Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Avatar utente
DerAlte
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1118
Iscritto il: sabato 24 ottobre 2015, 22:17
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Catania
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da DerAlte » sabato 25 febbraio 2017, 14:52

Medicus ha scritto:Vi chiedo scusa in anticipo ma per me se la Lamy scomparisse :silent: , non mi importerebbe una emerita cippa :silent: :silent:
Mi accorgo adesso che non c'è la faccina con le lacrimucce.
Immagine

dacco
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 62
Iscritto il: martedì 9 giugno 2015, 22:04
La mia penna preferita: Pelikan M200
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Salento
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da dacco » sabato 25 febbraio 2017, 18:17

Tempo fa lessi su un forum un post piuttosto critico su Amazon scritto da un commerciante privato che usava la piattaforma per piazzare on-line i propri prodotti e che descriveva come secondo lui Big A scavalcava lui e i suoi colleghi. Il meccanismo era più o meno il seguente:

un venditore privato vende un prodotto sul sito di Big A. Il prodotto va bene-->A si accorge di ciò-->A si rivolge direttamente al produttore, per accordarsi direttamente-->il produttore non può dire no ad un colosso come A e deve accetta il prezzo che A gli propone-->il venditore privato si attacca al tram perché lui non ce la fa a vendere a un prezzo così basso.

Immagino che non sia così improbabile per Lamy ricevere una chiamata da A che le dice: ci piacciono i tuoi prodotti. Si vendono bene. Facciamo "un accordo": te li paghiamo metà di quanto chiedi.

Forse Lamy vuole salvaguardarsi da una tale eventualità. D'altronde se la notizia è sensata, non ci sarebbe negozio on line più danneggiato di quello in oggetto.
Ovviamente la mia è un'ipotesi totalmente campata in aria, senza nessun dato alla mano. L'unica cosa che posso dire è che in questo momento il miglior prezzo per una Lamy Safari Matte lo trovo proprio su A, venduta e spendita da A. La pagai 25 euro in centro a Firenze. Eccessivo, col senno di poi. Ma alla prima stilografica si perdonano tante cose.

Avatar utente
sciumbasci
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 443
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da sciumbasci » sabato 25 febbraio 2017, 18:34

Mah non credo... Anche Sailor ha una politica simile: o vendi tutti i loro prodotti o nessuno di questi. Tant'è che un famoso negoziante online ha dovuto smettere gli inchiostri Sailor proprio per questo motivo.

jabbahulk
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 105
Iscritto il: mercoledì 10 febbraio 2016, 0:01
La mia penna preferita: Optima
Il mio inchiostro preferito: Kon Peki
Misura preferita del pennino: Fine
Località: brianza
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da jabbahulk » sabato 25 febbraio 2017, 20:42

Lamy sta lanciando in modo massiccio il suo totem-scaffale in tantissimi negozi duty free e in moltissimi negozi purtroppo ad ora solo tedeschi, storicamente i loro migliori e affezionati rivenditori. La loro politica sembra quella di voler controllare meglio il canale distributivo, rafforzare il marchio e togliersi di mezzo degli intermediari potenzialmente ricattatori. In sostanza loro le penne non le vendono a chiunque ma solo a chi riesce a fornire spazi espositivi fisici per farle conoscere e provare a dare un minimo di assistenza: non mi stupirei se fosse una mossa per accontentare-invogliare chi in negozio un totem vorrebbe metterselo evitando di diventare solo una vetrina per chi poi l'acquisto lo fa on line.
Mi sembra una mossa x garantire alla fine il consumatore e cercare di fornire anche nel negozio sottocasa questi prodotti che apprezzo.
Un' approccio sensato a pensarci bene.

Andrea1979
Levetta
Levetta
Messaggi: 654
Iscritto il: domenica 11 settembre 2011, 21:36
La mia penna preferita: Caran d'Ache Léman
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Berna / Lugano (CH)
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da Andrea1979 » sabato 25 febbraio 2017, 22:38

jabbahulk ha scritto:La loro politica sembra quella di voler controllare meglio il canale distributivo, rafforzare il marchio e togliersi di mezzo degli intermediari potenzialmente ricattatori. In sostanza loro le penne non le vendono a chiunque ma solo a chi riesce a fornire spazi espositivi fisici per farle conoscere e provare a dare un minimo di assistenza
... non è poi tanto diverso da quanto fa Montblanc, che "pretende" dai suoi rivenditori (non boutique) determinati standard in termini di spazi fisici e prodotti proposti al pubblico.
Stilografiche: Lamy 2000 Stainless Steel, Lamy Imporium, Montblanc 149, Montblanc Starwalker Ultimate Carbon, Caran d'Ache Léman, Waterman Carène, Parker 75.

Avatar utente
MaPe
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 954
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da MaPe » sabato 25 febbraio 2017, 23:02

Medicus ha scritto:Vi chiedo scusa in anticipo ma per me se la Lamy scomparisse :silent: , non mi importerebbe una emerita cippa :silent: :silent:
Invece lo sai che sarei dispiaciuto? Prendi le Safari e le Al-star posso piacere o meno come linea e colori, ma costano poco e scrivono bene, sono facili come manutenzione e digeriscono ogni inchiostro. Non sono penne, ma piccoli Panzer.
Massimo

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1525
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da Medicus » sabato 25 febbraio 2017, 23:25

MaPe ha scritto: Invece lo sai che sarei dispiaciuto? Prendi le Safari e le Al-star posso piacere o meno come linea e colori, ma costano poco e scrivono bene, sono facili come manutenzione e digeriscono ogni inchiostro. Non sono penne, ma piccoli Panzer.


Non c'è dubbio che scrivano bene ed abbiano le qualità che dici ma a me proprio non piacciono e poi costa poco solo la Safari, le altre hanno un prezzo, secondo me, eccessivo.
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

Avatar utente
MaPe
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 954
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da MaPe » domenica 26 febbraio 2017, 1:03

Medicus ha scritto: Non c'è dubbio che scrivano bene ed abbiano le qualità che dici ma a me proprio non piacciono e poi costa poco solo la Safari, le altre hanno un prezzo, secondo me, eccessivo.
La Al-star costa qualche euro di più rispetto alla Safari, sugli altri modelli (tipo la 2000) ti do ragione. L'estetica è un discorso soggettivo, ma come prima penna, senza spendere grosse cifre, la Safari e la Al-star le ritengo tra le migliori.
Massimo

stoccop
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 69
Iscritto il: venerdì 11 novembre 2016, 10:45
La mia penna preferita: Pelikan M200
Il mio inchiostro preferito: Diamine Florida Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Valeggio sul Mincio
Sesso: Uomo
Contatta:

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da stoccop » domenica 26 febbraio 2017, 16:31

sciumbasci ha scritto:Male. I prezzi saliranno.
Diminuiranno gli sconti. Che vuol dire pagare più stipendi a dipendenti veri.

Avatar utente
Contax1961
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1558
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2014, 15:24
La mia penna preferita: Pelikan M140
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da Contax1961 » domenica 26 febbraio 2017, 17:13

quando vuoi rendere elitario in marchio devi anche avere i prodotti per farlo...non penso che sia una mossa commercialmente azzeccata... ;)
Riccardo

paki
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 487
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2014, 16:15
La mia penna preferita: Pelikan M205
Il mio inchiostro preferito: Diamine 150th Blue Velvet
Misura preferita del pennino: Italico
Località: Cerignola (FG)
Sesso: Uomo

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da paki » domenica 26 febbraio 2017, 17:27

Contax1961 ha scritto:quando vuoi rendere elitario in marchio devi anche avere i prodotti per farlo...non penso che sia una mossa commercialmente azzeccata... ;)
Quoto.

Pensandoci però, prima immettono una penna eccessivamente costosa (Imporium), poi l'edizione speciale della 2000 eccessivamente costosa, poi la Lx e ora questo...

Vogliono diventare la Montblanc dei poveri?
Pasquale
Immagine
Immagine

Avatar utente
Contax1961
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1558
Iscritto il: mercoledì 12 novembre 2014, 15:24
La mia penna preferita: Pelikan M140
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Firenze
Sesso: Uomo
Contatta:

Lamy potrebbe cessare di fornire i rivenditori sul web (?)

Messaggio da Contax1961 » domenica 26 febbraio 2017, 17:35

paki ha scritto:
Contax1961 ha scritto:quando vuoi rendere elitario in marchio devi anche avere i prodotti per farlo...non penso che sia una mossa commercialmente azzeccata... ;)
Quoto.

Pensandoci però, prima immettono una penna eccessivamente costosa (Imporium), poi l'edizione speciale della 2000 eccessivamente costosa, poi la Lx e ora questo...

Vogliono diventare la Montblanc dei poveri?
Onestamente non credo che non basti un prodotto o due piu costosi per diventare ambiti e elitari, capisco cosa pensi, e potrei essere d'accordo, ma come dimostra il mondo delle auto, non funziona in quel modo, per esempio Mecedes è considerata un marchio di livello alto ma se la paragoniamo con la Lexus, vediamo che nel confronto ci perde, solo che la Lexus non viene considerata al suo stesso livello ...per dire puoi anche fare un buon prodotto, ma chi ha il nome lo ha anche per la sua storia,e per farsene uno serve molto ma molto tempo... :wave:
Riccardo

Rispondi

Torna a “Problematiche di settore”