Sheaffer PFM V

Foto e informazioni sui modelli della Sheaffer
Rispondi
Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2062
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da alfredop » venerdì 30 dicembre 2016, 18:11

LA PFM fu lanciata alla fine degli anni '50, la sua introduzione segno il ritorno di Sheaffer a penne di grandi dimensioni, inoltre fu il primo modello a fregiarsi del pennino inlaid, che da quel momento, fino ai giorni nostri caratterizzerà le migliori penne Sheaffer.

Immagine

La penna, a parte le dimensioni, rappresentò per la Sheaffer una vera rivoluzione stilistica che venne poi ereditata dai successivi modelli Imperial; purtroppo essa non ebbe il successo sperato ed alla fine risulto per la casa americana un vero fiasco.

Da un punto di vista tecnico, a parte il pennino inlaid, la PFM si distingue per il sistema di caricamento a depressione dotato di uno snorkel, che immergendosi nell'inchiostro consente di riempire il serbatoio senza sporcare la sezione ed il pennino. Malgrado sia un sistema complesso una volta restaurato (sostituzione di un paio di guarnizioni e del sacchetto), il caricamento della PFM è molto efficiente e consente di riempire agevolmente il sacchetto (che a dir il vero non è particolarmente capiente).

Immagine

La scrittura con la PFM è davvero una esperienza notevole, come detto la penna è di notevoli dimensioni, ma è anche molto leggera, e con il cappuccio calzato il bilanciamento è perfetto, in pratica il pennino danza sul foglio guidato dallo scrivente.
Un consiglio se non riuscite a procurarvi una PFM cercate almeno di prendere una Legacy, pur essendo una penna in metallo, e quindi più pesante, il bilanciamento rimane buono ed il pennino inlaid continua a farsi apprezzare.

La mia preferita è una Sheaffer PFM V con tappo laminato:
Immagine

Immagine

ma non male sono anche le due PFM III e la PFM II che l'accompagnano
Immagine

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 1032
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Sailor 1911 naginata togi 21kt
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei Boku blu nero
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da Orlandoemme » sabato 31 dicembre 2016, 7:35

Più passa il tempo e più mi innamoro delle sheaffer.
Anche solo i pennini in acciaio staccano di una spanna moltissime penne.
Questa poi é bellissima.
Complimenti Alfredo !
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

Avatar utente
Contax1961
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1558
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2014, 15:24
La mia penna preferita: Pelikan M140
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Firenze
Sesso:
Contatta:

Sheaffer PFM V

Messaggio da Contax1961 » sabato 31 dicembre 2016, 10:32

Tentatore....tutte le volte che vedo queste pubblicazioni mi metti in crisi! :D
Riccardo

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2062
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da alfredop » sabato 31 dicembre 2016, 11:35

Contax1961 ha scritto:Tentatore....tutte le volte che vedo queste pubblicazioni mi metti in crisi! :D
Ieri ho approfittato della giornata poco impegnata per fare qualche foto decente (normalmente le mie non lo sono). Mi fa piacere che esse abbiano un effetto tentatore :D.

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9425
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da maxpop 55 » sabato 31 dicembre 2016, 11:48

Sempre meravigliose le Sheaffer'S, :thumbup:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9425
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da maxpop 55 » lunedì 19 febbraio 2018, 21:10

alfredop ha scritto:
venerdì 30 dicembre 2016, 18:11
LA PFM fu lanciata alla fine degli anni '50, la sua introduzione segno il ritorno di Sheaffer a penne di grandi dimensioni, inoltre fu il primo modello a fregiarsi del pennino inlaid, che da quel momento, fino ai giorni nostri caratterizzerà le migliori penne Sheaffer.

Immagine

La penna, a parte le dimensioni, rappresentò per la Sheaffer una vera rivoluzione stilistica che venne poi ereditata dai successivi modelli Imperial; purtroppo essa non ebbe il successo sperato ed alla fine risulto per la casa americana un vero fiasco.

Da un punto di vista tecnico, a parte il pennino inlaid, la PFM si distingue per il sistema di caricamento a depressione dotato di uno snorkel, che immergendosi nell'inchiostro consente di riempire il serbatoio senza sporcare la sezione ed il pennino. Malgrado sia un sistema complesso una volta restaurato (sostituzione di un paio di guarnizioni e del sacchetto), il caricamento della PFM è molto efficiente e consente di riempire agevolmente il sacchetto (che a dir il vero non è particolarmente capiente).

Immagine

La scrittura con la PFM è davvero una esperienza notevole, come detto la penna è di notevoli dimensioni, ma è anche molto leggera, e con il cappuccio calzato il bilanciamento è perfetto, in pratica il pennino danza sul foglio guidato dallo scrivente.
Un consiglio se non riuscite a procurarvi una PFM cercate almeno di prendere una Legacy, pur essendo una penna in metallo, e quindi più pesante, il bilanciamento rimane buono ed il pennino inlaid continua a farsi apprezzare.

La mia preferita è una Sheaffer PFM V con tappo laminato:
Immagine

Immagine

ma non male sono anche le due PFM III e la PFM II che l'accompagnano
Immagine

Alfredo
Le tue foto sono sparite devi metterne di nuove.
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2062
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da alfredop » lunedì 19 febbraio 2018, 21:14

Devo recuperarle da photobucket, comunque la V fotografata adesso c'è l'hai tu, quindi se vuoi puoi farne una nuova :D :D

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 9425
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso:

Sheaffer PFM V

Messaggio da maxpop 55 » martedì 20 febbraio 2018, 0:07

alfredop ha scritto:
lunedì 19 febbraio 2018, 21:14
Devo recuperarle da photobucket, comunque la V fotografata adesso c'è l'hai tu, quindi se vuoi puoi farne una nuova :D :D

Alfredo
Sei uno scansafatiche e dillo che non vuoi fare qualche foto :D
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Rispondi