Cosa manca nel settore delle penne?

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Avatar utente
sciumbasci
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 443
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Lamy Safari
Località: Reggio Emilia
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da sciumbasci » giovedì 20 ottobre 2016, 21:04

johnRbray ha scritto:Mancano i pennini Flex!
Irishtales ha scritto:Bravo John: ridateci ci flessibili!!! :lol:

Caspita, ma quanto saremo (e va bene, sarò!! :oops: ) "malati"?! Ho letto il titolo dell'argomento e ho creduto che il senso fosse "cosa vi manca quanto a penne stilografiche"? L'istinto di averle tutte e di ogni tipo e persino più esemplari per tipo, è sintomo chiaro e inequivocabile di una malattia...
Giocate su questo: una penna che finora nessuno ha. E riproporre pennini flessibili, ma veri flessibili, a prezzo ragionevole e su belle penne a stantuffo, quello sì accenderebbe la fantasia degli stilografici cronici incalliti e irrecuperabili... :silent: :wave:
C'è già... Fatta a mano e con pennino Zebra G

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8484
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da Irishtales » giovedì 20 ottobre 2016, 21:58

Eh, no, io voglio il pennino in oro come nelle vintage!
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
Orlandoemme
Artista
Artista
Messaggi: 862
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2014, 19:35
La mia penna preferita: Visconti Rotary Centennial
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku ajisai
Misura preferita del pennino: Flessibile
Fp.it 霊気: 011
Fp.it Vera: 011
Località: Roma
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da Orlandoemme » venerdì 21 ottobre 2016, 21:42

Irishtales ha scritto:Eh, no, io voglio il pennino in oro come nelle vintage!
Ecco.
Prova a chiedere qua dentro se c'è qualcuno che non acquisterebbe una penna con un pennino flessibile in oro.
Orlando
-----
T'insegneranno a non splendere. E TU SPLENDI, invece.
P.P.Pasolini

Avatar utente
shinken
Levetta
Levetta
Messaggi: 585
Iscritto il: sabato 26 marzo 2016, 20:42
La mia penna preferita: Sailor GT EF, Platinum 3776UEF
Il mio inchiostro preferito: Aurora blu, 朝顔
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Genova
Sesso: Uomo
Contatta:

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da shinken » venerdì 21 ottobre 2016, 21:51

Orlandoemme ha scritto:
Irishtales ha scritto:Eh, no, io voglio il pennino in oro come nelle vintage!
Ecco.
Prova a chiedere qua dentro se c'è qualcuno che non acquisterebbe una penna con un pennino flessibile in oro.
Il pennino flex in oro è per un evoluzione del pokemon "utilizzatore di stilografiche" che diventa --> "malato di stilografiche"
Credo sia commercialmente più intrigante evolvere invece un "utilizzatore di oggetti di scrittura a caso" in "utilizzatore di stilografiche"
Luigi, tabaccaio in Genova.
Quarantadue è la risposta!

jabbahulk
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 105
Iscritto il: mercoledì 10 febbraio 2016, 0:01
La mia penna preferita: Optima
Il mio inchiostro preferito: Kon Peki
Misura preferita del pennino: Fine
Località: brianza
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da jabbahulk » domenica 23 ottobre 2016, 7:48

partendo dai bisogni, ed escludendo le penne da battaglia è scontato soffermarsi sul prodotto di lusso ma...
Va bene il flessibile, va bene a stantuffo, vanno bene le penne calligrafiche etc: vanno bene altre idee di nicchia ma occorre lavorare più che sul prodotto sulle esigenze per l'acquisto dello stesso e del suo uso.
Lo scrivere su carta con penne e inchiostri di una certa qualità NON è una cosa comune e razionalmente facilmente spiegabile...e poi scrivere cosa?

Forse dovresti concentrarti su questo come punto di partenza, partendo da chi ha del denaro da impiegare nell'acquisto più che nell'esplorare soluzioni tecniche.

Buona ricerca

Avatar utente
antidoto
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 119
Iscritto il: domenica 7 giugno 2015, 0:49
La mia penna preferita: Aurora Optima
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da antidoto » giovedì 27 ottobre 2016, 18:31

Ci hi pensato un po' prima di intervenire in questa discussione. Ti dico cosa manca a me: una penna nera (o a scelta trasparente, ma io la preferirei nera) con un dettaglio intercambiabile che indichi il colore dell'inchiostro: blu, nero, verde, rosso, arancio ecc. Potrebbe essere una veretta o un anellino sul fusto, una parte della clip o del fondello o altro. Per il resto la vorrei come una Pelikan Souveran o una Aurora Optima (caricamento a pistone con finestra di ispezione, pennino intercambiabile a vite).

Ovviamente se qualcuno la realizzasse sarebbe gradito un esemplare omaggio per l'ideatore. 8-)

XFer
Levetta
Levetta
Messaggi: 504
Iscritto il: giovedì 22 maggio 2014, 21:35
La mia penna preferita: Montblanc Meisterstuck 146
Il mio inchiostro preferito: Noodler's bulletproof black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Roma
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da XFer » domenica 30 ottobre 2016, 1:11

Secondo me me mancano le penne personalizzabili, e relativo mercato di accessori.

Con gli Swatch si cambiava il cinturino, con gli smartphone si cambia la custodia.

Se si potesse personalizzare qualcosa di una penna, magari anche solo per suggerire il colore dell'inchiostro caricato come dice Antidoto, sarebbe un'innovazione.
Più nello specifico delle penne di alta gamma, la possibilità di personalizzazione (clip, particolare del fusto e/o del cappuccio, magari un particolare in metallo prezioso o pietra dura) e un modo SEMPLICE di cambiare il pennino (in fondo anch'essa una personalizzazione) scegliendo tra gradazioni diverse, materiali diversi e finiture diverse, potrebbe essere interessante, almeno per me.

Avatar utente
donangelito
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 86
Iscritto il: sabato 19 settembre 2015, 21:01
La mia penna preferita: TWSBI Eco
Il mio inchiostro preferito: Sailor Kiwa Guro
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Fp.it 霊気: 108
Fp.it Vera: 019
Località: San Luis Potosí (México)
Sesso: Uomo

Cosa manca nel settore delle penne?

Messaggio da donangelito » domenica 30 ottobre 2016, 8:57

Irishtales ha scritto: E riproporre pennini flessibili, ma veri flessibili, a prezzo ragionevole e su belle penne a stantuffo, quello sì accenderebbe la fantasia degli stilografici cronici incalliti e irrecuperabili... :silent: :wave:
Concordo pienamente!

Rispondi

Torna a “Problematiche di settore”