WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Foto e informazioni sui modelli della Waterman
Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 13:39

Le fatiche di Ercole
« Mehercle!» [“Per Ercole!”, n.d.t.] ho esclamato tra me e me quando ho potuto osservare con attenzione, nella semioscurità di una botteguccia milanese, quella che da subito mi era apparsa come qualcosa di molto diverso dall’ennesima rientrante Waterman laminata - «questa pare proprio la mitica “clava” di Ercole!!».
1. WH. The Pen.jpg
Al solo impugnarla, o meglio, al brandirla, in un baleno ha preso vita dinnanzi a me la statuaria figura dell’Eroe, impegnato a sfidare e sconfiggere gli orribili mostri che l’oracolo di Delfi l’aveva condannato ad affrontare per espiare lo sterminio della propria famiglia ed ottenere l’immortalità…
Ercole e l’Idra di Lerna. La creatura mostruosa (per tradizione familiare, oserei dire, essendo sorella di Cerbero e della Sfinge) viveva in una mefitica palude: essa era velenosa al punto che non solo il suo respiro ed il suo sangue ma persino le sue orme procuravano una morte atroce…
2. WH. Ercole e l'Idra 1.jpg
[Antonio del Pollaiolo, “Ercole e l’Idra”, ca.1475. Galleria degli Uffizi, Firenze]

In realtà [ma non lo dite a nessuno :shh: ] sembra che la nona ed ultimissima testa dell’Idra (quella centrale, immortale) fosse da Ercole trafitta con un giavellotto, perché mulinare la clava e menare mazzate era faticoso anche per lui… :mrgreen:
3. WH. Ercole e l'Idra 2.jpg
Ercole e la liberazione di Prometeo. Giove aveva incatenato il titano Prometeo, reo di aver rubato il fuoco agli dei per donarlo agli uomini, ad una roccia su un’alta vetta del Caucaso: il supplizio di Prometeo era acuito da un’aquila che gli divorava il fegato che poi di notte ricresceva. Ercole, che si stava riposando tra una fatica e l’altra facendo, come molti di noi quest’estate, una bella escursione in montagna 8-) , fu mosso a pietà dalla situazione: così uccise l’aquila con una freccia e liberò Prometeo. Nella foto seguente un frammento della roccia alla quale Prometeo era incatenato e la freccia fatale scagliata da Ercole…
4. WH. Ercole e l'aquila di Prometeo - freccia.jpg
Roccia e freccia originali garantite… :mrgreen:

Ercole e Anteo. Poiché la forza di Anteo discendeva dal contatto con sua madre Gea (la Terra), Ercole dovette prima deporre la sua mitica clava per poter sollevare dal suolo con ambo le braccia il crudele gigante, privandolo così del suo immenso potere, per poi stritolarlo senza pietà…
5. WH. Ercole e Anteo.jpg
[Antonio del Pollaiolo, “Ercole e Anteo”, ca.1470. Galleria degli Uffizi, Firenze]

Com’è come non è, lo vedete dall’immagine, l’eroe si era distratto un attimo… Tutto il mondo è paese: non lasciare oggetti di valore incustoditi!!
Beh, adesso la sua mitica clava ce l’ho io… :mrgreen:

E per oggi qui mi fermo.

La penna
WATERMAN’S IDEAL SAFETY [12S], rientrante in ebanite nera, laminata in oro 18K.R., caricamento safety, pennino originale Waterman in oro 14 Kt., produzione U.S.A. e Italia, anno 1913.
6. WH. La penna.jpg
Le Misure
Chiusa: cm. 11,8
7. WH. a. capped 1.jpg
Cappuccio: cm. 3,4
8. WH. a. open 1.jpg
Fusto: cm. 12,3 (con pennino estratto di cm. 1,8)
9. WH. a. open 2.jpg
Con cappuccio calzato: cm. 15,5 (con pennino estratto di cm. 1,8), misura falsata dal nottolino di caricamento troppo largo.

Diametro massimo (al cappuccio): mm. 13,0
Diametro sezione laminata del fusto: mm. 11,9
Diametro medio all'impugnatura: mm. 10,1
Peso (a vuoto): gr. 16
Cappuccio: gr. 4
Fusto: gr. 12

Capacità: ml. 1,8
10. WH. open and capped standing.jpg
Continua
Ultima modifica di Musicus il domenica 18 settembre 2016, 14:19, modificato 5 volte in totale.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 13:47

Marca e modello
Per la storia del Marchio rimando al nostro formidabile Wiki:
https://www.fountainpen.it/Waterman
Per il modello, si veda il capitolo dedicato:
https://www.fountainpen.it/Waterman_4x
ed anche la mia recensione di una 12S (non laminata):
viewtopic.php?t=10415
Sul sistema di caricamento di sicurezza si consulti:
https://www.fountainpen.it/Safety

Un’ipotesi di datazione
Pur avendo perduto il nottolino di caricamento della Casa (sostituito da uno generico, privo di incisioni, dalla lunghezza inferiore e dal diametro maggiore rispetto all’originale), la penna è indubbiamente una “12S” (ossia 12 “Safety”, rientrante). Non ho ritenuto opportuno, quindi, allegare foto della penna con cappuccio calzato, che seguiranno quando avrò sostituito (o rifilato al tornio) il nottolino.
All'incirca dall'introduzione della 12S avvenuta nel 1907/8 fino al 1912 il nottolino di cui abbiamo parlato era “filettato”, e su di esso si avvitava il cappuccio per manovrare l’estrazione ed il rientro del pennino; e, tuttavia, con tale filettatura il pezzo si rivelò molto delicato e prono a rotture (accidentali o in fase di manutenzione).
Nello stesso periodo, inoltre, il meccanismo interno non elicoidale (per problemi di brevetto fino al 1911) faceva fuoriuscire il pennino “in rotazione”: dopo tale data il pennino uscirà perfettamente diritto, come nella penna in presentazione. Il primo limite temporale è dunque stabilito: 1912.
Per ciò che riguarda l’incisione della Marca sul rivestimento,
WATERMAN’S IDEAL 18 K.R.
11. WH. inscription.jpg
realizzata dal laminatore (verosimilmente) italiano, vediamo l’evoluzione del Trademark in Italia, ricostruita consultando l’archivio del nostro Wiki:
- il Marchio (Trademark) “WATERMAN’S IDEAL FOUNTAIN PEN N.Y.” fu depositato il 5 novembre 1907 (e registrato il 30 gennaio 1908);
12. Waterman-1-Trademark.jpg
- un ulteriore Marchio “WATERMAN’S” venne depositato 16 gennaio 1913 (e registrato il 23 maggio 1913);
- il marchio con il Globo (Ideal), il mappamondo [@Simone, il Marchio è attualmente salvato “sottosopra” nel Wiki] fu depositato il 17 marzo 1915 (e registrato l’8 giugno 1915).
13. Waterman-3-Trademark.jpg
13. Waterman-3-Trademark.jpg (34.63 KiB) Visto 759 volte
Dopo tale data (quindi dalla metà del 1915) le laminature dovrebbero avere anche il Globo e, viceversa, le penne laminate in Italia prima di quella data, dovrebbero non averlo.
Quindi la finestra temporale dovrebbe (il condizionale è sempre d’obbligo) andare dal 1912 alla metà del 1915.

La laminatura
La penna presenta una peculiarità che potrebbe farla rientrare nel novero dei primi rivestimenti a marchio Waterman’s eseguiti in Italia.
La laminatura, in oro 18K.R., lascia scoperta la sommità del cappuccio (testina)
14.WH. open 3.jpg
e la parte del fusto in ebanite posta immediatamente al di sotto del cappuccio avvitato.
15. WH. capped 2.jpg
Dalle mie ricerche risulterebbe che Waterman, almeno in Italia, adottò questa tipologia di rivestimento, che definirei “parziale”, solo in alcune delle primissime lavorazioni commissionate/autorizzate, e poi sostanzialmente la abbandonò.
La splendida decorazione a “corteccia d’albero”, del tutto inusuale,
16. WH. bark overlay.jpg
così come l’artistica “irregolarità” del disegno
17. WH. overlay detail.jpg
farebbero pensare ad una lavorazione (o almeno ad una estesa, non comune “rifinitura”) eseguita a mano da un maestro incisore.
La riproduzione artistica di una nodosa corteccia d’albero sull’oro della laminatura, ben si accosta in questa reinterpretazione stilografica della “clava erculea” alla denominazione stessa che l’Italiano ha dato del materiale originale della stilografica, quella “black hard rubber” (B.H.R. gomma dura vulcanizzata nera) da noi ribattezzata “ebanite”, in onore del suo colore profondo tipico dell’omonimo legno esotico...

Conclusioni
Non mi resta che mostrare il classico pennino Waterman Ideal New York #2 ed il suo superlativo alimentatore a cucchiaio (in ebanite anch’esso)
18. WH. nib and feeder.jpg
impegnati in fase di scrittura…
E’ il primo pennino della mia pattuglia di Waterman perennemente in uso (ogni altro Marchio surclassato!) che abbia un tratto più abbondante di F: la scorrevolezza ultraterrena (visto il riferimento mitologico non poteva essere altrimenti) e la libidinosa flessibilità
19. WH. writing sample2.jpg
fanno della penna l’“ideale” per le firme, oltre che per un buon quarto d’ora di conversazione… 8-)

Come di consueto, ormai, desidero congedarmi con un’ultima foto che oggi dedicherò all’amico Luigi, che in un suo recente post ha ottimamente recensito una Parker JackKnife (“coltello a serramanico”), ambientandola perfidamente nel cortile di una scuola elementare al momento della merenda…
La mia “Clava di Ercole” si trova (meno provocatoriamente) in ottima compagnia sull’incisione “Battaglia di uomini nudi”: anch’essa opera di Antonio del Pollaiolo, circa 1470, esemplare del Museum of Art di Cleveland.
20. WH. composition.jpg
Grazie per l'attenzione!! :thumbup:

Giorgio

Avatar utente
nacanco
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 174
Iscritto il: domenica 22 maggio 2016, 12:06
La mia penna preferita: Perry
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da nacanco » domenica 18 settembre 2016, 14:15

Originalissima presentazione, originale e coinvolgente al massimo grado.
L'ho letta e guardata con grande attenzione ammirando anche i rimandi al Pollaiolo.
La lavorazione della laminatura, pur non essendo un esperto, la trovo veramente particolare, un esemplare ancora più unico del solito.
Poi la tua "ipotesi di datazione" è una lezione di filologia applicata.
Insomma, caro Giorgio, ogni volta ti superi, e ogni volta è arduo capire come tu faccia.
Grazie.
Michele

Avatar utente
maxpen2012
Collezionista D.O.C.
Collezionista D.O.C.
Messaggi: 630
Iscritto il: martedì 2 aprile 2013, 3:04
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Firenze

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da maxpen2012 » domenica 18 settembre 2016, 16:59

Bravo Giorgio, penna bellissima e rara... :o
Secondo me però si potrebbe trattare di una Waterman 42 con rivestimento originale U.S.A ...
Negli States infatti intorno alla metá degli anni '20 fu in gran voga il decoro a corteccia d' albero,
detto "tree trunk pattern", che fu abbondantemente usato non solo dalla Waterman ma anche da Wahl,
Parker ed altri produttori d'oltre oceano...
Questo spiegherebbe anche l'assenza, davvero insolita, di marchi italiani, e quel cap top scoperto,
altrettanto insolito nei rivestimenti nostrani...
È solo una mia ipotesi, beninteso... ;) :wave: Ciao, Max
" La gloria di Colui che tutto move
per l'Universo penetra e risplende
in una parte più, e meno altrove..."
Dante Par. C I

Avatar utente
fab66
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 1631
Iscritto il: mercoledì 31 ottobre 2012, 19:27
La mia penna preferita: Doric che non ho regalato a 8
Il mio inchiostro preferito: pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Cecina
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da fab66 » domenica 18 settembre 2016, 17:33

Giorgio complimenti :clap: :clap: però...... mica ti offendi vero se mi fido più di Max ...... :lol: :lol:
Fabrizio

Avatar utente
lucre
Levetta
Levetta
Messaggi: 541
Iscritto il: lunedì 29 febbraio 2016, 15:10
La mia penna preferita: Una Wahl Doric prima serie
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: roma
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da lucre » domenica 18 settembre 2016, 17:41

Giorgio grazie per la dedica, ma sopratutto per la bellissima presentazione, come sempre ricca di dati, informazioni, interrogativi e spunti di riflessione :clap:
Luigi

muristenes
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 924
Iscritto il: lunedì 13 maggio 2013, 22:42
La mia penna preferita: Pelikan M215
Il mio inchiostro preferito: Pelikan Edelstein Topaz
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cagliari

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da muristenes » domenica 18 settembre 2016, 18:29

A costo di sembrare ripetitivo, rinnovo una volta di più i miei complimenti per le tue recensioni fantastiche ;)

La penna è bellissima, ma da te ormai non ci aspettiamo niente di meno :lol:

johnRbray
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 97
Iscritto il: martedì 6 settembre 2016, 18:33
Località: VALDICHINA
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da johnRbray » domenica 18 settembre 2016, 20:57

Recensione veramente bella, c'è un pò di tutto in questa storia, per me che sono un novellino un oggetto del genere è fuori budget ma è sempre bello vederne e condividere con altri la stessa sensazione che si ha quando si trova una nuova penna, invidio molto questi pennini antichi con una flessibilità marcata, sarei curioso di provarne prima o poi, ma sto imparando a non avere fretta!
che dire... qui ne vogliamo ancora!

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 21:49

fab66 ha scritto:Giorgio complimenti :clap: però...... mica ti offendi vero se mi fido più di Max ...... :lol:
Certo che non mi offendo, Fabrizio!! ;)
Magari avesse ragione Max anche stavolta, come sempre: la penna laminata da Waterman negli States varrebbe 10 volte tanto quella laminata da noi, come ben sai... :lol:
:wave:

Giorgio

P.s.: ora rispondo a lui.

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 22:00

maxpen2012 ha scritto:Bravo Giorgio, penna bellissima e rara... :o
Secondo me però si potrebbe trattare di una Waterman 42 con rivestimento originale U.S.A ...
Negli States infatti intorno alla metá degli anni '20 fu in gran voga il decoro a corteccia d' albero,
detto "tree trunk pattern", che fu abbondantemente usato non solo dalla Waterman ma anche da Wahl,
Parker ed altri produttori d'oltre oceano...
Questo spiegherebbe anche l'assenza, davvero insolita, di marchi italiani, e quel cap top scoperto,
altrettanto insolito nei rivestimenti nostrani...
È solo una mia ipotesi, beninteso...
Ciao, Max
Grazie di cuore, caro Max!!! :thumbup:
Il punzone del rivestimento 18 K.R. sembrerebbe proprio esclusivamente italiano come anche da WIKI
http://www.fountainpen.it/Karat_Rolled
e non riconducibile agli Stati Uniti che usavano “rolled gold” e “gold filled”, ma non mi sembra sulle Waterman più antiche, dove vedo spesso
WATERMAN'S IDEAL FOUNTAI PEN
e nient'altro. Ma forse mi sfugge qualcosa... :problem:
E' per questo motivo che ho avanzato le mie ipotesi.
A questo indirizzo
http://www.nycpens.com/rare_pens.html
è presente il modello meglio fotografato dei rivestimenti “trunk tree” da te citati: una #452 (rivestita in argento) definita forse un poco enfaticamente “the rarest of rare pens” (questa è per Fab, non per te :lol: )
Waterman #452 tree trunk pattern .JPG
Waterman #452 tree trunk pattern bis.JPG
Vi si possono rinvenire dei caratteri comuni con la mia laminatura, ma i (linfo)nodi del legno sono invero un poco inquietanti (forse peste bubbonica?!).
Ora sarebbe di grande aiuto conoscere la data di introduzione della punzonatura 18 K.R. in Italia, per ricalibrare, se del caso, la mia ipotesi di datazione.
Ti prego, caro Max, di continuare questa bellissima discussione fino al raggiungimento di una ipotesi di attribuzione e di datazione che ti convinca appieno!!

P.s.: ero sicuro che tu avessi in casa una delle 50 incisioni conosciute del Pollaiolo, ma forse sei “geloso”… :D

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 22:43

nacanco ha scritto:Originalissima presentazione, originale e coinvolgente al massimo grado.
L'ho letta e guardata con grande attenzione ammirando anche i rimandi al Pollaiolo.
La lavorazione della laminatura, pur non essendo un esperto, la trovo veramente particolare, un esemplare ancora più unico del solito.
Poi la tua "ipotesi di datazione" è una lezione di filologia applicata.
Insomma, caro Giorgio, ogni volta ti superi, e ogni volta è arduo capire come tu faccia.
Grazie.
Michele
Caro Michele, non posso che ringraziarti nuovamente per le tue belle parole!! :thumbup:
E' l'ennesimo contributo tutt'altro che conclusivo sull'argomento, ma sinceramente appassionato: basta rinunciare un paio di sere alla TV... :lol:
:wave:

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 22:45

johnRbray ha scritto:Recensione veramente bella, c'è un pò di tutto in questa storia, per me che sono un novellino un oggetto del genere è fuori budget ma è sempre bello vederne e condividere con altri la stessa sensazione che si ha quando si trova una nuova penna, invidio molto questi pennini antichi con una flessibilità marcata, sarei curioso di provarne prima o poi, ma sto imparando a non avere fretta!
che dire... qui ne vogliamo ancora!
Ti ringrazio per l'apprezzamento, Gion, e spero che la tua curiosità ti porti col tempo a tante belle scoperte!! :thumbup:

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 22:52

lucre ha scritto:Giorgio grazie per la dedica, ma sopratutto per la bellissima presentazione, come sempre ricca di dati, informazioni, interrogativi e spunti di riflessione :clap:
Grazie Luigi, i tuoi complimenti mi fanno particolarmente piacere!! :thumbup:
Come vedi, in ogni caso la curiosità ci spinge fin dove possiamo giungere con le nostre forze: poi è indispensabile l'aiuto di chi generosamente è disposto a condividere la propria conoscenza. Ed è anche per questo che il nostro Forum è davvero un gran bel posto dove ritrovarsi!! :clap:
:wave:

Giorgio

Avatar utente
Musicus
Collaboratore
Collaboratore
Messaggi: 2290
Iscritto il: martedì 3 dicembre 2013, 20:33
La mia penna preferita: Waterman Commando Music Nib
Il mio inchiostro preferito: Waterman Brown
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Bolzano
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Musicus » domenica 18 settembre 2016, 22:55

muristenes ha scritto:A costo di sembrare ripetitivo, rinnovo una volta di più i miei complimenti per le tue recensioni fantastiche ;)
La penna è bellissima, ma da te ormai non ci aspettiamo niente di meno :lol:
Beh, A, con tutte le "libere interpretazioni" delle vicende del povero Ercole, la recensione ha finito davvero per diventare "fantastica", ma in ben altro senso... :lol:
Grazie di cuore!! ;)
:wave:

Giorgio

Silemar
Levetta
Levetta
Messaggi: 600
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 18:02
Il mio inchiostro preferito: Sailor Sei-Boku
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Rieti
Sesso:

WATERMAN Safety “Clava di Ercole”- 1913

Messaggio da Silemar » lunedì 19 settembre 2016, 11:47

Davvero godibile questa recensione che unisce alla consueta cura nei dettagli un insolito aspetto ludico. Mi piace il contrasto tra il rude aspetto maschio di questa penna e il suo animo delicatamente flex. Felice di averla conosciuta! :thumbup:

Rispondi