casi della vita e del commercio

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Avatar utente
sussak
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da sussak » mercoledì 13 marzo 2019, 9:26

Apro il mio primo intervento sul Forum con una lamentela, purtroppo.
Milano, confrontata con altre città europee, è piccola, ma si trova (o meglio si trovava) di tutto, dalla vitina per gli occhiali alla torretta del carro armato (in via Armellini); però i miei fornitori di macchina fotografiche e pellicole hanno chiuso; Brunori, il mio punto di riferimento per le stilografiche ha cessato l’attività. Era più di un punto di riferimento, aveva tutto, sapeva tutto del suo settore, ed aveva una dote rarissima in questa città: la cortesia.
Di venditori di penne ne sono rimasti sostanzialmente tre. Ieri avevo bisogno delle cartucce Pelikan lunghe, per rendere l’idea del tipo Edelstein nella scatolina di latta, ed un converter Kaweco di tipo standard, non quello micro per la Sport, ma per la Kaweco Dia II. Penso niente di eccezionale.
Prendo la metro 2 e scendo a Cadorna, confidando che nel negozio più vecchio, trovi quanto mi occorre, trattandosi di materiale abbastanza comune. Le tre vetrine sono strapiene di tutti i modelli di stilo immaginabili con prezzi da 20 euro fino a 1200, comprese tutte le Kaweco in catalogo.
Entro, alle 16 non c’è nessuno tranne tre commesse in età, dallo sguardo spento ed annoiato; saluto e nessuno mi risponde. Chiedo le cartucce, la dipendente mi guarda (finalmente) e mi dice “non le abbiamo”, “non avete cartucce Pelikan nere lunghe?” “no, ma le Waterman sono identiche” ”guardi che mi servono su una Kaweco Dia II, come quella in vetrina, è sicura?” “sì” - ne prendo una scatola – “Avete un converter standard, quello Pelikan non va bene, non entra” “no” “ho capito, devo comprare su Amazon” – Pago 4 euro, saluto (nessuna risposta) e torno a casa. Le cartucce Waterman sulla Kaweco Dia II non vanno bene, ballano e non si bloccano sull’innesto.
Accendo il pc, vado sul sito del mio abituale fornitore tedesco e trovo il converter, su Amazon tutte le cartucce che mi occorrono e che domani arriveranno in portineria.
Ora mi chiedo che, se è sparito dal commercio il buon Brunori, non meriti di sparire anche qualcun altro che non è capace di gestire una attività commerciale. O forse è colpa mia che non gli ho lasciato 500 euro per una penna nuova?

Avatar utente
Massimo59
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 66
Iscritto il: mercoledì 31 ottobre 2018, 13:10
La mia penna preferita: M120 per motivi affettivi
Il mio inchiostro preferito: Waterman blu
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Brianza

casi della vita e del commercio

Messaggio da Massimo59 » mercoledì 13 marzo 2019, 10:50

Di gente che non sa fare il proprio lavoro c'è pieno il mondo. Più tragica se ci si spaccia per ciò che non si è... (A Milano sai dove poter bere un buon cappuccino con un Barista che lo sappia fare?... perchè di baristi ce ne sono a iosa...) Ma la cosa che ancor di più mi da fastidio, e che ho imparato a controllare, girando sui tacchi e uscendo immediatamente, è quando entri in un negozio, saluti, e nessuno ti risponde... ecco li, sei sicuro di trovare tutto quel che cerchi...

Avatar utente
sussak
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da sussak » mercoledì 13 marzo 2019, 13:28

Una volta la buona educazione era uno standard normale nei rapporti interpersonali, te la insegnavano in casa e poi a scuola, ed a chi non ci andava, in caserma. Per un negoziante l'arte di vendere è l'elemento base del commercio, cioè riuscire a spillare il massimo dei soldi ad un cliente con un sorriso facendolo uscire contento. A Milano un posto esemplare da questo punto di vista esiste, è un negozio di compravendita di materiale fotografico in via Dante, gestito da un proprietario giapponese. Ha circa 12 dipendenti, che filano come orologi, sorridono a tutti quelli che entrano, si alzano e danno la mano e chiedono se si desidera un caffè; poi al momento buono arriva anche il conto.
Ma le persone escono gratificate da un contatto umano che non è mai sgradevole, ma il proprietario è giapponese ed è sempre presente e vigile.
Ho una casa di campagna nell'oltrePo, e quando devo andare a prendere il pane debbo sorbirmi un quarto d'ora di convenevoli, capisco che lì il tempo ha una dimensione diversa, ma nelle comunità piccole tengono moltissimo alla comunicazione.
Qui, cribbio, ci si scontra con metodi sbrigativi che non ho trovato neppure a NYC dove il tempo è denaro e non si spreca nemmeno un secondo.
Dipendenti svogliati o demotivati, che sembra vogliano invogliati a uscire il prima possibile, che non degnano neppure di far finta di cercare un articolo prima di dirti che non c'è, paghi e ti mollano al banco andandosene per i fatti loro.
Hai l'impressione che ti soppesino all'ingresso valutando se sei uno che spenderà o meno.
Una cosa è certa, che a me in corso Magenta non mi vedono più; in fondo, con un poco di pazienza in rete si trova tutto e si possono anche valutare meglio le offerte; mi spiace perchè così tutto il commercio si affosserà, ma molti, specie quelli che credono di poter vivere di una rendita di posizione, se la sono cercata.

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 1072
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Sesso:
Contatta:

casi della vita e del commercio

Messaggio da Monet63 » mercoledì 13 marzo 2019, 14:34

sussak ha scritto:
mercoledì 13 marzo 2019, 9:26
saluto e nessuno mi risponde.
Come già detto dall'amico prima di me, è un tipo di comportamento al quale reagisco andando via immediatamente, senza "se" e senza "ma". Puoi avere molti motivi per non riuscire a fare - come dovresti - il tuo lavoro (e di norma non dovrebbero riguardare me), ma non ne esiste nemmeno uno per essere maleducati.
:wave:
sussak ha scritto:
mercoledì 13 marzo 2019, 13:28
A Milano un posto esemplare da questo punto di vista esiste, è un negozio di compravendita di materiale fotografico in via Dante, gestito da un proprietario giapponese. Ha circa 12 dipendenti, che filano come orologi, sorridono a tutti quelli che entrano, si alzano e danno la mano e chiedono se si desidera un caffè; poi al momento buono arriva anche il conto.
Mr. Watanabe è un fenomeno, un amico. Con la mia compagna abbiamo a volte pranzato insieme a lui e al suo staff; gente innamorata del proprio lavoro. Lui venne in Italia molto tempo fa per perfezionare il canto lirico, e non andò mai più via. Davvero un personaggio.
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
Stormwolfie
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1005
Iscritto il: lunedì 4 dicembre 2017, 16:59
La mia penna preferita: Sailor 1911
Il mio inchiostro preferito: Sailor Blue Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da Stormwolfie » mercoledì 13 marzo 2019, 14:59

A Roma mi è successa la stessa cosa.
Sono entrato in un negozio storico del centro, di quelli belli e famosi con le vetrine d'epoca che espongono bellissime penne.
Entro e chiedo se hanno un inchiostro ferrogallico calligrafico.
Mi rispondono con fare annoiato e scortese che loro sono pieni di inchiostro indicandomi una vetrina piena di pelikan edelstein.
Insisto dicendo che a me serve un ferrogallico calligrafico e lui: "le ripeto signore che abbiamo tutti gli inchiostri che vuole".
A quel punto ho salutato e me ne sono andato.
Mi piacerebbe molto avere la possibilità di scoprire quel negozio storico, ma chi lo guida è talmente antipatico che non gli comprerei nemmeno una cartuccia singola.
STEFANO

Ogni penna corre con inchiostri diversi su altrettante innumerevoli carte. Alcune scivolano rapide, altre con piena lentezza, altre grattano ritmi piacevoli. Ognuna esprime un suo carattere che lo scrittore dolcemente doma.

Iridium
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 162
Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 5:52
La mia penna preferita: Leonardo Momento Zero Black EF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Twilight
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Palermo

casi della vita e del commercio

Messaggio da Iridium » mercoledì 13 marzo 2019, 15:14

Stormwolfie ha scritto:
mercoledì 13 marzo 2019, 14:59
A Roma mi è successa la stessa cosa.
cut... un ferrogallico calligrafico e lui: "le ripeto signore che abbiamo tutti gli inchiostri che vuole".
...cut
Mi piacerebbe molto avere la possibilità di scoprire quel negozio storico, ma chi lo guida è talmente antipatico che non gli comprerei nemmeno una cartuccia singola.
non mi viene in mente nulla di più fastidioso della coppia ignoranza & presunzione... e purtroppo oggigiorno succede spesso di incontrarla.
Hai la mia solidarietà.

saluti
Fabio

Avatar utente
alfredop
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2424
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2008, 17:48
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 061
Fp.it Vera: 002
Località: Napoli
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da alfredop » mercoledì 13 marzo 2019, 15:32

Oramai io nei negozi acquisto come si acquista on-line, quindi prima mi informo precisamente su quello che voglio comprare e poi quando entro nel negozio vado direttamente dal commesso chiedendo del prodotto specifico (in questo caso particolare: mi serve l'inchiostro di marca X di tipo Y di colore G). Se quel prodotto non è disponibile mi informo delle alternative disponibili, e se il negoziante sa il fatto suo tipicamente concludo comunque, altrimenti saluto e me ne vado.

D'altra parte questo tipo di comportamento è oramai indispensabile su una ampia gamma di prodotti, chi si sognerebbe di farsi consigliare da un commesso quale telefono o computer comprare?

Alfredo
“Andare all’inferno è facile . C’è una scala. Scendi il primo gradino. Poi scendi il secondo. Poi scivoli." (Leo Ortolani, Rat-Man n. 91)

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1349
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da HoodedNib » mercoledì 13 marzo 2019, 21:22

alfredop ha scritto:
mercoledì 13 marzo 2019, 15:32
Oramai io nei negozi acquisto come si acquista on-line, quindi prima mi informo precisamente su quello che voglio comprare e poi quando entro nel negozio vado direttamente dal commesso chiedendo del prodotto specifico (in questo caso particolare: mi serve l'inchiostro di marca X di tipo Y di colore G). Se quel prodotto non è disponibile mi informo delle alternative disponibili, e se il negoziante sa il fatto suo tipicamente concludo comunque, altrimenti saluto e me ne vado.

D'altra parte questo tipo di comportamento è oramai indispensabile su una ampia gamma di prodotti, chi si sognerebbe di farsi consigliare da un commesso quale telefono o computer comprare?

Alfredo
Io conosco qualcuno che lo fa :lol:
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
jebstuart
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 310
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2017, 22:41
La mia penna preferita: Montblanc 14x
Il mio inchiostro preferito: Sailor Nano Pigment
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Napoli
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da jebstuart » giovedì 14 marzo 2019, 0:51

Il fatto è che un numero preoccupante di persone odiano - per i motivi più vari - il lavoro che fanno, e che altrettanti hanno il senso del dovere di un paramecio.
È difficile imparare tutto di converter e cartucce se non si ha per loro una passione o se, pur non avendola, non si considera il farlo un elementare dovere etico verso chi viene a portarci il suo denaro fin dentro al negozio nostro o del proprietario che ci corrisponde uno stipendio.

Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 7596
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da Ottorino » giovedì 14 marzo 2019, 9:22

Provocazione per amor di discussione e sguardo "divertito" ovvero che diverge e vede le cose da altra prospettiva: ormai preferiamo interagire con un programma invece che con delle persone per quanto sgradevoli.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 273
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

casi della vita e del commercio

Messaggio da Bons » giovedì 14 marzo 2019, 9:28

Ottorino ha scritto:
giovedì 14 marzo 2019, 9:22
ormai preferiamo interagire con un programma invece che con delle persone per quanto sgradevoli.
Ovvero: "meglio soli che male accompagnati".
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1349
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da HoodedNib » giovedì 14 marzo 2019, 9:41

Ottorino ha scritto:
giovedì 14 marzo 2019, 9:22
Provocazione per amor di discussione e sguardo "divertito" ovvero che diverge e vede le cose da altra prospettiva: ormai preferiamo interagire con un programma invece che con delle persone per quanto sgradevoli.
Io preferirei interagire con persone gradevoli o che almeno facciano il loro lavoro (anche perche' ogni tanto pure io sono quello che non vuole interagire), quindi se so che l'unico negozio da me raggiungibile ha personale che tende a scartavetrare parti sensibili allora preferisco evitare e prendere online.

Totalmente un altro discorso e' cercare online qualcosa che non hai possibilita' di avere vicino casa
Ultima modifica di HoodedNib il giovedì 14 marzo 2019, 9:47, modificato 1 volta in totale.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Bons
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 273
Iscritto il: sabato 10 marzo 2018, 13:10
La mia penna preferita: Oggi, Pelikan M405 con...
Il mio inchiostro preferito: ... Pelikan Edelstein Sapphire
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Ho attraversato l'Alto Adige

casi della vita e del commercio

Messaggio da Bons » giovedì 14 marzo 2019, 9:46

Da queste parti, oltre l'Alto Adige, anche per fare la/il commessa/o c'è una scuola professionale dedicata.
Poi, si, c'è chi il suo lavoro lo svolge con più dedizione, passione, competenza o ha doti innate da venditore, ma un saluto e la domanda "posso aiutarla" sono la prassi.
Angelo


We are such stuff
As dreams are made on; and our little life
Is rounded with a sleep.

William Shakespeare, The Tempest

Avatar utente
shinken
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 804
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF, PilotCustom 74SF
Il mio inchiostro preferito: Diamine Midnight, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso:
Contatta:

casi della vita e del commercio

Messaggio da shinken » giovedì 14 marzo 2019, 10:24

dal punto di vista di uno che fa commercio:
caso1:
entra un Tizio e urla:"mi dia XX"
io:"buongiorno, mi spiace non trattiamo quel genere di prodotto, questa è una tabaccheria".
Tizio esce.
caso2:
Tizio apre la porta e chiede ad alta voce:" dov' è XXy?"
io ho 3 clienti in coda sono davanti al terminale del lotto e un cliente mi sta dettando i numeri da giocare quindi non rispondo ( sono un cafone...non riesco a fare bene 2 cose, ho paura di fare casini col cliente cose fate voi)
Tizio spazientito sbatte la porta e va via.
caso2 versione b
Tizio apre la porta e chiede ad alta voce:" dov' è XXy?"
io. "buongiorno mi spiace in questa zona non c'e XXy"
Tizio sbotta che sono un maleducato e va via
il caso 2 e 2b avvengono in media 4-5 volte in una giornata.
Di solito i Tizi ( i clienti sono una cosa differente) non salutano, sono aggressivi, sono fuori contesto per il mio lavoro.

Riguardo ad Amazon, mi duole dire che ci compro pure io e sono felicissimo facessi un altro tipo di commercio ci venderei pure.
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

Avatar utente
sussak
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 79
Iscritto il: martedì 26 febbraio 2019, 12:02
La mia penna preferita: Parker Duofold Orange Senior,
Il mio inchiostro preferito: Diamine, Lamy Azurite
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

casi della vita e del commercio

Messaggio da sussak » giovedì 14 marzo 2019, 10:34

Francamente, di interagire con persone sgradevoli ne faccio volentieri a meno. La simpatia o l'antipatia è istintiva, bastano 10 secondi per sentirla a pelle. Ora, quando entro per comprare, compro una merce ed un servizio.
Se la merce me la sbattono lì, senza grazia e senza un minimo di cortesia formale, se la possono anche tenere.
Provo un innato senso di ripulsa verso chi ostenta maleducazione e/o supponenza.
E penso che se uno vuol mettersi in commercio, deve avere professionalità e cortesia, altrimenti sarebbe meglio se cambiasse mestiere.
Certo è che la buona educazione deve essere reciproca.
Sempre parlando di penne, sono entrato anche in un altro dei tre negozi di cui parlavo, vicino a piazza Duomo.
Questo è più piccolo, retto solo dalla titolare. Non è molto a buon mercato, ma il cliente viene trattato rispettosamente, perchè tiene ben presente che rappresenta la sua principale fonte di sostentamento.

Cordialmente
Umberto

p.s.
per il signore che gestisce la tabaccheria: i genovesi sono "ruvidi" per loro carattere ! :)

Rispondi