Qualità Pelikan

I problemi che incontriamo nel mondo delle Penne, oltre quelli generali. Parliamone.
Rispondi
WallaceM
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 51
Iscritto il: martedì 29 ottobre 2013, 1:21
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Emilia-Romagna
Sesso: Non Specificato

Qualità Pelikan

Messaggio da WallaceM » mercoledì 22 novembre 2017, 20:57

Buonasera a Voi tutti,
ho da tempo un sentimento contrastante con la Stilografica Pelikan. Mesi addietro acquistai una M1000 nuova e con pennino B: non perfettamente allineato, sostituito in garanzia. Ora: secondo Voi il controllo qualità dell'Azienda è realmente migliorato? Ri-leggo recensioni di vari modelli con problemi legati, appunto, a tale controllo. Che ne pensate?

Grazie a tutti

Avatar utente
Siberia
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 495
Iscritto il: martedì 10 febbraio 2009, 20:34
La mia penna preferita: Ultimamente, le Conklin
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero, Pelikan Blu-Black
Misura preferita del pennino: Medio
Località: L'Aquila-Pescara
Sesso: Uomo
Contatta:

Qualità Pelikan

Messaggio da Siberia » mercoledì 22 novembre 2017, 21:02

La mia esperienza è stata sempre la stessa: molte penne nuove, di note marche, con difetti di scrittura al punto che sono stato costretto non solo ad imparare un minimo di regolazione in fatto di pennini ma di preferire il mercato dell'usato rispetto al nuovo.
Luca (renitente alla sfera, sempre)

Avatar utente
Phormula
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2857
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano
Sesso: Non Specificato

Qualità Pelikan

Messaggio da Phormula » mercoledì 22 novembre 2017, 21:16

Qualcosa può sfuggire. Il più delle volte però sono vittima di qualche potenziale acquirente maldestro o dei negozi che le smontano e le puliscono dopo averle fatte provare. Ho visto negozi estrarre pennini con la pinza da elettricista per lavarli e rimontarli.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

WallaceM
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 51
Iscritto il: martedì 29 ottobre 2013, 1:21
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Emilia-Romagna
Sesso: Non Specificato

Qualità Pelikan

Messaggio da WallaceM » mercoledì 22 novembre 2017, 21:22

Grazie per le risposte. Nel mio caso era assolutamente nuova, ordinata per me non disponibile in Negozio. L'unica cosa è che il sacchettino di plastica trasparente nella confezione era molto stropicciato appena estratto dalla pochette in finta pelle

Avatar utente
maxpop 55
Tecnico
Tecnico
Messaggi: 7924
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 19:24
La mia penna preferita: perché una sola?
Il mio inchiostro preferito: Aurora BlacK
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 029
Fp.it ℵ: 016
Fp.it 霊気: 009
Fp.it Vera: 107
Località: Portici (NA)
Sesso: Uomo

Qualità Pelikan

Messaggio da maxpop 55 » mercoledì 22 novembre 2017, 21:53

Phormula ha scritto:
mercoledì 22 novembre 2017, 21:16
............
................... Ho visto negozi estrarre pennini con la pinza da elettricista per lavarli e rimontarli.
ASSASSINIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :thumbdown:
Il valore di una stilografica non dipende dal costo, ma dal valore che noi le diamo.

Godowsky1930
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 71
Iscritto il: domenica 25 settembre 2016, 17:52
La mia penna preferita: Dupont linea 1
Il mio inchiostro preferito: Rohrer
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it Vera: 005
Località: Milano
Sesso: Uomo

Qualità Pelikan

Messaggio da Godowsky1930 » mercoledì 22 novembre 2017, 22:06

La mia esperienza coincide con quella di Siberia. Troppe penne nuove con difetti di scrittura o scrittura insoddisfacente dopo essersi quasi svenati. Dopo 50 anni mi sono avvicinato al mercato dell'usato e ho pressoché abbandonato il nuovo .Se una Onoto in ebanite senza clip ( ma e' nata così' ) del 1920 nella sua essenzialità rigorosa scrive meravigliosamente con un pennino flessibile senza interruzione di tratto o false partenze rispetto ad una blasonata da 1000 o più' euro un motivo ci sarà'. Che siano come dice Simone leghe ormai perdute per i pennini o la non volontà' di realizzare pennini veramente flessibili per non aumentare il contenzioso con i potenziali clienti il risultato finale non cambia! Umberto

Avatar utente
Phormula
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2857
Iscritto il: venerdì 6 aprile 2012, 14:06
La mia penna preferita: Delta "Phormula"
Il mio inchiostro preferito: R&K Phormula Blau
Misura preferita del pennino: Medio
Arte Italiana FP.IT M: 006
Località: Milano
Sesso: Non Specificato

Qualità Pelikan

Messaggio da Phormula » mercoledì 22 novembre 2017, 22:22

O più semplicemente, se sono sopravvissute sino ai nostri giorni è perché sono nate bene fin da subito o se erano nate male sono state sistemate. Quelle che non si potevano sistemare saranno andate in pattumiera ai loro tempi. Come succede a qualsiasi cosa.
La vita è troppo breve per usare inchiostri mediocri...

Avatar utente
malina
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 110
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 22:59
Sesso: Non Specificato

Qualità Pelikan

Messaggio da malina » mercoledì 22 novembre 2017, 23:32

O forse anche il fatto che i materiali costavano cari, la manodopera niente e trovare abili riparatori era più semplice, vista la diffusione delle stilografiche.
Delle mie, non tutte scrivono con la stessa scorrevolezza e ‘burrosità’ di certi esemplari fortunatissimi, ma concordo sulla qualità incomparabilmente superiore rispetto a molte blasonate stilo odierne

Avatar utente
Giotto
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 168
Iscritto il: mercoledì 3 maggio 2017, 20:07
La mia penna preferita: Prima dovrei provarle... TUTTE
Fp.it Vera: 103
Località: Varese
Sesso: Uomo

Qualità Pelikan

Messaggio da Giotto » giovedì 23 novembre 2017, 21:06

Giusto per spezzare una lancia in favore delle penne prodotte oggigiorno porto la mia esperienza: nessun problema, finora, per quelle di produzione attuale, necessari piccoli interventi su quelle di qualche anno fa (anni ... '80, credo). Certo, c'è una distanza abissale tra le mie Reform e gli splendidi esemplari che ogni tanto si possono ammirare qui sul forum ... (~ '30 - '40). E sì, me la sono tirata come non mai :?

Si tenga anche conto che è più frequente leggere di problemi che non dell'assenza di essi (in special modo nei forum).
Phormula ha scritto:
mercoledì 22 novembre 2017, 22:22
O più semplicemente, se sono sopravvissute sino ai nostri giorni è perché sono nate bene fin da subito o se erano nate male sono state sistemate. Quelle che non si potevano sistemare saranno andate in pattumiera ai loro tempi. Come succede a qualsiasi cosa.
Pragmatico come sempre ;)

Rispondi