WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Foto e informazioni sui modelli degli altri produttori
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » mercoledì 6 dicembre 2017, 17:26

Interviste impossibili
Facciamo “la domanda delle domande” a quell’elegantone di Wally, la mascotte della Wahl-Eversharp nella Chicago dei “Roaring Twenties”…

Musicus per FP.it: «Ehi, Wally! Qual è la linea di penne più bella del Mondo?!»
1. 192x-Wahl-Models-Card - detail.jpg
Wally: «Wahl-Eversharp Rosewood, folks!!»

2. WELR. nib and section.jpg
Mi sa che il piccoletto forse c’ha preso… :geek:


La penna
WAHL - EVERSHARP [Signature] taglia lady in ebanite “rosewood”, parti metalliche a vista laminate oro, pennino Wahl in oro 14 Carati, caricamento a levetta, produzione U.S.A. anno 1928.
3. WELR. The pen.jpg


Le misure
Chiusa: cm. 11,3 (al cupolino)
4. WELR. capped 1.jpg
Cappuccio: cm. 6 (al cupolino)
5. WELR. open 1.jpg
Fusto: cm. 10 (pennino cm.1,9)
6. WELR. open 2.jpg
Con cappuccio calzato: cm. 14,7 (al cupolino, pennino cm.1,9)
7. WELR. posted.jpg
Diametro massimo (al cappuccio): mm. 12,3
Diametro fusto alla levetta: mm. 10,8
Diametro medio all'impugnatura: mm. 8,9
8. WELR. capped 2.jpg
Peso (carica): gr. 14
Fusto: gr. 8
9. WELR. capped 4 sides.jpg


Continua
Ultima modifica di Musicus il mercoledì 6 dicembre 2017, 17:46, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » mercoledì 6 dicembre 2017, 17:36

Marca e Modello (solo per pignoli e curiosi)
Chi volesse conoscere l'interessante storia di questo grande Produttore potrà fare riferimento al nostro formidabile Wiki:
https://www.fountainpen.it/Eversharp/it
Per comodità di classificazione (e soprattutto in mancanza di un criterio più stringente di quello, improponibile, della mera enumerazione di centinaia di codici-prodotto, comprese le varianti per i telegrammi! :? , a cui costringerebbe la politica commerciale di quel periodo della Wahl Company), si definisce sommariamente il modello della penna in presentazione come “Signature” (firma): come riportato dal Wiki nel capitolo ad essa dedicato https://www.fountainpen.it/Signature, i collezionisti tendono a ricomprendere in questa necessariamente arbitraria categoria le penne in stile flat top della Casa dalla prima metà degli anni Venti (1923, solo in ebanite fino al 1927 e poi anche in celluloide) fino alla seconda metà del 1928 circa, quando vennero immesse sul mercato le penne con il (blocco-)pennino “a scelta del cliente” (“Personal Point”, avvitabile) e con garanzia “Gold Seal”.

Per poter proporre una datazione attendibile della penna oggetto della recensione vorrei partire dall’iscrizione principale del Produttore, posta sul cappuccio appena al di sotto dell’anellino superiore. Trattandosi di un’iscrizione che, in modo assai poco comune, si dispone tutt’intorno alla circonferenza di un cappuccio cilindrico, venendo ad impegnarne ben oltre la metà, si è reso necessario scattare tre fotografie per poi ritagliarle ed affiancarle.
10. WELR. cap inscription in 3 photos.jpg
WAHL – EVERSHARP
MADE IN CHICAGO, U.S.A.
E’ proprio il contenuto di questa iscrizione che fisserà un limite temporale utile. E infatti, l’iscrizione che riporta entrambi i nomi uniti dal trattino “WAHL-EVERSHARP” è una novità introdotta dalla Casa solo nel 1928: prima di allora esistevano le “Matite EVERSHARP” e le “Penne WAHL”…
Dopo essermi inoltrato nel ginepraio dei cataloghi degli anni 1927, 1928 e 1929, e dei bollettini per rappresentanti e rivenditori 1927 e 1928 (Eversales), ho notato che un aspetto non bene evidenziato della questione è proprio quello relativo alla mutata denominazione degli strumenti commercializzati.
Con tutta probabilità vi deve essere stato un periodo di transizione in cui alcuni elementi della vecchia impostazione convivevano con le nuove soluzioni (penso in particolare ai pennini d’oro, sempre così difficili da smaltire una volta incisi, che nel caso di specie erano in uso almeno dal 1924, come dimostrato dalle pubblicità).
Ma è un dato di fatto che ancora a metà 1927 le penne erano “WAHL Pens” e le matite erano “EVERSHARP Pencils”;
11. 1927-08-Wahl-Signature-AllMetal.jpg
successivamente, per il Natale 1927 la Marca era “WAHL-EVERSHARP Pens and Pencils” ma sulle stilografiche c’era scritto solo WAHL e sulle matite solo EVERSHARP ( https://www.fountainpen.it/File:1927-12 ... lMetal.jpg ), mentre almeno dall’Autunno del 1928, come risulta dall’Eversales (ex “Pen Collectors of America”),
12. 1928 wahl_EVERSALES pag.17.jpg
ma certamente a Natale di quell’anno
13. 1928-11-Wahl-DecoBand-p01 e p02.jpg
le stilografiche (sempre parlando delle iscrizioni sul fermaglio, quando presente, e sul cappuccio delle ring-top) erano diventate “WAHL-EVERSHARP Pens”, come riportato anche sulla penna in presentazione. :thumbup:

Non mi addentrerò oltre nel ginepraio dei modelli, ma reputo interessante rendere conto di una curiosa circostanza da me notata: nelle pubblicità italiane e soprattutto francesi archiviate sul nostro Wiki si può notare una certa renitenza dei relativi Rappresentanti/Concessionari ad usare il cognome WAHL (forse perché di chiara ascendenza tedesca?, col significato di scelta, elezione): quando possibile, infatti, si privilegiarono solo frasi contenti il nome della matita meccanica, EVERSHARP, un nome di commercio che deriva chiaramente dall’espressione “ever sharp”, che significa “sempre affilato”, ma anche “sempre acuto”, di più evidente origine americana, che era sempre di gran moda. Si pensi che prima del 1929 i Francesi addirittura mostravano le penne di lato(!! :D ), per non inquadrare la scritta sulla clip….
Col passare del tempo sarà proprio il cognome Wahl a sparire del tutto (tanto dal trade mark, e di conseguenza dalle penne, quanto dalla ragione sociale della Compagnia) e resterà solo il marchio “EVERSHARP”, evidentemente ben più gradito a tutti…


OSSERVAZIONI
Il colore
Rosewood è il nome commerciale che la Wahl-Eversharp diede alla sua ebanite rossa&nera di tipo woodgrain (che riproduce le “venature del legno”) introdotta nel 1926: ecco un’immagine ripresa sopra un campione di legno di palissandro (“bois de rose”, legno di rosa), di provenienza africana, non ancora trattato.
14. WELR. rosewood h.r.  capped.jpg
Sono facilmente distinguibili le caratteristiche striature nere e alcune “fiamme” (archi ogivali)…
15. WELR. rosewood h.r. details.jpg
Curiosamente per un materiale denominato “legno di rosa”, sul fondello cieco la gomma miscelata vulcanizzata (hard rubber) è riuscita a disegnare…i petali di un fiore! :angel:
Il profumo che si sprigiona, invece, non è quello dolce ed inebriante della rosa, bensì quello più virile di certa ebanite d’epoca 8-) , che prende a diffondersi sommessamente dopo che avrete impugnato la penna per alcuni secondi, riscaldandola…

Le forme
Seguendo la tradizione delle penne non affusolate, la nostra piccola Wahl-Eversharp mostra un cappuccio assertivamente cilindrico; il fusto, invece, grazie ad una ben modellata bombatura centrale conferisce alla stilografica con cappuccio calzato l’aspetto acuminato di un dardo appena scagliato…
16. WELR. rosewood h.r. posted x 2.jpg
Flat top, ovvero testa (testina) piatta: ma sulla sommità del nostro cappuccio troneggia un’elaboratissima sovrastruttura metallica composta da una sorta di campanella (un cilindro poggiante su una base troncoconica), che viene a configurarsi come vero e proprio “gioiello”, in cui è fissato un gancetto di forma quadrangolare con lato superiore a cuspide.
17. WELR. cap top with ring.jpg
L’intera struttura con gancetto esteso - pronto ad accogliere un nastro o un fiocchetto, ma anche nulla, come in questa mia Ad italiana della Pasqua 1930 -
18. 1929-03-Eversharp-PersonalPointLady.jpg
si solleva per ben un centimetro…
Alla testina stondata in ebanite corrisponde un fondello parimenti convesso: entrambe le estremità sono sottolineate da un prezioso anellino decorativo, dello stesso spessore (pur se con diametri differenti) degli anellini posti in coppia sopra il labbro del cappuccio. I quattro anellini sono visibili contemporaneamente a penna chiusa.
19. WELR. cap top and blind cap.jpg
La qualità delle dorature delle minuterie metalliche è di prim’ordine.


Continua
Ultima modifica di Musicus il mercoledì 6 dicembre 2017, 17:47, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » mercoledì 6 dicembre 2017, 17:46

Il sistema di caricamento
Caricamento a leva laterale classicissimo, tipico di moltissimi dei cosiddetti sistemi “automatici” dell’epoca d’oro della stilografica.
Le specialità della Casa, o le variazioni sul tema, se preferite ;) , sono:
- quella che personalmente ho ribattezzato “la levetta con la gobbetta”, ovvero una leva (di cm.2 di lunghezza) non lineare, ma con un piccolo vertice giusto nel mezzo;
20. WELR. lever filler 1.jpg
- l’accesso all’estremità circolare della paletta, che è agevolato da una elaboratissima rientranza intagliata nell’ebanite, costituita dalla somma di un rettangolo e di una ellissi (semplicemente memorabile!);
21. WELR. lever filler 2.jpg
- e i due buchini a lato della fessura che accoglie il meccanismo.


Il gruppo scrittura
La sezione in ebanite nera con caratteristica terminazione a bicchierino porta inseriti a frizione l’alimentatore scalettato in ebanite (chiamato dalla casa “comb feed”, alimentatore “a pettine”) ed il pennino in oro 14 carati con ampio foro a cuore.
22. WELR. nib and comb feed.jpg
WAHL
2
14 K

Come anticipato, l’iscrizione già connotava il pennino delle Wahl Pens almeno dal 1924, e sarà sempre ancora disponibile nel catalogo del 1929 come Gold Seal Nib ma…senza il “gold seal” e il Personal Point (blocco svitabile di pennino e alimentatore) che spettava solo alle due misure maggiori (#4 e #6).
La punta è un F che sin dalla prova a secco sull’unghia prometteva meraviglie…
La penna è entrata di prepotenza nella mia top ten di stilografiche preferite per l’uso quotidiano grazie alle superbe qualità di scrittura, e a lei ho subito assegnato in esclusiva un inchiostro Pilot “arboreo”, lo Yama-guri, che ricorda a mio avviso più la corteccia del legno di castagno che non il frutto omonimo…
23. WELR. writing sample 1.jpg
Nel bollettino aziendale distribuito ai rivenditori (il già citato Eversales) ho letto di un voluto “effetto cuscinetto” (cushion) - concetto che verrà approfondito e sfruttato nel decennio seguente dalla Conklin - di cui sarebbero capaci questi pennini: ed è proprio in questo modo che mi sentirei di descrivere la sensazione di aerea sospensione che si prova in alcuni momenti nei quali il pennino sembra levitare su una bolla di inchiostro piuttosto che vergare la carta. Ma potrebbe essere solo suggestione: provateci anche voi, quando ne acquisterete una!! :ugeek:
Del tutto impraticabile è risultata, per converso, la scrittura dal lato secco.
Le prestazioni del pennino in flessibilità, che così tanto mi incuriosiscono ed esaltano, sono decisamente superiori alla media.
Vorrei a tal proposito aprire una parentesi e spendere una parola a beneficio degli utenti inesperti che credono che i pennini in oro “si pieghino da soli” :lol: , rendendo per esempio problematica la scrittura veloce: bene, la stragrande maggioranza dei pennini flessibili si flette “solo quando glielo chiedete espressamente” (e tanto meno gentilmente glielo chiederete quanto più vorrete che essi si pieghino obbedienti ai vostri comandi…)!
24. WELR. writing sample 2.jpg
Solo una percentuale davvero minima di essi richiede estrema cautela e quindi esperienza nell’utilizzo: personalmente ne ho danneggiato (nemmeno irreparabilmente, poi) uno solo, e non era neppure d’oro, ma in lega d’acciaio, italiano del tempo di guerra…
L’escursione del tratto di questo WAHL #2 14K è davvero notevole, così come l’elasticità del “rientro”: partendo da un tratto F non sottilissimo (che potete valutare sulla carta millimetrata Canson 90g/m2),
25. WELR. writing sample 2 - detail.jpg
si va tranquillamente a tracciare (ho cercato di farlo il più gradualmente possibile, come dimostrazione) una linea spessa 2 millimetri… :clap:


Conclusione
Lady Rosewood, una splendida novantenne….
«Non è vero, Wally?!?»
26. WELR. The end.jpg


Grazie per l'attenzione! :thumbup:

Giorgio

Avatar utente
Mightyspank
Levetta
Levetta
Messaggi: 577
Iscritto il: lunedì 23 febbraio 2015, 22:46
La mia penna preferita: L'ultima
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Yu-Yake
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Mightyspank » mercoledì 6 dicembre 2017, 19:28

Caro Giorgio,
quanto amore e quanta poesia traspare dal tuo scritto.
Mi sembrava di stringere fra le mani la penna e perfino sentire il profumo di molti passati lustri.
Ti dico solo che a Bologna ho potuto ammirare una king size fantastica (purtroppo anche il prezzo superava i tre zeri). Che penne meravigliose le Wahl-Eversharp!
Grazie ancora e alla prossima :clap: :wave:

Avatar utente
lucre
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 443
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da lucre » mercoledì 6 dicembre 2017, 20:18

Ciao Giorgio,
bellissima questa Signature lady ( con me poi sfondi una porta aperta essendo le Wahl le mie preferite) e bellissima la presentazione, come sempre le tue, dettagliata e ricca di foto esplicative.
Grazie
Luigi

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » mercoledì 6 dicembre 2017, 20:30

Mightyspank ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 19:28
Caro Giorgio,
quanto amore e quanta poesia traspare dal tuo scritto.
Mi sembrava di stringere fra le mani la penna e perfino sentire il profumo di molti passati lustri.
Ti dico solo che a Bologna ho potuto ammirare una king size fantastica (purtroppo anche il prezzo superava i tre zeri). Che penne meravigliose le Wahl-Eversharp!
Grazie ancora e alla prossima :clap: :wave:
Grazie di cuore, caro Mightyspank!!
Belle parole che fanno piacere!!

Ma ora, per dedicarci al nostro ben collaudato "Trova la melodia!", proporrei una "Marcia Funebre", visto il periodo,
massacro_10.gif
ma per stemperare un po' il clima suggerirei un solista nostrano, polistrumentista di larghe vedute, in un Walzer di San Valentino per tutti gli innamorati...
20171206_201931.jpg
20171206_201931.jpg (25.29 KiB) Visto 188 volte
:mrgreen:

A presto!!

Giorgio
Ultima modifica di Musicus il mercoledì 6 dicembre 2017, 20:48, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » mercoledì 6 dicembre 2017, 20:41

lucre ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 20:18
Ciao Giorgio,
bellissima questa Signature lady ( con me poi sfondi una porta aperta essendo le Wahl le mie preferite) e bellissima la presentazione, come sempre le tue, dettagliata e ricca di foto esplicative.
Grazie
Luigi
Grazie, caro Luigi, mi fa molto piacere che....siamo assolutamente d'accordo con Wally!!! :lol:

Quello che tu sai, ma molti purtroppo non intuiscono, è che una lady con cappuccio calzato, quando la qualità dei materiali e degli accoppiamenti sia eccellente, è come un corpo unico, perfettamente omogeneo, di 15 centimetri!, che bastano ed avanzano per quasi tutte le esigenze di scrittura... 8-)

Alla prossima!! :thumbup:

Giorgio

Avatar utente
zoniale
Levetta
Levetta
Messaggi: 585
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: turchese
Località: Varese
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da zoniale » mercoledì 6 dicembre 2017, 22:29

Moltissimo notevolissima!
E poi: viva le penne piccole.
Abbasso i SUV!
Michele

efreddi
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 240
Iscritto il: giovedì 15 settembre 2016, 11:25
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da efreddi » giovedì 7 dicembre 2017, 10:28

Per me leggere queste recensioni sta diventando uno stress. Non potete fare una recensione di una penna brutta che scrive male? Almeno mi metto tranquillo e la smetto di setacciare i mercatini (senza trovare nulla migliore di un chiodo arrugginito).

Torno serio faccio a Giorgio i complimenti per la penna (bellissima, specialmente per come scrive il pennino!) e per la recensione.

Ciao
Elia
----------------------------

Silemar
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 400
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Aurora black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso: Donna

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Silemar » giovedì 7 dicembre 2017, 11:44

Grazie Musicus per averci mostrato questa bellissima penna. Quanto vorrei che fosse tra i bei gingilli della mia borsetta! :) Sarebbe sicuramente il più elegante. Una penna e una presentazione... da sogno! :thumbup:
Laura

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » giovedì 7 dicembre 2017, 13:43

zoniale ha scritto:
mercoledì 6 dicembre 2017, 22:29
Moltissimo notevolissima!
E poi: viva le penne piccole.
Abbasso i SUV!
:lol:
Viva "ANCHE" le penne piccole-ma-grandi 8-) , lo sottoscriverebbe anche Wally (che comunque le doveva pur vendere :mrgreen: )...

:wave: Michele!

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2047
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Musicus » giovedì 7 dicembre 2017, 13:56

efreddi ha scritto:
giovedì 7 dicembre 2017, 10:28
...
Torno serio faccio a Giorgio i complimenti per la penna (bellissima, specialmente per come scrive il pennino!) e per la recensione.

Ciao
Grazie, Elia! :thumbup:
Silemar ha scritto:
giovedì 7 dicembre 2017, 11:44
Grazie Musicus per averci mostrato questa bellissima penna. Quanto vorrei che fosse tra i bei gingilli della mia borsetta! :) Sarebbe sicuramente il più elegante. Una penna e una presentazione... da sogno! :thumbup:
Cara Laura, sapevo che alle Signore più attente non sarebbero sfuggiti i "gingilli" contenuti/contenendi nella borsetta (con quella chiusura poi, una farfalla in platino e diamanti?!? :o )...
Un grazie sentito per l'apprezzamento!!
:wave:

Giorgio

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 9586
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da piccardi » giovedì 7 dicembre 2017, 19:17

Un altro bellissimo ritrovamento (ci farai crepare tutti di invidia), presentato come sempre in maniera impeccabile. Lo stile e la qualità della Wahl-Eversharp a quel tempo erano una spanna sopra a tutti gli altri, con una cura dei particolari straordinaria, poi quando puri ci trovi sopra il flessibile buono (purtroppo per la flessibilità i nuovi pennini delle signature non erano allo stesso livello di quelli precedenti).

Però mi devo dichiarare in disaccordo con Wally, le più belle per me sono le coral!

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Godowsky1930
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 71
Iscritto il: domenica 25 settembre 2016, 17:52
La mia penna preferita: Dupont linea 1
Il mio inchiostro preferito: Rohrer
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it Vera: 005
Località: Milano
Sesso: Uomo

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da Godowsky1930 » venerdì 8 dicembre 2017, 14:32

Complimenti a Giorgio per la penna, il pennino, le bellissime fotografie, l'appassionata, storicamente documentata presentazione. Io ho il modello analogo con la clip. Vorrei migliorare le mie fotografie , poi la presentero'. Viene da Toronto, me la sono aggiudicata ad un prezzo accettabile tenuto conto del dollaro canadese;prezzo di spedizione alto. Per fortuna il venditore ha dichiarato un prezzo ridotto del 60% rispetto a quello pagato e quindi le spese di dogana ( uguali a quelle USA) erano ridotte. Anche il mio pennino e' un flessibile che mi pare molto buono , ma l'ho provato solo per intinzione. Tra l'altro concordo con te sui flessibili che si comportano come tali solo quando glielo chiediamo noi.umberto

kircher
Levetta
Levetta
Messaggi: 741
Iscritto il: martedì 4 novembre 2014, 5:44
Località: Firenze/Svizzera
Sesso: Non Specificato

WAHL-EVERSHARP Lady Rosewood - 1928

Messaggio da kircher » venerdì 8 dicembre 2017, 15:44

Caro Musicus, ma non preferiresti una bella Lamy invece di questa penna maleodorante? Tutti parlano tanto bene delle Lamy!

Rispondi