MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Foto e informazioni sui modelli degli altri produttori
Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da lucre » mercoledì 25 ottobre 2017, 14:31

Qualche giorno fa per togliermi un dubbio sono andato a consultare le belle pagine che il nostro wiki dedica alla Moore e questo mi ha fornito lo spunto per mostrate oggi a chi fosse interessato qualche foto della mia Non-Leakable 14.
1.JPG
2.JPG
L'inizio della produzione delle Moore's Non-Leakable è datata 1899, anno in cui a Boston nasce la American Fountain Pen Company, fondata da F. Cushing, un cartolaio e dal suo socio William F. Cushman, un venditore di occhiali ( e qui non riesco a non farmi venire in mente l'ottico di Spoon River).
Come noto le Non-Leakable furono realizzate su un brevetto datato 8/9/1896 che la nuova società aveva acquistato da Morris W. Moore, un musicista nativo di Holyoke nel Massachusetts, il cui nome, per quel che so, è rimasto più associato al mondo delle stilo che a quello delle note musicali ; il brevetto e le sue caratteristiche sono bene e diffusamente illustrate sul nostro wiki per cui mi limito solo a qualche cenno riassuntivo.
Si tratta, in sintesi, di un sistema di caricamento a pennino rientrante che si presenta sicuramente più semplice del tradizionale safety elicoidale in quanto il brevetto Moore si basa invece sullo scorrimento esterno e rettilineo di un manicotto sul fusto della penna con trascinamento del pennino avanti ed indietro. Sul modello 14 in presentazione lo scorrimento è di circa 1,5 cm. Un sistema all'epoca innovativo che fu ripreso ( eufemismo per non dire copiato ) in alcuni modelli iniziali della Rouge et Noir, sicuramente il n.4 ed il n.6 ante 1910 ; in Germania era stato importato da Eberstein che ben lo conosceva avendo lavorato per la Moore durante il suo soggiorno americano.
Ma torniamo alla stilo in presentazione.
Si tratta di un modello 14, già presente nel catalogo del 1908 dove veniva presentata come " with extra wide, plain or chased gold bands. Full chased barrel ". Dunque questa taglia di dimensioni generose era caratterizzata dalla presenza di due larghe bande d'oro, ciascuna di due centimetri, l'una sul labbro del cappuccio, l'altra sul manicotto, entrambe con belle decorazioni a sbalzo di chiara influenza liberty.
4.JPG
Chiusa la penna è lunga 14,6 cm, il cappuccio ne misura 5,3 ed il fusto 13,6.
Sono veramente ancora splendidi, malgrado i 100 e più anni trascorsi, lo stato ed il colore dell'ebanite, rimasta vivida e luminosa nella sua lavorazione a motivo "checkerboard ".
Sotto vediamo la penna accanto ad una più piccola N°3, anch'essa con due bande d'oro, ma più strette.
5.JPG
6.JPG
Sul corpo si legge ancora nitidamente su tre livelli " Moore's Non-Leakable/Fountain Pen/Pat Sept.8.1896."
7.JPG
Sul cappuccio a vite si legge invece " Pat Dec.29.1903 " con riferimento ad un brevetto richiesto da W.F. Cushman presente sul wiki.
Sul fondello troviamo inciso " 14 " numero del modello ed un " 5 00" che corrisponde al prezzo in dollari della penna nel citato catalogo del 1908
9.JPG
10.JPG
Del resto anche la N. 3 sopra mostrata evidenzia sul fondello oltre al " 3 " del modello anche un " 3 50 " corrispondente al prezzo di vendita.
Di Non-Leakable ne furono prodotte dal 1899 svariate taglie, in ebanite nera liscia o lavorata o screziata rossa e nera, con bande d'oro di varie dimensioni ed anche totalmente laminate con belle lavorazioni. La penna, nel corso degli anni, rimase sostanzialmente fedele al progetto iniziale di Morris Moore con poche diversificazioni: verso il 1903 fu arrotondata ed allungata la linea dei cappucci e successivamente ( sulla data non c'è certezza, ma ritengo intorno al 1905 ) fu inserito all'interno del cappuccio stesso un fermo con la funzione di proteggere il pennino dai danni di una eventuale inavvertita fuoriuscita dello stesso con cappuccio chiuso. Già nel 1908 la penna veniva pubblicizzata come "improved ", migliorata, perfezionata.
La casa produttrice per ribadire il concetto rassicurante di una penna " non leakable " e dunque che non poteva sgocciolare la spediva
agli acquirenti già carica di inchiostro, come riportato anche sul foglietto delle istruzioni, dove nel raccomandare l'uso di inchiostro prodotto dalla casa si legge " with which it is now filled ". Il foglietto è mio e dunque naturalmente, se utile, a disposizione del wiki.
11.JPG
Fatto sta che la Non-Leakable ebbe in quegli anni un successo commerciale tale da spingere la American a mutare la propria ragione sociale in Moore Pen Company proprio nel tentativo di cavalcare ancor più l'onda lunga del favore di pubblico e trainare anche i nuovi modelli lever filler che stava per immettere sul mercato ( dal1918 ).
A conferma ulteriore del successo riscontrato, alcuni modelli Non-Leakable furono prodotti anche dopo il passaggio al sistema a leva ancora per
qualche anno dopo il 1920, anche se successivamente al 1917 con pennini marcati non più "american Fountain Pen Co", ma invece " Moore Pen Co ".
Con pennini con questo nuova marcatura troviamo anche alcuni modelli Non-Leakable nel catalogo del 1925, ma non più il modello 14 dismesso da tempo.
Si trattava comunque di pennini già all'epoca molto apprezzati; quello montato sulla penna in presentazione è correttamente un N° 2 e mostra una buona flessibilità ed una piacevole scorrevolezza, con una adeguata presenza di iridio, elementi che lo rendono di pieno gradimento.
Vi si legge su quattro livelli " American/ trattino-punto-trattino/ Fountain/ Pen Co/ N° 2 "
12.JPG
Concludendo, come sarà risultato chiaro, questa Non-Leakable ultracentenaria mi piace molto, sia per l'elevata qualità che contraddistingue questo modello sia per il perfetto stato in cui è giunta fino a noi sia per la particolarità inconfondibile della sua curiosa forma un po' " a manubrio "
Un saluto e grazie per l'attenzione

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1299
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da MaPe » mercoledì 25 ottobre 2017, 17:15

Complimenti, veramente una bellissima penna!
Come scrive? :angel:
Massimo

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da Musicus » mercoledì 25 ottobre 2017, 17:57

Grazie, Luigi: penne affascinanti, sia dal punto di vista tecnico che stilistico, e presentazione curatissima! :thumbup:

Per completezza ti chiederei di allegare una foto con i cappucci calzati, così che si possa apprezzare appieno il progetto, anche nella configurazione in assetto di scrittura (il campione, ormai, ho rinunciato a chiedertelo :D ) vero banco di prova nelle pubblicità e nella vita reale...
Il leaflet, interessantissimo, potresti magari passarlo allo scanner, così non si perderebbe alcun dettaglio del tuo contributo.

Bentornato "al lavoro"! ;)

:wave:

Giorgio

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10050
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da piccardi » mercoledì 25 ottobre 2017, 20:03

Ciao Luigi,

complimenti per la bellissima penna, e per le foto e la dettagliata recensione, si tratta di una penna davvero molto interessante, oltre che sul piano estetico pure sul piano tecnico, con un sistema di caricamento originale che venne copiato pari pari (d'altronde Eberstein aveva lavorato per la Moore) nelle prime Rouge et Noir. I brevetti di Moore del caricamento dovrebbero essere questi:

18 Luglio 1893 - https://www.fountainpen.it/File:Patent-US-501895.pdf
8 Settembre 1896 - https://www.fountainpen.it/File:Patent-US-567151.pdf
8 Settembre 1896 - https://www.fountainpen.it/File:Patent-US-567152.pdf

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9425
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 25 ottobre 2017, 20:32

Penna estremamente affascinante, con una recensione molto particolareggiata e di parte, chi non lo sarebbe con un capolavoro simile e in quelle condizioni :clap: :clap:
Senz'altro Simone ti chiederà di scannerizzare il foglietto delle istruzioni, è estremamente interessane :thumbup:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7137
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da Ottorino » mercoledì 25 ottobre 2017, 23:01

Ho avuto occasione di ripararne una grazie alle incursioni europee di Simone che porta a casa dei bei feriti.
Ma non era bella come le tue. Pero' sembrava uscita del negozio. Quasi falsa, nera senza ornamenti.
Geniale
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da lucre » giovedì 26 ottobre 2017, 11:10

MaPe ha scritto:
mercoledì 25 ottobre 2017, 17:15
Complimenti, veramente una bellissima penna!
Come scrive? :angel:
Grazie Massimo.
Lei scrive bene, sono io che scrivo male ...
DSCN2147.JPG
Buona giornata
Luigi

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da lucre » giovedì 26 ottobre 2017, 11:36

Musicus ha scritto:
mercoledì 25 ottobre 2017, 17:57
Grazie, Luigi: penne affascinanti, sia dal punto di vista tecnico che stilistico, e presentazione curatissima! :thumbup:

Per completezza ti chiederei di allegare una foto con i cappucci calzati, così che si possa apprezzare appieno il progetto, anche nella configurazione in assetto di scrittura (il campione, ormai, ho rinunciato a chiedertelo :D ) vero banco di prova nelle pubblicità e nella vita reale...
Il leaflet, interessantissimo, potresti magari passarlo allo scanner, così non si perderebbe alcun dettaglio del tuo contributo.

Bentornato "al lavoro"! ;)

:wave:

Giorgio
Grazie Giorgio,
allego foto della penna calzata, anche se in questo caso, data la lunghezza del fusto ( senza cappuccio è come una Pelikan 100 con cappuccio) ,io personalmente preferisco usarla senza.
DSCN2136.JPG
Vorrei chiedere alla esperienza tua e degli altri amici del forum se vi viene in mente qualche altro caso di prezzo inciso sul corpo della penna, che non sia anche il numero del modello ( tipo Montblanc 12,5 ), in sostanza che evidenzino sia il numero del modello che il prezzo, come fanno le Non Leakable in mio possesso ed altre viste in rete. Invio a Simone lo scanner del foglietto.
Buona giornata
Luigi

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da lucre » giovedì 26 ottobre 2017, 12:06

piccardi ha scritto:
mercoledì 25 ottobre 2017, 20:03
Ciao Luigi,

complimenti per la bellissima penna, e per le foto e la dettagliata recensione, si tratta di una penna davvero molto interessante, oltre che sul piano estetico pure sul piano tecnico, con un sistema di caricamento originale che venne copiato pari pari (d'altronde Eberstein aveva lavorato per la Moore) nelle prime Rouge et Noir. I brevetti di Moore del caricamento dovrebbero essere questi:

18 Luglio 1893 - https://www.fountainpen.it/File:Patent-US-501895.pdf
8 Settembre 1896 - https://www.fountainpen.it/File:Patent-US-567151.pdf
8 Settembre 1896 - https://www.fountainpen.it/File:Patent-US-567152.pdf

Simone
Grazie Simone,
Grazie al tuo lavoro la possibilità di consultare sul wiki i brevetti è veramente di rilievo, Ho trovato nel caso specifico particolarmente interessante, anche ai fini di valutare la presenza di una protezione al pennino, il confronto fra i brevetti presentati da Moore e quello del 1903 presentato da Cushman.
Anche a te chiedo se ti viene in mente qualche altra stilografica con il prezzo inciso sul corpo. Appena posso invio lo scanner del foglietto
Grazie ancora e buona giornata

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da lucre » giovedì 26 ottobre 2017, 12:13

maxpop 55 ha scritto:
mercoledì 25 ottobre 2017, 20:32
Penna estremamente affascinante, con una recensione molto particolareggiata e di parte, chi non lo sarebbe con un capolavoro simile e in quelle condizioni :clap: :clap:
Senz'altro Simone ti chiederà di scannerizzare il foglietto delle istruzioni, è estremamente interessane :thumbup:
Grazie Max, sei gentilissimo.
Un po' di parte ( ma senza esagerare ) qualsiasi collezionista lo è per statuto ... :D
Ciao e buona giornata
Luigi

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 536
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da lucre » giovedì 26 ottobre 2017, 12:16

Ottorino ha scritto:
mercoledì 25 ottobre 2017, 23:01
Ho avuto occasione di ripararne una grazie alle incursioni europee di Simone che porta a casa dei bei feriti.
Ma non era bella come le tue. Pero' sembrava uscita del negozio. Quasi falsa, nera senza ornamenti.
Geniale
Ciao Ottorino,
Simone è fortunato a poter contare sulla tua abilità ...
Grazie e buona giornata
Luigi

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1299
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da MaPe » giovedì 26 ottobre 2017, 13:56

lucre ha scritto:
giovedì 26 ottobre 2017, 11:10
MaPe ha scritto:
mercoledì 25 ottobre 2017, 17:15
Complimenti, veramente una bellissima penna!
Come scrive? :angel:
Grazie Massimo.
Lei scrive bene, sono io che scrivo male ...DSCN2147.JPG
Buona giornata
Luigi
La Penna scrive bene, ed anche tu non scrivi mica così male :wave:
Massimo

muristenes
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 911
Iscritto il: lunedì 13 maggio 2013, 22:42
La mia penna preferita: Pelikan M215
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Topaz
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cagliari

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da muristenes » giovedì 26 ottobre 2017, 18:12

Bellissima! :o Che invidia!

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da Musicus » giovedì 26 ottobre 2017, 19:15

Ottimo, Luigi!
lucre ha scritto:
giovedì 26 ottobre 2017, 11:36
...
Grazie Giorgio,
allego foto della penna calzata, anche se in questo caso, data la lunghezza del fusto ( senza cappuccio è come una Pelikan 100 con cappuccio) ,io personalmente preferisco usarla senza....
Io ho sempre carica sotto mano la mia Waterman #14 eyedropper costruita in quegli stessi anni: con cappuccio calzato fa cm.18 (e la tua?! :problem: ) ma è leggera come una piuma (sono 14 grammi da carica!! e la tua?! :problem: ) e la scrittura "posted" è ormai per me irrinunciabile. Poi, ognuno fa le sue valutazioni e compie il suo percorso: quindi escludendo la vita reale ( ;) nel tuo caso in questo caso), almeno nelle pubblicità, come tu ben sai, tutte le penne venivano presentate così e sono convinto che venissero progettate per essere apprezzate e per combattere incruentemente tra loro soprattutto così. La foto posted è "il" riferimento.
Inoltre, vuoi mettere la praticità di non impegnare una mano per reggere il cappuccio, e la convenienza di non lasciare in giro lo stesso (con la sua preziosa banda d'oro)?!? :D
:wave:

Giorgio

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 10050
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

MOORE'S NON-LEAKABLE 14

Messaggio da piccardi » giovedì 26 ottobre 2017, 23:14

lucre ha scritto:
giovedì 26 ottobre 2017, 12:06
Anche a te chiedo se ti viene in mente qualche altra stilografica con il prezzo inciso sul corpo. Appena posso invio lo scanner del foglietto
Le Sheaffer (Balance, e successive) lo avevano, ma era l'unico numero presente ma anche se non indicava il modello generico era comunque quello che contraddistingueva la versione all'interno dello stesso modello (anche se pure in alcuni caso venivano anche distinti per nome).

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Rispondi