Tasse su acquisti esteri

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Avatar utente
klapaucius
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1433
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2011, 14:23
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Tsuki-yo
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 097
Arte Italiana FP.IT M: 048
Località: Londra
Sesso:

Re: Tasse su acquisti esteri

Messaggio da klapaucius » mercoledì 29 febbraio 2012, 21:32

rembrandt54 ha scritto:
klapaucius ha scritto: Vedo solo due alternative: chiedere al rivenditore di dichiarare il prezzo intero oppure non acquistare all'estero. La seconda opzione la trovo ingiusta, per lo meno finché non si decide tutti di chiudere le frontiere alle merci. La prima è già più fattibile, e costringerebbe a rifarsi due conti.
Secondo me la soluzione potrebbe essere di acquistare all'estero SOLO quelle penne che non si trovano da noi !
Anche perchè poter toccare la penna e vederla di persona, è tutta un'altra cosa ! e questo lo puoi fare solo in un negozio !!
Se entrano in ballo considerazioni utilitaristiche e di convenienza (e non vedo perché non dovrebbero, trattandosi di beni che si acquistano, e per di più beni voluttuari) l'unico punto a favore degli acquisti in Italia è che così, forse, si salvaguardia a lungo termine la possibilità di vederle e toccarle di persona. E' l'unica giustificazione, tenue, per cui varrebbe la pena spendere (molto, spesso troppo) di più.

Dal punto di vista morale invece è un'altra storia, come ho detto, visto che le tasse vanno pagate.
Giuseppe

Rispondi