Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Per parlare di quanto scritto sulle penne con altri mezzi...
Rispondi
Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2156
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da G P M P » domenica 9 novembre 2014, 12:33

Tutti noi appassionati di stilografiche, prima o poi, iniziamo ad interessarci alle antiche. Si tratta di un mondo estremamente vasto, tutto sommato difficile da praticare per quanti sono abituati a trovare in rete, con facilità, tutte o quasi le informazioni di cui hanno bisogno. Bisogna affrontare il tema tornando ad utilizzare strumenti che molti giudicano superati: il telefono invece dell'e-mail, i pen show invece dei forum, i libri invece di internet.

Vogliamo aggiungere alla nostra raccolta penne che è impossibile comprare nuove, per usare un eufemismo. Ci affacciamo quindi al mercato delle penne antiche consapevoli della sua natura rischiosa: temiamo di spendere denaro inutilmente, sprecando risorse per qualcosa che non le vale. Il rischio è forse maggiore per quelli che, come me, desiderano possedere una penna per usarla: non ci basta che sia integra, non è sufficiente che sia funzionante - deve scrivere, e bene.

Ho iniziato ingenuamente a pensare che sarebbe comoda una procedura, un algoritmo. Alimentato con i dati a disposizione (marca e modello, stato di conservazione, ...), dovrebbe restituire le caratteristiche della penna cui porre attenzione e - perché no - il giusto prezzo di acquisto. Finalmente avrei potuto comprare la mia TDT "Autarchica" Grande* in celluloide blu lapis senza timore di prenderci una fregatura, perché questo "algoritmo" mi avrebbe informato che solo quella verde e quella wild soffrono di problemi di cristallizzazione, e che il giusto prezzo per una in condizioni NOS è compreso tra 180 e 200 €.

Come talvolta capita, ho inventato l'ombrello. Perché parlando con Ottorino ho scoperto che questo metodo è già stato definito, e addirittura esiste un libro che lo descrive nel dettaglio. Si tratta proprio di Collecting & Valuing Fountain Pens, scritto da Paul Erano nel 1994. Me lo ha prestato, e condivido con lui e con voi le mie impressioni.
51LUpQeKbeL._SL500_.jpg
La copertina
51LUpQeKbeL._SL500_.jpg (54.41 KiB) Visto 2903 volte
L'autore
Paul Erano è un collezionista statunitense piuttosto famoso in patria. È autore di diversi libri sulle penne antiche, nonché molto attivo nei penshow americani. Sebbene non abbia mai incontrato riferimenti ai suoi lavori prima di leggere questo libro, mi sembra ben considerato nel panorama pennistico d'oltreoceano. Temo che i suoi libri non siano tradotti in italiano.

Il libro
L'autore ha suddiviso il libro in tre sezioni.
Costruire una Collezione fornisce una serie di suggerimenti al collezionista principiante su come trovare, comprare, scambiare e vendere le penne. Non manca una breve panoramica sulla storia della stilografica, sui materiali utilizzati, sulle tecniche costruttive e sulle riparazioni. Due capitoli sono dedicati rispettivamente alle penne come investimento (nel quale si conclude che non lo sono, dopo tutto) e alla selezione di una penna da usare (lasciando intendere che il libro è dedicato anche - o forse solo? - a coloro che le penne le collezionano senza usarle).
Principali Costruttori e Loro Classici è una rapida carrellata sulla storia delle grandi case costruttrici americane (compresa la Swan, a cavallo tra Inghilterra e Stati Uniti) e dei loro modelli più significativi. La sezione è molto ricca di fotografie di penne, pubblicità e documentazione; il rammarico è che la tecnica di stampa scelta (un bianco e nero privo di sfumature) impedisce di apprezzare appieno tutte queste immagini.
Valutare Penne Stilografiche è la parte del libro che mi interessava maggiormente. In essa l'autore traccia una cronologia facilmente condivisibile della storia della penna stilografica (cfr. questo intervento di Simone ed il commento di Ottorino) ed evidenzia l' "interesse collezionistico" delle penne più importanti di ogni periodo, le loro particolarità, i loro difetti. Per ognuno di questi periodi una scheda riassuntiva definisce i parametri da considerare per modificare il prezzo di riferimento per le penne che ne fanno parte.
WP_000791.jpg
La tabella di valutazione
WP_000791.jpg (307.64 KiB) Visto 2903 volte
Tali prezzi sono poi elencati nelle pagine successive, assieme a foto a grandezza naturale delle penne cui si riferiscono. Chiaramente i prezzi sono quelli che nel 1994 l'autore riteneva validi per una penna venduta negli Stati Uniti.
WP_000792.jpg
I prezzi di riferimento
WP_000792.jpg (391.02 KiB) Visto 2903 volte
Che ne penso
Non è stata una lettura propriamente appassionante, ma è un libro che vale la pena leggere. La prima parte - quella delicata al collezionismo - riassume efficacemente una serie di buone norme e conoscenze utili a chi si affaccia a questo mondo (ed ha la sfortuna di non aver ancora scoperto questo forum e il suo wiki ;) ). Se ha un difetto ai miei occhi, è quello di apparire scritta da qualcuno che con le penne non ci scrive, e che gode di più a vederle allineate nei loro espositori che cariche di inchiostro.
La seconda parte è stata interessante perché mi ha permesso di concludere che la procedura alla quale avevo pensato, e che Erano ha descritto molto bene, non funziona. Non può funzionare perché ignora la regola fondamentale del mercato, la legge della domanda e dell'offerta. Il grande lavoro necessario a stimare quale sia il giusto prezzo per una certa penna si vanifica scontrandosi con la realtà del mercato; in questo, detta penna risulterà probabilmente disponibile a molto meno o molto più di quanto stimato (più probabile il secondo caso, purtroppo ). Ciò accade perché chi vende non si adegua a criteri legati (solo) alle condizioni e alle caratteristiche di un bene, ma alla sua disponibilità. E soprattutto si giova di una asimmetria di informazione, ampissima quando l'acquirente è sostanzialmente un neofita. L'acquirente esperto invece gode delle informazioni di cui dispone (la sua cultura pennistica) in questo modo: esaminando la penna ne associa le caratteristiche e le condizioni a quelle di altri esemplari di sua conoscenza, dei quali conosce il prezzo di vendita sul mercato, e sa così valutare più serenamente se effettuare o meno l'acquisto.
Per questo faccio mio uno dei primi suggerimenti elencati nel libro: il miglior modo per acquisire esperienza (e imparare a non prendere fregature) è vivere i posti dove le penne si vendono, seguendone le dinamiche di prezzo, e quando possibile chiedendo informazioni a chi ne sa di più. Qualcuno ha parlato di pen show? :shh:

Grazie Otto, a buon rendere!

* Tal dei Tali Autarchica, famosa penna di costruzione italiana risalente all'inizio della seconda guerra mondiale. :mrgreen:
Giovanni Paolo (ma per tutti, GP) - il mio fotoblog

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8821
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da Irishtales » lunedì 10 novembre 2014, 9:34

Che favolosa recensione!!! :thumbup:
Un libro che sappia guidare l'appassionato e il neofita a comporre una collezione e soprattutto a fare una scelta ponderata è senza dubbio utile, altrettanto importante è poter ammirare dal vivo una penna, soprattutto in ambito vintage, dove ogni esemplare è praticamente un pezzo unico...
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

muristenes
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 949
Iscritto il: lunedì 13 maggio 2013, 22:42
La mia penna preferita: Pelikan M215
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Topaz
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cagliari

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da muristenes » martedì 11 novembre 2014, 10:59

Molto interessante! Grazie per la recensione del libro!

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da Musicus » martedì 11 novembre 2014, 12:14

Bella recensione G P M P :thumbup:
G P M P ha scritto:Tutti noi appassionati di stilografiche, prima o poi, iniziamo ad interessarci alle antiche.
Per quello che mi riguarda, è tutta colpa del Forum!!! :twisted:
G P M P ha scritto: Finalmente avrei potuto comprare la mia TDT "Autarchica" Grande* in celluloide blu lapis senza timore di prenderci una fregatura, perché questo "algoritmo" mi avrebbe informato che solo quella verde e quella wild soffrono di problemi di cristallizzazione, e che il giusto prezzo per una in condizioni NOS è compreso tra 180 e 200 €.
Ah, le mitiche TDT...... Mai eguagliate, non più replicate né replicabili... con quei pennini che non s'usano più... con quella celluloide così trasparente che non si vede più dove hai lasciato la penna...
:lol: :lol:

Giorgio

Ps.: vedo se riesco a scovartene una nei miei mercatini, forse al banchetto dell'uomo invisibile... :geek:

Avatar utente
roberto v
Collezionista D.O.C.
Collezionista D.O.C.
Messaggi: 693
Iscritto il: mercoledì 16 settembre 2009, 10:46
La mia penna preferita: UNA SOLA? SIETE MATTI?
Il mio inchiostro preferito: Montblanc blu/nero
Misura preferita del pennino: Obliquo
Località: Massa

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da roberto v » martedì 18 novembre 2014, 9:16

I testi come quello di Erano (e ce ne sono anche molti altri) risalgono ad un'epoca in cui internet non esisteva o era agli albori e delle stilografiche si sapeva poco o nulla.

Il loro scopo divulgativo è stato innegabile e almeno all'inizio le loro valutazioni anche abbastanza accurate, perchè si trattava di un mercato abbastanza chiuso e fermo.

Poi con internet il mercato è esploso .... e oggi l'unico parametro sono i pen show :D
Roberto
_____________________________________________________________________________
L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione. (O. WIlde)

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1559
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso:

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da Medicus » domenica 7 dicembre 2014, 17:06

Bella recensione e sono d' accordo con te per le opinioni soprattutto per quanto riguarda la valutazione delle penne. Purtroppo non conosco l' inglese ( riesco a capire un po' quello scientifico ma tant' é, serve a poco ) e sto valutando l' acquisto di un testo in italiano. Vedremo un po'!
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

Andrea_R

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da Andrea_R » domenica 7 dicembre 2014, 17:10

Medicus ha scritto:Bella recensione e sono d' accordo con te per le opinioni soprattutto per quanto riguarda la valutazione delle penne. Purtroppo non conosco l' inglese ( riesco a capire un po' quello scientifico ma tant' é, serve a poco ) e sto valutando l' acquisto di un testo in italiano. Vedremo un po'!
perchè non imparare un po' l'inglese invece? ;)

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1559
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso:

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da Medicus » giovedì 8 gennaio 2015, 15:07

Andrea_R ha scritto:perchè non imparare un po' l'inglese invece? ;)
Le ragioni sono tante e una delle quali,forse la principale, per ragioni di educazione e decenza,non la dirò.
Dirò solo : e chi ne ha voglia !! :angel:
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

solido
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 292
Iscritto il: venerdì 13 luglio 2012, 22:55
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da solido » giovedì 8 gennaio 2015, 16:55

Per quanto riguarda testi che contengono valutazioni di penne antiche (anche se datate, essendo tali libri pubblicati, come già ricordato, negli anni passati quando Internet non era così sviluppato) esiste in lingua italiana il bel libro di Nencini Negretti "Penne da collezione". A mio avviso, oltre alla citata valutazione, questo testo ha il pregio notevole di avere ottime riproduzioni fotografiche delle penne quasi a grandezza naturale. Tra i libri sulle penne che possiedo è sicuramente uno dei migliori...tra l'altro, se interessa, ne dovrei avere una seconda copia.

Andrea_R

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da Andrea_R » giovedì 8 gennaio 2015, 17:18

solido ha scritto:Per quanto riguarda testi che contengono valutazioni di penne antiche (anche se datate, essendo tali libri pubblicati, come già ricordato, negli anni passati quando Internet non era così sviluppato) esiste in lingua italiana il bel libro di Nencini Negretti "Penne da collezione". A mio avviso, oltre alla citata valutazione, questo testo ha il pregio notevole di avere ottime riproduzioni fotografiche delle penne quasi a grandezza naturale. Tra i libri sulle penne che possiedo è sicuramente uno dei migliori...tra l'altro, se interessa, ne dovrei avere una seconda copia.
confermo troneggia nella libreria di casa

Medicus ha scritto:
Andrea_R ha scritto:perchè non imparare un po' l'inglese invece? ;)
Le ragioni sono tante e una delle quali,forse la principale, per ragioni di educazione e decenza,non la dirò.
Dirò solo : e chi ne ha voglia !! :angel:
non ho capito nulla :D

MAGAL
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 39
Iscritto il: sabato 22 novembre 2014, 12:42

Paul Erano - "Collecting & Valuing Fountain Pens" (1994)

Messaggio da MAGAL » giovedì 8 gennaio 2015, 19:19

Personalmente ritengo che una collezione, e non una raccolta, debba avere un tema, o più temi.
Ritengo anche che si possa collezionare qualcosa che tracci la storia della penna oppure i suoi caricamenti , oppure……………….
La scrittura, di fondamentale importanza, non va comunque dimenticata e con questa le possibilità che ci danno le Waterman Superlex e Wet Noodle,
ed altre penne dei primi anni trenta del secolo passato.
La collezione, a mio modestissimo avviso, è una ricerca storica dalle variegate sfaccettature, nelle pieghe di questi ognuno sceglierà quella che più lo affascina.
Possono essere affascinanti le Esterbrook con i loro pennini facilmente intercambiabili, le Waterman oppure le mini penne come la Peter Pan, oppure………………..
Maurizio

Rispondi