Mentmore Autoflow

Foto e informazioni sui modelli degli altri produttori
Rispondi
Avatar utente
edo68
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Mentmore Autoflow

Messaggio da edo68 » domenica 5 agosto 2018, 10:33

Buongiorno a tutti,
sono venuto in possesso di questa penna Mentmore modello "Auto-Flow, l’anno di produzione dovrebbe essere il 1934, ma data la scarsità di notizie, la forbice temporale potrebbe andare dal 1930 al 1940; il pennino in oro 14 carati e il caricamento a levetta, il materiale usato dovrebbe essere celluloide, nera con inserti color oro, mentre l’impugnatura e la testina del cappuccio dovrebbero essere in bachelite nera.

Le misure sono
lunghezza da chiusa 123 mm;
Ment 01.jpg
aperta senza cappuccio 117 mm;
la lunghezza del gruppo di scrittura è di 33 mm, compreso il pennino che fuoriesce di 17 mm; larghezza del fusto 12,5 mm, la parte più sottile dell’impugnature è di 9 mm.
Ment02.jpg
aperta con cappuccio calzato 154 mm;
Ment03.jpg
Il cappuccio, a vite, presenta una clip dorata terminante con una sfera (il disegno ricorda la clip Parker), nella parte alta della clip, in prossimità della testina, è stampato il marchio Mentmore una M racchiusa in un esagono, lo stesso marchio lo troviamo nella levetta di caricamento. Alla base del cappuccio è stata inserita un veretta dorata, senza nessuna indicazione.
lunghezza del cappuccio 59 mm; larghezza cappuccio 14,5 mm;
Ment06.jpg
Ment04.jpg
Ment07.jpg
Il pennino in oro riporta la scritta Mentmore, subito sotto la scritta Osmi Iridium, e la sigla 14 ct – Gold, dalle prove di scrittura direi che come misura si tratta di una M, come durezza direi che è un pennino poco flessibile, la variazione di tratto è minima.
Ment08.jpg
Ho fatto qualche ricerca sulla rete e dalla notizie trovate sulla Grace's Guide (informazioni storiche sull'industria e la produzione in Gran Bretagna) , ma niente di più di quello che è già presente sul Wiki...
La Mentmore Manufacturing Company, viene fondata nel 1919, il nome deriva dalla sua prima sede di Londra, Mentmore Terrace, è considerata una delle piccole compagnie britanniche, che produceva penne e matite automatiche senza nome o promozionali (stampate e inscatolate con marchi propri dei clienti), ma la produzione era destinata soprattutto agli articoli per cartoleria: portapenne, coltelli tagliacarte, etc.
Nella foto trovata su internet un porta penne in bachelite, prodotto dal 1930 al 1940
2015HU2599_jpg_l.jpg
La prima penna stilografica prodotta dalla mentmore era la "Spot", una penna con un sistema di riempimento a leva efficiente; i pennini, prodotti dalla azienda erano gli "Osmi Iridium" in oro 14 carati.

Una locandina pubblicitaria del 1929 della penna "Spot"
Im1929BIF-Spot_Pens.jpg


Continua...

Avatar utente
edo68
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Mentmore Autoflow continua...

Messaggio da edo68 » domenica 5 agosto 2018, 10:43

Continua...

Nel 1925 viene fondata la "Platignum Pen Company", in effetti alla Mentmore avrebbero voluto registrare il nome Platinum, ma le leggi di allora vietavano di usare nomi che potevano far sorgere dubbi alla clientela.
La Platignum aveva introdotto l'acciaio inossidabile per la produzione dei pennini, il loro slogan era "Buono come l'oro".
La Platignum è stata la prima azienda a utilizzare lo stampaggio a iniezione nella produzione delle penne.
Plantignum ad 1930_zpsmrlyellj.jpeg
La produzione è destinata soprattutto al mercato scolastico, nei primi tempi utilizzavano plastiche con abbinamenti di colori abbastanza insoliti, come oliva e nero, giallo e nero, hanno anche prodotto penne con una sezione trasparente per la visualizzazione dell'inchiostro.
Con lo scoppio della seconda guerra mondiale la produzione principale viene concentrata su munizioni, parti di aeromobili e distintivi per berretti. Il War Office aveva affidato all'azienda la realizzazione di penne speciali che potessero contenere mappe e messaggi cifrati. Era stato prodotto anche un modello che conteneva un dardo avvelenato che poteva essere scagliato a 20 piedi di distanza.

Comunque sino al 1949 Mentmore e Platignum pubblicizzano le lore penne come si può notare da queste locandine.
Im194903Str-Mentmore.jpg
Im19381210PP-Plat.jpg


Ma da una locandine del 1949 la Mentmore sembra destinata (è evidente che viene creata la Plastics Division) più alla produzione in larga scala di componenti plastici, quindi sembra che la Platignum Pen Company, sia il ramo dell’azienda destinato alla produzione delle penne.
Im1949BIF-Mentmo.jpg

1950 L'azienda commercializza la propria versione di penna a sfera, poi viene introdotta la penna a sfera retrattile; sempre in questo periodo l’azienda ha introdotto la produzione delle cartucce d'inchiostro.
Alla fine degli anni '50 la Platignum produsse la penna per calligrafia "Quick-Change", una penna con sistema in grado di montare i diversi pennini calligrafici, sfortunatamente la plastica di queste penne tende a difettare e rendere impossibile la sostituzione dei pennini.
ce8d60a4f4c049a8d35f4e8427056f5d--vintage-ads-pens.jpg

Nel 1981 il nome della società viene cambiato in Platignum, ed entra nel mercato dei rollerball

Nel 1997 la società Platignum viene acquisita da Adare Printing.




Dal forum Fountainpennetwork, l’utente Down nel 2006 ha contattato direttamente la Mentmore:

"La Mentmore Manufacturing Co ha cessato di produrre penne, anche se il marchio Mentmore ha continuato ad essere registrato. Nei primi anni 2000 il marchio Mentmore era di proprietà di una società la cui attività principale era l 'archiviazione di documenti e non aveva alcun collegamento con la produzione di penne.
La registrazione del marchio per Mentmore decade semplicemente perché non era stata pagata alcuna tassa all'autorità commerciale.
Un gruppo di appassionati di penne, con esperienza aziendale, ha registrato il nome Mentmore con l'intenzione di riproporre il marchio nella produzione delle penne.
La fase 1 è la commercializzazione di una piccola gamma di penne che hanno componenti provenienti principalmente dalla Corea e dal Giappone e poi assemblate nel Regno Unito.
La fase 2 è la produzione di copie esatte degli stampi originali per Mentmore Auto-Flow, Diplomat e 46.


Buona giornata a tutti

Edo

Avatar utente
ASTROLUX
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 807
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Mentmore Autoflow

Messaggio da ASTROLUX » domenica 5 agosto 2018, 13:00

Bellissimo articolo e penna stupenda.
:clap:
PS
Pubblica anche la prova di scrittura.

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10197
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Mentmore Autoflow

Messaggio da piccardi » domenica 5 agosto 2018, 16:33

Penna molto interessante (e davvero bel colore), sappi che ti ruberò le foto per il wiki, che non ne ha di questa marca.

Purtroppo di dati sulla marca ce ne sono pochi (e quasi tutti derivano da Grace Guide). Quel che ho trovato è lì ma ho approfittato dell'occasione per correlare un po' di dati, e aggiunto qualche considerazione. Era comunque una azienda molto innovativa, e l'elenco dei brevetti testimonia una attività notevole. Interessante notare che ve ne sono alcuni di George Sweetser, il creatore del caricamento a siringa rovesciata,il cui brevetto venne comprato dalla The De La Rue per lanciare le Onoto.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 557
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

Mentmore Autoflow

Messaggio da lucre » domenica 5 agosto 2018, 19:47

Grazie e complimenti per la bellissima ed approfondita presentazione . Ottima penna. Ne ho una dello stesso colore ma button filler e non a leva ; non so per certo se il modello, con i due diversi tipi di caricamento, fosse prodotto in contemporanea o uno fosse successivo all'altro. Grazie ancora
Luigi

Avatar utente
edo68
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Mentmore Autoflow

Messaggio da edo68 » domenica 5 agosto 2018, 22:47

ASTROLUX ha scritto:
domenica 5 agosto 2018, 13:00
Bellissimo articolo e penna stupenda.
:clap:
PS
Pubblica anche la prova di scrittura.
Ti ringrazio Astrolux,
appena posso, pubblico le prove di scrittura
piccardi ha scritto:
domenica 5 agosto 2018, 16:33
Penna molto interessante (e davvero bel colore), sappi che ti ruberò le foto per il wiki, che non ne ha di questa marca.

Purtroppo di dati sulla marca ce ne sono pochi (e quasi tutti derivano da Grace Guide). Quel che ho trovato è lì ma ho approfittato dell'occasione per correlare un po' di dati, e aggiunto qualche considerazione. Era comunque una azienda molto innovativa, e l'elenco dei brevetti testimonia una attività notevole. Interessante notare che ve ne sono alcuni di George Sweetser, il creatore del caricamento a siringa rovesciata,il cui brevetto venne comprato dalla The De La Rue per lanciare le Onoto.

Simone
Grazie Simone, sei sempre una fonte da cui attingere :thumbup:
Per le foto non ci son problemi, anzi mi fa’ piacere.
Concordo sulla tua considerazione, e aggiungo: è vero che durante la seconda guerra mondiale tutti gli inglesi sono chiamati ad uno sforzo comune importante, ma il fatto che il War Office si sia servita anche di questa azienda significa che alle spalle c’era una capacità innovativa e produttiva interessante; poi che la Grace’s Guide la collochi tra le piccole aziende è un altro discorso.

lucre ha scritto:
domenica 5 agosto 2018, 19:47
Grazie e complimenti per la bellissima ed approfondita presentazione . Ottima penna. Ne ho una dello stesso colore ma button filler e non a leva ; non so per certo se il modello, con i due diversi tipi di caricamento, fosse prodotto in contemporanea o uno fosse successivo all'altro. Grazie ancora
Luigi
Grazie Luigi,
metti qualche foto così apprezziamo anche la tua penna.

Buona serata a tutti

Edo

Lotus56
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 378
Iscritto il: venerdì 9 settembre 2016, 10:18
La mia penna preferita: Pilot 912 pennino fa
Il mio inchiostro preferito: herbin 1670
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it Vera: 025
Località: Napoli
Sesso:

Mentmore Autoflow

Messaggio da Lotus56 » domenica 5 agosto 2018, 23:24

Ciao
Vi presento la mia caricamento button
file.jpg
file.jpg (9.71 KiB) Visto 308 volte
f
file-1.jpg
file-1.jpg (32.56 KiB) Visto 308 volte
1531986189203.jpg
Luigi

Avatar utente
edo68
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: sabato 23 giugno 2018, 21:21

Mentmore Autoflow

Messaggio da edo68 » martedì 7 agosto 2018, 9:26

ASTROLUX ha scritto:
domenica 5 agosto 2018, 13:00

PS
Pubblica anche la prova di scrittura.
Ecco la prova di scrittura

Prova-Mentmore.jpg
Buona giornata

Edo

Rispondi