro Elia! Sarebbe un peccato.
E resteresti convinto di non poter progredire, cosa assolutamente non vera. Fai un passo indietro. Concentrati sul testo di esercizi che hai scelto e riparti daccapo con esercizi preliminari, pagine di a,b,c,d, etc. e vedrai che i risultati arriveranno.
Se poi preferisci un altro Stile, e la Cancelleresca non ti piace più, è un altro discorso. Ma l'approccio a mio avviso è ciò che farà la differenza, col tempo, fra un percorso che darà buoni frutti e uno che porterà ancora frustrazione e voglia di cambiare. Indipendentemente dallo Stile studiato.

Questo panegirico per dire che a mio avviso non stai andando male affatto, e che puoi migliorare molto, se piuttosto che fare un passo avanti riuscissi a farne uno indietro per non saltare passaggi che sono però fondamentali.
E questa è una bella sfida: fare passi indietro e mettere in discussione almeno in parte ciò che si è fatto finora, è una delle cose forse più difficili da fare. Per questo motivo, ancora una volta, vale il principio generale per cui è meglio fare le cose per gradi e non avere mai fretta di arrivare alla meta.
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Silemar
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 935
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei-Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da Silemar » venerdì 24 febbraio 2017, 12:14

Irishtales ha scritto:Quindi non demordere, caro Elia! Sarebbe un peccato.
E resteresti convinto di non poter progredire, cosa assolutamente non vera. Fai un passo indietro. Concentrati sul testo di esercizi che hai scelto e riparti daccapo con esercizi preliminari, pagine di a,b,c,d,etc. e vedrai che i risultati arriveranno.
ciro ha scritto:Io ad esempio quando non va do un'occhiata ad instagram, guardo gli altri che fanno, specialmente i video. Dagli altri si impara molto, credimi, però la parte migliore è l'ispirazione: quando vedi qualcun'altro che ha appena fatto qualcosa di stupendo automaticamente cerchi cannuccia e pennino.
Efreddi, come ti capisco! Anche io in questo periodo sento un appiattimento nei miei progressi, se non quasi una regressione. Riesco a dedicarmi assai poco alla calligrafia e quando lo faccio i risultati sono deludenti. Penso che Irishtales abbia ragione in pieno e che dobbiamo tornare un attimo indietro, riprendere dagli esercizi di base e restare concentrati sullo stile scelto. E anche il suggerimento di Ciro è ottimo: è fondamentale continuare a trarre piacere da questa attività, ad essere ispirati, altrimenti davvero non andremo lontano.
Detto questo... hai tutta la mia comprensione ma non mollare! :thumbup:
Laura

Avatar utente
courthand
Calligrafo
Calligrafo
Messaggi: 998
Iscritto il: venerdì 28 dicembre 2012, 17:37
La mia penna preferita: cannuccio e pennino
Il mio inchiostro preferito: Higgins Eternal Black
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Prato

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da courthand » venerdì 24 febbraio 2017, 16:30

Non posso che sottoscrivere in toto quanto scritto da Daniela.
Bene qui latuit bene vixit

jabbahulk
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 122
Iscritto il: mercoledì 10 febbraio 2016, 0:01
La mia penna preferita: Optima
Il mio inchiostro preferito: Kon Peki
Misura preferita del pennino: Fine
Località: brianza
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da jabbahulk » sabato 25 febbraio 2017, 10:14

condivido in toto tutto ciò che e stato scritto... scrivere deve essere un piacere !!!

Avatar utente
efreddi
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 342
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso:

San Martino - esercizio di cancelleresca

Messaggio da efreddi » sabato 25 febbraio 2017, 23:53

Grazie per le vostre parole, ma... un momento, calma e gesso! Penso di avervi indotto in un fraintendimento, probabilmente ho scelto una terzina troppo tosta.
Non ho nessuna intenzione di smettere di esercitarmi con la Cancelleresca, per me e' quasi una pratica zen mettermi dopo cena a riempire una paginetta di itl, acdg,... e con la serenita' che ne guadagno accetto con realismo la mediocrita' dei miei risultati. Il piacere del gesto di scrivere e la qualita' dei risultati sono cose per me ben distinte. Anche esercitarmi con ghirigori o fare disegni mi va benissimo e infatti ogni tanto lo faccio, di nuovo senza pormi il problema della perfezione a tutti i costi. In questa ottica per me imparare uno stile nuovo sarebbe comunque un'esecizio proficuo. Se invece mi sforzassi solo di avere una Cancelleresca perfetta otterrei tanto stress, anzi smetterei alla svelta. Passatemi l'esempio: un conto e' cercare di catturare farfalle a mani nude, un altro e' farsi una passeggiata in campagna scoprendo le farfalle danzare.

Ciao



Elia

Rispondi