Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Rispondi
Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 243
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Dal Giappone con furore

Messaggio da Lamy » giovedì 22 novembre 2018, 15:35

Il discorso sulla differenza di prezzo tra Italia e Giappone è semplice: ci sono troppe persone di mezzo che vogliono la propria fetta di torta.
La logica sanziona le conquiste dell'intuizione. Essa è l'igiene che la matematica usa per rendere le sue idee sane e robuste.
- Morris Kline

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1434
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Dal Giappone con furore

Messaggio da MaPe » giovedì 22 novembre 2018, 15:36

Lamy ha scritto:
giovedì 22 novembre 2018, 15:35
Il discorso sulla differenza di prezzo tra Italia e Giappone è semplice: ci sono troppe persone di mezzo che vogliono la propria fetta di torta.
[/queote]
La questione è un pochino più complessa.
Massimo

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 933
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Dal Giappone con furore

Messaggio da Monet63 » giovedì 22 novembre 2018, 16:04

Lamy ha scritto:
giovedì 22 novembre 2018, 15:35
Il discorso sulla differenza di prezzo tra Italia e Giappone è semplice: ci sono troppe persone di mezzo che vogliono la propria fetta di torta.
Beh, insomma... se lavorano, offrendo un servizio, e soprattutto dichiarando i costi di quel servizio, non vedo il motivo del contendere. Poi, se di quel servizio si riesce/si può farne a meno, ci si comporta di conseguenza facendo in proprio, come ha fatto Franco.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 840
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Dal Giappone con furore

Messaggio da analogico » venerdì 23 novembre 2018, 10:49

Lamy ha scritto:
giovedì 22 novembre 2018, 15:35
Il discorso sulla differenza di prezzo tra Italia e Giappone è semplice: ci sono troppe persone di mezzo che vogliono la propria fetta di torta.
E' vero, tra il produttore ed il consumatore ci sono persone, persone che lavorano e che vogliono giustamente guadagnare.
Attenzione a non confondere un privato che compera una penna in Giappone, con una organizzazione commerciale stabilmente organizzata.
Sono due situazioni totalmente diverse ed incomparabili tra loro.
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

Lamy
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 243
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Lamy Safari Al Star Ocean Blue
Il mio inchiostro preferito: Lamy Turchese
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Milano
Sesso:

Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

Messaggio da Lamy » venerdì 23 novembre 2018, 11:57

Apro questa discussione per non inquinare ogni volta quelle altrui finendo con parlare di argomenti non in tema con quelli proposti dagli OP.
Per me la differenza esagerata di prezzo tra Giappone e Italia non è affatto giustificata; per me tra la fabbrica in Giappone ci sono troppi intermediari, oppure ce n'è uno particolarmente ingordo. Quanto sto dicendo può essere dimostrato semplicemente confrontando i prezzi tra un negozio del centro Itallia, che io so avere rapporti e accordi diretti col Giappone, e gli altri negozi che si affidano ai grassi distributori presenti in Italia. Prendiamo per l'inchiostro Pilot Iroshizuku: come mai su praticamente tutti i siti di penne lo si trova sui 37€ a prezzo pieno sul sito del suddetto negozio lo troviamo a 23,90€ (prezzo di listino)? Semplicemente perché ci sono meno grassoni in mezzo che si devono abbuffare!
La logica sanziona le conquiste dell'intuizione. Essa è l'igiene che la matematica usa per rendere le sue idee sane e robuste.
- Morris Kline

Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 933
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Nero Aurora
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino
Sesso:
Contatta:

Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

Messaggio da Monet63 » venerdì 23 novembre 2018, 13:43

Qui si può essere più prolissi, senza temere di andare fuori tema.
Come dicevo dall'altra parte, se lavorano offrendo un servizio, mettendo in chiaro (come fanno) i costi di quel servizio, non vedo il motivo del contendere. Sono, poi, io a decidere se ne vale la pena oppure no.
Per gli Iroshizuku, ci sono almeno due negozi del centro Italia che hanno i prezzi più bassi, e una boccetta viene messa in vendita a 23,90 in uno e 23 euro tondi nell'altro, salvo ulteriori sconti (già capitato). Gli altri negozi che lasciano il prezzo sensibilmente più alto non mi creano alcun problema, ma ovviamente non ci compro.
La differenza di prezzo esiste con molte categorie merceologiche: il sovrapprezzo è il guadagno del distributore. Per certe cose conviene rivolgersi al distibutore ufficiale (esempio, fotocamere digitali professionali), per altre si decide al momento. Le stilografiche sono un mercato di nicchia, non fanno grandi numeri, sono costruttivamente elementari, e può capitare (a me è capitato) che un negozio si sostituisca al distributore ufficiale fornendo comunque un servizio di qualità.
Non sarò io che andrò a fare i conti in tasca al distributore (che paga stipendi, tasse e quant'altro), ma posso manifestare il mio disappunto acquistando su altri canali, accettando che qualcosa possa andar male (e anche questo mi è capitato).
Non molto tempo fa ho acquistato due giapponesi in un negozio italiano, spendendo più di quanto avrei speso se avessi comprato direttamente in Giappone. Quel sovrapprezzo è il costo della mia comodità; ho pagato qualcuno per fare determinate operazioni al posto mio e, in caso di problemi, non devo far altro che portare il tutto in negozio. Niente dogane, niente attese, niente spedizioni, niente problemi se qualcosa va male.
Ho lo stesso atteggiamento anche verso il vintage: i mercatini mi piacciono, ma se devo comprare una vintage mi rivolgo a chi li gira d'abitudine e ha le capacità di mettere in pieno ordine di funzionamento una penna che - magari - ha sul groppone almeno 50 anni.
Questo è chiaramente il mio atteggiamento; non è più giusto del tuo, è solo diverso. Quando si compra, e si paga, ognuno ha il sacrosanto diritto di agire come ritiene più opportuno. Solo lo scopo finale è sempre lo stesso: avere tra le mani ciò che si desiderava.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba

Normie
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 100
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 13:23

Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

Messaggio da Normie » venerdì 23 novembre 2018, 15:20


Avatar utente
analogico
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 840
Iscritto il: giovedì 5 marzo 2015, 0:30
La mia penna preferita: Aurora HASTIL
Il mio inchiostro preferito: Aurora nero
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it 霊気: 027
Sesso:

Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

Messaggio da analogico » venerdì 23 novembre 2018, 18:55

Personalmente non mi interessa indagare i motivi reconditi delle differenze di prezzo tra questo e quel commerciante in questo o quel paese
Qui si sta parlando di penne quindi beni voluttuari e superflui non di beni primari ed indispensabili alla sopravvivenza.
Io francamente non farei mai un acquisto per poi aspettare che l’oggetto arrivi dall’altra parte del pianeta, chissà quando, chissà come e chissà in quali condizioni e magari dover poi brigare con dogane fatture e documenti vari.
Dovessi comperare una penna a settimana forse potrebbe valere la pena, ma visto che non è questo il mio caso , io preferisco andare in negozio e uscire con la penna , o quel che è, in tasca.
Preferisco instaurare un rapporto con un negoziante serio, possibilmente accorto con i clienti, che li segua e supporti anche in caso di eventuali problemi, che parli la mia lingua e risponda al telefono in orari lavorativi , con il quale magari fare anche due gradevoli chiacchiere di persona.
Tutto questo ha un prezzo, lo so, lo pago, e non me importa nulla, poi ciascuno faccia come crede e compri deve ritiene sia meglio.
Antonio

Tutte le persone conoscono il prezzo delle cose ma soltanto alcune ne conoscono il valore.
(O.Wilde)

Avatar utente
ASTROLUX
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 949
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

Messaggio da ASTROLUX » venerdì 23 novembre 2018, 19:38

Bisognerebbe provare a comprare una Viscomti o una Aurora in Giappone, per fare un paragone sensato.
IMHO

Avatar utente
Medicus
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1560
Iscritto il: venerdì 8 novembre 2013, 7:35
La mia penna preferita: Montblanc Le Grand
Il mio inchiostro preferito: Diamine Blue-Black
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 005
Località: Sassari
Sesso:

Causa della differenza di prezzo tra Giappone e Italia

Messaggio da Medicus » martedì 27 novembre 2018, 22:18

analogico ha scritto:
venerdì 23 novembre 2018, 18:55
Personalmente non mi interessa indagare i motivi reconditi delle differenze di prezzo tra questo e quel commerciante in questo o quel paese
Qui si sta parlando di penne quindi beni voluttuari e superflui non di beni primari ed indispensabili alla sopravvivenza.
Io francamente non farei mai un acquisto per poi aspettare che l’oggetto arrivi dall’altra parte del pianeta, chissà quando, chissà come e chissà in quali condizioni e magari dover poi brigare con dogane fatture e documenti vari.
Dovessi comperare una penna a settimana forse potrebbe valere la pena, ma visto che non è questo il mio caso , io preferisco andare in negozio e uscire con la penna , o quel che è, in tasca.
Preferisco instaurare un rapporto con un negoziante serio, possibilmente accorto con i clienti, che li segua e supporti anche in caso di eventuali problemi, che parli la mia lingua e risponda al telefono in orari lavorativi , con il quale magari fare anche due gradevoli chiacchiere di persona.
Tutto questo ha un prezzo, lo so, lo pago, e non me importa nulla, poi ciascuno faccia come crede e compri deve ritiene sia meglio.
Bell' intervento anche se non mi trovi pienamente d' accordo.
Non per niente ti chiami "analogico" !
"Je suis Bartali".
"L' è tutto da rifare"

Rispondi